Grandi opere e commissari.

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Connesso
Avatar utente
Valerio
Connesso: Sì
Messaggi: 6105
Iscritto il: 8 giu 2019, 20:31
Località: Messina
Ha Assegnato: 3641 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2813 Mi Piace

Grandi opere e commissari.

Messaggio da leggere da Valerio »

Ritengo essenziale che la competenza giuridica su grandi opere, o commissariamenti vari venga sottratta alla Magistratura ordinaria. Ed anche ai vari TAR, Tribunali Amministrativi Regionali. Questo per evitare che Opere di competenza dello Stato, vengano interrotte troppo facilmente per creare ostacolo alla loro realizzazione con istanze pretestuose e/o di parte politica avversa, o peggio per interessi privati contrastanti con l'interesse pubblico.

A mio parere occorre trasferire tale competenza ad un apposito Tribunale che abbia competenza solo sulle opere dello Stato e sui fenomeni corruttivi segnalati dalla Commissione Parlamentare Anti Corruzione. E che tale Tribunale venga nominato dall'Alta Corte.

In questo modo finirà quell'accavallarsi di azioni ostative nei confronti di opere di competenza statale, come ILVA, il MOSE a Venezia, la TAV, le società partecipate dallo Stato, le concessionarie come Atlanta (ponte Morandi).

Questa riforma, non difficile da attuare, darebbe materia sufficiente per uno stuolo di giudici, e libererebbe la Magistratura ordinaria da un enorme carico di lavoro che intralci sia le Procure che le cause civili.
Sovranità al Cittadino.
Non abbiamo un pianeta B
In onore dei pennuti heyokani: Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.
Avatar utente
Gasiot2
Connesso: No
Messaggi: 697
Iscritto il: 8 giu 2019, 22:01
Ha Assegnato: 219 Mi Piace
Ha Ricevuto: 222 Mi Piace

Re: Grandi opere e commissari.

Messaggio da leggere da Gasiot2 »

Capisco la genuinità della proposta tuttavia un commissario esperto giuridicamente non è in grado di gestire una azienda , serve qualcuno nel settore tecnico commerciale che non esiste nei tribunali
Ed anche lì , se esiste chi ci dice che non sia il solito amico come capita con i politici che decidono il commissario
“Se un uomo è uno stupido, non lo emancipi dalla sua stupidità col mandarlo all'università. Semplicemente lo trasformi in uno stupido addestrato, dieci volte più pericoloso.”
DESMOND BAGLEY
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8179
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4262 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2630 Mi Piace

Re: Grandi opere e commissari.

Messaggio da leggere da heyoka »

Io metterei il tutto sotto il controllo di un organo eletto DIRETTAMENTE dal Popolo e che abbia esclusiva competenza nella PROVINCIA dove viene edificata l' opera.
A questo organo io sarei anche la competenza di fare un elenco delle IMPRESE che possono partecipare agli appalti pubblici, in modo da sollevare le amministrazione dal dover indagare se una determinata impresa è poco affidabile.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Connesso
Avatar utente
Sayon
Connesso: Sì
Messaggi: 11390
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3561 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4632 Mi Piace

Re: Grandi opere e commissari.

Messaggio da leggere da Sayon »

heyoka ha scritto: 14 nov 2019, 13:59 Io metterei il tutto sotto il controllo di un organo eletto DIRETTAMENTE dal Popolo e che abbia esclusiva competenza nella PROVINCIA dove viene edificata l' opera.
A questo organo io sarei anche la competenza di fare un elenco delle IMPRESE che possono partecipare agli appalti pubblici, in modo da sollevare le amministrazione dal dover indagare se una determinata impresa è poco affidabile.
Pessima idea la tua Heyoca. Una volta che il tutto si svolge in "provincia" fra amici e tecnici improvvisati, la corruzione e impreparazione tecnica causerebbero solo disastri. Inoltre, opere grandi devono essere aperte a OGNI compagnia itraliana o estera seguendo dei criteri pre-fissati di capacita' tecnica, finanziaria, operativa e giuridica. Solo cosi ci si assicura che soltanto imprese esperte e prive di precedenti negativi (bancorotta, corruzione, mancanza di personale esperti, poca liquidita') possano partecipare, Il "popolo" significa solo il gruppo di persone politicamente simili che in dati periodi controllano la Regione: ESATTAMENTE quello che si deve evitare in un Paese come l' Italia dove la politica infiltra e insudicia tutto. La proposta di Valerio mi sembra piu congeniale e forse, come implicato da Gasiot, potrebbe fare uso di consulenti (non politici) che possano fornire la conoscenza tecnica che i magistrati non possono avere.
Connesso
Avatar utente
Valerio
Connesso: Sì
Messaggi: 6105
Iscritto il: 8 giu 2019, 20:31
Località: Messina
Ha Assegnato: 3641 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2813 Mi Piace

