Tempi moderni N.2

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Mugik
Connesso: No

Tempi moderni N.2

Messaggio da leggere da Mugik »

Oramai nn riesco piu a seguire con un minimo di attenzione questa chincaglieria pseudopolitica ,del tutto simile alle consuete beghe di pianerottolo
La sindaca ,il questore ,il politico ,il partito fanno tutti parte di una compagnia di giro, a impatto prossimo allo zero sulle nostre effettive vite
Chiunque prenda in mano le redini immaginarie di questo paese imbolsito farà solo buchi nell'acqua
Sono sempre stato conrario al qualunquismo del'uno vale l'altro,ho sempre pensato positivo cercando se nn altro il meno peggio
Ma anche quest'ultima frontiera dell'ottimismo condizionato è stata frantumata dal totale dislocarsi in ambito globale,della politica nazionale
Dalla oramai completata distruzione dello stato/nazione
Dallo svuotamento del'idea stessa di democrazia in progressiva marcia verso il compimento del suo concetto
E' venuta a mancare una qualsiasi idea di futuro progressivo,viviamo un eterno presente senza prospettive ,dove tutto l'esistente rimane immobile perchè,gia dato una volta per sempre dal mosè del capitale disceso dal monte ,a mostrarci qli sfavillanti prodigi della tecnica,la stessa tecnica gia ribaltata in nichilismo desertificante le nostre coscienze
Tutto cio coincide con la rimozione della storicità del uomo a una dimensione ,quella economica
E' successa una roba grave ,lasciatemelo dire con un pizzico di amara ironia,
L'internazionalismo è stato proclamato dal proletariato ma realizzato dal capitale ,naturalmente con scopi e risultati opposti

Sono i capitali a muoversi solidali sullo scacchiere internazionale,liberi di mordere e fuggire lasciando dietro di loro terra bruciata peggio che se fosse passata una mandria di bufali impazzita
Sono i capitali mai sazi di un accrescimento che per nn andare in default deve essere infinito,a concentrare in sempre meno mani sempre piu avide del sangue delle nostre esistenze vilipese,i frutti della terra spremuta come se nn ci fosse domani
Sono i liberi capitali a creare sempre piu numerose schiere di "ultimi uomini"frammentati nel sociale e nella coscienza,sempre piu lontani in distanze oramai misurabili in anni luce,dalla causa della miseria delle proprie esistenze
,che anzichè ribellarsi ai pochi aguzzini,hanno l'illusione di potersi sedere alla stessa tavola,come imprenditori di stessi,e fanno file che cominciano la sera prima
per potersi aggiudicare l'ultimo modello di quel surrogato scemo del cervello che potentemente contribuisce a rincretinirci
Avatar utente
giampieros
Connesso: No
Messaggi: 735
Iscritto il: 17 giu 2019, 20:07
Ha Assegnato: 302 Mi Piace
Ha Ricevuto: 386 Mi Piace

Re: Tempi moderni N.2

Messaggio da leggere da giampieros »

Mugik ha scritto: 13 lug 2020, 12:10 Oramai nn riesco piu a seguire con un minimo di attenzione questa chincaglieria pseudopolitica ,del tutto simile alle consuete beghe di pianerottolo
La sindaca ,il questore ,il politico ,il partito fanno tutti parte di una compagnia di giro, a impatto prossimo allo zero sulle nostre effettive vite
Chiunque prenda in mano le redini immaginarie di questo paese imbolsito farà solo buchi nell'acqua
Sono sempre stato conrario al qualunquismo del'uno vale l'altro,ho sempre pensato positivo cercando se nn altro il meno peggio
Ma anche quest'ultima frontiera dell'ottimismo condizionato è stata frantumata dal totale dislocarsi in ambito globale,della politica nazionale
Dalla oramai completata distruzione dello stato/nazione
Dallo svuotamento del'idea stessa di democrazia in progressiva marcia verso il compimento del suo concetto
E' venuta a mancare una qualsiasi idea di futuro progressivo,viviamo un eterno presente senza prospettive ,dove tutto l'esistente rimane immobile perchè,gia dato una volta per sempre dal mosè del capitale disceso dal monte ,a mostrarci qli sfavillanti prodigi della tecnica,la stessa tecnica gia ribaltata in nichilismo desertificante le nostre coscienze
Tutto cio coincide con la rimozione della storicità del uomo a una dimensione ,quella economica
E' successa una roba grave ,lasciatemelo dire con un pizzico di amara ironia,
L'internazionalismo è stato proclamato dal proletariato ma realizzato dal capitale ,naturalmente con scopi e risultati opposti

