Democrazia Diretta.

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Holubice
Connesso: No

Re: Democrazia Diretta.

Messaggio da leggere da Holubice »

Valerio ha scritto: 12 gen 2021, 12:42 Colpa di Ovidio, mi ha pungolato e mo' so' cazzi vostri (qua mi gioco il ruolo di Mod, ma non posso sempre essere equilibrato)!
La Storia ha dimostrato, fino a pochi minuti fa, che è un'idiozia pensare che la maggioranza abbia sempre ragione.
Ma tutti accettiamo (pretendiamo) di avere tutti gli stessi diritti. Facciamo un caso concreto.
Secondo la vulgata, un Di Maio vale quanto me in quanto a diritto di espressione e di governo. Io ho una opinione leggermente diversa. Sono più che convinto di poter fare mille volte meglio di lui. Come sono convinto che esistano Statisti che manco mi vedono.
Come la mettiamo? Io posso anche accettare di essere considerato un coglione, se volgo lo sguardo più in alto di me, ma se guardo Di Maio, o Speranza, o Bonafede, la mia autostima modifica abbastanza il "quadro".
Eppure mi sento uguale ad ogni altro Cittadino, non ho superbia, non soffro di complesso di superiorità. Cos'è che mi sfugge? Mi fido di voi, rispondetemi senza pietà.
"Con i nostri Soviet volevamo che finalmente una contadina ed un operaio decidessero direttamente sull'operato del proprio Paese. Invece stiamo governando come tutti quelli che ci hanno preceduto: mandando la polizia nelle strade a prendere a manganellate la gente..."

Immagine

Questa è una riflessione di Lenin, quando era vecchio e malato. Come un coniglio diventa coraggioso una volta che è finito in trappola, anche un uomo, quando sente molto vicina la terra per il cece, diventa molto più sincero...

Voi tutti fate l'errore di fidarvi dell'uomo. Eppure siete tutti abbastanza grandi per averlo osservato da vicino ed aver compreso di che cosa è capace. Soprattutto quando ha sotto mano contratti per miliardi di euro. E' una creatura imperfetta. Nessuno è buono, disse Quello. Senza volere mandare in vacca anche questo thread con il mio consueto misticismo, ricordate:

"Maledetto l'uomo che confida nell'uomo"

Dal mio Testo Sacro di Riferimento:
Spoiler:
Geremia 17,5-8

5 «Maledetto l'uomo che confida nell'uomo,
che pone nella carne il suo sostegno
e dal Signore si allontana il suo cuore.
6 Egli sarà come un tamerisco nella steppa,
quando viene il bene non lo vede;
dimorerà in luoghi aridi nel deserto,
in una terra di salsedine, dove nessuno può vivere.
7 Benedetto l'uomo che confida nel Signore
e il Signore è sua fiducia.
8 Egli è come un albero piantato lungo l'acqua,
verso la corrente stende le radici;
non teme quando viene il caldo,
le sue foglie rimangono verdi;
nell'anno della siccità non intristisce,
non smette di produrre i suoi frutti.

Dovete guardare più in Alto. Dovete guardare solo in Alto. Niente di quello che trovate intorno a voi può esservi di esempio.


Immagine
Connesso
Avatar utente
Valerio
Connesso: Sì
Messaggi: 6219
Iscritto il: 8 giu 2019, 20:31
Località: Messina
Ha Assegnato: 3719 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2855 Mi Piace

Re: Democrazia Diretta.

Messaggio da leggere da Valerio »

Holubice, come la mettiamo con il "date a Cesare quello che è di Cesare......"?

Le scelte dell'uomo sono influenzate dai suoi principi morali, non certo dai consiglieri spirituali che vogliono fare politica.

Fra l'altro abbiamo tante volte osservato che chi raggiunge il potere tende a dimenticarsi di avere una morale. Ecco perché la discussione dei metodi politici deve tenerne conto.
Sovranità al Cittadino.
Non abbiamo un pianeta B
In onore dei pennuti heyokani: Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8355
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4386 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2709 Mi Piace

Re: Democrazia Diretta.

