L'importanza del linguaggio

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Connesso
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 2628
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 1092 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1429 Mi Piace

Re: L'importanza del linguaggio

Messaggio da leggere da Vento »

heyoka ha scritto: 17 gen 2021, 18:22
Salvo ha scritto: 17 gen 2021, 18:13 Shamash, ti ha preso per un venditore di pentole.
Non mi sembra..
Vento parlava di TIM. Detto questo io non me la prenderei a male parole con il nostro Shamash, persona che stimo.
All' amico Vento consiglierei di scegliere una suoneria per le telefonate che arrivano dagli sconosciuti ed una per quelli che conosce.
Quando non può evitare la telefonata che scoccia lo consiglio di lasciare aperta la telefonata e lasciare che dall' altra parte dicano quello che vogliono.
Detto questo veramente stanno rompendo con la pubblicità.
Io una idea ce lì avrei per liberarcene. Sarebbe quella di creare un Movimento di disobbedienza pubblicitaria dove gi associati si impegnano a BOICOTTARE i prodotti con troppa pubblicità.
Io nel mio piccolo compro il formaggio Grana della Moravia e il vino Cabernet di mio cugino.
"Io una idea ce lì avrei per liberarcene. Sarebbe quella di creare un Movimento di disobbedienza pubblicitaria dove gi associati si impegnano a BOICOTTARE i prodotti con troppa pubblicità."

Sembrerà ingenuo, ma credo che invece potrebbe funzionare. I nostri gestori potrebbero pensarci e aprire un sito che si occupa solo di questo: come difenderci dalla peste della pubblicità. Movimento di liberazione.
Fuck Europe FuckYou by Victoria Nuland
Amen and Awoman :lol: egalité
Avatar utente
Shamash
Connesso: No
Messaggi: 1973
Iscritto il: 9 giu 2019, 16:37
Ha Assegnato: 1070 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1361 Mi Piace

Re: L'importanza del linguaggio

Messaggio da leggere da Shamash »

Vento ha scritto: 17 gen 2021, 18:36
Shamash ha scritto: 17 gen 2021, 18:32
heyoka ha scritto: 17 gen 2021, 18:22 All' amico Vento consiglierei di scegliere una suoneria per le telefonate che arrivano dagli sconosciuti ed una per quelli che conosce.
Credo sia ancora attivo lo strumento messo a disposizione dal Garante per bloccare/impedire a questi scocciatori di disturbare (oltretutto in orari inopportuni). Il Registro delle Opposizioni. Smiling
http://www.registrodelleopposizioni.it/
Vedo che non sei neanche informato sulla realtà quotidiana della pubblicità. Il registro ovviamente non funziona, come tutto in questo paese. Mi sono iscritto ma niente è cambiato.
E' inutile parlare con te di queste cose concrete, che evidentemente non conosci.
Oltre alle erronee considerazioni pregiudizievoli, ci sono anche i complimenti professionali, evidentemente infondati. :grin:
Funziona, perché io stesso ne ho fatto uso. Ma, visto che non hai idea di come funziona, te lo spiegherò anche in questo caso.

Gli operatori (soprattutto di quelle compagnie che propongono servizi di varia natura e che sono insistenti e fastidiosi) usano numerazioni dall'estero, spesso virtuali che addirittura simulano prefissi italiani o numeri dei cellulari, proprio per aggirare tali strumenti.
Quindi, con alcuni funziona alla grande, con altri bisogna adottare altri metodi soprattutto afferenti a numeri di cellulare, installando applicazioni dedicate a bloccare questi numeri che, nel tempo, vengono aggiunti ad un database creato dagli utenti stessi. Nel momento in cui l'operatore fastidioso chiama, l'app riconosce il numero (se previamente inserito nella "blacklist") e blocca la chiamata al primo squillo (all'operatore figurerà occupato).

