Immigrazione e integrazione

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Connesso
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 2551
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 1059 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1386 Mi Piace

Re: Immigrazione e integrazione

Messaggio da leggere da Vento »

Non è colpa del petrolio. La colonizzazione culturale dell'Europa da parte del Medio Oriente comincia prima, già durante l'impero romano, nella sua fase calante. Primo responsabile è lo stolto Costantino
Immagine
(basta guardarlo) la cui moglie bigotta, convertita dagli intriganti primi cristiani immigrati a Roma (il siriano Paolo), lo convinse a farne la religione di Stato. Così questa organizzazione siriana divenne la padrona dell'impero, si sostituì ad esso. La Chiesa, corpo estraneo all'Europa, partecipò alle lotte di potere fra le potenze europee nascenti ed impedì (con dolore di Dante) che anche in Italia nascesse una nazione. Poi lo stesso seme produsse l'Islam, mentre la diaspora degli ebrei portò il seme originario del delirio religioso mediorientale nel mondo.
Fuck Europe FuckYou by Victoria Nuland
Amen and Awoman :lol: egalité
Avatar utente
Leno Lazzari
Connesso: No
Messaggi: 16597
Iscritto il: 10 giu 2019, 21:36
Località: Fiano Romano (RM)
Ha Assegnato: 10200 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4082 Mi Piace

Re: Immigrazione e integrazione

Messaggio da leggere da Leno Lazzari »

Vento ha scritto: 24 ago 2021, 10:21 Non è colpa del petrolio. La colonizzazione culturale dell'Europa da parte del Medio Oriente comincia prima, già durante l'impero romano, nella sua fase calante. Primo responsabile è lo stolto Costantino
Immagine
(basta guardarlo) la cui moglie bigotta, convertita dagli intriganti primi cristiani immigrati a Roma (il siriano Paolo), lo convinse a farne la religione di Stato. Così questa organizzazione siriana divenne la padrona dell'impero, si sostituì ad esso. La Chiesa, corpo estraneo all'Europa, partecipò alle lotte di potere fra le potenze europee nascenti ed impedì (con dolore di Dante) che anche in Italia nascesse una nazione. Poi lo stesso seme produsse l'Islam, mentre la diaspora degli ebrei portò il seme originario del delirio religioso mediorientale nel mondo.
LE basi per la fine dell'impero le pose il figlio adottivo del grande Traiano, Adriano, col quale si smise del tutto di fare periodiche campagne presso le colonie per far sentire loro sul collo il fiato del padrone .

Da allora, e parliamo del 140 d.c. é stata tutta discesa .
La politica è l’arte d’impedire agli avversari di fare la loro

.........ma andare oltre no ?
Connesso
Avatar utente
Valerio
Connesso: Sì
Messaggi: 5985
Iscritto il: 8 giu 2019, 20:31
Località: Messina
Ha Assegnato: 3551 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2762 Mi Piace

Re: Immigrazione e integrazione

Messaggio da leggere da Valerio »

Adriano imperatore illuminato.

La corruzione ha distrutto l'Impero.
Sovranità al Cittadino.
Non abbiamo un pianeta B
In onore dei pennuti heyokani: Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.
Avatar utente
Leno Lazzari
Connesso: No
Messaggi: 16597
Iscritto il: 10 giu 2019, 21:36
Località: Fiano Romano (RM)
Ha Assegnato: 10200 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4082 Mi Piace

Re: Immigrazione e integrazione

Messaggio da leggere da Leno Lazzari »

Valerio ha scritto: 24 ago 2021, 17:34 Adriano imperatore illuminato.

La corruzione ha distrutto l'Impero.
Illuminato come bagaglio culturale . Memorabili le replicazioni fatte di monumenti etc visti in giro per le colonie, uno per tutti il Canopo a Villa Adriana a Tivoli .