Messaggio da leggere da heyoka »

Ovidio ha scritto: 24 gen 2021, 17:50
Valerio ha scritto: 24 gen 2021, 15:35 Come dicevo la DD ha dei limiti, per prendere una decisione devi avere competenze che in genere i Cittadini non hanno. Ma costoro, noi, sanno cosa vogliono e se quello che hanno li soddisfa.
Su questo non sono d'accordo. Secondo me qualunque cosa ragionevole può essere spiegata e illustrata in modo semplice, accessibile a tutti.

D'altra parte qualunque tentativo di manipolazione con informazioni fallaci può essere messo in evidenza.

Nella democrazia diretta sono importanti due cose
- l'informazione con argomenti pro o contra
- il quorum minimo di partecipanti per poter validare il risultato

Poi non ti proccupare, le persone sono perfettamente in grado di giudicare. Certo, hanno creduto alle promesse dei 5 stelle, ma hanno anche visto che si sono sbagliati. Perché non dare possibilità di correzione?

Anzi, non è che hanno sbagliato a giudicare i 5 stelle. Approvavano quanto da loro promesso, solo che i cinque stelle non hanno mantenuto nessuna delle promesse fatte. Perché non avere la possibilità di rimandarli a casa?
Quoto ed aggiungo che io sono per il principio che tutta la Sovranità va data al singolo individuo. La cessione di Sovranità ad enti superiori diventa una scelta del singolo, per il semplice fatto che non può vivere senza dover delegare una cospicua parte della sua Sovranità a delle Comunità di individui che saranno sempre proporzionate al tipo di problemi che una Comunità o Federazione ha, e con gli strumenti e capacità che è in grado di avere per risolverli.
Sarà sempre una scelta del singolo o della Federazione decidere se è bene avere la consulenza di uno esperto prima di prendere una decisione. E sarà LUI o la assemblea cui fa parte, decidere a quale esperto affidarsi.
Domanda.
Può una Giunta Comunale o una Provincia o una Regione decidere di non delegare ad altri la Sovranità in materia di Prostituzione, di orari di apertura degli esercizi pubblici, di permettere che nei locali sia ammesso il gioco d' azzardo, di limitare il traffico a mezzi inquinanti.
A mio parere Si'.
Secondo me può decidere anche di battere moneta e di costituire un SUO esercito.
Sarà la Federazione di cui fa parte che può decidere se accettare o meno che quella Comunità continui a farne parte o se espellerla.
Ricordo sempre che negli USA ci sono Due Stati DAKOTA. Uno dei due continua a mantenere la Sovranità sulla Pena di morte.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8355
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4386 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2709 Mi Piace

Re: Democrazia Diretta.

Messaggio da leggere da heyoka »

Per come la vedo io, il principio di Democrazia Diretta DEVE prevedere che come un singolo individuo è libero di spostare la sua residenza in un comune o provincia o regione o stato, anche un comune o una provincia o regione o stato DEVE avere il Diritto di poter aderire alla Federazione che più le sembra appropriata per il suo benessere. Qualcosa si sta già facendo, ad esempio, in termini di Consorzi di Polizia Urbana. Se la Provincia di Bolzano volesse decidere di abbandonare la Federazioni di Regioni Italiane per poter entrare a far parte della Federazione di Regioni Austriache o Svizzere o Slovene o Spagnole DEVE averne il Diritto, senza che la Federazione Italiana possa opporsi.
Pari Diritto Deve avere una Federazione nel caso che la maggioranza volesse decidere di espellere da quella Federazione, uno o più Comuni, o Province o Regioni o Stati che ne fanno parte.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Connesso
Avatar utente
Valerio
Connesso: Sì
Messaggi: 6219
Iscritto il: 8 giu 2019, 20:31
Località: Messina
Ha Assegnato: 3719 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2855 Mi Piace

Re: Democrazia Diretta.

