Legalizzazione dell'illegalità

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Connesso
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 2560
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 1062 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1390 Mi Piace

Legalizzazione dell'illegalità

Messaggio da leggere da Vento »

Vi propongo la lettura di un articolo di Maurizio Blondet, sulla tragica degenerazione culturale di alcune società occidentali, in particolare la nostra, che vede l'affermazione di una ideologia che sostiene l'esaltazione del male a fin di bene, la distruzione dell'ordine e dei suoi principi, per l'affermazione di un ordine superiore, divino, in pratica il caos. La degenerazione in questione riguarda anche la Chiesa cattolica, quindi sia il livello politico che spirituale della nostra società.



Non si suicidano. Sono ammazzati.
Maurizio Blondet 28 Ottobre 2020

Mi rimbalzano questo:


RIEPILOGO DEGLI EVENTI SUICIDARI AVVENUTI A PARTIRE DAL 01 GENNAIO 2020, DISTINTI PER DATA, LUOGO E CORPO/ARMA DI APPARTENENZA

Anche per quest’anno ho scelto di tenere aggiornata questa lista, so bene che non è piacevole ricordare questi eventi, ma è necessario per tenere sempre alta l’attenzione su queste tantissime morti per male oscuro che purtroppo vedono protagonisti gli uomini e le donne in divisa.

App. sc. q. s. Felice D’Auria
Delegato Cobar GdF Lombardia e Coir Italia nord occidentale.

2 gennaio Roma Guardia di Finanza;
6 gennaio Tolmezzo (UD) Carabinieri;
11 gennaio Pescara Carabinieri;
18 gennaio Mineo (CT) Carabinieri;
23 gennaio LaSpezia Polizia;
26 gennaio Roma Polizia;
29 gennaio Torino Polizia;
4 febbraio Palazzolo (BS) Polizia Locale;
14 febbraio La Spezia Marina Militare;
24 febbraio Reggio Emilia Carabinieri;
10 marzo Silandro (BZ) Carabinieri;
2 aprile Como Polizia Penitenziaria;
13 aprile Napoli Carabinieri;
23 aprile Fasano fraz. Montalbano (BR) Aeronautica;
4 maggio Forlì Carabinieri;
11 maggio Trapani Polizia locale;
12 maggio Firenze Guardia di Finanza;
14 maggio Licata (AG) Carabinieri;
19 maggio Padova Polizia Penitenziaria;
20 maggio Portici (NA) Polizia Locale;
23 maggio Bari Guarda di Finanza;
28 maggio Fossano(CN) Carabinieri;
30 maggio Bassano del Grappa (VI) Polizia;
7 giugno Ravenna Capitaneria di Porto;
8 giugno Cursi (LE) Polizia Penitenziaria;
27 giugno Val di Cembra (TN) Polizia;
30 giugno San Marzano di S. Giuseppe (TA) Guardia di Finanza;
7 luglio Calitri (AV) Carabinieri;
11 luglio Foligno (PG) Polizia;
4 agosto Latina Polizia Penitenziaria;
17 agosto Latina Polizia Penitenziaria;
22 agosto Palermo, Polizia Penitenziaria;
28 agosto Mesagne (BR), Marina Militare;
11 settembre Desenzano del Garda (BS), Polizia di Stato;
18 settembre Vercelli, Guardia di Finanza;
19 settembre Roma, Guardia di Finanza;
2 ottobre Milano, Polizia;
8 ottobre Palermo, Carabinieri;
8 ottobre Riva del Garda (TN), Carabinieri;
9 ottobre Salerno, Polizia Locale;
24 ottobre Mercato S. Severino (SA), Carabinieri.
STATISTICHE Anno 2020
per territorio:

19 al nord;
7 al centro;
15 al sud;
Per appartenenza:

6 Guardia di Finanza;
13 Carabinieri;
8 Polizia;
4 Polizia Locale;
4 Forze Armate;
6 Polizia Penitenziaria
STATISTICHE Anno 2019
per territorio:

33 al Nord;
14 al centro;
13 al sud;
7 sulle isole;
Per appartenenza:

17 Carabinieri;
18 Polizia di Stato;
9 Forze Armate;
11 Polizia Penitenziaria;
6 Guardia di Finanza;
5 Polizia Locale;
1 Vigile del fuoco.
Segui il canale telegram: https://t.me/notiziedallarappresentanza

In Francia è ancora peggio; ma è un fatto che al suicidio, così tragicamente frequente nel personale addetto all’ordine pubblico, non corrisponda alcuna volontà di domandarsi quale sia l’origine del “male oscuro”, e come eventualmente curarlo. Se sia curabile.