Sono i capitali a muoversi solidali sullo scacchiere internazionale,liberi di mordere e fuggire lasciando dietro di loro terra bruciata peggio che se fosse passata una mandria di bufali impazzita
Sono i capitali mai sazi di un accrescimento che per nn andare in default deve essere infinito,a concentrare in sempre meno mani sempre piu avide del sangue delle nostre esistenze vilipese,i frutti della terra spremuta come se nn ci fosse domani
Sono i liberi capitali a creare sempre piu numerose schiere di "ultimi uomini"frammentati nel sociale e nella coscienza,sempre piu lontani in distanze oramai misurabili in anni luce,dalla causa della miseria delle proprie esistenze
,che anzichè ribellarsi ai pochi aguzzini,hanno l'illusione di potersi sedere alla stessa tavola,come imprenditori di stessi,e fanno file che cominciano la sera prima
per potersi aggiudicare l'ultimo modello di quel surrogato scemo del cervello che potentemente contribuisce a rincretinirci
Bene...anzi male. Sono abbastanza d'accordo. E allora? Hai un modello alternativo da proporre? Qualcuno ce l'ha? Va tutto male e non c'è nulla da fare? Oppure qualcosa da fare ci sarebbe. E che cosa?
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 7835
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4083 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2474 Mi Piace

Re: Tempi moderni N.2

Messaggio da leggere da heyoka »

giampieros ha scritto: 13 lug 2020, 18:07
Mugik ha scritto: 13 lug 2020, 12:10 Oramai nn riesco piu a seguire con un minimo di attenzione questa chincaglieria pseudopolitica ,del tutto simile alle consuete beghe di pianerottolo
La sindaca ,il questore ,il politico ,il partito fanno tutti parte di una compagnia di giro, a impatto prossimo allo zero sulle nostre effettive vite
Chiunque prenda in mano le redini immaginarie di questo paese imbolsito farà solo buchi nell'acqua
Sono sempre stato conrario al qualunquismo del'uno vale l'altro,ho sempre pensato positivo cercando se nn altro il meno peggio
Ma anche quest'ultima frontiera dell'ottimismo condizionato è stata frantumata dal totale dislocarsi in ambito globale,della politica nazionale
Dalla oramai completata distruzione dello stato/nazione
Dallo svuotamento del'idea stessa di democrazia in progressiva marcia verso il compimento del suo concetto
E' venuta a mancare una qualsiasi idea di futuro progressivo,viviamo un eterno presente senza prospettive ,dove tutto l'esistente rimane immobile perchè,gia dato una volta per sempre dal mosè del capitale disceso dal monte ,a mostrarci qli sfavillanti prodigi della tecnica,la stessa tecnica gia ribaltata in nichilismo desertificante le nostre coscienze
Tutto cio coincide con la rimozione della storicità del uomo a una dimensione ,quella economica
E' successa una roba grave ,lasciatemelo dire con un pizzico di amara ironia,
L'internazionalismo è stato proclamato dal proletariato ma realizzato dal capitale ,naturalmente con scopi e risultati opposti

Sono i capitali a muoversi solidali sullo scacchiere internazionale,liberi di mordere e fuggire lasciando dietro di loro terra bruciata peggio che se fosse passata una mandria di bufali impazzita
Sono i capitali mai sazi di un accrescimento che per nn andare in default deve essere infinito,a concentrare in sempre meno mani sempre piu avide del sangue delle nostre esistenze vilipese,i frutti della terra spremuta come se nn ci fosse domani
Sono i liberi capitali a creare sempre piu numerose schiere di "ultimi uomini"frammentati nel sociale e nella coscienza,sempre piu lontani in distanze oramai misurabili in anni luce,dalla causa della miseria delle proprie esistenze
,che anzichè ribellarsi ai pochi aguzzini,hanno l'illusione di potersi sedere alla stessa tavola,come imprenditori di stessi,e fanno file che cominciano la sera prima
per potersi aggiudicare l'ultimo modello di quel surrogato scemo del cervello che potentemente contribuisce a rincretinirci
Bene...anzi male. Sono abbastanza d'accordo. E allora? Hai un modello alternativo da proporre? Qualcuno ce l'ha? Va tutto male e non c'è nulla da fare? Oppure qualcosa da fare ci sarebbe. E che cosa?
Condivido le analisi di Mugik ed ancor più le domande dell' amico Giampieros.
Può venirne fuori una bella discussione.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Mugik
Connesso: No

