Il rebus Forza Italia

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Avatar utente
marinogiuliocesare
Connesso: No
Messaggi: 134
Iscritto il: 23 lug 2019, 11:40
Ha Assegnato: 1 Mi Piace
Ha Ricevuto: 12 Mi Piace

Il rebus Forza Italia

Messaggio da leggere da marinogiuliocesare »

Forza Italia ( mi rivolgo in particolare all'amico Sayon) è ed è stato un partito liberale , di destra moderata, europeista e quindi, di fatto, distante da una destra populista-sovranista e, diciamo estrema, con anche aspetti di razzismo. Eppure, non si capisce perchè, nonostante le profonde differenze, continui a barcamenarsi con degli alleati che molto poco la stimano e quasi la sopportano, per soli fini di convenienza elettorale. Capisco che abbia nel DNA idee e programmi che non si conciliano con la sinistra; ma perchè restare ancorati a Salvini e Meloni? Non sarebbe meglio ( e credo che aumenterbbe anche i consensi) se si stccasse chiaramente, rimanendo al centro degli schieramenti politici?
Connesso
Avatar utente
nerorosso
Connesso: Sì
Messaggi: 5854
Iscritto il: 8 giu 2019, 17:34
Ha Assegnato: 3558 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2823 Mi Piace

Re: Il rebus Forza Italia

Messaggio da leggere da nerorosso »

marinogiuliocesare ha scritto: 19 gen 2021, 22:52 Forza Italia ( mi rivolgo in particolare all'amico Sayon) è ed è stato un partito liberale , di destra moderata, europeista e quindi, di fatto, distante da una destra populista-sovranista e, diciamo estrema, con anche aspetti di razzismo. Eppure, non si capisce perchè, nonostante le profonde differenze, continui a barcamenarsi con degli alleati che molto poco la stimano e quasi la sopportano, per soli fini di convenienza elettorale. Capisco che abbia nel DNA idee e programmi che non si conciliano con la sinistra; ma perchè restare ancorati a Salvini e Meloni? Non sarebbe meglio ( e credo che aumenterbbe anche i consensi) se si stccasse chiaramente, rimanendo al centro degli schieramenti politici?
Io ho sempre sostenuto che FI va di pari passo col PD, che a livello si ideali è più o meno lo stesso. Europeismo, atlantismo, che del resto condividono con gli altri di CdX e CsX, dai quali li dividono solo alcuni dettagli. PU, o Partito Unico se preferisci.

Qui non posso che rendere omaggio a chi in questa palude centrista non entra.
Onore al PC e a CPI, che saggiamente non stanno nella palude parlamentare.
SLAVA ROSSIJA!!! 🇷🇺
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8355
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4386 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2709 Mi Piace

Re: Il rebus Forza Italia

Messaggio da leggere da heyoka »

marinogiuliocesare ha scritto: 19 gen 2021, 22:52 Forza Italia ( mi rivolgo in particolare all'amico Sayon) è ed è stato un partito liberale , di destra moderata, europeista e quindi, di fatto, distante da una destra populista-sovranista e, diciamo estrema, con anche aspetti di razzismo. Eppure, non si capisce perchè, nonostante le profonde differenze, continui a barcamenarsi con degli alleati che molto poco la stimano e quasi la sopportano, per soli fini di convenienza elettorale. Capisco che abbia nel DNA idee e programmi che non si conciliano con la sinistra; ma perchè restare ancorati a Salvini e Meloni? Non sarebbe meglio ( e credo che aumenterbbe anche i consensi) se si stccasse chiaramente, rimanendo al centro degli schieramenti politici?
Intanto un Bentornato!! Come ho già detto, io dal 1970 al 1996,ho sempre votato e militato in Partiti della Sinistra. Ho cominciato a votare x la Lega di Bossi e dopo x quella di Zaia e Salvini perchè ho ascoltato il compagno D' Alema affermare che la Lega era una COSTOLA della Sinistra.
Mi ricordo che allora il NEMICO pubblico numero UNO da distruggere a tutti i costi era Berlusconi e Forza Italia.
Prima di Berlusconi il Bau Bau da dare in pasto ai Compagni era Craxi, ( spesso caricaturizzato con le sembianze di Mussolini) e prima ancora il Belzebù di turno era stato Andreotti.
Chiedo a VOI compagni se mi sapete dire quale differenza di FONDO c' è stata in quello che diceva la Lega di Bossi del 1996 e in quella di Salvini degli ultimi anni. Io che non sono uno SCEMOTTO che si inchina al famoso " contrordine compagni", senza che mi venga spiegato il perchè, credo che se c' è stato un cambiamento sostanziale tra la lega Bossiana COSTOLA della SINISTRA e quella Salviniana, messa alla gogna come il TUMORE della politica, è che Salvini ha cancellato l' indipendenza della Padania e ha cominciato a parlare di indipendenza degli Italiani.
Ti ricordo che su questa Unione Europa, Bossi era molto più diffidente di Salvini e forse dello stesso Bagnai e Borghi.