Re: Grandi opere e commissari.

Messaggio da leggere da Valerio »

Forse non avete letto la mia proposta. Non parlo di come vengono scelti i Commissari, parlo di una Corte specializzata nel giudicare l'azione dei Commissari e dei vincitori di un appalto o i titolari di concessioni governative.

Fuori dalla competenza di piccoli magistrati politici. Giudici esperti e scelti da Ministero, Corte Suprema, e presidente della Repubblica. E con un curriculum specifico tanto corposo da dover essere trasportato con un carrello.

Il meglio del meglio.
Sovranità al Cittadino.
Non abbiamo un pianeta B
In onore dei pennuti heyokani: Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8179
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4262 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2630 Mi Piace

Re: Grandi opere e commissari.

Messaggio da leggere da heyoka »

Ma secondo Voi le multinazionali e le MAFIE scelgono il peggio del peggio quando devono prendere gli appalti?
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Connesso
Avatar utente
Sayon
Connesso: Sì
Messaggi: 11390
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3561 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4632 Mi Piace

Re: Grandi opere e commissari.

Messaggio da leggere da Sayon »

Valerio ha scritto: 14 nov 2019, 15:28 Forse non avete letto la mia proposta. Non parlo di come vengono scelti i Commissari, parlo di una Corte specializzata nel giudicare l'azione dei Commissari e dei vincitori di un appalto o i titolari di concessioni governative.

Fuori dalla competenza di piccoli magistrati politici. Giudici esperti e scelti da Ministero, Corte Suprema, e presidente della Repubblica. E con un curriculum specifico tanto corposo da dover essere trasportato con un carrello.

Il meglio del meglio.
Valerio, esistono gia' queste "corti" specializzate. Io addirittura ho lavorato nelle stesse. Solo che non sono "corti', sono gruppi specializzati in "procurement", ovvero ain ppalti di lavori, acquisti di beni e recrutamento di consulenti. Un'ente che forse tu conosci e' l' UNCITRAL (United Nations Commission on International Trade) che funge anche da Arbitarto. Il procurement e' una materia tecnica e specializzata che segue leggi precise ed internazionali che valgono per tutti. Se ad esempio non verra' trovato un accordo sulla Acciaieia gli Indiani ricorreranno a UNCITRAL che dara' un responso sulla base dei FATTI, L' Italia che usa la politica, invece che esperti, nel trattare questioni di procurement, sara' INVARIABILMENTE dalla parte del torto. Io e' da anni che dico che l' Italia in questo campo e' piu' arretrata degli Stati Africani. All' Italia converrebbe seguire leggi dsimili a quelle di UNCITRAL Isemplici ma chiare) invece che il suo bizantino sistema giuridico calcolato proprio per NON DARE ALCUNA RISPOSTA in tempi brevi. In pratica creare un Ente reposto esclusivamente al Procurement come gia' in esistenza nel 80% delle altre nazioni, sottraendolo alla giustizia ordinaria.
Avatar utente
Gasiot2
Connesso: No
Messaggi: 697
Iscritto il: 8 giu 2019, 22:01
Ha Assegnato: 219 Mi Piace
Ha Ricevuto: 222 Mi Piace

Re: Grandi opere e commissari.

Messaggio da leggere da Gasiot2 »

Sayon ha scritto: 14 nov 2019, 15:49
Valerio ha scritto: 14 nov 2019, 15:28 Forse non avete letto la mia proposta. Non parlo di come vengono scelti i Commissari, parlo di una Corte specializzata nel giudicare l'azione dei Commissari e dei vincitori di un appalto o i titolari di concessioni governative.