Re: Tempi moderni N.2

Messaggio da leggere da Mugik »

giampieros ha scritto: 13 lug 2020, 18:07
Mugik ha scritto: 13 lug 2020, 12:10 Oramai nn riesco piu a seguire con un minimo di attenzione questa chincaglieria pseudopolitica ,del tutto simile alle consuete beghe di pianerottolo
La sindaca ,il questore ,il politico ,il partito fanno tutti parte di una compagnia di giro, a impatto prossimo allo zero sulle nostre effettive vite
Chiunque prenda in mano le redini immaginarie di questo paese imbolsito farà solo buchi nell'acqua
Sono sempre stato conrario al qualunquismo del'uno vale l'altro,ho sempre pensato positivo cercando se nn altro il meno peggio
Ma anche quest'ultima frontiera dell'ottimismo condizionato è stata frantumata dal totale dislocarsi in ambito globale,della politica nazionale
Dalla oramai completata distruzione dello stato/nazione
Dallo svuotamento del'idea stessa di democrazia in progressiva marcia verso il compimento del suo concetto
E' venuta a mancare una qualsiasi idea di futuro progressivo,viviamo un eterno presente senza prospettive ,dove tutto l'esistente rimane immobile perchè,gia dato una volta per sempre dal mosè del capitale disceso dal monte ,a mostrarci qli sfavillanti prodigi della tecnica,la stessa tecnica gia ribaltata in nichilismo desertificante le nostre coscienze
Tutto cio coincide con la rimozione della storicità del uomo a una dimensione ,quella economica
E' successa una roba grave ,lasciatemelo dire con un pizzico di amara ironia,
L'internazionalismo è stato proclamato dal proletariato ma realizzato dal capitale ,naturalmente con scopi e risultati opposti

Sono i capitali a muoversi solidali sullo scacchiere internazionale,liberi di mordere e fuggire lasciando dietro di loro terra bruciata peggio che se fosse passata una mandria di bufali impazzita
Sono i capitali mai sazi di un accrescimento che per nn andare in default deve essere infinito,a concentrare in sempre meno mani sempre piu avide del sangue delle nostre esistenze vilipese,i frutti della terra spremuta come se nn ci fosse domani
Sono i liberi capitali a creare sempre piu numerose schiere di "ultimi uomini"frammentati nel sociale e nella coscienza,sempre piu lontani in distanze oramai misurabili in anni luce,dalla causa della miseria delle proprie esistenze
,che anzichè ribellarsi ai pochi aguzzini,hanno l'illusione di potersi sedere alla stessa tavola,come imprenditori di stessi,e fanno file che cominciano la sera prima
per potersi aggiudicare l'ultimo modello di quel surrogato scemo del cervello che potentemente contribuisce a rincretinirci
Bene...anzi male. Sono abbastanza d'accordo. E allora? Hai un modello alternativo da proporre? Qualcuno ce l'ha? Va tutto male e non c'è nulla da fare? Oppure qualcosa da fare ci sarebbe. E che cosa?
C'è tutto da fare!
Per prima cosa capire come e perche sono provocate quasi tutte le crisi economiche
E poi capire che cercare l'uscita a dx porta a guerre e stridor di denti
Avatar utente
Gasiot2
Connesso: No
Messaggi: 697
Iscritto il: 8 giu 2019, 22:01
Ha Assegnato: 219 Mi Piace
Ha Ricevuto: 222 Mi Piace

Re: Tempi moderni N.2

Messaggio da leggere da Gasiot2 »

Se parliamo di cose nostre non sono d'accordo con il tuo timore sulla uscita dx
Se invece ti riferisci al pianeta tutto hai ragione... però dove ne sono usciti a sx non è che sia tutto un bel vivere
“Se un uomo è uno stupido, non lo emancipi dalla sua stupidità col mandarlo all'università. Semplicemente lo trasformi in uno stupido addestrato, dieci volte più pericoloso.”
DESMOND BAGLEY
Avatar utente
carletto3
Connesso: No
Messaggi: 8090
Iscritto il: 25 giu 2019, 2:20
Ha Assegnato: 436 Mi Piace
Ha Ricevuto: 3215 Mi Piace

Re: Tempi moderni N.2

Messaggio da leggere da carletto3 »