Non si sono uccisi, questi agenti. Sono stati ammazzati : dalla mancanza di legittimità del sistema, patologia politica acutissima ormai in Italia, e in Europa.

Cito il mio Ortega:

La funzione di comandare e ubbidire è quella decisiva in ogni società. Appena in essa si intorbida la questione di chi comanda e chi obbedisce, tutto il resto risulterà adulterato e senza ordine. Perfino la più segreta intimità di ciascun individuo rimarrà perturbata e falsificata”.

Ora, è evidente che sono proprio gli agenti dell’ordine quelli che ogni giorno, nelle loro funzioni, si scontrano con la percezione che “chi comanda non dovrebbe comandare”, che coloro che emanano leggi, leggine e decreti, non dovrebbero essere lì, che i padroni della “legalità” sono radicalmente disonesti ed occupano il potere senza autorità. Sono loro che constatano che quelle leggi, leggine, dcpm, violano un principio più fondamentale della vita della società, che non sanno definire (sono gente rozza), ma che scontra con categorie elementari del bene e del male, del giusto e dell’ingiusto; ed è tuttavia nello steso tempo “legale”, e loro devono far rispettare quelle leggi e leggine insensate, cangianti, che dichiarano legale ciò che nel fondo delle coscienza anche ottenebrate, continua ad essere sentito come a-normale, invertito.

Noi cittadini consapevoli (pochi) vediamo con rabbia che in Italia “il potere di comando è per costituzione fraudolento”; che Mattarella non convoca il Consiglio Superiore della Magistratura nemmeno dopo lo scandalo Palamara e la sua anche più scandalosa troncatura da parte di un ordine giudiziario che si è comportato come una cosca, anzi setta e cosca insieme perché esercita i suoi arbitri in base a una ideologia, pregiudizialmente concretata nelle sentenze.

Ma i poliziotti, di questi magistrati sono dipendenti; hanno provato giorno dopo giorno l’arbitrio dei loro giudizi, quando fermano un clandestino violento e spacciatore, e il giudice lo rilascia regolarmente. Agli occhi dei giudici prevenuti, loro – gli agenti – sono sospetti da controllare; loro sanno di essere trattati da potenziali delinquenti, al punto che nei loro uffici preferiscono vivere continuamente sotto le telecamere di sorveglianza perché, quando la zingarella li accuserà presso il sostituto procuratore di averla palpata, o lo spacciatore di essere stato pestato, possono dimostrare di non essere colpevoli. Ma ciò significa che sotto sorveglianza permanente non sono quelli che dovrebbero esserci sottoposti, i delinquenti, bensì loro: rovesciamento, inversione di quell’ordine fondamentale che, loro, dovrebbero far rispettare nella società. Loro vivono la frustrazione di perseguire i reati e vedere chi li commette, immediatamente rilasciato, e il delinquente già arrestato più volte che li deride perché si sa protetto e immune dalla “giustizia” dell’ideologo-procuratore. Loro devono trattenersi dall’usare la violenza – legittima , ma ormai illegale – mentre lo spacciatore extracomunitario la usa come e quanto vuole, anche contro innocui passanti.

Ancora peggiore la posizione degli agenti di custodia, col loro misero stipendio da servitori essenziali dello Stato:

“Io sono della penitenziaria, vi assicuro che è meglio andare in guerra che in sezione. Aggressioni, insulti, minacce, offese sono all’ordine del giorno. Se denunciamo noi finisce tutto a tarallucci e vino; ad una piccola accusa di un utente scattano indagini che neanche al pool antimafia fanno. Per non parlare della processione di politici finti buonisti”.