Fuori dalla competenza di piccoli magistrati politici. Giudici esperti e scelti da Ministero, Corte Suprema, e presidente della Repubblica. E con un curriculum specifico tanto corposo da dover essere trasportato con un carrello.

Il meglio del meglio.
Valerio, esistono gia' queste "corti" specializzate. Io addirittura ho lavorato nelle stesse. Solo che non sono "corti', sono gruppi specializzati in "procurement", ovvero ain ppalti di lavori, acquisti di beni e recrutamento di consulenti. Un'ente che forse tu conosci e' l' UNCITRAL (United Nations Commission on International Trade) che funge anche da Arbitarto. Il procurement e' una materia tecnica e specializzata che segue leggi precise ed internazionali che valgono per tutti. Se ad esempio non verra' trovato un accordo sulla Acciaieia gli Indiani ricorreranno a UNCITRAL che dara' un responso sulla base dei FATTI, L' Italia che usa la politica, invece che esperti, nel trattare questioni di procurement, sara' INVARIABILMENTE dalla parte del torto. Io e' da anni che dico che l' Italia in questo campo e' piu' arretrata degli Stati Africani. All' Italia converrebbe seguire leggi dsimili a quelle di UNCITRAL Isemplici ma chiare) invece che il suo bizantino sistema giuridico calcolato proprio per NON DARE ALCUNA RISPOSTA in tempi brevi. In pratica creare un Ente reposto esclusivamente al Procurement come gia' in esistenza nel 80% delle altre nazioni, sottraendolo alla giustizia ordinaria.
Abbiamo un gran bisogno di qualcuno del quale poterci fidare , non conosco questa UNCITRAL ma dubito che i nostri sommi giudici possano lasciare un briciolo di potere a terzi
Ci sarà sempre qualche procuratore rampante che mette su qualche causa che faccia scalpore ( e notorietà)
“Se un uomo è uno stupido, non lo emancipi dalla sua stupidità col mandarlo all'università. Semplicemente lo trasformi in uno stupido addestrato, dieci volte più pericoloso.”
DESMOND BAGLEY
Connesso
Avatar utente
Sayon
Connesso: Sì
Messaggi: 11390
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3561 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4632 Mi Piace

Re: Grandi opere e commissari.

Messaggio da leggere da Sayon »

Gasiot ha scritto: 14 nov 2019, 16:33
Sayon ha scritto: 14 nov 2019, 15:49
Valerio ha scritto: 14 nov 2019, 15:28 Forse non avete letto la mia proposta. Non parlo di come vengono scelti i Commissari, parlo di una Corte specializzata nel giudicare l'azione dei Commissari e dei vincitori di un appalto o i titolari di concessioni governative.

Fuori dalla competenza di piccoli magistrati politici. Giudici esperti e scelti da Ministero, Corte Suprema, e presidente della Repubblica. E con un curriculum specifico tanto corposo da dover essere trasportato con un carrello.