Messaggio da leggere da Valerio »

heyoka ha scritto: 25 gen 2021, 9:33 Per come la vedo io, il principio di Democrazia Diretta DEVE prevedere che come un singolo individuo è libero di spostare la sua residenza in un comune o provincia o regione o stato, anche un comune o una provincia o regione o stato DEVE avere il Diritto di poter aderire alla Federazione che più le sembra appropriata per il suo benessere. Qualcosa si sta già facendo, ad esempio, in termini di Consorzi di Polizia Urbana. Se la Provincia di Bolzano volesse decidere di abbandonare la Federazioni di Regioni Italiane per poter entrare a far parte della Federazione di Regioni Austriache o Svizzere o Slovene o Spagnole DEVE averne il Diritto, senza che la Federazione Italiana possa opporsi.
Pari Diritto Deve avere una Federazione nel caso che la maggioranza volesse decidere di espellere da quella Federazione, uno o più Comuni, o Province o Regioni o Stati che ne fanno parte.
BangHead

Ti dichiari Federalista e continui ad associare le federazioni agli stati nazionali.

Io, invece continuo a sostenere che può esistere una Federazione Mediterranea alla quale possano aderire UT italiane, francesi, spagnole, marocchine, algerine, tunisine, libiche, egiziane, mediorientali (Israele mi pare troppo nazionalista), turche, greche, balcaniche, europee.

Capisci quanto è limitata la tua visione di Federazione? Però concepisci la Federazione Europea degli Stati Continentali!!!
Sovranità al Cittadino.
Non abbiamo un pianeta B
In onore dei pennuti heyokani: Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8355
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4386 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2709 Mi Piace

Re: Democrazia Diretta.

Messaggio da leggere da heyoka »

Valerio ha scritto: 25 gen 2021, 9:47
heyoka ha scritto: 25 gen 2021, 9:33 Per come la vedo io, il principio di Democrazia Diretta DEVE prevedere che come un singolo individuo è libero di spostare la sua residenza in un comune o provincia o regione o stato, anche un comune o una provincia o regione o stato DEVE avere il Diritto di poter aderire alla Federazione che più le sembra appropriata per il suo benessere. Qualcosa si sta già facendo, ad esempio, in termini di Consorzi di Polizia Urbana. Se la Provincia di Bolzano volesse decidere di abbandonare la Federazioni di Regioni Italiane per poter entrare a far parte della Federazione di Regioni Austriache o Svizzere o Slovene o Spagnole DEVE averne il Diritto, senza che la Federazione Italiana possa opporsi.
Pari Diritto Deve avere una Federazione nel caso che la maggioranza volesse decidere di espellere da quella Federazione, uno o più Comuni, o Province o Regioni o Stati che ne fanno parte.
BangHead

Ti dichiari Federalista e continui ad associare le federazioni agli stati nazionali.

Io, invece continuo a sostenere che può esistere una Federazione Mediterranea alla quale possano aderire UT italiane, francesi, spagnole, marocchine, algerine, tunisine, libiche, egiziane, mediorientali (Israele mi pare troppo nazionalista), turche, greche, balcaniche, europee.

Capisci quanto è limitata la tua visione di Federazione? Però concepisci la Federazione Europea degli Stati Continentali!!!
Limitata la mia visione??? Se il Comune di Lampedusa vuole decidere di non far più parte della Provincia di Agrigento per engtrare a far parte della Provincia di Tunisi o di Malta o di Tripoli, NESSUNO può impedirglielo.
Se la Sicilia volesse diventare uno degli USA o degli US Africani, NESSUNO dovrebbe avere il potere di impedirglielo.
E la mia sarebbe una visione limitata?
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Connesso
Avatar utente
Valerio
Connesso: Sì
Messaggi: 6219
Iscritto il: 8 giu 2019, 20:31
Località: Messina
Ha Assegnato: 3719 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2855 Mi Piace

Re: Democrazia Diretta.