giampieros ha scritto: 13 lug 2020, 18:07
Mugik ha scritto: 13 lug 2020, 12:10 Oramai nn riesco piu a seguire con un minimo di attenzione questa chincaglieria pseudopolitica ,del tutto simile alle consuete beghe di pianerottolo
La sindaca ,il questore ,il politico ,il partito fanno tutti parte di una compagnia di giro, a impatto prossimo allo zero sulle nostre effettive vite
Chiunque prenda in mano le redini immaginarie di questo paese imbolsito farà solo buchi nell'acqua
Sono sempre stato conrario al qualunquismo del'uno vale l'altro,ho sempre pensato positivo cercando se nn altro il meno peggio
Ma anche quest'ultima frontiera dell'ottimismo condizionato è stata frantumata dal totale dislocarsi in ambito globale,della politica nazionale
Dalla oramai completata distruzione dello stato/nazione
Dallo svuotamento del'idea stessa di democrazia in progressiva marcia verso il compimento del suo concetto
E' venuta a mancare una qualsiasi idea di futuro progressivo,viviamo un eterno presente senza prospettive ,dove tutto l'esistente rimane immobile perchè,gia dato una volta per sempre dal mosè del capitale disceso dal monte ,a mostrarci qli sfavillanti prodigi della tecnica,la stessa tecnica gia ribaltata in nichilismo desertificante le nostre coscienze
Tutto cio coincide con la rimozione della storicità del uomo a una dimensione ,quella economica
E' successa una roba grave ,lasciatemelo dire con un pizzico di amara ironia,
L'internazionalismo è stato proclamato dal proletariato ma realizzato dal capitale ,naturalmente con scopi e risultati opposti

Sono i capitali a muoversi solidali sullo scacchiere internazionale,liberi di mordere e fuggire lasciando dietro di loro terra bruciata peggio che se fosse passata una mandria di bufali impazzita
Sono i capitali mai sazi di un accrescimento che per nn andare in default deve essere infinito,a concentrare in sempre meno mani sempre piu avide del sangue delle nostre esistenze vilipese,i frutti della terra spremuta come se nn ci fosse domani
Sono i liberi capitali a creare sempre piu numerose schiere di "ultimi uomini"frammentati nel sociale e nella coscienza,sempre piu lontani in distanze oramai misurabili in anni luce,dalla causa della miseria delle proprie esistenze
,che anzichè ribellarsi ai pochi aguzzini,hanno l'illusione di potersi sedere alla stessa tavola,come imprenditori di stessi,e fanno file che cominciano la sera prima
per potersi aggiudicare l'ultimo modello di quel surrogato scemo del cervello che potentemente contribuisce a rincretinirci
Bene...anzi male. Sono abbastanza d'accordo. E allora? Hai un modello alternativo da proporre? Qualcuno ce l'ha? Va tutto male e non c'è nulla da fare? Oppure qualcosa da fare ci sarebbe. E che cosa?
Ce l'ho io.....ed è l'unico che funziona in Italia.
Un bel Dittatore illuminato con non pieni,ma pienissimi poteri che decida tutto e alla svelta.che vada in cul al Tar ai ricorsi alle "menate democratiche"...con una Costituzione sospesa e messa in naftalina...
Non deve essere per forza crudele e spietato ma pieno di buonsenso e praticita'.
Proporrei la eccezionale Casalinga di Voghera.... e non scherzo.... parlo sul serio.
Una donna pratica piena di buon senso che pensi anche al futuro dei suoi figli e nipoti...e che sia disgustata dalla politica e da questa magistratura.
Ma il mio è un sogno ad occhi aperti.
La realta' è solo un'allucinazione dovuta a carenza di alcol (...un saggio)
"Gli è tutto sbagliato....gli è tutto da rifa'"
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 7835
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4083 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2474 Mi Piace

Re: Tempi moderni N.2

Messaggio da leggere da heyoka »

Non credo che ci siano soluzioni per gli aborti.
Neanche la tua amata casalinga fi Voghera può salvare gli italiani.
Io una soluzione la vedo per i Veneti.
Si chiama Indipendenza.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Connesso
Avatar utente
Valerio
Connesso: Sì
Messaggi: 5988
Iscritto il: 8 giu 2019, 20:31
Località: Messina
Ha Assegnato: 3555 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2764 Mi Piace

Re: Tempi moderni N.2

Messaggio da leggere da Valerio »

Mugik ha scritto: 13 lug 2020, 12:10 Oramai nn riesco piu a seguire con un minimo di attenzione questa chincaglieria pseudopolitica ,del tutto simile alle consuete beghe di pianerottolo
La sindaca ,il questore ,il politico ,il partito fanno tutti parte di una compagnia di giro, a impatto prossimo allo zero sulle nostre effettive vite
Chiunque prenda in mano le redini immaginarie di questo paese imbolsito farà solo buchi nell'acqua
Sono sempre stato conrario al qualunquismo del'uno vale l'altro,ho sempre pensato positivo cercando se nn altro il meno peggio
Ma anche quest'ultima frontiera dell'ottimismo condizionato è stata frantumata dal totale dislocarsi in ambito globale,della politica nazionale
Dalla oramai completata distruzione dello stato/nazione
Dallo svuotamento del'idea stessa di democrazia in progressiva marcia verso il compimento del suo concetto
E' venuta a mancare una qualsiasi idea di futuro progressivo,viviamo un eterno presente senza prospettive ,dove tutto l'esistente rimane immobile perchè,gia dato una volta per sempre dal mosè del capitale disceso dal monte ,a mostrarci qli sfavillanti prodigi della tecnica,la stessa tecnica gia ribaltata in nichilismo desertificante le nostre coscienze
Tutto cio coincide con la rimozione della storicità del uomo a una dimensione ,quella economica
E' successa una roba grave ,lasciatemelo dire con un pizzico di amara ironia,
L'internazionalismo è stato proclamato dal proletariato ma realizzato dal capitale ,naturalmente con scopi e risultati opposti