Ma é di fatto con lui che si smise di tenere d'occhio le colonie che pian pianino si sono distaccate e smesso di pagare regolari tributi a Roma .
La politica è l’arte d’impedire agli avversari di fare la loro

.........ma andare oltre no ?
Connesso
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 2551
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 1059 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1386 Mi Piace

Re: Immigrazione e integrazione

Messaggio da leggere da Vento »

L'impero sarebbe finito comunque per consunzione, dopo secoli (!) di vita. La mia osservazione riguarda l'infiltrazione in terra europea, a partire ovviamente da Roma capitale, del virus mediorientale: la religione monoteista, che ha distrutto attivamente le religioni esistenti e tutta la cultura classica greco-romana e si è inserita nel sistema istituzionale-politico, per non andarsene più. Prescindendo dagli insegnamenti di Cristo, da valutare sul piano spirituale, la creazione di Paolo è stata una macchina di potere, volta al controllo e dominio delle masse, qualcosa che solo Marx (guarda caso ebreo) è riuscito a ripetere. Questo frutto avvelenato del MO ancora spande odio e delirio, lì e nel mondo, oggi più ad opera dell'Islam e degli ebrei ricostituitisi in nazione. Dobbiamo prendere le distanze da tutto questo e spero che il realismo che sembra affermarsi nella geopolitica (nonostante la sconfitta di Trump) e il multipolarismo emergente, con nuove forze e culture alla ribalta, a cominciare dall'antica Cina (che puntigliosamente si difende da quelle pericolose religioni semite), spero che tutto ciò apra nuovi orizzonti.
Fuck Europe FuckYou by Victoria Nuland
Amen and Awoman :lol: egalité
Holubice
Connesso: No

Re: Immigrazione e integrazione

Messaggio da leggere da Holubice »

Valerio ha scritto: 24 ago 2021, 17:34 Adriano imperatore illuminato.

La corruzione ha distrutto l'Impero.
O forse ...

"Una grande armata sarà sempre sconfitta, un grande albero sarà sempre abbattuto"
(Confucio)

Più semplicemente, tutto ha un inizio, e tutto ha una fine...


Immagine
Holubice
Connesso: No

Re: Immigrazione e integrazione

Messaggio da leggere da Holubice »

Vento ha scritto: 24 ago 2021, 10:21 Non è colpa del petrolio. La colonizzazione culturale dell'Europa da parte del Medio Oriente comincia prima, già durante l'impero romano, nella sua fase calante. Primo responsabile è lo stolto Costantino
(basta guardarlo) la cui moglie bigotta, convertita dagli intriganti primi cristiani immigrati a Roma (il siriano Paolo), lo convinse a farne la religione di Stato. Così questa organizzazione siriana divenne la padrona dell'impero, si sostituì ad esso. La Chiesa, corpo estraneo all'Europa, partecipò alle lotte di potere fra le potenze europee nascenti ed impedì (con dolore di Dante) che anche in Italia nascesse una nazione. Poi lo stesso seme produsse l'Islam, mentre la diaspora degli ebrei portò il seme originario del delirio religioso mediorientale nel mondo.
Della religione cristiana a Costantino, come a un po' tutti dei nostri notabili democristiani d'antan, non fregava una beata ma$$a... Semplicemente aveva preso atto che questo nuovo culto aveva preso il sopravvento sui culti pagani antichi, e lo ha abbracciato al solo scopo di poter farne un collante dell'Impero.

Immagine

Ma davvero pensi che l'Impero Romano precedente il nuovo culto venuto dall'Oriente fosse tanto meglio? Tipo quello che, una volta sedata la rivolta di Spartacus, trasformo in lampioni crocifissi tutti i ribelli. Una società che proclamava...

Homo homini lupus

... pensi fosse un posto così bello in cui vivere? A netto dell'inevitabile ipocrisia che molti dei suoi adepti si portano appresso, può questa nuova religione aver peggiorato la situazione?


Immagine
Avatar utente
Leno Lazzari
Connesso: No
Messaggi: 16597
Iscritto il: 10 giu 2019, 21:36
Località: Fiano Romano (RM)
Ha Assegnato: 10200 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4082 Mi Piace

Re: Immigrazione e integrazione

Messaggio da leggere da Leno Lazzari »

Credo dovreste tenere però presente che anche se Roma annetteva a se aree geografiche anche con la violenza della mano militare, anche se praticava la schiavità nel resto del mondo di allora era anche peggio .