Messaggio da leggere da Valerio »

heyoka ha scritto: 25 gen 2021, 10:02
Valerio ha scritto: 25 gen 2021, 9:47
heyoka ha scritto: 25 gen 2021, 9:33 Per come la vedo io, il principio di Democrazia Diretta DEVE prevedere che come un singolo individuo è libero di spostare la sua residenza in un comune o provincia o regione o stato, anche un comune o una provincia o regione o stato DEVE avere il Diritto di poter aderire alla Federazione che più le sembra appropriata per il suo benessere. Qualcosa si sta già facendo, ad esempio, in termini di Consorzi di Polizia Urbana. Se la Provincia di Bolzano volesse decidere di abbandonare la Federazioni di Regioni Italiane per poter entrare a far parte della Federazione di Regioni Austriache o Svizzere o Slovene o Spagnole DEVE averne il Diritto, senza che la Federazione Italiana possa opporsi.
Pari Diritto Deve avere una Federazione nel caso che la maggioranza volesse decidere di espellere da quella Federazione, uno o più Comuni, o Province o Regioni o Stati che ne fanno parte.
BangHead

Ti dichiari Federalista e continui ad associare le federazioni agli stati nazionali.

Io, invece continuo a sostenere che può esistere una Federazione Mediterranea alla quale possano aderire UT italiane, francesi, spagnole, marocchine, algerine, tunisine, libiche, egiziane, mediorientali (Israele mi pare troppo nazionalista), turche, greche, balcaniche, europee.

Capisci quanto è limitata la tua visione di Federazione? Però concepisci la Federazione Europea degli Stati Continentali!!!
Limitata la mia visione??? Se il Comune di Lampedusa vuole decidere di non far più parte della Provincia di Agrigento per engtrare a far parte della Provincia di Tunisi o di Malta o di Tripoli, NESSUNO può impedirglielo.
Se la Sicilia volesse diventare uno degli USA o degli US Africani, NESSUNO dovrebbe avere il potere di impedirglielo.
E la mia sarebbe una visione limitata?
Ma certo! Finché lo Stato Italiano ha una struttura nazionale e non federale è impossibile parlare di secessione, per la nostra stessa Costituzione. Occorre un partito Federalista, che promuova una Riforma della Costituzione in senso federale. Altrimenti la secessione diventa guerra civile.

Il Federalismo comporta una lenta maturazione, in primis entro i confini nazionali, per poi espandersi. A te risulta che quella europea odierna sia una Federazione?
Sovranità al Cittadino.
Non abbiamo un pianeta B
In onore dei pennuti heyokani: Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8355
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4386 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2709 Mi Piace

Re: Democrazia Diretta.

Messaggio da leggere da heyoka »

Valerio ha scritto: 24 gen 2021, 19:20
Sayon ha scritto: 24 gen 2021, 17:58 Sarebbe interessante sentire Valerio, in caso vincesse il PD o una sua coalizione con lo stretto margine di 50.5 contro 49.5 del CdX, ma con un grosso premio di maggioranza. La considererebbe come una decisione inviolanbile del "popolo"?
Ho sempre detto che sono per il Proporzionale.

Ma il mio discorso era più articolato, non potete prenderne un pezzo e focalizzare solo quello.

Governo e Parlamento hanno funzioni diverse e, di conseguenza, devono venire scelti con modalità diverse. Ma la cosa più importante è che, in caso di palese insoddisfazione, il Popolo si possa appellare alla propria Sovranità e modificare le sue scelte.
Legiferare e Governare devono andare a braccetto, secondo me. Per come la vedo io, sarei addirittura per una quasi totale ELIMINAZIONE delle leggi e quindi anche del potere legislativo. Meno burocrati e meno avvocati.
E magari molti più Giudici eletti direttamente dal Popolo, ogni 5 anni, come si fa x i Sindaci.
Ogni comunità si elegge con sistema MAGGIORITARIO la Giunta che lo Governa x 5 anni. Quella Giunta è impegnata con il vincolo di mandato, SANCITO nel Programma proposto ai suoi cittadini SOVRANI.
La Giunta che ha avuto la maggioranza dei voti , anche se relativa, si porta a casa il 60% della assemblea che nomina gli assessori o i ministri che devono affiancare il Sindaco o il PdC indicato come premier nella scheda elettorale.
Quel Premier, d' accordo con la sua maggioranza emana TUTTI i Decreti che vuole ( se in linea con quanto è stato elencato nel programma elettorale) senza che nessun ente superiore possa metterci il BECCO, se non quello di minacciare quel Comune o Stato di venire espulso dalla Federazione. Se un Governo, emana un Decreto che ad INSINDACABILE parere di TUTTA la minoranza, esula da quello che è scritto nel Programma , la minoranza ha il Diritto di chiedere un Referendum. Se quel Referendum boccia il Governo, lo stesso è dichiarato DECADUTO e si va a nuove elezioni.
Questa è, per me , Democrazia DIRETTA.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8355
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4386 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2709 Mi Piace