Credo che un altro pò e sentiremo Bersani e D' Alema, che alle Feste dell' Unità diranno ai loro polli che Berlusca è una costola della Sinistra.
Mia nonna mi diceva sempre che
Il LUPO perde il pelo ma non il vizio.
E le pecore ci cascano sempre.
Agli amici di Forza Italia, come il nostro Sayon, ricordo quello che diceva sempre MIa Nonna:
Attento, Carletto, che quando ti lisciano il pelo, spesso lo fanno per rubarti l' anima!
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Connesso
Avatar utente
Sayon
Connesso: Sì
Messaggi: 11690
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3704 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4746 Mi Piace

Re: Il rebus Forza Italia

Messaggio da leggere da Sayon »

marinogiuliocesare ha scritto: 19 gen 2021, 22:52 Forza Italia ( mi rivolgo in particolare all'amico Sayon) è ed è stato un partito liberale , di destra moderata, europeista e quindi, di fatto, distante da una destra populista-sovranista e, diciamo estrema, con anche aspetti di razzismo. Eppure, non si capisce perchè, nonostante le profonde differenze, continui a barcamenarsi con degli alleati che molto poco la stimano e quasi la sopportano, per soli fini di convenienza elettorale. Capisco che abbia nel DNA idee e programmi che non si conciliano con la sinistra; ma perchè restare ancorati a Salvini e Meloni? Non sarebbe meglio ( e credo che aumenterbbe anche i consensi) se si stccasse chiaramente, rimanendo al centro degli schieramenti politici?
Marino ma io dico le stesse cose dal giorno che Salvini lascio' indietro FI e FdI per precipitarsi nelle braccie di Di Maio. Era evidente che a Salvini ( e ai suoi sostenitori) non interessasse affto il CdX, i suoi ideali , i suoi programmi ma solo l' andare al governo, neanche come Lega Nord, ma come Salvini. Tutto il resto e' storia: Salvini ha portato la Lega Nord all' estinzione. ha spostato un partito di centro alla destra, e' divenuto anti-europeista, sovranista, pro-Trump, razzista ed ha fatto crescere l' opposizione attraverso errori, dichiarazioni di pieni poteri, antagonismo continuo. Il suo legame con FI e' FITTIZIO. Salvini lo usa solo a scopi elettorali. In realta' un CdX guidato da lui significherebbe l' estinzione della FI, come del resto auspicato dai suoi seguaci. il mio suggerimento a berlusconi, su questo Forum, nel 2018 fu di tenere Salvini a tre metri di distanza con una pertica. Impossibile fidarsi di lui. Quindi il vedere adesso Tajani che "punisce" con l' espulsione deputati o senatori colpevoli solo di mantenere i loro ideali di "moderati" e' u assurdo. Spero che Berlusconi intervenga a riportare l' ordine nel CdX oppure sara' meglio creare un nuovo partito, genuinamente di centro-destra.'
Avatar utente
marinogiuliocesare
Connesso: No
Messaggi: 134
Iscritto il: 23 lug 2019, 11:40
Ha Assegnato: 1 Mi Piace
Ha Ricevuto: 12 Mi Piace

Re: Il rebus Forza Italia

Messaggio da leggere da marinogiuliocesare »

Purtroppo ormai il Berlusca è stanco, vecchio e un pò malandato. Ergo, questi imbecilli alla Taviani e le varie imbecille che continuano a propugnare l'unità del centro-destra con i due lupi mannari, mi sembra che non fanno certo bene a una destra che ( io sono più orientato a sinistra, anche se con qualche distinguo) potrebbe, invece, fare bene alla dialettica parlamentare. Ciao
Connesso
Avatar utente
Sayon
Connesso: Sì
Messaggi: 11690
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3704 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4746 Mi Piace

Re: Il rebus Forza Italia

Messaggio da leggere da Sayon »