Sono i capitali a muoversi solidali sullo scacchiere internazionale,liberi di mordere e fuggire lasciando dietro di loro terra bruciata peggio che se fosse passata una mandria di bufali impazzita
Sono i capitali mai sazi di un accrescimento che per nn andare in default deve essere infinito,a concentrare in sempre meno mani sempre piu avide del sangue delle nostre esistenze vilipese,i frutti della terra spremuta come se nn ci fosse domani
Sono i liberi capitali a creare sempre piu numerose schiere di "ultimi uomini"frammentati nel sociale e nella coscienza,sempre piu lontani in distanze oramai misurabili in anni luce,dalla causa della miseria delle proprie esistenze
,che anzichè ribellarsi ai pochi aguzzini,hanno l'illusione di potersi sedere alla stessa tavola,come imprenditori di stessi,e fanno file che cominciano la sera prima
per potersi aggiudicare l'ultimo modello di quel surrogato scemo del cervello che potentemente contribuisce a rincretinirci
A volte mi stupisci.
Sovranità al Cittadino.
Non abbiamo un pianeta B
In onore dei pennuti heyokani: Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.
Mugik
Connesso: No

Re: Tempi moderni N.2

Messaggio da leggere da Mugik »

Gasiot ha scritto: 13 lug 2020, 19:30 Se parliamo di cose nostre non sono d'accordo con il tuo timore sulla uscita dx
Se invece ti riferisci al pianeta tutto hai ragione... però dove ne sono usciti a sx non è che sia tutto un bel vivere
anche se ti parra strano.l'ultima e la sola uscita a "sx" è stata quella della grande crisi in USA DEL 1929
mA C'ERA UN PRESIDENTE LUNGIMIRANTE alla casa bianca rooswelt che ha seguito i consigli di un economista dal volto umano keynes
E poi ne e'' uscita definitivamente solo grazie alle spese statali in vista della 2 guerra mondiale
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 7835
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4083 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2474 Mi Piace

Re: Tempi moderni N.2

Messaggio da leggere da heyoka »

Mugik ha scritto: 13 lug 2020, 20:28
Gasiot ha scritto: 13 lug 2020, 19:30 Se parliamo di cose nostre non sono d'accordo con il tuo timore sulla uscita dx
Se invece ti riferisci al pianeta tutto hai ragione... però dove ne sono usciti a sx non è che sia tutto un bel vivere
anche se ti parra strano.l'ultima e la sola uscita a "sx" è stata quella della grande crisi in USA DEL 1929
mA C'ERA UN PRESIDENTE LUNGIMIRANTE alla casa bianca rooswelt che ha seguito i consigli di un economista dal volto umano keynes
E poi ne e'' uscita definitivamente solo grazie alle spese statali in vista della 2 guerra mondiale
Pare che Keines e Rooswelt abbiano copiato da Mussolini.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Mugik
Connesso: No

Re: Tempi moderni N.2

Messaggio da leggere da Mugik »

heyoka ha scritto: 13 lug 2020, 22:14
Mugik ha scritto: 13 lug 2020, 20:28
Gasiot ha scritto: 13 lug 2020, 19:30 Se parliamo di cose nostre non sono d'accordo con il tuo timore sulla uscita dx
Se invece ti riferisci al pianeta tutto hai ragione... però dove ne sono usciti a sx non è che sia tutto un bel vivere
anche se ti parra strano.l'ultima e la sola uscita a "sx" è stata quella della grande crisi in USA DEL 1929
mA C'ERA UN PRESIDENTE LUNGIMIRANTE alla casa bianca rooswelt che ha seguito i consigli di un economista dal volto umano keynes
E poi ne e'' uscita definitivamente solo grazie alle spese statali in vista della 2 guerra mondiale
Pare che Keines e Rooswelt abbiano copiato da Mussolini.
Keines e Rooswelt hanno evitato un mussolini a stelle e strisce
Anche se è vero che la politica economica era simile
Avatar utente
giampieros
Connesso: No
Messaggi: 735
Iscritto il: 17 giu 2019, 20:07
Ha Assegnato: 302 Mi Piace
Ha Ricevuto: 386 Mi Piace

