Il punto di vista di Orban

Forum rivolto alla Società e alle Politiche Sociali
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 1045
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 310 Mi Piace
Ha Ricevuto: 397 Mi Piace

Il punto di vista di Orban

Messaggio da leggere da Vento »

Parlando alla 4a Conferenza demografica di Budapest , organizzata come un forum sulle politiche a favore della famiglia e altre misure per invertire il declino della popolazione senza ricorrere all’immigrazione di massa, Orbán si è rivolto ai partecipanti – tra cui l’ex vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence , il presidente della Serbia , il presidente serbo di Bosnia, e i primi ministri della Slovacchia e della Slovenia – osservando che la causa del conservatorismo nazionale ha “sofferto sensibili perdite politiche” negli ultimi anni. “Il presidente Trump non è stato in grado di continuare il suo lavoro” negli Stati Uniti dopo il gennaio 2021, …- “e Dio sa cosa accadrà in Germania questa domenica” quando Angela Merkel è teoricamente il partito di centro-destra potrebbe essere sostituito da un governo di sinistra che includa possibilmente il partito comunista di sinistra marxista nelle elezioni nazionali.

[…]

“È un problema che la popolazione sia in declino?” chiese.

“L’Occidente… semplicemente non vuole mantenersi. Non giriamoci intorno: certe civiltà sono in grado di riprodursi; la civiltà occidentale non è in grado di riprodursi, al punto che non sono in grado di decidere se questo sia un problema.

“Alcuni [ i miliardari del deep state e Forum di Davos, ndr. ] sono dell’opinione che questo non sia un problema e sostengono che aumentando la produttività e sviluppando la tecnologia meno persone saranno in grado di generare più beni, più beni pubblici. Produzione meccanizzata, intelligenza artificiale, economia automatizzata: il lavoro umano non conta più. Questa è la soluzione tecnocratica della Silicon Valley “, ha spiegato.

“E ci sono altri che avvertono il problema del declino demografico e per questo vogliono la migrazione. Credono che i popoli alieni da terre lontane dovrebbero essere trasferiti e questo fermerà il declino demografico. Ma la migrazione di massa… i milioni di persone che sono state attirate qui, sono fondamentalmente un piano globale di formazione di un nuovo proletariato”, ha accusato, aggiungendo che i promotori di questa visione del mondo “non tengono conto dell’aspetto culturale della democrazia”.

La migrazione, ha spiegato Orbán, “è una questione di identità” – e “un paese sarà vitale solo se i suoi cittadini condividono in gran parte gli stessi valori – in caso contrario, la nazione, il paese, cadrà a pezzi..”

Il piano dell’Ungheria per invertire il declino demografico rifiutando la migrazione di massa per mantenere la sua identità culturale e coesione sociale, ha detto Orbán alla conferenza, è costruito attorno al principio fondamentale che “lo stato deve proteggere la famiglia e lo stato deve eliminare tutte le ostacoli alla costituzione di famiglie” come elementi costitutivi della società.

Come risultato delle politiche, ha affermato Orbán, “abbiamo quasi raddoppiato i matrimoni” e goduto di un “calo del 41% dell’aborto” dal 2010 –

“Devo dirti onestamente, ci stiamo difendendo, l’Ungheria si sta difendendo, contro gli attacchi della sinistra occidentale; stanno attaccando il modello familiare tradizionale” ha avvertito.

Questi attacchi non sono arrivati ​​solo sotto forma di critiche dirette alle politiche economiche volte a consentire alle coppie di creare una famiglia – e salvare il paese in generale da una bomba demografica a orologeria – che sono spesso dipinte in modo piuttosto ingeneroso come un complotto retrogrado per trasformare le donne in “baby machine” – ma attraverso una parte di una più ampia spinta culturale a “relativizzare la nozione di famiglia”.

Lo “strumento” preferito per questo, ha affermato Orbán, è “l’Lgbtq e la lobby di genere”.

Il leader ungherese ha ricevuto dalla Kommissione UE attacchi feroci e autoritari per la legislazione approvata di recente volta ad affrontare questo problema rendendo illegale la promozione di contenuti LGBTQ su cose come il cambio di genere per i minori nelle scuole e nei media, ma crede che la posizione ungherese non sia così lontana da quello del pubblico dell’Europa occidentale, come suggerirebbe la protesta.

“Nell’Europa occidentale e a Bruxelles, nessuno ha mai chiesto alla gente della propaganda LGBTQ o della migrazione”, ha detto.