Re: Democrazia Diretta.

Messaggio da leggere da heyoka »

Ma certo! Finché lo Stato Italiano ha una struttura nazionale e non federale è impossibile parlare di secessione, per la nostra stessa Costituzione. Occorre un partito Federalista, che promuova una Riforma della Costituzione in senso federale. Altrimenti la secessione diventa guerra civile.

Il Federalismo comporta una lenta maturazione, in primis entro i confini nazionali, per poi espandersi. A te risulta che quella europea odierna sia una Federazione?
Su questo hai delle buone ragioni, anche se ci sono dei casi, specie nelle nazioni a latitudini più vicini ai circoli polari che ai tropici, che hanno deciso di fare le seccessioni senza scannarsi, anzi, di comune accordo. Ma quelli sono paesi abitati da popolazione più Pragmatiche e e meno passionali. Cito la Svezia che ha fatto la Secessione dalla Norvegia e la Cekia e la Slovacchia che hanno fatto la secessione come due coniugi che divorziano in buona armonia.
Se poi mi dici che lo Stato Italiano è nato MALE e cresciuto PEGGIO e che l' Europa ha fatto la stessa cosa, NON posso che essere d' accordo con te.
Domanda. Quanto deve durare questa maturazione dei POPOLI italiani affinchè si decidano a votare per un VERO Partito Federalista?
Il tempo perchè l' Europa altrettanto CENTRALISTA, svuoti del tutto la Sovranità dello stato italiano?
Perchè è questo che vogliono gli amici finto Federalisti del PD e quelli VENDUTI sfacciatamente al Potere NeoNazista Franco Tedesco dei 5stelle.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Connesso
Avatar utente
Valerio
Connesso: Sì
Messaggi: 6219
Iscritto il: 8 giu 2019, 20:31
Località: Messina
Ha Assegnato: 3719 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2855 Mi Piace

Re: Democrazia Diretta.

Messaggio da leggere da Valerio »

heyoka ha scritto: 25 gen 2021, 10:34
Valerio ha scritto: 24 gen 2021, 19:20
Sayon ha scritto: 24 gen 2021, 17:58 Sarebbe interessante sentire Valerio, in caso vincesse il PD o una sua coalizione con lo stretto margine di 50.5 contro 49.5 del CdX, ma con un grosso premio di maggioranza. La considererebbe come una decisione inviolanbile del "popolo"?
Ho sempre detto che sono per il Proporzionale.

Ma il mio discorso era più articolato, non potete prenderne un pezzo e focalizzare solo quello.