Insomma, seil mio destino fosse stato scegliere tra essere schiavo di un patrizio romano o per dire di un tracio o peggio di un ottomano avrei optato senza dubbi per Roma dove comunque avevano anche un legislazione e delle regole generali su come si poteva trattare uno schiavo e come scriveva Jerome Carcopino, per ammazzare uno schiavo ladro si doveva prima celebrare un vero e proprio processo .
E comunque potevano aspirare a un certo punto anche dello status di liberto :mrgreen:
La politica è l’arte d’impedire agli avversari di fare la loro

.........ma andare oltre no ?
Connesso
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 2551
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 1059 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1386 Mi Piace

Re: Immigrazione e integrazione

Messaggio da leggere da Vento »

Una certa brutalità era comune a quel tempo, così come la pratica della schiavitù. Basta ricordare i modi di Gengis Khan, brutalità pura, per puro piacere, tipica dei pastori, usi a sgozzare animali. Quella dei romani era connessa alla severità nella gestione della cosa pubblica. Comunque la sensibilità del tempo era questa.
Il seme ebraico ha prodotto due religioni come Islam e Cristianesimo. Il primo ha esaltato la brutalità verso il nemico a dovere religioso. Il secondo invece ha blandito i sofferenti, costituendo una religione del lamento, ma la Chiesa che ne è derivata, invece, ha toccato i vertici della violenza con i primi genocidi della storia, come ben sanno i popoli dell'America latina. E comunque già i primi cristiani si muovevano grosso modo come gli attuali jihadisti, bruciando templi, biblioteche e sgozzando infedeli, come la povera Ipazia, scienziata alessandrina.
Caratteristica della violenza cristiana, come poi sarà anche del comunismo, frutto tardivo del seme semita, è l'essere a 'fin di bene'. Da qui il buonismo ipocrita che oggi avvelena la politica, fino al delirio del politically correct, che ha bruciato i cervelli americani, e questi sono tutti frutti semiti, regali del MO.
Fuck Europe FuckYou by Victoria Nuland
Amen and Awoman :lol: egalité
Avatar utente
Il Mietitore
Connesso: No
Messaggi: 25
Iscritto il: 18 giu 2019, 23:28
Ha Assegnato: 1 Mi Piace
Ha Ricevuto: 8 Mi Piace

Re: Immigrazione e integrazione

Messaggio da leggere da Il Mietitore »

Sayon ha scritto: 31 dic 2020, 14:01
Salvo ha scritto: 31 dic 2020, 13:07 Sono le modalità dei crimini che qui non sono ancora usuali, ma sicuramente ci abitueremo: diverso è bello.
Sono la dimostrazione che l' uomo non vuole accettare che una donna sia superiore a lui. Il ghanese ha ucciso, ma anche l' italiano o l' americano sono capaci di fare del male per la stessa ragione. Quando l' uomo capira' che la donna ha anche un cervello, e che questo puo' essere piu' grande del suo, avremo fatto un passo avanti.
La donna non è superiore all'uomo, ha solo una funzione biologica diversa (sto parlando di natura). L'intelligenza invece non è correlata al sesso mi spiace, al massimo può essere più portata dell'uomo a svolgere determinati compiti causa l'evoluzione. Del resto anche l'uomo è più portato della donna in altri ruoli..
Vive le socialism
Avatar utente
Il Mietitore
Connesso: No
Messaggi: 25
Iscritto il: 18 giu 2019, 23:28
Ha Assegnato: 1 Mi Piace
Ha Ricevuto: 8 Mi Piace

Re: Immigrazione e integrazione

Messaggio da leggere da Il Mietitore »

Michelangelo ha scritto: 31 dic 2020, 14:45
Salvo ha scritto: 31 dic 2020, 13:07 Sono le modalità dei crimini che qui non sono ancora usuali, ma sicuramente ci abitueremo: diverso è bello.
Concordo: l'efferatezza, il sadismo e la "freddezza" di crimini come questo, sono "comuni" tra i popoli africani o medio orientali ( ricordiamo, tra i più scioccanti, il recente omicidio a Como del "prete degli immigrati", ucciso proprio da un "suo" immigrato tunisino; e a Macerata, la ragazza violentata e fatta a pezzi da un nigeriano e chiusa nelle valigie ).
Tutto ciò conferma che la fusione di culture profondamente diverse, rimane una forzatura e una utopia della "sinistra" di nuova generazione.
Probabilmente, uno su mille o..forse, uno su diecimila( proveniente da quelle popolazioni e da quelle culture ) si dimostra predisposto e propenso ad integrarsi davvero con la nostra cultura.
La donna uccisa, era un ottimo esempio di perfetta integrazione; una splendida persona. Ma purtroppo sono casi rarissimi di propensione all'integrazione. Come ne è un esempio fulgido il - da me stimato e menzionato spesso nel forum - coltissimo Magdi Allam, ex immigrato, egiziano di origine. Quando questi immigrati riescono ad integrarsi perfettamente e sposano la nostra cultura, si rivelano migliori degli stessi italiani. Ma, quanti se ne contano?! Ben pochi, credo.
Da ciò che hai scritto deduco che non hai mai aperto un libro di biologia.
Vive le socialism
Avatar utente
carletto3
Connesso: No
Messaggi: 8090
Iscritto il: 25 giu 2019, 2:20
Ha Assegnato: 436 Mi Piace
Ha Ricevuto: 3215 Mi Piace