La frustrazione usura. Peggio: abbrutisce.

L’abbrutimento – scrive Ortega y Gasset – non è altro che l’accettazione, come stato abituale e costituito, di una anormalità, di qualcosa che, mentre si accetta, continua a sembrare irregolare, indebita. E siccome non è possibile trasformare in normalità ciò che nella sua essenza è anormale e fraudolento, l’individuo finisce per adattarsi lui all’irregolare, rendendosi omogeneo alla anormalità o fraudolenza” fondamentale che è lo stato italiano, e da decenni.

Gli agenti “dell’ordine” troppo spesso escono individualmente dalla contraddizione insostenibile, primaria ed elementare di dover obbedire al “disordine” decretato da giudici ingiusti e leggi sovvertitrici dell’ordine delle cose, sparandosi un colpo. Non essendo nemmeno più vagamente cristiani, perché anche la Chiesa ha disertato dal suo compito vitale essenziale, vi comanda chi non deve comandare.

Ma attenzione: la questione di chi comanda e chi ubbidisce divenuta – e mantenuta – torbida, sta deformando nella più segreta intimità anche ciascuno di noi, ci falsifica dentro, tutti senza eccezione, come popolo – a tal punto l’uomo è “sociale” e “storico” prodotto della storia-cultura-diritto nazionale e della società deformata che accettiamo. Senza la forza (morale) di ribellarci, di sacrificare anche la vita per espellere chi comanda senza legittimità, anche noi collettivamente ci suicidiamo. Cosa sono le torme dei nostri giovani che consumano la vita senza un progetto, nelle discoteche, droga e sesso, senza futuro; quei giovani che non sanno nulla del passato, che non studiano né lavorano e si coprono di tatuaggi di cui i Maori si vergognerebbero, non fanno che incarnare “la falsificazione più completa del proprio essere per accomodarlo a quella frode iniziale. Non può sostenersi con decoro nella Storia una società il cui Stato, il ci potere di comando, è per costituzione doloso e sleale”. Ortega y Gasset, La ribellione delle masse-
Fuck Europe FuckYou by Victoria Nuland
Amen and Awoman :lol: egalité
Avatar utente
Sayon
Connesso: No
Messaggi: 11205
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3483 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4544 Mi Piace

Re: Legalizzazione dell'illegalità

Messaggio da leggere da Sayon »

Vento ha scritto: 28 ott 2020, 13:39 Vi propongo la lettura di un articolo di Maurizio Blondet, sulla tragica degenerazione culturale di alcune società occidentali, in particolare la nostra, che vede l'affermazione di una ideologia che sostiene l'esaltazione del male a fin di bene, la distruzione dell'ordine e dei suoi principi, per l'affermazione di un ordine superiore, divino, in pratica il caos. La degenerazione in questione riguarda anche la Chiesa cattolica, quindi sia il livello politico che spirituale della nostra società.



Non si suicidano. Sono ammazzati.
Maurizio Blondet 28 Ottobre 2020

Mi rimbalzano questo:


RIEPILOGO DEGLI EVENTI SUICIDARI AVVENUTI A PARTIRE DAL 01 GENNAIO 2020, DISTINTI PER DATA, LUOGO E CORPO/ARMA DI APPARTENENZA

Anche per quest’anno ho scelto di tenere aggiornata questa lista, so bene che non è piacevole ricordare questi eventi, ma è necessario per tenere sempre alta l’attenzione su queste tantissime morti per male oscuro che purtroppo vedono protagonisti gli uomini e le donne in divisa.

App. sc. q. s. Felice D’Auria
Delegato Cobar GdF Lombardia e Coir Italia nord occidentale.