Prima di dare dell'ignorante ad altri, sarebbe opportuno ed elegante informarsi. Altrimenti la figuraccia è dietro l'angolo... ;)

Invito peraltro a restare in tema perché, seppur la tematica si presti a innumerevoli analisi data la vastità della sua natura, l'argomento è iniziato con uno scopo ed è doveroso restare in topic.
«Siate il meglio di qualunque cosa siate» [Martin Luther King]
«Dove regna la saggezza, non vi è alcun conflitto tra pensiero e sentimento» [Carl Gustav Jung]
Connesso
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 2628
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 1092 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1429 Mi Piace

Re: L'importanza del linguaggio

Messaggio da leggere da Vento »

Hai imparato a parlare così bene da aver dimenticato la sostanza delle cose. Qui si sta parlando di libertà delle persone, di rispetto della loro privacy, della loro dignità, tutte cose che evidentemente non capisci, lavate via dai tuoi studi su come manipolare e truffare la gente. Ti auguro di recuperare l’anima, senza la quale non si vive realmente. Chissà, non si sa mai, qualcosa potrebbe svegliarti e aprirti gli occhi.
Fuck Europe FuckYou by Victoria Nuland
Amen and Awoman :lol: egalité
Avatar utente
Shamash
Connesso: No
Messaggi: 1973
Iscritto il: 9 giu 2019, 16:37
Ha Assegnato: 1070 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1361 Mi Piace

Re: L'importanza del linguaggio

Messaggio da leggere da Shamash »

Vento ha scritto: 17 gen 2021, 18:51 Hai imparato a parlare così bene da aver dimenticato la sostanza delle cose. Qui si sta parlando di libertà delle persone, di rispetto della loro privacy, della loro dignità, tutte cose che evidentemente non capisci, lavate via dai tuoi studi su come manipolare e truffare la gente. Ti auguro di recuperare l’anima, senza la quale non si vive realmente. Chissà, non si sa mai, qualcosa potrebbe svegliarti e aprirti gli occhi.
Sai, finché la discussione rimane su un piano civile, seppur non paritetico data la tua incompetenza sulla materia, va bene, perché il dialogo serve proprio per informare chi, come nel tuo caso, non conosce qualcosa. Quando invece si arriva a regalare epiteti del tutto fuori luogo, le cose cambiano.
Il rispetto reciproco non deve mai mancare. Anche se, me ne rendo conto, di fronte ad una chiusura aprioristica e al pregiudizio si possa sfociare in un contrasto arrogante.

Sia chiaro, non si ferisce la libertà di nessuno, non si invade la privacy, la dignità, né si manipola o addirittura si truffa qualcuno.
E l'anima, per tua informazione, è al suo posto.
Studiare da un punto di vista antropologico, sociologico, psichico e linguistico le persone per poi applicare tali nozioni scientifiche ad una comunicazione efficace, trasparente, corretta e adatta per raggiungere e sperare che acquistino un prodotto o servizio non ha nulla di male.

A me piacerebbe sapere quale sia il tuo grado di conoscenza di discipline quali l'estetica, l'antropologia, la linguistica, la psicologia (generale, sociale, dello sviluppo, evoluzionistica, cognitiva, neuropsicologia, fisiologia del comportamento ecc), la sociologia, l'applicazione delle neuroscienze (risonanza magnetica funzionale, neuroni specchio, bias cognitivi, archetipi, inconscio, ecc). Perché io, ad esempio, che non so nulla di endocrinologia o geofisica, non mi permetterei di andare da un endocrinologo o un geofisico a dire che sono ciarlatani. ;)

Ripeto, e spero per l'ultima volta, di restare in topic, per rispetto di tutti i partecipanti alla discussione.
«Siate il meglio di qualunque cosa siate» [Martin Luther King]
«Dove regna la saggezza, non vi è alcun conflitto tra pensiero e sentimento» [Carl Gustav Jung]
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8178
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4262 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2630 Mi Piace

Re: L'importanza del linguaggio

Messaggio da leggere da heyoka »

Vento ha scritto: 17 gen 2021, 18:51 Hai imparato a parlare così bene da aver dimenticato la sostanza delle cose. Qui si sta parlando di libertà delle persone, di rispetto della loro privacy, della loro dignità, tutte cose che evidentemente non capisci, lavate via dai tuoi studi su come manipolare e truffare la gente. Ti auguro di recuperare l’anima, senza la quale non si vive realmente. Chissà, non si sa mai, qualcosa potrebbe svegliarti e aprirti gli occhi.
Adesso non esageriamo, Vento!!! Shamash è persona squisita che fa un mestiere che ha i suoi punti positivi ( pochi) e altri negativi ( molti).
Pensa al fatto che grazie alla pubblicità possiamo vedere le tv commerciali gratis, internet gratis e una volta organizzavano anche delle belle gite gratis ( naturalmente pagavano quelli che acquistavano le pentole). Io come ho già detto, mi son portato a casa un sacco di giocattoli, gratis, compreso una bici bmx per mio figlio, da coloro che rifilavano le enciclopedie ai trotoni di turno.
Poi sta a te, farti passare da fesso, votando per Conte o per Di Maio, per vaccinarti perchè te lo dice la fatina di Rete4, oppure per comprare le pomate miracolose o per riempirti il garage di utensileria che forse userai una volta nella vita.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Avatar utente
Shamash
Connesso: No
Messaggi: 1973
Iscritto il: 9 giu 2019, 16:37
Ha Assegnato: 1070 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1361 Mi Piace