Re: Immigrazione e integrazione

Messaggio da leggere da carletto3 »

Il Mietitore ha scritto: 25 ago 2021, 11:15
Sayon ha scritto: 31 dic 2020, 14:01
Salvo ha scritto: 31 dic 2020, 13:07 Sono le modalità dei crimini che qui non sono ancora usuali, ma sicuramente ci abitueremo: diverso è bello.
Sono la dimostrazione che l' uomo non vuole accettare che una donna sia superiore a lui. Il ghanese ha ucciso, ma anche l' italiano o l' americano sono capaci di fare del male per la stessa ragione. Quando l' uomo capira' che la donna ha anche un cervello, e che questo puo' essere piu' grande del suo, avremo fatto un passo avanti.
La donna non è superiore all'uomo, ha solo una funzione biologica diversa (sto parlando di natura). L'intelligenza invece non è correlata al sesso mi spiace, al massimo può essere più portata dell'uomo a svolgere determinati compiti causa l'evoluzione. Del resto anche l'uomo è più portato della donna in altri ruoli..
Non concordo con cio' che hai scritto se non sulla funzione biologica.
Tra uomo e donna non è una questione di piu' o meno intelligenza ma solo un diverso modo di affrontare le situazioni e ragionare.
Millenni di sudditanza femminile hanno abituato la donna a ragionare in modo piu' machiavellico,piu' elaborato ,e questo è determinato dalla fisicita',essendo piu' debole dell'uomo la donna ragiona in modo piu' complesso per ottenere quello che vuole,mentre l'uomo è piu' diretto e semplice.E questo sconcerta l'uomo....portandolo a volte a gesti estremi.E' solo una questione di comprensione tra i due generi.
La realta' è solo un'allucinazione dovuta a carenza di alcol (...un saggio)
"Gli è tutto sbagliato....gli è tutto da rifa'"
Avatar utente
Il Mietitore
Connesso: No
Messaggi: 25
Iscritto il: 18 giu 2019, 23:28
Ha Assegnato: 1 Mi Piace
Ha Ricevuto: 8 Mi Piace

Re: Immigrazione e integrazione

Messaggio da leggere da Il Mietitore »

L'evoluzione richiede più tempo si parla di milioni di anni, non di qualche secolo o millennio. L'evoluzione di cui parlo io riguarda l'uomo preistorico la tua idea riguarda il mondo islamico... si perchè la società classica non la trattava poi così male la donna se vai a vedere le matrone romane o le sacerdotesse greche. Lì non erano maltrattate semplicemente avevano un ruolo prestabilito (come del resto i maschi). Potevano avere meno scelta dei maschi (ma poca roba) e comunque non potevano ottenere nulla aguzzando l'ingegno, il che rende impossibile una modifica del cervello per motivi storici recenti.
Vive le socialism
Connesso
Avatar utente
Michelangelo
Connesso: Sì
Messaggi: 2196
Iscritto il: 23 giu 2019, 15:00
Ha Assegnato: 3304 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1391 Mi Piace

Re: Immigrazione e integrazione

Messaggio da leggere da Michelangelo »