2 gennaio Roma Guardia di Finanza;
6 gennaio Tolmezzo (UD) Carabinieri;
11 gennaio Pescara Carabinieri;
18 gennaio Mineo (CT) Carabinieri;
23 gennaio LaSpezia Polizia;
26 gennaio Roma Polizia;
29 gennaio Torino Polizia;
4 febbraio Palazzolo (BS) Polizia Locale;
14 febbraio La Spezia Marina Militare;
24 febbraio Reggio Emilia Carabinieri;
10 marzo Silandro (BZ) Carabinieri;
2 aprile Como Polizia Penitenziaria;
13 aprile Napoli Carabinieri;
23 aprile Fasano fraz. Montalbano (BR) Aeronautica;
4 maggio Forlì Carabinieri;
11 maggio Trapani Polizia locale;
12 maggio Firenze Guardia di Finanza;
14 maggio Licata (AG) Carabinieri;
19 maggio Padova Polizia Penitenziaria;
20 maggio Portici (NA) Polizia Locale;
23 maggio Bari Guarda di Finanza;
28 maggio Fossano(CN) Carabinieri;
30 maggio Bassano del Grappa (VI) Polizia;
7 giugno Ravenna Capitaneria di Porto;
8 giugno Cursi (LE) Polizia Penitenziaria;
27 giugno Val di Cembra (TN) Polizia;
30 giugno San Marzano di S. Giuseppe (TA) Guardia di Finanza;
7 luglio Calitri (AV) Carabinieri;
11 luglio Foligno (PG) Polizia;
4 agosto Latina Polizia Penitenziaria;
17 agosto Latina Polizia Penitenziaria;
22 agosto Palermo, Polizia Penitenziaria;
28 agosto Mesagne (BR), Marina Militare;
11 settembre Desenzano del Garda (BS), Polizia di Stato;
18 settembre Vercelli, Guardia di Finanza;
19 settembre Roma, Guardia di Finanza;
2 ottobre Milano, Polizia;
8 ottobre Palermo, Carabinieri;
8 ottobre Riva del Garda (TN), Carabinieri;
9 ottobre Salerno, Polizia Locale;
24 ottobre Mercato S. Severino (SA), Carabinieri.
STATISTICHE Anno 2020
per territorio:

19 al nord;
7 al centro;
15 al sud;
Per appartenenza:

6 Guardia di Finanza;
13 Carabinieri;
8 Polizia;
4 Polizia Locale;
4 Forze Armate;
6 Polizia Penitenziaria
STATISTICHE Anno 2019
per territorio:

33 al Nord;
14 al centro;
13 al sud;
7 sulle isole;
Per appartenenza:

17 Carabinieri;
18 Polizia di Stato;
9 Forze Armate;
11 Polizia Penitenziaria;
6 Guardia di Finanza;
5 Polizia Locale;
1 Vigile del fuoco.
Segui il canale telegram: https://t.me/notiziedallarappresentanza

In Francia è ancora peggio; ma è un fatto che al suicidio, così tragicamente frequente nel personale addetto all’ordine pubblico, non corrisponda alcuna volontà di domandarsi quale sia l’origine del “male oscuro”, e come eventualmente curarlo. Se sia curabile.

Non si sono uccisi, questi agenti. Sono stati ammazzati : dalla mancanza di legittimità del sistema, patologia politica acutissima ormai in Italia, e in Europa.

Cito il mio Ortega:

La funzione di comandare e ubbidire è quella decisiva in ogni società. Appena in essa si intorbida la questione di chi comanda e chi obbedisce, tutto il resto risulterà adulterato e senza ordine. Perfino la più segreta intimità di ciascun individuo rimarrà perturbata e falsificata”.

Ora, è evidente che sono proprio gli agenti dell’ordine quelli che ogni giorno, nelle loro funzioni, si scontrano con la percezione che “chi comanda non dovrebbe comandare”, che coloro che emanano leggi, leggine e decreti, non dovrebbero essere lì, che i padroni della “legalità” sono radicalmente disonesti ed occupano il potere senza autorità. Sono loro che constatano che quelle leggi, leggine, dcpm, violano un principio più fondamentale della vita della società, che non sanno definire (sono gente rozza), ma che scontra con categorie elementari del bene e del male, del giusto e dell’ingiusto; ed è tuttavia nello steso tempo “legale”, e loro devono far rispettare quelle leggi e leggine insensate, cangianti, che dichiarano legale ciò che nel fondo delle coscienza anche ottenebrate, continua ad essere sentito come a-normale, invertito.

