Cemento, vetri e microchip: così nel mondo spariscono gli ultimi granelli di sabbia

Forum dedicato all'economia italiana e internazionale
Avatar utente
Crossfire
Consigliere
Messaggi: 315
Iscritto il: 9 nov 2020, 16:45
Has thanked: 105 times
Ti Piace: 103 times

Cemento, vetri e microchip: così nel mondo spariscono gli ultimi granelli di sabbia

Messaggio da leggere da Crossfire »

Cemento, vetri e microchip: così nel mondo spariscono gli ultimi granelli di sabbia
Nessuno ci crede quando lo sente dire, eppure il mondo sta finendo la sabbia.
[...]
Ogni anno ne consumiamo 15 miliardi di tonnellate e dal 1990 la domanda è cresciuta di tre volte: di questo passo arriveremo a 40 miliardi l’anno entro il 2050.
[...]
È in Cina il problema, visto che l’incredibile sviluppo del paese richiede il 58 per cento della sabbia estratta nel mondo. In tre o quattro anni i cinesi hanno prodotto più cemento di quanto sia stato usato dagli Stati Uniti in un secolo.
[...]
Ma usare la sabbia ha un beneficio facile ed immediato; lasciarla dov’è è meglio per l’ambiente, ma costa di più. Dunque ci occuperemo sicuramente del problema, ma solo quando la sabbia sarà finita.
Questa idea che le risorse del nostro pianeta siano infinite e che la crescita deve essere infinita, sará la condanna.
Poshibel 'na cavra de het quintai.
giaguaro
Consigliere
Messaggi: 530
Iscritto il: 9 giu 2019, 10:49
1
Has thanked: 638 times
Ti Piace: 226 times

Re: Cemento, vetri e microchip: così nel mondo spariscono gli ultimi granelli di sabbia

Messaggio da leggere da giaguaro »

Crossfire ha scritto: 7 mar 2021, 10:01 Cemento, vetri e microchip: così nel mondo spariscono gli ultimi granelli di sabbia
Nessuno ci crede quando lo sente dire, eppure il mondo sta finendo la sabbia.
[...]
Ogni anno ne consumiamo 15 miliardi di tonnellate e dal 1990 la domanda è cresciuta di tre volte: di questo passo arriveremo a 40 miliardi l’anno entro il 2050.
[...]
È in Cina il problema, visto che l’incredibile sviluppo del paese richiede il 58 per cento della sabbia estratta nel mondo. In tre o quattro anni i cinesi hanno prodotto più cemento di quanto sia stato usato dagli Stati Uniti in un secolo.
[...]
Ma usare la sabbia ha un beneficio facile ed immediato; lasciarla dov’è è meglio per l’ambiente, ma costa di più. Dunque ci occuperemo sicuramente del problema, ma solo quando la sabbia sarà finita.
Questa idea che le risorse del nostro pianeta siano infinite e che la crescita deve essere infinita, sará la condanna.
durante il periodo 1995/2010 ho frequentato assiduamente (Stagione completa da maggio a settembre) un Campeggio importante del sud Sardegna.
Davanti c'era una spiaggia, interamente utilizzata esclusivamente dai clienti di detto campeggio. Nonostante gli oltre 3000 fedeli campeggiatori, la spiaggia era così vasta che non c'erano problemi neppure per parcheggiare su di essa le numerose barche e i tanti gommoni. Come minimo, in qualche punto la spiaggia aveva almeno cento metri di distanza dal mare. Dalla riva si poteva camminare in acque basse,dove giocavano i bambini senza problemi, per almeno altri 100 metri. Anche oltre, dopo qualche piccolo tratto di profondità dell'acqua di circa due/tre metri si poteva risalira sui banchi di sabbia fino al giro vita. Era una sabbia bianca e fine come gran parte delle spiaggie di quella zona.
All'inizio della stagione dell' anno, mi pare del 2002 o del 2003 (non ricordo bene), quando mi recai in spiaggia vidi che la spiaggia si era ritirata per circa la metà, e quando entrai in mare mi accorsi che dopo pochi metri il mare era profondo almeno tre/quattro metri.
Ne informai subito il direttore, il quale mi disse che probalmente qualche grossa tempesta aveva spostato la sabbia.
Poichè non credevo ad un simile disastro naturale cercai di segnalare la cosa, con lettere, ad alcuni organi di stampa, ma nessuno prestò mai attenzione alle mie segnalazioni, e tutto rimase nel silenzio più totale.
Io era convinto, così come ho segnalato alle varie organizzazioni anche di quel Comune, che probabilmente durante il periodo in cui era chiuso il campeggio, qualche grossa impresa ben organizzata, aveva portato via tutta quella sabbia, magari per ricreare qualche altra spiaggia o per altre attività.
Nessuno mi dette ascolto e fui costretto a rassegnarmi.
Forse c'era qualcuno che sapeva e che aveva interesse a tacere!
Non posso insegnare niente a nessuno, posso solo cercare di farli riflettere - SOCRATE
Avatar utente
heyoka
Senatore
Messaggi: 5404
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
1
Has thanked: 1743 times
Ti Piace: 927 times