Re: L'importanza del linguaggio

Messaggio da leggere da Shamash »

heyoka ha scritto: 17 gen 2021, 18:59 Adesso non esageriamo, Vento!!! Shamash è persona squisita che fa un mestiere che ha i suoi punti positivi ( pochi) e altri negativi ( molti).
Non ti ci mettere anche tu eh WWE.gif :grin:
heyoka ha scritto: 17 gen 2021, 18:59 Poi sta a te, farti passare da fesso, votando per Conte o per Di Maio, per vaccinarti perchè te lo dice la fatina di Rete4, oppure per comprare le pomate miracolose o per riempirti il garage di utensileria che forse userai una volta nella vita.
Speriamo che, detto così, capisca. :roll:
«Siate il meglio di qualunque cosa siate» [Martin Luther King]
«Dove regna la saggezza, non vi è alcun conflitto tra pensiero e sentimento» [Carl Gustav Jung]
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8178
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4262 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2630 Mi Piace

Re: L'importanza del linguaggio

Messaggio da leggere da heyoka »

Rimane da capire, Shamash, che servizio UTILE ne viene al Consumatore ( se non quello di certi servizi gratuiti, come Tv, Internet ed eventuali omaggi promozionali) sulla effettiva bontà di scegliere un prodotto piuttosto che un altro.
Tu mi insegni che per fare una pubblicità ad un determinato prodotto e ad uno specifico marchio, il pubblicitario si interessa relativamente di analizzare accuratamente la effettiva qualità e convenienza di un prodotto rispetto ad un altro.
E questo vostro servizio ha un costo che paga il Consumatore.
Il metro giusto sarebbe che fosse il CONSUMATORE a pagare il Publicitario perchè indagasse sulla effettiva bontà di un prodotto/ servizio e sulla bontà del prezzo.
Questo lo facevano e credo continuino a farlo Altroconsumo e il Salvagente, oltretutto con scarsa manifestaziione di interesse da parte dei TROTONI Consumatori e dai media.
Naturalmente non facendosi mancare il sempre SANO dubbio che anche loro non facciano come i politici alla Di Maio che dicono una cosa e poi si vendono alla concorrenza.
Vento perciò, ha moltissime ragioni nel contestare la eticità e della pubblicità e la reale convenienza e vantaggio, per noi consumatori.
Detto questo non ho alcun motivo x dubitare sulla moralità della tua persona cui ribadisco la mia personale stima.

Ps, Con questo, non è detto che se mi proponi una pubblicità di un prodotto finanziari ( perchè te lo ha commissionato JPM o Black Rock o Banca Intesa) io te lo sottoscrivo perchè hai fatto una bella campagna pubblicitaria.
WWE.gif WWE.gif WWE.gif
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8178
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4262 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2630 Mi Piace

Re: L'importanza del linguaggio

Messaggio da leggere da heyoka »

CHIEDO venga cancellato immediatamente il riferimento specifico a determinate banche d' affari che ho citato solo per fare un esempio.
Anche perchè io stesso ho di recente acquistato dei Fondi gestiti appunto da queste banche che ho citato in quanto li ritengo degli OTTIMI prodotti per gestire nel lungo periodo, i miei risparmi.
Ma questa è una mia scelta che ho fatto, prendendo le mie info e non perchè suggestionato da qualche pubblicità.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Avatar utente
Shamash
Connesso: No
Messaggi: 1973
Iscritto il: 9 giu 2019, 16:37
Ha Assegnato: 1070 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1361 Mi Piace