Noi cittadini consapevoli (pochi) vediamo con rabbia che in Italia “il potere di comando è per costituzione fraudolento”; che Mattarella non convoca il Consiglio Superiore della Magistratura nemmeno dopo lo scandalo Palamara e la sua anche più scandalosa troncatura da parte di un ordine giudiziario che si è comportato come una cosca, anzi setta e cosca insieme perché esercita i suoi arbitri in base a una ideologia, pregiudizialmente concretata nelle sentenze.

Ma i poliziotti, di questi magistrati sono dipendenti; hanno provato giorno dopo giorno l’arbitrio dei loro giudizi, quando fermano un clandestino violento e spacciatore, e il giudice lo rilascia regolarmente. Agli occhi dei giudici prevenuti, loro – gli agenti – sono sospetti da controllare; loro sanno di essere trattati da potenziali delinquenti, al punto che nei loro uffici preferiscono vivere continuamente sotto le telecamere di sorveglianza perché, quando la zingarella li accuserà presso il sostituto procuratore di averla palpata, o lo spacciatore di essere stato pestato, possono dimostrare di non essere colpevoli. Ma ciò significa che sotto sorveglianza permanente non sono quelli che dovrebbero esserci sottoposti, i delinquenti, bensì loro: rovesciamento, inversione di quell’ordine fondamentale che, loro, dovrebbero far rispettare nella società. Loro vivono la frustrazione di perseguire i reati e vedere chi li commette, immediatamente rilasciato, e il delinquente già arrestato più volte che li deride perché si sa protetto e immune dalla “giustizia” dell’ideologo-procuratore. Loro devono trattenersi dall’usare la violenza – legittima , ma ormai illegale – mentre lo spacciatore extracomunitario la usa come e quanto vuole, anche contro innocui passanti.

Ancora peggiore la posizione degli agenti di custodia, col loro misero stipendio da servitori essenziali dello Stato:

“Io sono della penitenziaria, vi assicuro che è meglio andare in guerra che in sezione. Aggressioni, insulti, minacce, offese sono all’ordine del giorno. Se denunciamo noi finisce tutto a tarallucci e vino; ad una piccola accusa di un utente scattano indagini che neanche al pool antimafia fanno. Per non parlare della processione di politici finti buonisti”.

La frustrazione usura. Peggio: abbrutisce.

L’abbrutimento – scrive Ortega y Gasset – non è altro che l’accettazione, come stato abituale e costituito, di una anormalità, di qualcosa che, mentre si accetta, continua a sembrare irregolare, indebita. E siccome non è possibile trasformare in normalità ciò che nella sua essenza è anormale e fraudolento, l’individuo finisce per adattarsi lui all’irregolare, rendendosi omogeneo alla anormalità o fraudolenza” fondamentale che è lo stato italiano, e da decenni.

Gli agenti “dell’ordine” troppo spesso escono individualmente dalla contraddizione insostenibile, primaria ed elementare di dover obbedire al “disordine” decretato da giudici ingiusti e leggi sovvertitrici dell’ordine delle cose, sparandosi un colpo. Non essendo nemmeno più vagamente cristiani, perché anche la Chiesa ha disertato dal suo compito vitale essenziale, vi comanda chi non deve comandare.