Re: Cemento, vetri e microchip: così nel mondo spariscono gli ultimi granelli di sabbia

Messaggio da leggere da heyoka »

Siamo sempre alla genesi del problema.
8 Miliardi di uomini, dei quali almeno il 70 %, giustamente ritiene di avere il diritto di godere dello stesso tenore di vita che ha il 30%.
SOLUZIONE??????
Aspetto risposte alternative a quella che ho già espresso nel forum.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Avatar utente
nerorosso
Senatore
Messaggi: 2782
Iscritto il: 8 giu 2019, 17:34
1
Has thanked: 623 times
Ti Piace: 609 times

Re: Cemento, vetri e microchip: così nel mondo spariscono gli ultimi granelli di sabbia

Messaggio da leggere da nerorosso »

Crossfire ha scritto: 7 mar 2021, 10:01 Cemento, vetri e microchip: così nel mondo spariscono gli ultimi granelli di sabbia
Nessuno ci crede quando lo sente dire, eppure il mondo sta finendo la sabbia.
[...]
Ogni anno ne consumiamo 15 miliardi di tonnellate e dal 1990 la domanda è cresciuta di tre volte: di questo passo arriveremo a 40 miliardi l’anno entro il 2050.
[...]
È in Cina il problema, visto che l’incredibile sviluppo del paese richiede il 58 per cento della sabbia estratta nel mondo. In tre o quattro anni i cinesi hanno prodotto più cemento di quanto sia stato usato dagli Stati Uniti in un secolo.
[...]
Ma usare la sabbia ha un beneficio facile ed immediato; lasciarla dov’è è meglio per l’ambiente, ma costa di più. Dunque ci occuperemo sicuramente del problema, ma solo quando la sabbia sarà finita.
Questa idea che le risorse del nostro pianeta siano infinite e che la crescita deve essere infinita, sará la condanna.
Ma porcaccia…
Secondo i "gretini" pare che il mondo, compresa la verde pianura Padana, sia a rischio desertificazione, senza contare i deserti del Sahara, il deserto del Gobi, quello del Kalahari, più quelli australiani e vari altri nelle Americhe Sud e Nord, e adesso viene fuori che non c'è abbastanza sabbia!?
Ma se è la cosa più abbondante o quasi nel globo terracqueo…

:shock:
PATRIA O MUERTE!!!

(Fidel Castro)
charlie prestit
Aspirante Politico
Messaggi: 12
Iscritto il: 25 apr 2021, 0:45
Ti Piace: 5 times

Re: Cemento, vetri e microchip: così nel mondo spariscono gli ultimi granelli di sabbia

Messaggio da leggere da charlie prestit »

heyoka ha scritto: 27 apr 2021, 20:47 Siamo sempre alla genesi del problema.
8 Miliardi di uomini, dei quali almeno il 70 %, giustamente ritiene di avere il diritto di godere dello stesso tenore di vita che ha il 30%.
SOLUZIONE??????
Aspetto risposte alternative a quella che ho già espresso nel forum.
Ognuno ci crede

E' il cervello che manda questi impulsi

Se nascevo in Africa morto di fame e sentivo che c'era una possibilità Europea di migliorare il mio tenore di vita magari ero pure io un barconaro

dipende sempre cosa ti offre l'habitat
charlie prestit
Aspirante Politico
Messaggi: 12
Iscritto il: 25 apr 2021, 0:45
Ti Piace: 5 times