Il meglio del meglio.
Valerio, esistono gia' queste "corti" specializzate. Io addirittura ho lavorato nelle stesse. Solo che non sono "corti', sono gruppi specializzati in "procurement", ovvero ain ppalti di lavori, acquisti di beni e recrutamento di consulenti. Un'ente che forse tu conosci e' l' UNCITRAL (United Nations Commission on International Trade) che funge anche da Arbitarto. Il procurement e' una materia tecnica e specializzata che segue leggi precise ed internazionali che valgono per tutti. Se ad esempio non verra' trovato un accordo sulla Acciaieia gli Indiani ricorreranno a UNCITRAL che dara' un responso sulla base dei FATTI, L' Italia che usa la politica, invece che esperti, nel trattare questioni di procurement, sara' INVARIABILMENTE dalla parte del torto. Io e' da anni che dico che l' Italia in questo campo e' piu' arretrata degli Stati Africani. All' Italia converrebbe seguire leggi dsimili a quelle di UNCITRAL Isemplici ma chiare) invece che il suo bizantino sistema giuridico calcolato proprio per NON DARE ALCUNA RISPOSTA in tempi brevi. In pratica creare un Ente reposto esclusivamente al Procurement come gia' in esistenza nel 80% delle altre nazioni, sottraendolo alla giustizia ordinaria.
Abbiamo un gran bisogno di qualcuno del quale poterci fidare , non conosco questa UNCITRAL ma dubito che i nostri sommi giudici possano lasciare un briciolo di potere a terzi
Ci sarà sempre qualche procuratore rampante che mette su qualche causa che faccia scalpore ( e notorietà)
ocumenti standar
Purtroppo l' UNCITRAL e i suoi documenti standard possono NON essere usati se il finanziamento dei lavori e' fatto con i soldi del Cliente (ovvero l' Italia) . I i nostri documenti d'appalto sono PESSIMI in quanto permettono pratiche prone alla corruzione come le negoziazioni sul prezzo e le offerte al ribasso. Le conseguenze si vedono: un appalto italiano e' sempre caotico, con interferenze politiche, negoziazioni sul prezzo, prezzi inadeguati e troppo bassi d'offerta che obbligherannoo i contrattori a imbrogliare o fare dei claims, anticipi eccesssivi, ispezioni e controllori piu' corrotti dei controllati. Io credo che questa confusione e' DELIBERATA. Infatti senza regole precise e senza personale esperto, il rappresemtante del Cliente puo' "giocare" con il contratto e in realta' darlo a chi non ne avrebbe diritto. Il presente tergiversare sull' ALITALIA ne e' un classico esempio. Fossi io il controllore, annullerei la gara del tutto, ricominciando daccapo ed escludendo dalle negoziazione ogni politico e persona non richiesta. Qualsiasi sia il suo esito infatti, la gara e' stata totalmente inquinata. Dal Cliente!
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8179
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4262 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2630 Mi Piace

Re: Grandi opere e commissari.

Messaggio da leggere da heyoka »

Gasiot ha scritto: 14 nov 2019, 16:33
Sayon ha scritto: 14 nov 2019, 15:49
Valerio ha scritto: 14 nov 2019, 15:28 Forse non avete letto la mia proposta. Non parlo di come vengono scelti i Commissari, parlo di una Corte specializzata nel giudicare l'azione dei Commissari e dei vincitori di un appalto o i titolari di concessioni governative.

Fuori dalla competenza di piccoli magistrati politici. Giudici esperti e scelti da Ministero, Corte Suprema, e presidente della Repubblica. E con un curriculum specifico tanto corposo da dover essere trasportato con un carrello.

Il meglio del meglio.
Valerio, esistono gia' queste "corti" specializzate. Io addirittura ho lavorato nelle stesse. Solo che non sono "corti', sono gruppi specializzati in "procurement", ovvero ain ppalti di lavori, acquisti di beni e recrutamento di consulenti. Un'ente che forse tu conosci e' l' UNCITRAL (United Nations Commission on International Trade) che funge anche da Arbitarto. Il procurement e' una materia tecnica e specializzata che segue leggi precise ed internazionali che valgono per tutti. Se ad esempio non verra' trovato un accordo sulla Acciaieia gli Indiani ricorreranno a UNCITRAL che dara' un responso sulla base dei FATTI, L' Italia che usa la politica, invece che esperti, nel trattare questioni di procurement, sara' INVARIABILMENTE dalla parte del torto. Io e' da anni che dico che l' Italia in questo campo e' piu' arretrata degli Stati Africani. All' Italia converrebbe seguire leggi dsimili a quelle di UNCITRAL Isemplici ma chiare) invece che il suo bizantino sistema giuridico calcolato proprio per NON DARE ALCUNA RISPOSTA in tempi brevi. In pratica creare un Ente reposto esclusivamente al Procurement come gia' in esistenza nel 80% delle altre nazioni, sottraendolo alla giustizia ordinaria.
Abbiamo un gran bisogno di qualcuno del quale poterci fidare , non conosco questa UNCITRAL ma dubito che i nostri sommi giudici possano lasciare un briciolo di potere a terzi
Ci sarà sempre qualche procuratore rampante che mette su qualche causa che faccia scalpore ( e notorietà)
A proposito di ESPERTI,
Io ricordo che il giorno dopo il fallimento della Lehman Brothers, l' agenzia di rating più esperta del MONDO assegnava la
TRIPLA AAA a quel titolo.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Connesso
Avatar utente
Valerio
Connesso: Sì
Messaggi: 6105
Iscritto il: 8 giu 2019, 20:31
Località: Messina
Ha Assegnato: 3641 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2813 Mi Piace

Re: Grandi opere e commissari.