Re: Tempi moderni N.2

Messaggio da leggere da giampieros »

Mugik ha scritto: 13 lug 2020, 19:14
giampieros ha scritto: 13 lug 2020, 18:07
Mugik ha scritto: 13 lug 2020, 12:10 Oramai nn riesco piu a seguire con un minimo di attenzione questa chincaglieria pseudopolitica ,del tutto simile alle consuete beghe di pianerottolo
La sindaca ,il questore ,il politico ,il partito fanno tutti parte di una compagnia di giro, a impatto prossimo allo zero sulle nostre effettive vite
Chiunque prenda in mano le redini immaginarie di questo paese imbolsito farà solo buchi nell'acqua
Sono sempre stato conrario al qualunquismo del'uno vale l'altro,ho sempre pensato positivo cercando se nn altro il meno peggio
Ma anche quest'ultima frontiera dell'ottimismo condizionato è stata frantumata dal totale dislocarsi in ambito globale,della politica nazionale
Dalla oramai completata distruzione dello stato/nazione
Dallo svuotamento del'idea stessa di democrazia in progressiva marcia verso il compimento del suo concetto
E' venuta a mancare una qualsiasi idea di futuro progressivo,viviamo un eterno presente senza prospettive ,dove tutto l'esistente rimane immobile perchè,gia dato una volta per sempre dal mosè del capitale disceso dal monte ,a mostrarci qli sfavillanti prodigi della tecnica,la stessa tecnica gia ribaltata in nichilismo desertificante le nostre coscienze
Tutto cio coincide con la rimozione della storicità del uomo a una dimensione ,quella economica
E' successa una roba grave ,lasciatemelo dire con un pizzico di amara ironia,
L'internazionalismo è stato proclamato dal proletariato ma realizzato dal capitale ,naturalmente con scopi e risultati opposti

Sono i capitali a muoversi solidali sullo scacchiere internazionale,liberi di mordere e fuggire lasciando dietro di loro terra bruciata peggio che se fosse passata una mandria di bufali impazzita
Sono i capitali mai sazi di un accrescimento che per nn andare in default deve essere infinito,a concentrare in sempre meno mani sempre piu avide del sangue delle nostre esistenze vilipese,i frutti della terra spremuta come se nn ci fosse domani
Sono i liberi capitali a creare sempre piu numerose schiere di "ultimi uomini"frammentati nel sociale e nella coscienza,sempre piu lontani in distanze oramai misurabili in anni luce,dalla causa della miseria delle proprie esistenze
,che anzichè ribellarsi ai pochi aguzzini,hanno l'illusione di potersi sedere alla stessa tavola,come imprenditori di stessi,e fanno file che cominciano la sera prima
per potersi aggiudicare l'ultimo modello di quel surrogato scemo del cervello che potentemente contribuisce a rincretinirci
Bene...anzi male. Sono abbastanza d'accordo. E allora? Hai un modello alternativo da proporre? Qualcuno ce l'ha? Va tutto male e non c'è nulla da fare? Oppure qualcosa da fare ci sarebbe. E che cosa?
C'è tutto da fare!
Per prima cosa capire come e perche sono provocate quasi tutte le crisi economiche
E poi capire che cercare l'uscita a dx porta a guerre e stridor di denti
Ah beh, adesso sì che è chiaro cosa bisogna fare!
Scommettiamo che se ci mettiamo in dieci scopriamo che abbiamo dieci idee differenti riguardo le cause che hanno provocato la maggior parte delle crisi economiche? Scommettiamo che dieci idee differenti non le abbiamo solo noi ma le hanno anche dieci economisti di chiara fama internazionale?
La seconda affermazione è decisamente più chiara, un po' troppo sintetica ma chiara.
"Cercare l'uscita a destra porta a guerre e stridor di denti" credo sia un litote per dire che l'uscita va cercata a sinistra. E' così?
Bene, un passetto avanti l'abbiamo fatto: per uscire dalle crisi economiche occorre andare a sinistra. Verso la socialdemocrazia o verso il comunismo? L'iniziativa economica privata sarà consentita? Il libero mercato sarà ancora possibile? Etc. etc. etc.
Avatar utente
carletto3
Connesso: No
Messaggi: 8090
Iscritto il: 25 giu 2019, 2:20
Ha Assegnato: 436 Mi Piace
Ha Ricevuto: 3215 Mi Piace