Ma attenzione: la questione di chi comanda e chi ubbidisce divenuta – e mantenuta – torbida, sta deformando nella più segreta intimità anche ciascuno di noi, ci falsifica dentro, tutti senza eccezione, come popolo – a tal punto l’uomo è “sociale” e “storico” prodotto della storia-cultura-diritto nazionale e della società deformata che accettiamo. Senza la forza (morale) di ribellarci, di sacrificare anche la vita per espellere chi comanda senza legittimità, anche noi collettivamente ci suicidiamo. Cosa sono le torme dei nostri giovani che consumano la vita senza un progetto, nelle discoteche, droga e sesso, senza futuro; quei giovani che non sanno nulla del passato, che non studiano né lavorano e si coprono di tatuaggi di cui i Maori si vergognerebbero, non fanno che incarnare “la falsificazione più completa del proprio essere per accomodarlo a quella frode iniziale. Non può sostenersi con decoro nella Storia una società il cui Stato, il ci potere di comando, è per costituzione doloso e sleale”. Ortega y Gasset, La ribellione delle masse-
Hai fatto bene a presentare la lista. ma io vedo il problema in termini ancora piu' generali. C'e una crisi in atto che non riguarda solo i militari, ma anche il mondo della politica, dell' educazione e della societa' civile in generale. E' subentrato nel Paese la faciloneria e la mancanza di rispetto verso la cultura, l' autorita' costituita, l' esperienza e l'eta' delle persone. Si e' dato troppo credito all' estemporiarita', alla maleducazione, all' improvvizazione e questo ha disminuito il valore di chi veramente vale. I carabiniei sono vittime di questa subentrata mancanza di cultura, ma chi soffre non solo soltanto loro. Soffre l' intera societa' soffocata dall' incivilta', approssimazione e mancanza di valori delle nuove generazioni.
Connesso
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 2560
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 1062 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1390 Mi Piace

Re: Legalizzazione dell'illegalità

Messaggio da leggere da Vento »

Egalite’.
È questo il virus che sta distruggendo le società occidentali ed il ‘68 è stato il massimo evento diffusore.
A Parigi l aristocrazia ha dato il peggio di se, l assolutismo più ottuso, Versailles ed il culto del lusso. La inevitabile reazione ha distrutto tutto con la rivoluzione ed ha introdotto il culto dell uguaglianza, bigottamente intesa. E l uguaglianza non può essere che al minimo denominatore comune, se così si può dire.
Ergo tabula rasa.
Fuck Europe FuckYou by Victoria Nuland
Amen and Awoman :lol: egalité
Avatar utente
Sayon
Connesso: No
Messaggi: 11205
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3483 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4544 Mi Piace

Re: Legalizzazione dell'illegalità

Messaggio da leggere da Sayon »

Vento ha scritto: 29 ott 2020, 15:48 Egalite’.
È questo il virus che sta distruggendo le società occidentali ed il ‘68 è stato il massimo evento diffusore.
A Parigi l aristocrazia ha dato il peggio di se, l assolutismo più ottuso, Versailles ed il culto del lusso. La inevitabile reazione ha distrutto tutto con la rivoluzione ed ha introdotto il culto dell uguaglianza, bigottamente intesa. E l uguaglianza non può essere che al minimo denominatore comune, se così si può dire.
Ergo tabula rasa.
NO, l' "egalite" non significa affatto che i peggiori possano entrare e comandare in politica. Quello l' hanno fatto gli elettori che invece di premiare i migliori, preferiscono premiare chi fa piu chiasso. E per capirmi: siamo tutti uguali, pero se vai dal dentista scegli il migliore, se vuoi il pane migliore vai dal panettiere piu bravo, se vuoi un'educazione migliore cerchi l' universita con i docenti migliori. In politica, data la sua importanza per il Paese, dovremmo scegliere le persone piu colte, piu preparate, con maggiore esperienza di lavoro, con doti di equilbrio ed imparzialita' ed invece non lo facciamo: scegliamo gente senza educazione, senza cultura, senza esperienza, senza doti morali o equilibrio. Se abbiamo pessimi governi, la colpa e' esclusivamente NOSTRA. Elettori che scelgono i peggiori sulla base di chi fa piu' rumore, e' meglio.
Connesso
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 2560
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 1062 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1390 Mi Piace

Re: Legalizzazione dell'illegalità

Messaggio da leggere da Vento »