Governo e Parlamento hanno funzioni diverse e, di conseguenza, devono venire scelti con modalità diverse. Ma la cosa più importante è che, in caso di palese insoddisfazione, il Popolo si possa appellare alla propria Sovranità e modificare le sue scelte.
Legiferare e Governare devono andare a braccetto, secondo me. Per come la vedo io, sarei addirittura per una quasi totale ELIMINAZIONE delle leggi e quindi anche del potere legislativo. Meno burocrati e meno avvocati.
E magari molti più Giudici eletti direttamente dal Popolo, ogni 5 anni, come si fa x i Sindaci.
Ogni comunità si elegge con sistema MAGGIORITARIO la Giunta che lo Governa x 5 anni. Quella Giunta è impegnata con il vincolo di mandato, SANCITO nel Programma proposto ai suoi cittadini SOVRANI.
La Giunta che ha avuto la maggioranza dei voti , anche se relativa, si porta a casa il 60% della assemblea che nomina gli assessori o i ministri che devono affiancare il Sindaco o il PdC indicato come premier nella scheda elettorale.
Quel Premier, d' accordo con la sua maggioranza emana TUTTI i Decreti che vuole ( se in linea con quanto è stato elencato nel programma elettorale) senza che nessun ente superiore possa metterci il BECCO, se non quello di minacciare quel Comune o Stato di venire espulso dalla Federazione. Se un Governo, emana un Decreto che ad INSINDACABILE parere di TUTTA la minoranza, esula da quello che è scritto nel Programma , la minoranza ha il Diritto di chiedere un Referendum. Se quel Referendum boccia il Governo, lo stesso è dichiarato DECADUTO e si va a nuove elezioni.
Questa è, per me , Democrazia DIRETTA.
Io la chiamerei Dittatura Diretta. Il Popolo perderebbe tutta la sua Sovranità.
Sovranità al Cittadino.
Non abbiamo un pianeta B
In onore dei pennuti heyokani: Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8355
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4386 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2709 Mi Piace

Re: Democrazia Diretta.

Messaggio da leggere da heyoka »

Valerio ha scritto: 25 gen 2021, 22:01
heyoka ha scritto: 25 gen 2021, 10:34
Valerio ha scritto: 24 gen 2021, 19:20

Ho sempre detto che sono per il Proporzionale.

Ma il mio discorso era più articolato, non potete prenderne un pezzo e focalizzare solo quello.

Governo e Parlamento hanno funzioni diverse e, di conseguenza, devono venire scelti con modalità diverse. Ma la cosa più importante è che, in caso di palese insoddisfazione, il Popolo si possa appellare alla propria Sovranità e modificare le sue scelte.
Legiferare e Governare devono andare a braccetto, secondo me. Per come la vedo io, sarei addirittura per una quasi totale ELIMINAZIONE delle leggi e quindi anche del potere legislativo. Meno burocrati e meno avvocati.
E magari molti più Giudici eletti direttamente dal Popolo, ogni 5 anni, come si fa x i Sindaci.
Ogni comunità si elegge con sistema MAGGIORITARIO la Giunta che lo Governa x 5 anni. Quella Giunta è impegnata con il vincolo di mandato, SANCITO nel Programma proposto ai suoi cittadini SOVRANI.
La Giunta che ha avuto la maggioranza dei voti , anche se relativa, si porta a casa il 60% della assemblea che nomina gli assessori o i ministri che devono affiancare il Sindaco o il PdC indicato come premier nella scheda elettorale.
Quel Premier, d' accordo con la sua maggioranza emana TUTTI i Decreti che vuole ( se in linea con quanto è stato elencato nel programma elettorale) senza che nessun ente superiore possa metterci il BECCO, se non quello di minacciare quel Comune o Stato di venire espulso dalla Federazione. Se un Governo, emana un Decreto che ad INSINDACABILE parere di TUTTA la minoranza, esula da quello che è scritto nel Programma , la minoranza ha il Diritto di chiedere un Referendum. Se quel Referendum boccia il Governo, lo stesso è dichiarato DECADUTO e si va a nuove elezioni.
Questa è, per me , Democrazia DIRETTA.
Io la chiamerei Dittatura Diretta. Il Popolo perderebbe tutta la sua Sovranità.
Puoi dettagliare?
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8355
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4386 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2709 Mi Piace

Re: Democrazia Diretta.

Messaggio da leggere da heyoka »

?????
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Holubice
Connesso: No

Re: Democrazia Diretta.

Messaggio da leggere da Holubice »

Valerio ha scritto: 24 gen 2021, 19:53 Holubice, come la mettiamo con il "date a Cesare quello che è di Cesare......"?

