Quello che "gli altri" non dicono sul Recovery Plan ( e affini)

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Connesso
Avatar utente
Michelangelo
Connesso: Sì
Messaggi: 2263
Iscritto il: 23 giu 2019, 15:00
Ha Assegnato: 3457 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1444 Mi Piace

Quello che "gli altri" non dicono sul Recovery Plan ( e affini)

Messaggio da leggere da Michelangelo »

Apro questo Topic per catalogare i vari pareri degli "altri" esperti-economisti "fuori dal coro", riguardo i fondi europei (e il suo utilizzo) che arriveranno in Italia.
Nessuno( penso) del forum, guarderà/ascolterà questi video, ma ritengo utile tenerli nel cassetto, per poterli all'occorrenza rispolverare tra 6 mesi / 1 anno, per constatare se - l'analisi di questi esperti - sia stata giusta o sbagliata. A me pare molto più realistica la "loro" analisi, rispetto a quella canonica, ottimistica, sviluppata/diffusa secondo la narrazione dei Media.



“Un popolo che dimentica i fasti del patriottismo è un popolo in decadenza. Il passato segna i doveri dell’avvenire.”
Francesco Crispi
Connesso
Avatar utente
Michelangelo
Connesso: Sì
Messaggi: 2263
Iscritto il: 23 giu 2019, 15:00
Ha Assegnato: 3457 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1444 Mi Piace

Re: Quello che "gli altri" non dicono sul Recovery Plan ( e affini)

Messaggio da leggere da Michelangelo »

“Un popolo che dimentica i fasti del patriottismo è un popolo in decadenza. Il passato segna i doveri dell’avvenire.”
Francesco Crispi
Connesso
Avatar utente
Michelangelo
Connesso: Sì
Messaggi: 2263
Iscritto il: 23 giu 2019, 15:00
Ha Assegnato: 3457 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1444 Mi Piace

Re: Quello che "gli altri" non dicono sul Recovery Plan ( e affini)

Messaggio da leggere da Michelangelo »

Queste sono le figure politiche "preparate", che amano veramente l'Italia e - a mio avviso - dovrebbero fare parte del governo italiano! Spero che ciò accada presto.
Magdi Allam, anche lui, ci mette in guardia su Draghi.

“Un popolo che dimentica i fasti del patriottismo è un popolo in decadenza. Il passato segna i doveri dell’avvenire.”
Francesco Crispi
Connesso
Avatar utente
Michelangelo
Connesso: Sì
Messaggi: 2263
Iscritto il: 23 giu 2019, 15:00
Ha Assegnato: 3457 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1444 Mi Piace

Re: Quello che "gli altri" non dicono sul Recovery Plan ( e affini)

Messaggio da leggere da Michelangelo »

Anche questo breve video, di Amodeo, è alquanto esaustivo.
Penso che dovremmo aprire gli occhi e NON fidarci adesso....e non dopo, a danno già compiuto.
“Un popolo che dimentica i fasti del patriottismo è un popolo in decadenza. Il passato segna i doveri dell’avvenire.”
Francesco Crispi
Avatar utente
Salvo
Connesso: No
Messaggi: 740
Iscritto il: 20 dic 2020, 16:55
Ha Assegnato: 56 Mi Piace
Ha Ricevuto: 273 Mi Piace

Re: Quello che "gli altri" non dicono sul Recovery Plan ( e affini)

Messaggio da leggere da Salvo »

Quasi quasi ci fa rimpiangere il mastodontico debito pubblico dovuto a corruzione ed evasione fiscale. Non mi intendo di finanza ma certamente anch'io mi chiedo come mai, dopo tanti anni di austerity e pareggio di bilancio, il nostro debito pubblico continua a salire paurosamente fino ad essere ormai inestinguibile.
Connesso
Avatar utente
Michelangelo
Connesso: Sì
Messaggi: 2263
Iscritto il: 23 giu 2019, 15:00
Ha Assegnato: 3457 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1444 Mi Piace

Re: Quello che "gli altri" non dicono sul Recovery Plan ( e affini)

Messaggio da leggere da Michelangelo »

Salvo ha scritto: 5 mar 2021, 16:21 Quasi quasi ci fa rimpiangere il mastodontico debito pubblico dovuto a corruzione ed evasione fiscale. Non mi intendo di finanza ma certamente anch'io mi chiedo come mai, dopo tanti anni di austerity e pareggio di bilancio, il nostro debito pubblico continua a salire paurosamente fino ad essere ormai inestinguibile.
Infatti. Anche l'economista Malvezzi, sostiene che noi avremmo praticamente già pagato il nostro debito; ma che i "simpatici" trattati europei , creati ad arte, fanno sì che questo sia inestinguibile.
“Un popolo che dimentica i fasti del patriottismo è un popolo in decadenza. Il passato segna i doveri dell’avvenire.”
Francesco Crispi
Rispondi