Re: L'importanza del linguaggio

Messaggio da leggere da Shamash »

heyoka ha scritto: 19 gen 2021, 10:15 Rimane da capire, Shamash, che servizio UTILE ne viene al Consumatore ( se non quello di certi servizi gratuiti, come Tv, Internet ed eventuali omaggi promozionali) sulla effettiva bontà di scegliere un prodotto piuttosto che un altro.
Tu mi insegni che per fare una pubblicità ad un determinato prodotto e ad uno specifico marchio, il pubblicitario si interessa relativamente di analizzare accuratamente la effettiva qualità e convenienza di un prodotto rispetto ad un altro.
E questo vostro servizio ha un costo che paga il Consumatore.
Il metro giusto sarebbe che fosse il CONSUMATORE a pagare il Publicitario perchè indagasse sulla effettiva bontà di un prodotto/ servizio e sulla bontà del prezzo.
Questo lo facevano e credo continuino a farlo Altroconsumo e il Salvagente, oltretutto con scarsa manifestaziione di interesse da parte dei TROTONI Consumatori e dai media.
Naturalmente non facendosi mancare il sempre SANO dubbio che anche loro non facciano come i politici alla Di Maio che dicono una cosa e poi si vendono alla concorrenza.
Vento perciò, ha moltissime ragioni nel contestare la eticità e della pubblicità e la reale convenienza e vantaggio, per noi consumatori.
Detto questo non ho alcun motivo x dubitare sulla moralità della tua persona cui ribadisco la mia personale stima.
Il consumatore viene attratto dal prodotto che più si avvicina a ciò che egli stesso cerca, attraverso tutta una serie di fattori che lo spingono verso una scelta, piuttosto che un'altra. Dal punto di vista delle aziende, invece, vi è un'enorme importanza della pubblicità proprio per far conoscere i propri prodotti/servizi al pubblico (che altrimenti non potrebbe conoscere) e primeggiare fra tutte le imprese concorrenti che vendono quel medesimo prodotto/servizio. Al pubblicitario, di solito, non interessa l'effettiva bontà del prodotto che pubblicizza (questo viene lasciato all'etica di ognuno).
Per me è fondamentale, dunque mai potrei aiutare un'azienda a proporre sul mercato qualcosa che io stesso non riconosco come di qualità, ma questo è un fatto soggettivo. Non a caso, vi sono multinazionali che vendono da decenni prodotti che non sono sinonimo di qualità o benessere, eppure sono leader del mercato (non farmi fare nomi, ma puoi benissimo capire a chi mi riferisco, nel campo alimentare o delle bibite, ad esempio).

Non è compito del pubblicitario indagare sulla qualità di ciò che propone, ma di portare al successo l'azienda che vende quel prodotto.
Dipende dall'etica professionale di ognuno operare anche per il bene dei consumatori. Per me è fondamentale, ma non per tutti è così.
Ma questo vale per qualsiasi professione.

Vento contesta la moralità, l'eticità o la reale convenienza perché non ha la più pallida idea di come funzioni questo settore, oltre a credere che la pubblicità siano gli scocciatori delle compagnie telefoniche che chiamano nell'orario dei pasti e perché non capisce che, oggi più che mai, data l'enorme concorrenza sul mercato, qualsiasi azienda non potrebbe vivere senza una buona pubblicità.
Per "buona pubblicità" intendo quelle che ho riportato ad esempio e .

Il costo della pubblicità è, ovviamente, inserito nel prezzo del prodotto/servizio che il consumatore paga per acquistarlo, tuttavia è una parte irrisoria di quanto spende. Spesso si crede sia estremamente dispendiosa, quando (soprattutto attraverso il web e ancor più con i social network) ci sono molti strumenti del tutto gratuiti per far conoscere meglio un prodotto e quindi farlo apprezzare alla gente.

Il discorso psicologico, citato più volte, diviene oggi necessario perché un'azienda non vende solo i suoi prodotti, ma prima vende un'immagine di sé, la sua reputazione sul mercato e i valori in cui crede. Quindi, il consumatore (o aspirante tale), prima di acquistare, "compra" quei valori, condividendoli, sentendosi motivato e spinto da emozioni che, attraverso quell'acquisto, poi proverà e si sentirà meglio. Questo fatto è difficile da spiegare (e soprattutto far accettare ai "non addetti ai lavori") proprio perché gli esseri umani si ritengono esseri logici, razionali. Invece non lo sono. Sono esseri emotivi che, solo a seguito di tutto quanto esposto poco sopra, alla fine scelgono coscientemente.

