Considerazioni sul termine "migrante" e l'obiettivo dell'ingegneria mondialista

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Connesso
Avatar utente
porterrockwell
Connesso: Sì
Messaggi: 3828
Iscritto il: 9 giu 2019, 11:47
Ha Assegnato: 478 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2483 Mi Piace

Considerazioni sul termine "migrante" e l'obiettivo dell'ingegneria mondialista

Messaggio da leggere da porterrockwell »

Nel nostro linguaggio prende corpo il mondo in cui viviamo.
Ora il termine “migrante” (participio presente ) allude ad una destinazione che non si raggiunge mai. L'immigrato (participio passsato) allude ad un qualcosa che ha avuto una partenza ed un arrivo, ad una nuova riterritorializzazione perfezionata. Il migrante è sempre in movimento,non si muove verso una specifica meta. L'uomo così come forgiato dal processo globalista e finanziario, è esso stesso un migrante apolide che si muove di moto browniano nel piano del mercato globale e non si ferma mai. Oggi l'obiettivo dell'ingegneria mondialista non è integrare i migranti, di riterritorializzarli, ma rendere migranti quanti ancora non lo siano. L'obiettivo non è integrare loro, ma render noi come loro. Molti dei nostri giovani vivono già come migranti: cervelli in fuga, l'esperienza Erasmus nobilitata come chance della mondializzazione che ti permette con la laurea di andare a fare il lavapiatti a Berlino, esperienza considerata quasi glamour, cool.
L'obiettivo del mondialismo è renderci tutti migranti, sradicati dalla nostra terra e dalla nostra cultura per sempre, senza particolari diritti.
Scorra come acqua il diritto e la giustizia come un torrente perenne. Amos 5,24
Avatar utente
carletto3
Connesso: No
Messaggi: 8090
Iscritto il: 25 giu 2019, 2:20
Ha Assegnato: 436 Mi Piace
Ha Ricevuto: 3215 Mi Piace

Re: Considerazioni sul termine "migrante" e l'obiettivo dell'ingegneria mondialista

Messaggio da leggere da carletto3 »

porterrockwell ha scritto: 6 dic 2019, 20:12 Nel nostro linguaggio prende corpo il mondo in cui viviamo.
Ora il termine “migrante” (participio presente ) allude ad una destinazione che non si raggiunge mai. L'immigrato (participio passsato) allude ad un qualcosa che ha avuto una partenza ed un arrivo, ad una nuova riterritorializzazione perfezionata. Il migrante è sempre in movimento,non si muove verso una specifica meta. L'uomo così come forgiato dal processo globalista e finanziario, è esso stesso un migrante apolide che si muove di moto browniano nel piano del mercato globale e non si ferma mai. Oggi l'obiettivo dell'ingegneria mondialista non è integrare i migranti, di riterritorializzarli, ma rendere migranti quanti ancora non lo siano. L'obiettivo non è integrare loro, ma render noi come loro. Molti dei nostri giovani vivono già come migranti: cervelli in fuga, l'esperienza Erasmus nobilitata come chance della mondializzazione che ti permette con la laurea di andare a fare il lavapiatti a Berlino, esperienza considerata quasi glamour, cool.
L'obiettivo del mondialismo è renderci tutti migranti, sradicati dalla nostra terra e dalla nostra cultura per sempre, senza particolari diritti.
To'....mi è sembrato per un attimo di leggere D.Fusaro....
Ma quanto ti ha influenzato?
Smiling
La realta' è solo un'allucinazione dovuta a carenza di alcol (...un saggio)
"Gli è tutto sbagliato....gli è tutto da rifa'"
Connesso
Avatar utente
porterrockwell
Connesso: Sì
Messaggi: 3828
Iscritto il: 9 giu 2019, 11:47
Ha Assegnato: 478 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2483 Mi Piace

Re: Considerazioni sul termine "migrante" e l'obiettivo dell'ingegneria mondialista

Messaggio da leggere da porterrockwell »

carletto3 ha scritto: 6 dic 2019, 20:18
porterrockwell ha scritto: 6 dic 2019, 20:12 Nel nostro linguaggio prende corpo il mondo in cui viviamo.
Ora il termine “migrante” (participio presente ) allude ad una destinazione che non si raggiunge mai. L'immigrato (participio passsato) allude ad un qualcosa che ha avuto una partenza ed un arrivo, ad una nuova riterritorializzazione perfezionata. Il migrante è sempre in movimento,non si muove verso una specifica meta. L'uomo così come forgiato dal processo globalista e finanziario, è esso stesso un migrante apolide che si muove di moto browniano nel piano del mercato globale e non si ferma mai. Oggi l'obiettivo dell'ingegneria mondialista non è integrare i migranti, di riterritorializzarli, ma rendere migranti quanti ancora non lo siano. L'obiettivo non è integrare loro, ma render noi come loro. Molti dei nostri giovani vivono già come migranti: cervelli in fuga, l'esperienza Erasmus nobilitata come chance della mondializzazione che ti permette con la laurea di andare a fare il lavapiatti a Berlino, esperienza considerata quasi glamour, cool.
L'obiettivo del mondialismo è renderci tutti migranti, sradicati dalla nostra terra e dalla nostra cultura per sempre, senza particolari diritti.