Le scelte dell'uomo sono influenzate dai suoi principi morali, non certo dai consiglieri spirituali che vogliono fare politica.

Fra l'altro abbiamo tante volte osservato che chi raggiunge il potere tende a dimenticarsi di avere una morale. Ecco perché la discussione dei metodi politici deve tenerne conto.
Io penso che, piuttosto del 'date a Cesere quello che è di Cesare', l'insegnamento dello "Straccione" che dobbiamo tenere bene a mente quanto ci accingiamo ad entrare la prossima volta nella cabina elettorale sia questo...

"Dai loro frutti li riconoscerete"
Spoiler:
Guardatevi dai falsi profeti che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro son lupi rapaci. 16 Dai loro frutti li riconoscerete. Si raccoglie forse uva dalle spine, o fichi dai rovi? 17 Così ogni albero buono produce frutti buoni e ogni albero cattivo produce frutti cattivi; 18 un albero buono non può produrre frutti cattivi, né un albero cattivo produrre frutti buoni. 19 Ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco. 20 Dai loro frutti dunque li potrete riconoscere.
... io do ben poca importanza ai programmi politici e agli orientamenti di questo o quel candidato. Ogni uomo è un po' come una ...

Immagine

... lumaca che lascia un segno ben distintivo dietro di sé di tutto quello che ha combinato nella vita e, solo guardando quello, possiamo subito capire se possiamo fidarci o no: un politico ha già cambiato casacca? Si tratta di un debosciato che nella vita, oltre a bighellonare nella sezione del partito, non ha mai combinato un bel nulla? Si è risposato 4 volte ed ha altri 8 figli naturali con donne di passaggio?

Non si tratta di fare i bacchettoni, ma di usare le stesse precauzioni che usereste per concedere la mano di vostra figlia ad un potenziale futuro genero. Perché con la figlia siete così attenti e circospetti, ed invece la nostra Italia lasciate che sia sempre in€hia//e||a|a dal primo che passa...?



Il buon conte, tanto per fare un esempio, è forse uno dei pochi professori universitari italiani arrivato alla cattedra della sua univerità senza nessuna spinta di un partito. Ecco perché qui non piace a nessuno...



Immagine
Avatar utente
carletto3
Connesso: No
Messaggi: 8090
Iscritto il: 25 giu 2019, 2:20
Ha Assegnato: 436 Mi Piace
Ha Ricevuto: 3215 Mi Piace

Re: Democrazia Diretta.

Messaggio da leggere da carletto3 »

Holubice ha scritto: 28 gen 2021, 19:58
Valerio ha scritto: 24 gen 2021, 19:53 Holubice, come la mettiamo con il "date a Cesare quello che è di Cesare......"?

Le scelte dell'uomo sono influenzate dai suoi principi morali, non certo dai consiglieri spirituali che vogliono fare politica.

Fra l'altro abbiamo tante volte osservato che chi raggiunge il potere tende a dimenticarsi di avere una morale. Ecco perché la discussione dei metodi politici deve tenerne conto.
Io penso che, piuttosto del 'date a Cesere quello che è di Cesare', l'insegnamento dello "Straccione" che dobbiamo tenere bene a mente quanto ci accingiamo ad entrare la prossima volta nella cabina elettorale sia questo...

"Dai loro frutti li riconoscerete"
Spoiler:
Guardatevi dai falsi profeti che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro son lupi rapaci. 16 Dai loro frutti li riconoscerete. Si raccoglie forse uva dalle spine, o fichi dai rovi? 17 Così ogni albero buono produce frutti buoni e ogni albero cattivo produce frutti cattivi; 18 un albero buono non può produrre frutti cattivi, né un albero cattivo produrre frutti buoni. 19 Ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco. 20 Dai loro frutti dunque li potrete riconoscere.
... io do ben poca importanza ai programmi politici e agli orientamenti di questo o quel candidato. Ogni uomo è un po' come una ...