Di seguito il lucido commento di Cesare Sacchetti

Alla quarta conferenza demografica tenutasi a Budapest, Viktor Orban ha descritto molto chiaramente il vero scopo dell’immigrazione di massa. Le immigrazioni dai Paesi afro-asiatici non sono un fenomeno spontaneo. Sono un fenomeno orchestrato ed eterodiretto dalle ONG finanziate e dalle istituzioni più rappresentative del disegno mondialista, quali le Nazioni Unite. L’idea è quella di creare un ammasso di genti senza alcuna identità. Orban ha parlato a questo proposito della creazione di un “nuovo proprietariato”. È il disegno originario del conte Kalergi, il nobile austriaco che già negli anni’20 venne finanziato dai Rothschild e dai Warburg.

Kalergi auspicava la costruzione degli Stati Uniti d’Europa popolati non dai tradizionali popoli etnici europei ma piuttosto dalla fusione di africani, asiatici ed europei.

È il proletariato senza identità e cultura di cui parla Orban. È un piano di distruzione scientifica della vera Europa e del mondo Occidentale che attraverso la secolarizzazione e la scristianizzione ha accelerato e favorito questo processo di disgregazione etnica e culturale. L’ideologia liberalmarxista ha polverizzato l’idea della famiglia naturale, ovvero il pilastro sul quale ha sempre poggiato tutta l’Europa. Una volta rimosse le sue fondamenta, l’Europa ha iniziato il viaggio verso la sua autodistruzione. Il male dell’Occidente è proprio questo. Non si fanno figli perché la famiglia è stata minata attraverso un’aggressione culturale e un’altra economica che ha privato i popoli europei dei mezzi necessari per sostentare i figli. Per guarire, l’Occidente deve fare soltanto una cosa. Liberarsi di questi falsi valori imposti dal femminismo e dal marxismo. Per guarire, l’Occidente deve tornare ad essere ciò che è sempre stato per oltre duemila anni.

https://www.breitbart.com/europe/2021/0 ... ssion=true


Amen and Awoman :lol:
Avatar utente
nerorosso
Connesso: Sì
Messaggi: 3992
Iscritto il: 8 giu 2019, 17:34
Ha Assegnato: 1144 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1276 Mi Piace

Re: Il punto di vista di Orban

Messaggio da leggere da nerorosso »

Vento ha scritto: ↑28 set 2021, 10:05 Parlando alla 4a Conferenza demografica di Budapest , organizzata come un forum sulle politiche a favore della famiglia e altre misure per invertire il declino della popolazione senza ricorrere all’immigrazione di massa, Orbán si è rivolto ai partecipanti – tra cui l’ex vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence , il presidente della Serbia , il presidente serbo di Bosnia, e i primi ministri della Slovacchia e della Slovenia – osservando che la causa del conservatorismo nazionale ha “sofferto sensibili perdite politiche” negli ultimi anni. “Il presidente Trump non è stato in grado di continuare il suo lavoro” negli Stati Uniti dopo il gennaio 2021, …- “e Dio sa cosa accadrà in Germania questa domenica” quando Angela Merkel è teoricamente il partito di centro-destra potrebbe essere sostituito da un governo di sinistra che includa possibilmente il partito comunista di sinistra marxista nelle elezioni nazionali.

[…]

“È un problema che la popolazione sia in declino?” chiese.

“L’Occidente… semplicemente non vuole mantenersi. Non giriamoci intorno: certe civiltà sono in grado di riprodursi; la civiltà occidentale non è in grado di riprodursi, al punto che non sono in grado di decidere se questo sia un problema.

“Alcuni [ i miliardari del deep state e Forum di Davos, ndr. ] sono dell’opinione che questo non sia un problema e sostengono che aumentando la produttività e sviluppando la tecnologia meno persone saranno in grado di generare più beni, più beni pubblici. Produzione meccanizzata, intelligenza artificiale, economia automatizzata: il lavoro umano non conta più. Questa è la soluzione tecnocratica della Silicon Valley “, ha spiegato.

“E ci sono altri che avvertono il problema del declino demografico e per questo vogliono la migrazione. Credono che i popoli alieni da terre lontane dovrebbero essere trasferiti e questo fermerà il declino demografico. Ma la migrazione di massa… i milioni di persone che sono state attirate qui, sono fondamentalmente un piano globale di formazione di un nuovo proletariato”, ha accusato, aggiungendo che i promotori di questa visione del mondo “non tengono conto dell’aspetto culturale della democrazia”.

La migrazione, ha spiegato Orbán, “è una questione di identità” – e “un paese sarà vitale solo se i suoi cittadini condividono in gran parte gli stessi valori – in caso contrario, la nazione, il paese, cadrà a pezzi..”