La rivoluzione francese ha sprigionato il virus dell’egalité, un ebreo di Trier gli ha dato notevole spessore teorico iniettandoci filosofia tedesca, Lenin l’ha trasformato in potente strumento politico-militare. In pratica si è creata una scuola dell’odio sociale altamente mobilitante e di grande efficacia nel conseguimento del potere da parte dell’élite e distruttiva di ogni istituzione statuale e spirito civico. La capacità di eccitare e mobilitare di questa ideologia non ha rivali, eccetto l’islam.
Il male è più forte del bene, l’impulso a distruggere più potente della propensione a costruire, purtroppo. E’ noto infatti che il benessere crescente dei lavoratori è dipeso dallo sviluppo delle economie, più che dalle lotte sociali, che invece alla lunga hanno finito per distruggerle, le economie, in quei paesi che delle lotte hanno il paradigma.
Lotta continua sarà!
Fuck Europe FuckYou by Victoria Nuland
Amen and Awoman :lol: egalité
Connesso
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 2560
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 1062 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1390 Mi Piace

Re: Legalizzazione dell'illegalità

Messaggio da leggere da Vento »

Sayon ha scritto: 29 ott 2020, 17:52
Vento ha scritto: 29 ott 2020, 15:48 Egalite’.
È questo il virus che sta distruggendo le società occidentali ed il ‘68 è stato il massimo evento diffusore.
A Parigi l aristocrazia ha dato il peggio di se, l assolutismo più ottuso, Versailles ed il culto del lusso. La inevitabile reazione ha distrutto tutto con la rivoluzione ed ha introdotto il culto dell uguaglianza, bigottamente intesa. E l uguaglianza non può essere che al minimo denominatore comune, se così si può dire.
Ergo tabula rasa.
NO, l' "egalite" non significa affatto che i peggiori possano entrare e comandare in politica. Quello l' hanno fatto gli elettori che invece di premiare i migliori, preferiscono premiare chi fa piu chiasso. E per capirmi: siamo tutti uguali, pero se vai dal dentista scegli il migliore, se vuoi il pane migliore vai dal panettiere piu bravo, se vuoi un'educazione migliore cerchi l' universita con i docenti migliori. In politica, data la sua importanza per il Paese, dovremmo scegliere le persone piu colte, piu preparate, con maggiore esperienza di lavoro, con doti di equilbrio ed imparzialita' ed invece non lo facciamo: scegliamo gente senza educazione, senza cultura, senza esperienza, senza doti morali o equilibrio. Se abbiamo pessimi governi, la colpa e' esclusivamente NOSTRA. Elettori che scelgono i peggiori sulla base di chi fa piu' rumore, e' meglio.
Il buon senso è rimasto solo dove la politica non è entrata, nella semplice vita materiale quotidiana, nella scelta del fornaio. In politica invece opera la propaganda e si seguono i condizionamenti ideologici, a causa dell'incantesimo che opera la sinistra comunista (in tutti i suoi camuffamenti): o sei con lei o contro. Non esiste il bravo politico, non ha più senso in questo contesto delirante. Devi fartene una ragione. E non è colpa di Salvini, che è costretto a stare al gioco della sinistra, che ha in mano le carte. Occorre un rovesciamento generale di prospettiva, che prima o poi avverrà, spero. Magari non qui, ma in paesi più dinamici, a seguito di qualche scossone della storia.
Fuck Europe FuckYou by Victoria Nuland
Amen and Awoman :lol: egalité
Avatar utente
Ovidio
Connesso: No
Messaggi: 3554
Iscritto il: 25 set 2020, 17:08
Ha Assegnato: 352 Mi Piace
Ha Ricevuto: 862 Mi Piace

Re: Legalizzazione dell'illegalità

Messaggio da leggere da Ovidio »

Vento ha scritto: 29 ott 2020, 18:07 E’ noto infatti che il benessere crescente dei lavoratori è dipeso dallo sviluppo delle economie, più che dalle lotte sociali, che invece alla lunga hanno finito per distruggerle, le economie, in quei paesi che delle lotte hanno il paradigma.
Lotta continua sarà!
Non direi! Il voto alle donne, il suffragio universale, cioè non limitato al censo, la dignità di lavoro e di salario (ricordo il lavoro a cottimo, reintrodotto sotto altri nomi, come rider, home office, part time, precariato, ...j sono costati moti popolari e morti, in ogni nazione occidentale e non.