Re: Tempi moderni N.2

Messaggio da leggere da carletto3 »

giampieros ha scritto: 15 lug 2020, 10:52
Mugik ha scritto: 13 lug 2020, 19:14
giampieros ha scritto: 13 lug 2020, 18:07
Mugik ha scritto: 13 lug 2020, 12:10 Oramai nn riesco piu a seguire con un minimo di attenzione questa chincaglieria pseudopolitica ,del tutto simile alle consuete beghe di pianerottolo
La sindaca ,il questore ,il politico ,il partito fanno tutti parte di una compagnia di giro, a impatto prossimo allo zero sulle nostre effettive vite
Chiunque prenda in mano le redini immaginarie di questo paese imbolsito farà solo buchi nell'acqua
Sono sempre stato conrario al qualunquismo del'uno vale l'altro,ho sempre pensato positivo cercando se nn altro il meno peggio
Ma anche quest'ultima frontiera dell'ottimismo condizionato è stata frantumata dal totale dislocarsi in ambito globale,della politica nazionale
Dalla oramai completata distruzione dello stato/nazione
Dallo svuotamento del'idea stessa di democrazia in progressiva marcia verso il compimento del suo concetto
E' venuta a mancare una qualsiasi idea di futuro progressivo,viviamo un eterno presente senza prospettive ,dove tutto l'esistente rimane immobile perchè,gia dato una volta per sempre dal mosè del capitale disceso dal monte ,a mostrarci qli sfavillanti prodigi della tecnica,la stessa tecnica gia ribaltata in nichilismo desertificante le nostre coscienze
Tutto cio coincide con la rimozione della storicità del uomo a una dimensione ,quella economica
E' successa una roba grave ,lasciatemelo dire con un pizzico di amara ironia,
L'internazionalismo è stato proclamato dal proletariato ma realizzato dal capitale ,naturalmente con scopi e risultati opposti

Sono i capitali a muoversi solidali sullo scacchiere internazionale,liberi di mordere e fuggire lasciando dietro di loro terra bruciata peggio che se fosse passata una mandria di bufali impazzita
Sono i capitali mai sazi di un accrescimento che per nn andare in default deve essere infinito,a concentrare in sempre meno mani sempre piu avide del sangue delle nostre esistenze vilipese,i frutti della terra spremuta come se nn ci fosse domani
Sono i liberi capitali a creare sempre piu numerose schiere di "ultimi uomini"frammentati nel sociale e nella coscienza,sempre piu lontani in distanze oramai misurabili in anni luce,dalla causa della miseria delle proprie esistenze
,che anzichè ribellarsi ai pochi aguzzini,hanno l'illusione di potersi sedere alla stessa tavola,come imprenditori di stessi,e fanno file che cominciano la sera prima
per potersi aggiudicare l'ultimo modello di quel surrogato scemo del cervello che potentemente contribuisce a rincretinirci
Bene...anzi male. Sono abbastanza d'accordo. E allora? Hai un modello alternativo da proporre? Qualcuno ce l'ha? Va tutto male e non c'è nulla da fare? Oppure qualcosa da fare ci sarebbe. E che cosa?
C'è tutto da fare!
Per prima cosa capire come e perche sono provocate quasi tutte le crisi economiche
E poi capire che cercare l'uscita a dx porta a guerre e stridor di denti
Ah beh, adesso sì che è chiaro cosa bisogna fare!
Scommettiamo che se ci mettiamo in dieci scopriamo che abbiamo dieci idee differenti riguardo le cause che hanno provocato la maggior parte delle crisi economiche? Scommettiamo che dieci idee differenti non le abbiamo solo noi ma le hanno anche dieci economisti di chiara fama internazionale?
La seconda affermazione è decisamente più chiara, un po' troppo sintetica ma chiara.
"Cercare l'uscita a destra porta a guerre e stridor di denti" credo sia un litote per dire che l'uscita va cercata a sinistra. E' così?
Bene, un passetto avanti l'abbiamo fatto: per uscire dalle crisi economiche occorre andare a sinistra. Verso la socialdemocrazia o verso il comunismo? L'iniziativa economica privata sarà consentita? Il libero mercato sarà ancora possibile? Etc. etc. etc.
O'....come?
O' un ci siamo a sinistra adesso? Piu' sinistra di così......
La realta' è solo un'allucinazione dovuta a carenza di alcol (...un saggio)
"Gli è tutto sbagliato....gli è tutto da rifa'"
Avatar utente
giampieros
Connesso: No
Messaggi: 735
Iscritto il: 17 giu 2019, 20:07
Ha Assegnato: 302 Mi Piace
Ha Ricevuto: 386 Mi Piace

Re: Tempi moderni N.2

Messaggio da leggere da giampieros »

carletto3 ha scritto: 15 lug 2020, 11:10
giampieros ha scritto: 15 lug 2020, 10:52
Mugik ha scritto: 13 lug 2020, 19:14
giampieros ha scritto: 13 lug 2020, 18:07