P.S.: è un mercato altamente regolamentato, dove vi è anche un Garante che analizza qualsiasi pubblicità affinché comunichi in modo corretto, serio e trasparente. Pena la rimozione e multe salate.
«Siate il meglio di qualunque cosa siate» [Martin Luther King]
«Dove regna la saggezza, non vi è alcun conflitto tra pensiero e sentimento» [Carl Gustav Jung]
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8178
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4262 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2630 Mi Piace

Re: L'importanza del linguaggio

Messaggio da leggere da heyoka »

Io son sempre del parere che sarebbe più utile, sia per Noi Consumatori che per le aziende che vogliono emergere, che venisse costituita una authority (io son sempre fissato dalla elezione DIRETTA) chiamata a valutare e COMPARARE tra loro una serie di prodotti simili.
Quello che fa da molti anni AltroConsumo, per capirci.
Naturalmente la pubblicità a pagamento rimane ma visto che il Pubblicitario non è pagato x valutare se quel prodotto è effettivamente il migliore, una azienda ci pensa bene prima di mettersi a fare una campagna pubblicitaria sapendo che AUTOMATICAMENTE entra nella graticola della valutazione di un ente Pubblico che ne valuta, COMPARANDOLE con i suoi principali concorrenti, i vari aspetti del prodotto.
Nella griglia di valutazione DEVE entrare sempre anche un prodotto estratto a sorte, tra quelli che non hanno i mezzi o la voglia di fare pubblicità.
Mi ricordo che una volta Raitre, con Lubrano e la Bartolini, facevano un servizio di questo genere. SPARITO.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Avatar utente
Shamash
Connesso: No
Messaggi: 1973
Iscritto il: 9 giu 2019, 16:37
Ha Assegnato: 1070 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1361 Mi Piace

Re: L'importanza del linguaggio

Messaggio da leggere da Shamash »

Oltre ad AltroConsumo, che già opera egregiamente in tale direzione, vi sono anche vari altri strumenti, come il web, dove si possono raccogliere anche molti pareri di acquirenti e, in larga misura, si possono trarre conclusioni sulla bontà o meno di un prodotto.
Certo, non tutte queste opinioni possono magari essere sincere, ma in generale ci si può fare un'idea complessiva.
Altra questione è quella squisitamente pubblicitaria, dove esiste un [severissimo] Garante che disciplina le linee guida e vigila con attenzione. E qualsiasi cittadino può eventualmente segnalare o denunciare. Soprattutto la tematica della trasparenza è molto sentita, quindi una pubblicità deve [giustamente] rispettare tutta una serie di caratteristiche, come una comunicazione trasparente e che non inganni o prometta il falso, sia corretta e non leda altri, oltre al rispetto di persone e culture. Poi, è particolarmente tutelata l'infanzia, quindi in fasce orarie specifiche o in mezzo alla programmazione di cartoni animati non vedrai mai spot pubblicitari "per adulti" o con prodotti non adatti ai più piccoli. E molto altro.
Lo stesso vale per il packaging dei prodotti, nel quale bisogna rispettare moltissime caratteristiche, sempre per informare nel modo più completo e corretto possibile. Tuttavia, il discorso prettamente creativo e comunicativo è altra cosa. Lì si trasmettono emozioni, valori, idee e concetti, per conquistare il cuore, prima ancora della mente, dei clienti.
«Siate il meglio di qualunque cosa siate» [Martin Luther King]
«Dove regna la saggezza, non vi è alcun conflitto tra pensiero e sentimento» [Carl Gustav Jung]
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8178
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4262 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2630 Mi Piace

Re: L'importanza del linguaggio

Messaggio da leggere da heyoka »

Sayon ha scritto: 16 gen 2021, 2:19 Stai descrivendo l' 80% dei giornali italiani.
Non solo, ma peggiorano ogni giorno di piu'.
Sei forte, Sayon. Stai parlando dell' 80% dei giornali che sono sfacciatamente pro Conte e manco te ne sei accorto?
Ti stai attrezzando alla grande per poter essere scelto, quando sarai chiamato a rapporto dal Padre, di giocare in molti gironi.
Quello dei Picchi, dei Pinguini, dei Kiwi, dei Polli ma anche in quello degli Struzzi. :mrgreen: WWE.gif
Sei un amico, Sayon, oltre che Prossimo da amare, e mi corre il dovere di dirti che tutti questi gironi fanno parte dell' ultimo girone della classifica.
Non ho ancora ben capito come funziona per coloro che arrivano ultimi in questi ultimi gironi.
Spero per te, che non vengano mandati a fare un pò di "pentimento" in Purgatorio.
Mi spiacerebbe perderti per qualche EONE!
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Rispondi