To'....mi è sembrato per un attimo di leggere D.Fusaro....
Ma quanto ti ha influenzato?
Smiling
In realtà è roba sua. L'ho messa per iscritto per diffonderla meglio
Scorra come acqua il diritto e la giustizia come un torrente perenne. Amos 5,24
Connesso
Avatar utente
Sayon
Connesso: Sì
Messaggi: 11618
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3684 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4716 Mi Piace

Re: Considerazioni sul termine "migrante" e l'obiettivo dell'ingegneria mondialista

Messaggio da leggere da Sayon »

porterrockwell ha scritto: 6 dic 2019, 21:07
carletto3 ha scritto: 6 dic 2019, 20:18
porterrockwell ha scritto: 6 dic 2019, 20:12 Nel nostro linguaggio prende corpo il mondo in cui viviamo.
Ora il termine “migrante” (participio presente ) allude ad una destinazione che non si raggiunge mai. L'immigrato (participio passsato) allude ad un qualcosa che ha avuto una partenza ed un arrivo, ad una nuova riterritorializzazione perfezionata. Il migrante è sempre in movimento,non si muove verso una specifica meta. L'uomo così come forgiato dal processo globalista e finanziario, è esso stesso un migrante apolide che si muove di moto browniano nel piano del mercato globale e non si ferma mai. Oggi l'obiettivo dell'ingegneria mondialista non è integrare i migranti, di riterritorializzarli, ma rendere migranti quanti ancora non lo siano. L'obiettivo non è integrare loro, ma render noi come loro. Molti dei nostri giovani vivono già come migranti: cervelli in fuga, l'esperienza Erasmus nobilitata come chance della mondializzazione che ti permette con la laurea di andare a fare il lavapiatti a Berlino, esperienza considerata quasi glamour, cool.
L'obiettivo del mondialismo è renderci tutti migranti, sradicati dalla nostra terra e dalla nostra cultura per sempre, senza particolari diritti.
ch è roba sua. L'ho messa per iscritto per diffonderla meglio
Concetti, concetti, Ma ala fine basta un governo capace ed intelligente che netta in chiaro che "migrante e' OK ma solo se e' stato invitato per lavorare. L' Europa non puo essere la scorciatoia per la felicita' a spese di chi gia ci vive. Ma l' alternativa e' quello di far crescere anche i Paesi da dove proviene l' immigrazione. Per farlo non serve fermare le navi ONG, ma fare una politica d'investimenti simile al Piano Marshall che fece rinascere l' Europa e fare di tutto per ridurre l' islamismo, la religione della guerra. L' Italia POTREBBE farla ma ci sono delle condizioni: la sinistra NON PUO" STARE AL GOVERNO, devono aumentare le nascite e servono partiti e uomini con idee capaci di parlare in Europa. Queste condizioni purtroppo non ci sono. La sinistra e' al governo, le nascite sono miserabili e la presente destra si disinteressa dell''Europa
Connesso
Avatar utente
RedWine
Connesso: Sì
Messaggi: 5292
Iscritto il: 9 giu 2019, 14:54
Ha Assegnato: 1192 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2878 Mi Piace

Re: Considerazioni sul termine "migrante" e l'obiettivo dell'ingegneria mondialista

Messaggio da leggere da RedWine »

carletto3 ha scritto: 6 dic 2019, 20:18 To'....mi è sembrato per un attimo di leggere D.Fusaro....
Ma quanto ti ha influenzato?
Smiling
Beer4
Smiling Smiling
"Non avrete nulla e sarete felici". e se non fossi felice? "non ti preoccupare, ti cureremo"
Davos agenda 2030.
Avatar utente
carletto3
Connesso: No
Messaggi: 8090
Iscritto il: 25 giu 2019, 2:20
Ha Assegnato: 436 Mi Piace
Ha Ricevuto: 3215 Mi Piace

Re: Considerazioni sul termine "migrante" e l'obiettivo dell'ingegneria mondialista

Messaggio da leggere da carletto3 »

porterrockwell ha scritto: 6 dic 2019, 21:07
carletto3 ha scritto: 6 dic 2019, 20:18
porterrockwell ha scritto: 6 dic 2019, 20:12 Nel nostro linguaggio prende corpo il mondo in cui viviamo.
Ora il termine “migrante” (participio presente ) allude ad una destinazione che non si raggiunge mai. L'immigrato (participio passsato) allude ad un qualcosa che ha avuto una partenza ed un arrivo, ad una nuova riterritorializzazione perfezionata. Il migrante è sempre in movimento,non si muove verso una specifica meta. L'uomo così come forgiato dal processo globalista e finanziario, è esso stesso un migrante apolide che si muove di moto browniano nel piano del mercato globale e non si ferma mai. Oggi l'obiettivo dell'ingegneria mondialista non è integrare i migranti, di riterritorializzarli, ma rendere migranti quanti ancora non lo siano. L'obiettivo non è integrare loro, ma render noi come loro. Molti dei nostri giovani vivono già come migranti: cervelli in fuga, l'esperienza Erasmus nobilitata come chance della mondializzazione che ti permette con la laurea di andare a fare il lavapiatti a Berlino, esperienza considerata quasi glamour, cool.
L'obiettivo del mondialismo è renderci tutti migranti, sradicati dalla nostra terra e dalla nostra cultura per sempre, senza particolari diritti.


To'....mi è sembrato per un attimo di leggere D.Fusaro....
Ma quanto ti ha influenzato?
Smiling
In realtà è roba sua. L'ho messa per iscritto per diffonderla meglio
Mi'...e io l'avevo preso per tuo....ma va bene lo stesso.
Smiling
La realta' è solo un'allucinazione dovuta a carenza di alcol (...un saggio)
"Gli è tutto sbagliato....gli è tutto da rifa'"
Rispondi