marinogiuliocesare ha scritto: 20 gen 2021, 11:13 Purtroppo ormai il Berlusca è stanco, vecchio e un pò malandato. Ergo, questi imbecilli alla Taviani e le varie imbecille che continuano a propugnare l'unità del centro-destra con i due lupi mannari, mi sembra che non fanno certo bene a una destra che ( io sono più orientato a sinistra, anche se con qualche distinguo) potrebbe, invece, fare bene alla dialettica parlamentare. Ciao
I "lupi mannari" una volta non erano tali. La Lega Nord aveva gli stessi ideali di FI con in piu il lor regionalismo ed i suoi "migliori" erno costantemente al governo assieme a FI. Lo stesso avvenne con il partito della destra, quando era guidato da Fini. Non si tratta quindi di "partiti" lupi mannari, ma di esponenti troppo diversi da quelli genuinamente di centro destra di prima. E' possibile ritrovare un accordo, con personaggi diversi. Se non lo si fa. si assistera' prima a una disintegrazione dello stesso, e poi a una rinascita. Il vero Centro-destra e' li' a disposizione di chi creda nei suoi ideali. Se non lo fara' Berlusconi perche malandato, e non lo fara' certamente Tajani (senza palle), lo fara' qualche altro. Dispiace nel frattempo guardare alla situazione ed ai presunti leaders di quella che era una nobile coalizione.
Avatar utente
Salvo
Connesso: No
Messaggi: 740
Iscritto il: 20 dic 2020, 16:55
Ha Assegnato: 56 Mi Piace
Ha Ricevuto: 273 Mi Piace

Re: Il rebus Forza Italia

Messaggio da leggere da Salvo »

Mi pare verosimile che Berlusconi (o chi per lui) farà nascere una nuova formazione di centro (restando lui, apparentemente e formalmente, nel centro-destra con Meloni e Salvini) per dare un sostegno ufficiale, manifesto, al governo Conte (e a garanzia dei suoi interessi aziendali). A questa nuova formazione aderiranno soprattutto un adeguato numero di senatori forzisti per contrastare il Vietnam dei due Mattei. Il governo, in ogni sua componente, saluterà con soddisfazione questa nuova formazione di centro, democratica, moderata, europeista. Insomma, una specie di nuova Dc. L'estrema destra di Meloni, Salvini (e Renzi?) resterà emarginata ed a quel punto anche Berlusconi la abbandonerà definitivamente e ufficialmente, per confluire anche lui nella nuova Dc.
Avatar utente
Ovidio
Connesso: No
Messaggi: 3554
Iscritto il: 25 set 2020, 17:08
Ha Assegnato: 352 Mi Piace
Ha Ricevuto: 862 Mi Piace

Re: Il rebus Forza Italia

Messaggio da leggere da Ovidio »

quando Berlusconi mollerà, perché prima o poi dovrà mollare, in FI ci sarà solo caos!
Tenere sempre a mente la „regola d‘oro“
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8355
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4386 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2709 Mi Piace

Re: Il rebus Forza Italia

Messaggio da leggere da heyoka »

Sayon ha scritto: 20 gen 2021, 17:48

I "lupi mannari" una volta non erano tali. La Lega Nord aveva gli stessi ideali di FI con in piu il lor regionalismo ed i suoi "migliori" erno costantemente al governo assieme a FI. Lo stesso avvenne con il partito della destra, quando era guidato da Fini.
Non credo proprio che la Lega di Bossi avesse gli stessi ideali di Berluska. Bossi aveva un passato di Sinistra, come Maroni e Castelli ( militante del PRI).
Senza dimenticare che in quel periodo fu D' Alema a dire che la LegaNord di Bossi era una "costola della Sinistra".
Io sono abbastanza d' accordo con quella affermazione di D' Alema. Bossi aveva capito che, con la discesa in campo di Berluska, non potendo fidarsi del LUPI ( quali sono i Piddini x dna) ha dovuto giocoforza allearsi con il ben più " onesto politicamente" Berluska.
Dispiace solo constatare che i LUPI adesso non hanno più come competitor Berluska, ma Salvini e Meloni.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Avatar utente
Salvo
Connesso: No
Messaggi: 740
Iscritto il: 20 dic 2020, 16:55
Ha Assegnato: 56 Mi Piace
Ha Ricevuto: 273 Mi Piace

Re: Il rebus Forza Italia

Messaggio da leggere da Salvo »

“Il patto Berlusconi-Bossi esiste. Dal notaio”. Ne è convinto Gilberto Oneto, iscritto alla Lega dal 1986 al 2006. Dice: "L'accordo è costato al Cavaliere il denaro per saldare i debiti del Carroccio e per cancellare le querele che pendevano sulla Padania"
________________________

Per favore, non parliamo di politica, di ideali. Berlusconi ha sempre usato i quattrini.
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8355
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4386 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2709 Mi Piace

Re: Il rebus Forza Italia

Messaggio da leggere da heyoka »

Salvo ha scritto: 20 gen 2021, 18:44 “Il patto Berlusconi-Bossi esiste. Dal notaio”. Ne è convinto Gilberto Oneto, iscritto alla Lega dal 1986 al 2006. Dice: "L'accordo è costato al Cavaliere il denaro per saldare i debiti del Carroccio e per cancellare le querele che pendevano sulla Padania"
________________________