Il Mietitore ha scritto: 25 ago 2021, 11:19
Michelangelo ha scritto: 31 dic 2020, 14:45
Salvo ha scritto: 31 dic 2020, 13:07 Sono le modalità dei crimini che qui non sono ancora usuali, ma sicuramente ci abitueremo: diverso è bello.
Concordo: l'efferatezza, il sadismo e la "freddezza" di crimini come questo, sono "comuni" tra i popoli africani o medio orientali ( ricordiamo, tra i più scioccanti, il recente omicidio a Como del "prete degli immigrati", ucciso proprio da un "suo" immigrato tunisino; e a Macerata, la ragazza violentata e fatta a pezzi da un nigeriano e chiusa nelle valigie ).
Tutto ciò conferma che la fusione di culture profondamente diverse, rimane una forzatura e una utopia della "sinistra" di nuova generazione.
Probabilmente, uno su mille o..forse, uno su diecimila( proveniente da quelle popolazioni e da quelle culture ) si dimostra predisposto e propenso ad integrarsi davvero con la nostra cultura.
La donna uccisa, era un ottimo esempio di perfetta integrazione; una splendida persona. Ma purtroppo sono casi rarissimi di propensione all'integrazione. Come ne è un esempio fulgido il - da me stimato e menzionato spesso nel forum - coltissimo Magdi Allam, ex immigrato, egiziano di origine. Quando questi immigrati riescono ad integrarsi perfettamente e sposano la nostra cultura, si rivelano migliori degli stessi italiani. Ma, quanti se ne contano?! Ben pochi, credo.
Da ciò che hai scritto deduco che non hai mai aperto un libro di biologia.
Dal tuo commento in stile "Radical Chic", deduco che tu non abbia capito il senso del mio post.
Studiando la biologia, possiamo avere un quadro d'insieme, sommario, sulle diversità/attitudini degli esseri viventi e tra maschi e femmine.
Assodato che tutti i maschi/uomini (di qualsiasi provenienza) abbiano una predisposizione biologico-genetica "concepita" per dominare la donna e, dunque, potenzialmente, potremmo rivelarci tutti noi, insospettabilmente, dei violenti - vessatori - misogini( laddove una donna si mostrasse "troppo" forte "caratterialmente" rispetto alle aspettative dell'uomo); nel caso in questione, sul Topic, io mi riferivo a talune tipologie di popoli( culture-tradizioni, radicate, che esulano dal mero ambito biologico) dove oggettivamente( statisticamente) si riscontra una minore considerazione e rispetto nei confronti della donna, nonché una scarsa considerazione del valore della vita altrui. Basti pensare che - a prescindere dai femminicidi - In alcuni luoghi, ammazzano ( uomini o donne) per rubare semplicemente un orologio o motivazioni futili similari.
Per alcune "culture", la violenza sessuale non viene considerata nemmeno un reato. Così come la pedofilia. Ergo, se già in Italia si registrano( ad opera di italiani) un numero significativo di femminicidi o violenze, vogliamo accogliere individui che sono ancora meno rispettosi e/o più misogini di noi italiani? Non credo che sia il caso, francamente. Dovremmo accogliere persone che possano "migliorarci", semmai. Per tali motivi non ritengo possibile/ realizzabile il tanto auspicato multiculturalismo italo africano; italo arabo et similia. Peraltro, chi giunge nel nostro Paese -si evince - al netto, non ambisce a sposare la nostra cultura ( in quanto, di norma, continua a vivere dentro la propria "campana di vetro" ) ma ritengo che costoro siano incentivati principalmente dalla elasticità e dalle incongruenze delle nostre leggi e della nostra magistratura( che opera in maniera assai arbitraria). Ovvero, in Italia, se sei un VERO delinquente ( e in aggiunta extracomunitario) dopo due mesi max di galera, sei fuori. SE sei un italiano e un rubagalline, ti fai 10-20 anni di carcere( grosso modo).
“Un popolo che dimentica i fasti del patriottismo è un popolo in decadenza. Il passato segna i doveri dell’avvenire.”
Francesco Crispi
Holubice
Connesso: No

Re: Immigrazione e integrazione

Messaggio da leggere da Holubice »

Vento ha scritto: 25 ago 2021, 10:19 ... Caratteristica della violenza cristiana, come poi sarà anche del comunismo, frutto tardivo del seme semita, è l'essere a 'fin di bene'. Da qui il buonismo ipocrita che oggi avvelena la politica, fino al delirio del politically correct, che ha bruciato i cervelli americani, e questi sono tutti frutti semiti, regali del MO.
E che è sta MO...?

Una loggia massonica con sede a Modena...?

Immagine
Rispondi