Re: Cemento, vetri e microchip: così nel mondo spariscono gli ultimi granelli di sabbia

Messaggio da leggere da charlie prestit »

giaguaro ha scritto: 27 apr 2021, 20:05
Crossfire ha scritto: 7 mar 2021, 10:01 Cemento, vetri e microchip: così nel mondo spariscono gli ultimi granelli di sabbia
Nessuno ci crede quando lo sente dire, eppure il mondo sta finendo la sabbia.
[...]
Ogni anno ne consumiamo 15 miliardi di tonnellate e dal 1990 la domanda è cresciuta di tre volte: di questo passo arriveremo a 40 miliardi l’anno entro il 2050.
[...]
È in Cina il problema, visto che l’incredibile sviluppo del paese richiede il 58 per cento della sabbia estratta nel mondo. In tre o quattro anni i cinesi hanno prodotto più cemento di quanto sia stato usato dagli Stati Uniti in un secolo.
[...]
Ma usare la sabbia ha un beneficio facile ed immediato; lasciarla dov’è è meglio per l’ambiente, ma costa di più. Dunque ci occuperemo sicuramente del problema, ma solo quando la sabbia sarà finita.
Questa idea che le risorse del nostro pianeta siano infinite e che la crescita deve essere infinita, sará la condanna.
durante il periodo 1995/2010 ho frequentato assiduamente (Stagione completa da maggio a settembre) un Campeggio importante del sud Sardegna.
Davanti c'era una spiaggia, interamente utilizzata esclusivamente dai clienti di detto campeggio. Nonostante gli oltre 3000 fedeli campeggiatori, la spiaggia era così vasta che non c'erano problemi neppure per parcheggiare su di essa le numerose barche e i tanti gommoni. Come minimo, in qualche punto la spiaggia aveva almeno cento metri di distanza dal mare. Dalla riva si poteva camminare in acque basse,dove giocavano i bambini senza problemi, per almeno altri 100 metri. Anche oltre, dopo qualche piccolo tratto di profondità dell'acqua di circa due/tre metri si poteva risalira sui banchi di sabbia fino al giro vita. Era una sabbia bianca e fine come gran parte delle spiaggie di quella zona.
All'inizio della stagione dell' anno, mi pare del 2002 o del 2003 (non ricordo bene), quando mi recai in spiaggia vidi che la spiaggia si era ritirata per circa la metà, e quando entrai in mare mi accorsi che dopo pochi metri il mare era profondo almeno tre/quattro metri.
Ne informai subito il direttore, il quale mi disse che probalmente qualche grossa tempesta aveva spostato la sabbia.
Poichè non credevo ad un simile disastro naturale cercai di segnalare la cosa, con lettere, ad alcuni organi di stampa, ma nessuno prestò mai attenzione alle mie segnalazioni, e tutto rimase nel silenzio più totale.
Io era convinto, così come ho segnalato alle varie organizzazioni anche di quel Comune, che probabilmente durante il periodo in cui era chiuso il campeggio, qualche grossa impresa ben organizzata, aveva portato via tutta quella sabbia, magari per ricreare qualche altra spiaggia o per altre attività.
Nessuno mi dette ascolto e fui costretto a rassegnarmi.
Forse c'era qualcuno che sapeva e che aveva interesse a tacere!
probabile, poiche una roba del genere non si spiega

per tutti gli anni che sono andato in Romagna sulle spiagge non si è mai verificata una roba del genere

spostarsi è spostarsi , sparire è sparire

se la sono venduta
giaguaro
Consigliere
Messaggi: 530
Iscritto il: 9 giu 2019, 10:49
1
Has thanked: 638 times
Ti Piace: 226 times

Re: Cemento, vetri e microchip: così nel mondo spariscono gli ultimi granelli di sabbia