Bene...anzi male. Sono abbastanza d'accordo. E allora? Hai un modello alternativo da proporre? Qualcuno ce l'ha? Va tutto male e non c'è nulla da fare? Oppure qualcosa da fare ci sarebbe. E che cosa?
C'è tutto da fare!
Per prima cosa capire come e perche sono provocate quasi tutte le crisi economiche
E poi capire che cercare l'uscita a dx porta a guerre e stridor di denti
Ah beh, adesso sì che è chiaro cosa bisogna fare!
Scommettiamo che se ci mettiamo in dieci scopriamo che abbiamo dieci idee differenti riguardo le cause che hanno provocato la maggior parte delle crisi economiche? Scommettiamo che dieci idee differenti non le abbiamo solo noi ma le hanno anche dieci economisti di chiara fama internazionale?
La seconda affermazione è decisamente più chiara, un po' troppo sintetica ma chiara.
"Cercare l'uscita a destra porta a guerre e stridor di denti" credo sia un litote per dire che l'uscita va cercata a sinistra. E' così?
Bene, un passetto avanti l'abbiamo fatto: per uscire dalle crisi economiche occorre andare a sinistra. Verso la socialdemocrazia o verso il comunismo? L'iniziativa economica privata sarà consentita? Il libero mercato sarà ancora possibile? Etc. etc. etc.
O'....come?
O' un ci siamo a sinistra adesso? Piu' sinistra di così......
Certo che ci siamo! Quindi... "che l'uscita a destra" non funzioni è un'ipotesi, che non funzioni "l'uscita a sinistra" è un fatto. Sono d'accordo.
Connesso
Avatar utente
Valerio
Connesso: Sì
Messaggi: 5988
Iscritto il: 8 giu 2019, 20:31
Località: Messina
Ha Assegnato: 3555 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2764 Mi Piace

Re: Tempi moderni N.2

Messaggio da leggere da Valerio »

Mugik ha scritto: 13 lug 2020, 12:10 Oramai nn riesco piu a seguire con un minimo di attenzione questa chincaglieria pseudopolitica ,del tutto simile alle consuete beghe di pianerottolo
La sindaca ,il questore ,il politico ,il partito fanno tutti parte di una compagnia di giro, a impatto prossimo allo zero sulle nostre effettive vite
Chiunque prenda in mano le redini immaginarie di questo paese imbolsito farà solo buchi nell'acqua
Sono sempre stato conrario al qualunquismo del'uno vale l'altro,ho sempre pensato positivo cercando se nn altro il meno peggio
Ma anche quest'ultima frontiera dell'ottimismo condizionato è stata frantumata dal totale dislocarsi in ambito globale,della politica nazionale
Dalla oramai completata distruzione dello stato/nazione
Dallo svuotamento del'idea stessa di democrazia in progressiva marcia verso il compimento del suo concetto
E' venuta a mancare una qualsiasi idea di futuro progressivo,viviamo un eterno presente senza prospettive ,dove tutto l'esistente rimane immobile perchè,gia dato una volta per sempre dal mosè del capitale disceso dal monte ,a mostrarci qli sfavillanti prodigi della tecnica,la stessa tecnica gia ribaltata in nichilismo desertificante le nostre coscienze
Tutto cio coincide con la rimozione della storicità del uomo a una dimensione ,quella economica
E' successa una roba grave ,lasciatemelo dire con un pizzico di amara ironia,
L'internazionalismo è stato proclamato dal proletariato ma realizzato dal capitale ,naturalmente con scopi e risultati opposti

Sono i capitali a muoversi solidali sullo scacchiere internazionale,liberi di mordere e fuggire lasciando dietro di loro terra bruciata peggio che se fosse passata una mandria di bufali impazzita
Sono i capitali mai sazi di un accrescimento che per nn andare in default deve essere infinito,a concentrare in sempre meno mani sempre piu avide del sangue delle nostre esistenze vilipese,i frutti della terra spremuta come se nn ci fosse domani
Sono i liberi capitali a creare sempre piu numerose schiere di "ultimi uomini"frammentati nel sociale e nella coscienza,sempre piu lontani in distanze oramai misurabili in anni luce,dalla causa della miseria delle proprie esistenze
,che anzichè ribellarsi ai pochi aguzzini,hanno l'illusione di potersi sedere alla stessa tavola,come imprenditori di stessi,e fanno file che cominciano la sera prima
per potersi aggiudicare l'ultimo modello di quel surrogato scemo del cervello che potentemente contribuisce a rincretinirci
Riusciresti a dire le stesse cose con meno boria?
Sovranità al Cittadino.
Non abbiamo un pianeta B
In onore dei pennuti heyokani: Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.
Rispondi