Il piano dell’Ungheria per invertire il declino demografico rifiutando la migrazione di massa per mantenere la sua identità culturale e coesione sociale, ha detto Orbán alla conferenza, è costruito attorno al principio fondamentale che “lo stato deve proteggere la famiglia e lo stato deve eliminare tutte le ostacoli alla costituzione di famiglie” come elementi costitutivi della società.

Come risultato delle politiche, ha affermato Orbán, “abbiamo quasi raddoppiato i matrimoni” e goduto di un “calo del 41% dell’aborto” dal 2010 –

“Devo dirti onestamente, ci stiamo difendendo, l’Ungheria si sta difendendo, contro gli attacchi della sinistra occidentale; stanno attaccando il modello familiare tradizionale” ha avvertito.

Questi attacchi non sono arrivati ​​solo sotto forma di critiche dirette alle politiche economiche volte a consentire alle coppie di creare una famiglia – e salvare il paese in generale da una bomba demografica a orologeria – che sono spesso dipinte in modo piuttosto ingeneroso come un complotto retrogrado per trasformare le donne in “baby machine” – ma attraverso una parte di una più ampia spinta culturale a “relativizzare la nozione di famiglia”.

Lo “strumento” preferito per questo, ha affermato Orbán, è “l’Lgbtq e la lobby di genere”.

Il leader ungherese ha ricevuto dalla Kommissione UE attacchi feroci e autoritari per la legislazione approvata di recente volta ad affrontare questo problema rendendo illegale la promozione di contenuti LGBTQ su cose come il cambio di genere per i minori nelle scuole e nei media, ma crede che la posizione ungherese non sia così lontana da quello del pubblico dell’Europa occidentale, come suggerirebbe la protesta.

“Nell’Europa occidentale e a Bruxelles, nessuno ha mai chiesto alla gente della propaganda LGBTQ o della migrazione”, ha detto.

Di seguito il lucido commento di Cesare Sacchetti

Alla quarta conferenza demografica tenutasi a Budapest, Viktor Orban ha descritto molto chiaramente il vero scopo dell’immigrazione di massa. Le immigrazioni dai Paesi afro-asiatici non sono un fenomeno spontaneo. Sono un fenomeno orchestrato ed eterodiretto dalle ONG finanziate e dalle istituzioni più rappresentative del disegno mondialista, quali le Nazioni Unite. L’idea è quella di creare un ammasso di genti senza alcuna identità. Orban ha parlato a questo proposito della creazione di un “nuovo proprietariato”. È il disegno originario del conte Kalergi, il nobile austriaco che già negli anni’20 venne finanziato dai Rothschild e dai Warburg.

Kalergi auspicava la costruzione degli Stati Uniti d’Europa popolati non dai tradizionali popoli etnici europei ma piuttosto dalla fusione di africani, asiatici ed europei.

È il proletariato senza identità e cultura di cui parla Orban. È un piano di distruzione scientifica della vera Europa e del mondo Occidentale che attraverso la secolarizzazione e la scristianizzione ha accelerato e favorito questo processo di disgregazione etnica e culturale. L’ideologia liberalmarxista ha polverizzato l’idea della famiglia naturale, ovvero il pilastro sul quale ha sempre poggiato tutta l’Europa. Una volta rimosse le sue fondamenta, l’Europa ha iniziato il viaggio verso la sua autodistruzione. Il male dell’Occidente è proprio questo. Non si fanno figli perché la famiglia è stata minata attraverso un’aggressione culturale e un’altra economica che ha privato i popoli europei dei mezzi necessari per sostentare i figli. Per guarire, l’Occidente deve fare soltanto una cosa. Liberarsi di questi falsi valori imposti dal femminismo e dal marxismo. Per guarire, l’Occidente deve tornare ad essere ciò che è sempre stato per oltre duemila anni.

https://www.breitbart.com/europe/2021/0 ... ssion=true
Vedi, io dal punto di vista etico concordo in pieno con Orban.
Dissento ovviamente al massimo grado sulle sue politiche economiche liberiste.


ADMIN POWER...
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 1045
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 310 Mi Piace
Ha Ricevuto: 397 Mi Piace

Re: Il punto di vista di Orban

Messaggio da leggere da Vento »

Non conosco la politica economica di Orban, che immagino simile a quella russa o cinese, non proprio liberista, ma controllata dallo Stato in qualche modo. Sbaglio?
Apprezzo del nostro la decisa posizione sull'immigrazione, che riguarda l'identità della società. Costruire una società coesa e omogenea richiede secoli e grandi attenzioni e sono le sole società in grado di stare in piedi, alla lunga.


Amen and Awoman :lol:
Rispondi