Messaggio da leggere da Valerio »

Sayonlytruth, l'UNCITRAL può essere un indirizzo al quale adeguare le politiche sugli appalti dello Stato Italiano. E questo è una fonte tecnica.

Ma occorre una volontà riformatrice della Politica. Cosa difficile da ottenere senza risultati "bulgari" delle elezioni per un partito autenticamente riformatore. Partito che, per quanto mi guardi intorno, non riesco a vedere nel nostro panorama.

Se in Italia si ha perfino paura di restituire al Popolo la sua Sovranità, come si potrà mai parlare di riformare l'intero corpo giuridico? E poi occorrerebbe anche, particolare non secondario, che il Popolo sapesse cosa sia la Sovranità, ed in che modo esercitarla.

Ma io mi accontenterei, in una prima fase, di sfruttare l'esperienza che mi pare positiva della Commissione contro la Corruzione (Cantone) e di uomini come Marra.

Occorre trovare il modo di isolare la scelta di un pool di Magistrati da influenze politiche che, sappiamo bene, rispondono ad altre esigenze. Costituendo un corpo della Magistratura soggetto unicamente alla Legge e ad una Autorità superiore non politica. Costoro dovranno valutare tutta la materia relativa ad appalti e commissariamenti dello Stato.

Il problema é duplice: da chi è composto e da chi è scelto?

La prima domanda ha una risposta facile: Giuristi e Magistrati di grande esperienza specifica.

Più difficile rispondere alla seconda. Perchè in assenza di una condizione di Sovranità dei Cittadini, la scelta sarà sempre soggetta ad influenze mafiose (ed io, da sempre, fra le strutture di stampo mafioso ci metto partiti e massoni).
Sovranità al Cittadino.
Non abbiamo un pianeta B
In onore dei pennuti heyokani: Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.
Connesso
Avatar utente
Sayon
Connesso: Sì
Messaggi: 11390
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3561 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4632 Mi Piace

Re: Grandi opere e commissari.

Messaggio da leggere da Sayon »

heyoka ha scritto: 14 nov 2019, 20:04
Gasiot ha scritto: 14 nov 2019, 16:33
Sayon ha scritto: 14 nov 2019, 15:49
Valerio ha scritto: 14 nov 2019, 15:28 Forse non avete letto la mia proposta. Non parlo di come vengono scelti i Commissari, parlo di una Corte specializzata nel giudicare l'azione dei Commissari e dei vincitori di un appalto o i titolari di concessioni governative.

Fuori dalla competenza di piccoli magistrati politici. Giudici esperti e scelti da Ministero, Corte Suprema, e presidente della Repubblica. E con un curriculum specifico tanto corposo da dover essere trasportato con un carrello.