Immagine

... lumaca che lascia un segno ben distintivo dietro di sé di tutto quello che ha combinato nella vita e, solo guardando quello, possiamo subito capire se possiamo fidarci o no: un politico ha già cambiato casacca? Si tratta di un debosciato che nella vita, oltre a bighellonare nella sezione del partito, non ha mai combinato un bel nulla? Si è risposato 4 volte ed ha altri 8 figli naturali con donne di passaggio?

Non si tratta di fare i bacchettoni, ma di usare le stesse precauzioni che usereste per concedere la mano di vostra figlia ad un potenziale futuro genero. Perché con la figlia siete così attenti e circospetti, ed invece la nostra Italia lasciate che sia sempre in€hia//e||a|a dal primo che passa...?



Il buon conte, tanto per fare un esempio, è forse uno dei pochi professori universitari italiani arrivato alla cattedra della sua univerità senza nessuna spinta di un partito. Ecco perché qui non piace a nessuno...



Immagine
SE non ha avuto la cattedra tramite partito il Carletto è ancora piu' preoccupato....sai come si rioesce ad ottenere una cattedra?
La realta' è solo un'allucinazione dovuta a carenza di alcol (...un saggio)
"Gli è tutto sbagliato....gli è tutto da rifa'"
Holubice
Connesso: No

Re: Democrazia Diretta.

Messaggio da leggere da Holubice »

carletto3 ha scritto: 28 gen 2021, 20:02
SE non ha avuto la cattedra tramite partito il Carletto è ancora piu' preoccupato....sai come si rioesce ad ottenere una cattedra?
Di grazia... E perché sei più preoccupato?

Enzo Biagi, nei pochi mesi in cui ha lavorato nel TG UNO della Rai un giorno in un corridoio sentì dire da due giornalisti:

- Hanno assunto dei nuovi collegi.
- Sì, e chi sono
- Hanno assunto un democristiano, un socialista, un liberale, un comunista e uno bravo...



Queste cose succedono. Ma succedono in queste proporzioni, da sempre.

_____________________________________________________________________________


Per chi ha solo memoria a breve termine...

Concorsi truccati nella sanità umbra, le intercettazioni

Immagine

"... «Si, li aiutiamo... facciamo i salti mortali»: a parlare in una delle intercettazioni agli atti dell’indagine sui concorsi all’ospedale di Perugia è una componente della commissione della selezione per l’assunzione a tempo indeterminato di infermieri. Concorso «monitorato e gestito dai massimi vertici della Sanità della Regione Umbria che hanno cercato di inserire persone di propria conoscenza tra gli idonei» scrivono i pm nella richiesta di applicazione delle misure cautelari. «Per raggiungere tale risultato - spiegano - è stata alterata tutta la procedura mediante attività di svelamento del contenuto delle prove, manipolazione dei punteggi di merito e di falsificazione di atti amministrativi». In questo filone d’inchiesta viene intercettato il direttore generale dell’ospedale Emilio Duca con Gabriella Carnio, componente della commissione. Duca: «ascolta... `na domanda, che cosi´ dall’assessore...»; «i concorrenti della lista che ti avevo dato... Luca...soprattutto quei 19 per il loro test... ma anche quell’altro... hanno fatto tutti piu o meno bene?». Carnio: «sì, li aiutiamo? facciamo i salti mortali». Duca: «eh, me lo posso immaginare. La correzione l’avete finita di fare?». Carnio: «ci mancano 200 persone... stiamo facendo contemporaneamente anche i titoli. Io sto... stamo... a boccia’». Duca: «Boccia’ non bocciate nessuno di lì... se poi riuscite a non fa’ quello...». Carnio: «quelli... non te preoccupa’!». Secondo i pm la commissaria, poi, pronuncia «una frase allarmante e di particolare gravità: `Che boccialli, ce mancherebbe altro! ma magari eh... rischiamo il culo noi, ma...´». «Il senso dell’espressione - si legge nella richiesta - è che è ben consapevole delle conseguenze pregiudizievoli a cui andrebbe incontro ove non eseguisse l’ordine illegale ricevuto»..." (CONTINUA NEL LINK)


:|
Rispondi