Messaggio da leggere da giaguaro »

charlie prestit ha scritto: 28 apr 2021, 12:48
giaguaro ha scritto: 27 apr 2021, 20:05 l]
Forse c'era qualcuno che sapeva e che aveva interesse a tacere!
probabile, poiche una roba del genere non si spiega

per tutti gli anni che sono andato in Romagna sulle spiagge non si è mai verificata una roba del genere

spostarsi è spostarsi , sparire è sparire

se la sono venduta
Sono d'accordo con te, egregio Charlie. anch'io ho pensato la medesima cosa. Anzi, ricordo che allora avevo anche cercato di fare il calcolo di quanti metri cubi, all'incirca, erano scomparsi da quel posto. Premesso che la spiaggia era lunga circa un chilometro, che, fra terra e mare, era scomparsa la sabbia per circa cento metri di larghezza ed una prondità di circa un metro/un metro e mezzo di altezza, ho calcolato che la sabbia scomparsa fosse tra i centomila e i centocinquantamila metri cubi.
Quello che mi aveva meravigliato di più fu il fatto che, nonostante nel campeggio esistesse un servizio di vigilanza durante tutto l'anno, tutti dichiararono di non essersi mai accorti di nulla.
Non posso insegnare niente a nessuno, posso solo cercare di farli riflettere - SOCRATE
Avatar utente
Crossfire
Consigliere
Messaggi: 315
Iscritto il: 9 nov 2020, 16:45
Has thanked: 105 times
Ti Piace: 103 times

Re: Cemento, vetri e microchip: così nel mondo spariscono gli ultimi granelli di sabbia

Messaggio da leggere da Crossfire »

giaguaro ha scritto: 28 apr 2021, 13:15
charlie prestit ha scritto: 28 apr 2021, 12:48
giaguaro ha scritto: 27 apr 2021, 20:05 l]
Forse c'era qualcuno che sapeva e che aveva interesse a tacere!
probabile, poiche una roba del genere non si spiega

per tutti gli anni che sono andato in Romagna sulle spiagge non si è mai verificata una roba del genere

spostarsi è spostarsi , sparire è sparire

se la sono venduta
Sono d'accordo con te, egregio Charlie. anch'io ho pensato la medesima cosa. Anzi, ricordo che allora avevo anche cercato di fare il calcolo di quanti metri cubi, all'incirca, erano scomparsi da quel posto. Premesso che la spiaggia era lunga circa un chilometro, che, fra terra e mare, era scomparsa la sabbia per circa cento metri di larghezza ed una prondità di circa un metro/un metro e mezzo di altezza, ho calcolato che la sabbia scomparsa fosse tra i centomila e i centocinquantamila metri cubi.
Quello che mi aveva meravigliato di più fu il fatto che, nonostante nel campeggio esistesse un servizio di vigilanza durante tutto l'anno, tutti dichiararono di non essersi mai accorti di nulla.
Stiamo parlando di cifre a parecchi zeri, sicuramente ci sta anche qualche "pagamento laterale".
Poshibel 'na cavra de het quintai.
giaguaro
Consigliere
Messaggi: 530
Iscritto il: 9 giu 2019, 10:49
1
Has thanked: 638 times
Ti Piace: 226 times

Re: Cemento, vetri e microchip: così nel mondo spariscono gli ultimi granelli di sabbia

Messaggio da leggere da giaguaro »

Crossfire ha scritto: 28 apr 2021, 13:27
giaguaro ha scritto: 28 apr 2021, 13:15
charlie prestit ha scritto: 28 apr 2021, 12:48

probabile, poiche una roba del genere non si spiega

per tutti gli anni che sono andato in Romagna sulle spiagge non si è mai verificata una roba del genere

spostarsi è spostarsi , sparire è sparire

se la sono venduta
Sono d'accordo con te, egregio Charlie. anch'io ho pensato la medesima cosa. Anzi, ricordo che allora avevo anche cercato di fare il calcolo di quanti metri cubi, all'incirca, erano scomparsi da quel posto. Premesso che la spiaggia era lunga circa un chilometro, che, fra terra e mare, era scomparsa la sabbia per circa cento metri di larghezza ed una prondità di circa un metro/un metro e mezzo di altezza, ho calcolato che la sabbia scomparsa fosse tra i centomila e i centocinquantamila metri cubi.
Quello che mi aveva meravigliato di più fu il fatto che, nonostante nel campeggio esistesse un servizio di vigilanza durante tutto l'anno, tutti dichiararono di non essersi mai accorti di nulla.
Stiamo parlando di cifre a parecchi zeri, sicuramente ci sta anche qualche "pagamento laterale".
E perchè credi che in quel periodo mi sia dato tanto da fare, cercando di rompere le scattole a così tanta gente!
Non posso insegnare niente a nessuno, posso solo cercare di farli riflettere - SOCRATE
Rispondi