Per favore, non parliamo di politica, di ideali. Berlusconi ha sempre usato i quattrini.
Perchè gli altri cosa usano?
Detto questo mi chiedo perchè Berlusconi non è andato dal NOTAIO, nel 1995, quando Bossi gli tolse il cadreghino di PdC e successivamente ( parliamo nel 1996) non fece alleanza con Berluska, per favorire la vittoria di Prodi, D' Alema e Amato che Governarono fino al 2001.
Certo che se Berluska si è fatto fregare da Bossi è stato un TROTA.
Poi, come dico spesso, ci sono i trota e ci sono i TROTONI. WWE.gif
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Avatar utente
Salvo
Connesso: No
Messaggi: 740
Iscritto il: 20 dic 2020, 16:55
Ha Assegnato: 56 Mi Piace
Ha Ricevuto: 273 Mi Piace

Re: Il rebus Forza Italia

Messaggio da leggere da Salvo »

Bossi in quegli anni perseguiva il suo disegno federalista che gli faceva guadagnare una barca di voti. Per questo motivo alle elezioni del 1996, per dare maggior credibilità al suo disegno politico-propagandistico, non si alleò con nessuno, nemmeno con Berlusconi, e soltanto per questo vinsero Prodi e D'Alema. La lega arrivò al 10,8% a livello nazionale (29% e 26% in Veneto e Lombardia).
Connesso
Avatar utente
Sayon
Connesso: Sì
Messaggi: 11690
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3704 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4746 Mi Piace

Re: Il rebus Forza Italia

Messaggio da leggere da Sayon »

Ovidio ha scritto: 20 gen 2021, 18:15 quando Berlusconi mollerà, perché prima o poi dovrà mollare, in FI ci sarà solo caos!
A Berlusconi manca solo un elemento adatto per la FI. Il momento che lo trova (lui aveva pensato a Draghi che ora pero' punta a diventare PdR) , cambiera' tutto. Ci saranno cambi anche alla Legaxxx e forse ai FdI. Ma siamo ancora nel campo delle illazioni. Certo che se il CdX vuole vincere in futuro, deve per forza cambiare di assetto.
Connesso
Avatar utente
serge
Connesso: Sì
Messaggi: 6879
Iscritto il: 9 giu 2019, 8:58
Ha Assegnato: 6833 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2395 Mi Piace

Re: Il rebus Forza Italia

Messaggio da leggere da serge »

Ovidio ha scritto: 20 gen 2021, 18:15 quando Berlusconi mollerà, perché prima o poi dovrà mollare, in FI ci sarà solo caos!
A mio modo di vedere,FI è il partito aziendale dell'ex Cavaliere. Se manca Lui..............l'azienda chiude !
Bye
Un autentico cretino, difficile a trovarsi in questi tempi in cui i cretini si camuffano da intelligenti. (Andrea Camilleri)
Avatar utente
Salvo
Connesso: No
Messaggi: 740
Iscritto il: 20 dic 2020, 16:55
Ha Assegnato: 56 Mi Piace
Ha Ricevuto: 273 Mi Piace

Re: Il rebus Forza Italia

Messaggio da leggere da Salvo »

serge:
"[...] A mio modo di vedere,FI è il partito aziendale dell'ex Cavaliere. Se manca Lui..............l'azienda chiude !
_______________

Questa non è un'opinione, è ormai storia. Con Berlusconi cominciano i partiti personali, che sono in realtà il superamento e la negazione dei partiti tradizionali, che si fondavano su ideologie e miravano alla tutela degli interessi di determinati ceti, segmenti, della società. La fine delle ideologie ha comportato la fine dei partiti. I nuovi partiti sono ormai aggregazioni di persone che mirano alla propria carriera. Fra i nuovi partiti, quelli personali nascono da iniziative personali. Fra i partiti personali quello di Berlusconi ha l'aggravante di essere proprietà (nel senso dominicale, civilistico, della parola) del suo fondatore, che non lo ha mai dato in eredità o anche semplice concessione a nessuno e che dunque, per questo motivo, morirà con lui. Ultimamente Berlusconi, dopo aver centrato le finalità di tutela della sua azienda, minacciata dal fallimento a causa del venir meno del suo protettore Craxi, dopo aver raggiunto un'età anagrafica ormai ostativa alla prosecuzione dell'impegno personale, dalla politica cerca ancora, sempre e soltanto, garanzie per la sua azienda (la sua segreta aspirazione alla presidenza della repubblica mi pare irrealistica). In questa chiave esplicativa Berlusconi è condannato a stare sempre dal lato del potere, mai contro, perché in tal caso teme le ripercussioni sui suoi interessi aziendali, la dimensione 'europea' dei quali lo costringe ad arruffianarsi ai nuovi poteri europei (di qui il suo europeismo). Ciò premesso, può continuare a stare con la Meloni e Salvini, simboli di antieuropeismo, specialmente in un momento in cui tutti abbiamo bisogno vitale dei quattrini europei?
Rispondi