Purtroppo moti cavalcati da false ideologie pseudocomuniste che più che tendere alla parità di diritti tendevano al rafforzamento del potere egemonico di potenze estere che da entrambe le parti facevano e fanno politica a casa altrui.
Tenere sempre a mente la „regola d‘oro“
Connesso
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 2560
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 1062 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1390 Mi Piace

Re: Legalizzazione dell'illegalità

Messaggio da leggere da Vento »

Ovidio ha scritto: 29 ott 2020, 18:30
Vento ha scritto: 29 ott 2020, 18:07 E’ noto infatti che il benessere crescente dei lavoratori è dipeso dallo sviluppo delle economie, più che dalle lotte sociali, che invece alla lunga hanno finito per distruggerle, le economie, in quei paesi che delle lotte hanno il paradigma.
Lotta continua sarà!
Non direi! Il voto alle donne, il suffragio universale, cioè non limitato al censo, la dignità di lavoro e di salario (ricordo il lavoro a cottimo, reintrodotto sotto altri nomi, come rider, home office, part time, precariato, ...j sono costati moti popolari e morti, in ogni nazione occidentale e non.

Purtroppo moti cavalcati da false ideologie pseudocomuniste che più che tendere alla parità di diritti tendevano al rafforzamento del potere egemonico di potenze estere che da entrambe le parti facevano e fanno politica a casa altrui.
In Svizzera c'è stato un solo sciopero generale nel '18, poi mai più.
Non direi che sia una società retrograda.
Fuck Europe FuckYou by Victoria Nuland
Amen and Awoman :lol: egalité
Avatar utente
Ovidio
Connesso: No
Messaggi: 3554
Iscritto il: 25 set 2020, 17:08
Ha Assegnato: 352 Mi Piace
Ha Ricevuto: 862 Mi Piace

Re: Legalizzazione dell'illegalità

Messaggio da leggere da Ovidio »

Vento ha scritto: 29 ott 2020, 19:17
Ovidio ha scritto: 29 ott 2020, 18:30
Non direi! Il voto alle donne, il suffragio universale, cioè non limitato al censo, la dignità di lavoro e di salario (ricordo il lavoro a cottimo, reintrodotto sotto altri nomi, come rider, home office, part time, precariato, ...j sono costati moti popolari e morti, in ogni nazione occidentale e non.

Purtroppo moti cavalcati da false ideologie pseudocomuniste che più che tendere alla parità di diritti tendevano al rafforzamento del potere egemonico di potenze estere che da entrambe le parti facevano e fanno politica a casa altrui.
In Svizzera c'è stato un solo sciopero generale nel '18, poi mai più.
Non direi che sia una società retrograda.
Si, con intervento di polizia e morti. Ma ora credo che i diritti di chi lavora siano ben assicurati!
Tenere sempre a mente la „regola d‘oro“
Connesso
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 2560
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 1062 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1390 Mi Piace

Re: Legalizzazione dell'illegalità

Messaggio da leggere da Vento »

Ovidio ha scritto: 29 ott 2020, 19:33
Vento ha scritto: 29 ott 2020, 19:17

In Svizzera c'è stato un solo sciopero generale nel '18, poi mai più.
Non direi che sia una società retrograda.
Si, con intervento di polizia e morti. Ma ora credo che i diritti di chi lavora siano ben assicurati!
Appunto. Da un secolo mai più scioperi e tutto va bene.
Da noi invece scioperi quotidiani in certi periodi. Anche ora i sindacati stanno cominciando ad agitarsi. Infatti gli scioperi servono a loro, per affermarsi nella riffa del potere. Le lotte sociali servono a sindacalisti e politici per fare carriera. E' il loro lavoro, pagato dai lavoratori.
Fuck Europe FuckYou by Victoria Nuland
Amen and Awoman :lol: egalité
Rispondi