Il meglio del meglio.
Valerio, esistono gia' queste "corti" specializzate. Io addirittura ho lavorato nelle stesse. Solo che non sono "corti', sono gruppi specializzati in "procurement", ovvero ain ppalti di lavori, acquisti di beni e recrutamento di consulenti. Un'ente che forse tu conosci e' l' UNCITRAL (United Nations Commission on International Trade) che funge anche da Arbitarto. Il procurement e' una materia tecnica e specializzata che segue leggi precise ed internazionali che valgono per tutti. Se ad esempio non verra' trovato un accordo sulla Acciaieia gli Indiani ricorreranno a UNCITRAL che dara' un responso sulla base dei FATTI, L' Italia che usa la politica, invece che esperti, nel trattare questioni di procurement, sara' INVARIABILMENTE dalla parte del torto. Io e' da anni che dico che l' Italia in questo campo e' piu' arretrata degli Stati Africani. All' Italia converrebbe seguire leggi dsimili a quelle di UNCITRAL Isemplici ma chiare) invece che il suo bizantino sistema giuridico calcolato proprio per NON DARE ALCUNA RISPOSTA in tempi brevi. In pratica creare un Ente reposto esclusivamente al Procurement come gia' in esistenza nel 80% delle altre nazioni, sottraendolo alla giustizia ordinaria.
Abbiamo un gran bisogno di qualcuno del quale poterci fidare , non conosco questa UNCITRAL ma dubito che i nostri sommi giudici possano lasciare un briciolo di potere a terzi
Ci sarà sempre qualche procuratore rampante che mette su qualche causa che faccia scalpore ( e notorietà)
A proposito di ESPERTI,
Io ricordo che il giorno dopo il fallimento della Lehman Brothers, l' agenzia di rating più esperta del MONDO assegnava la
TRIPLA AAA a quel titolo.
Si tratta semplicemente di mettere nei libri di appalto che in caso di divergenze fra contrattista e Cliente, ci si rivolgera' per una decisione definitiva a una determinata Corte Internazionale.Si fa questo proprio per evitare che le giustizie locali inefficienti o troppo favorevoli ai Clienti comettano degli errori.
Quanto agli esperti carissimo Heyoca questi esistono e come. Usarli eviterebbe di stare a sentire le sciocchezze che dicono dei completi SOMARI come Di maio e Salvini.
Puoi anche stare sicuro che nessuna agenzia di rating abbia dato alla Lehman Brothers la tripla AAA. Il rating viene data alle nazioni e non alle compagnie di investimento.
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8179
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4262 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2630 Mi Piace

Re: Grandi opere e commissari.

Messaggio da leggere da heyoka »

Quanto agli esperti carissimo Heyoca questi esistono e come. Usarli eviterebbe di stare a sentire le sciocchezze che dicono dei completi SOMARI come Di maio e Salvini.
Puoi anche stare sicuro che nessuna agenzia di rating abbia dato alla Lehman Brothers la tripla AAA. Il rating viene data alle nazioni e non alle compagnie di investimento.


PER SAYON.
Ma la vera sorpresa era nascosta nei conti di Lehman Brothers. La banca di investimento, nata nel 1850, fino al 18 luglio 2008 godeva di grande affidabilità: per Standard&Poor’s il rating era al livello A, per Moody’s ad A2 e per Fitch ad A+. Nel tragico 15 settembre, Lehman Brothers smentiva tutte le valutazioni e dichiarava fallimento, innescando la crisi che avrebbe piegato la finanza e l’economia mondiale.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Connesso
Avatar utente
Valerio
Connesso: Sì
Messaggi: 6105
Iscritto il: 8 giu 2019, 20:31
Località: Messina
Ha Assegnato: 3641 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2813 Mi Piace

Re: Grandi opere e commissari.

Messaggio da leggere da Valerio »

Il rating è un giudizio che viene espresso da un soggetto esterno e indipendente sulle capacità di una società di generare rendimenti. Tale giudizio è sottoposto a revisione periodica. Società come Morningstar, Standard & Poor’s e Moody’s assegnano rating indipendenti ai fondi sulla base di fattori quali performance, costi e livello di rischio.
https://www.fidelity-italia.it/educatio ... tare-fondi

Per quanto seccante, a volte Heyoka dice cose giuste! :mrgreen:
Sovranità al Cittadino.
Non abbiamo un pianeta B
In onore dei pennuti heyokani: Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8179
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4262 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2630 Mi Piace

Re: Grandi opere e commissari.

Messaggio da leggere da heyoka »

Valerio ha scritto: 16 nov 2019, 6:44
Il rating è un giudizio che viene espresso da un soggetto esterno e indipendente sulle capacità di una società di generare rendimenti. Tale giudizio è sottoposto a revisione periodica. Società come Morningstar, Standard & Poor’s e Moody’s assegnano rating indipendenti ai fondi sulla base di fattori quali performance, costi e livello di rischio.
https://www.fidelity-italia.it/educatio ... tare-fondi

Per quanto seccante, a volte Heyoka dice cose giuste! :mrgreen:
A volte???? FuckYou
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Rispondi