Il caso Gava!

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Avatar utente
CaneSciolto
Connesso: No
Messaggi: 2662
Iscritto il: 9 giu 2019, 9:13
Località: Roma
Ha Assegnato: 291 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1539 Mi Piace

Il caso Gava!

Messaggio da leggere da CaneSciolto »

CASO GAVA: MEDICI DOVE SIETE?
Il dottor Roberto Gava è stato definitivamente radiato dall’ordine dei medici. La radiazione originale, arrivata nell’aprile del 2017, era rimasta sub judice perché nel frattempo il dottor Gava aveva fatto ricorso. Ora il ricorso l’ha perso, e la radiazione è diventata definitiva. Questo articolo non vuole essere una difesa del dottor Gava da parte mia, ma vuole essere un atto di accusa verso tutti quei colleghi che non l’hanno difeso.
La professionalità e la serietà del Dott. Gava infatti non sono in discussione. Laureato in Medicina all’Università di Padova, specializzato in cardiologia, farmacologia clinica e tossicologia medica, con perfezionamento in agopuntura cinese, omeopatia classica e bioetica, il dott. Gava ha anche scritto una ventina di libri sui più diversi aspetti della medicina moderna.
Ma ha anche scritto diversi libri sulle vaccinazioni, di cui il più famoso è “Le vaccinazioni pediatriche”, un tomo di oltre 1000 pagine pieno zeppo di informazioni storiche e scientifiche inoppugnabili. E qui per Gava nascono i problemi. Pur non essendosi mai dichiarato contrario alle vaccinazioni, infatti, il Dott. Gava ne ha messo in luce in maniera metodica e fortemente documentata tutti i limiti e i rischi che queste comportano.
E questo, al giorno d’oggi, non si può fare.
Oggi il potere straripante delle case farmaceutiche impone una fede cieca e incrollabile nelle vaccinazioni a tutti i costi, senza se e senza ma, e chiunque osi anche leggermente dissentire da questa linea viene punito con la radiazione.
Ora la mia domanda è questa: fra tutti i medici che esistono oggi in Italia ce ne saranno certamente molti che concordano in pieno con l’assoluta efficacia e sicurezza delle vaccinazioni. Ma ce ne sono anche molti – decisamente più informati dei primi – che sanno benissimo che le vaccinazioni possono causare dei danni molto gravi ai loro pazienti, e che quindi andrebbero fatte con molta cautela, e non con inoculazioni di massa.
In altre parole, ci sono moltissimi medici in Italia che concordano al 100% con le posizioni del Dott. Gava. Eppure questi medici tacciono, per evitare di incorrere nell’ira dell’ordine dei medici, che agisce chiaramente sotto il controllo delle multinazionali del farmaco.
Tacciono perché vogliono proteggere il loro orticello. Tacciono perché “tengono famiglia”, e non vogliono rinunciare a tutti i privilegi che hanno potuto accumulare dopo una carriera certamente impervia e faticosa.
Eppure basterebbe così poco. Basterebbe che due o trecento di loro scrivessero una lettera all’ordine dei medici, dicendosi sconcertati per una punizione così severa per quello che in realtà è un semplice “reato di opinione”, e le cose cambierebbero immediatamente. Per tutti.
Ma ciascuno di loro ha troppa paura. È così comodo stare seduti dietro la propria scrivania a sfornare ricette con la fotocopiatrice, senza più nemmeno guardare in faccia i propri pazienti, e senza più combattere per la dignità della propria categoria.
Lo dico a tutti coloro che condividono le posizioni del Dott. Gava ma che tacciono per paura, per interesse personale, o per protezione della posizione acquisita: continuerete tranquillamente per tutta la vita a fare i medici, state tranquilli. Ma non per questo avrete diritto di essere chiamati uomini. FuckYou
Massimo Mazzucco
Avatar utente
Shamash
Connesso: No
Messaggi: 1998
Iscritto il: 9 giu 2019, 16:37
Ha Assegnato: 1137 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1382 Mi Piace

Re: Il caso Gava!

Messaggio da leggere da Shamash »

CaneSciolto ha scritto: 25 nov 2020, 19:59 Pur non essendosi mai dichiarato contrario alle vaccinazioni, infatti, il Dott. Gava ne ha messo in luce in maniera metodica e fortemente documentata tutti i limiti e i rischi che queste comportano.
E questo, al giorno d’oggi, non si può fare.
Solidarietà ad un grande professionista, vittima di un sistema marcio.
Questo passaggio è la sintesi perfetta di quanto accade. Quando si cerca di far luce, con prove scientifiche alla mano, su questioni che possano anche solo lontanamente minare la supremazia della vendita di farmaci e dell'enorme potere delle case farmaceutiche, allora quel soggetto deve essere fatto fuori. Ciò non significa esserne contrari, bensì analizzare i pro e i contro, mettendo in risalto i limiti e i rischi (come del resto tutti i farmaci hanno).
Ma questo, per il business, è inaccettabile. :geek:
«Siate il meglio di qualunque cosa siate» [Martin Luther King]
«Dove regna la saggezza, non vi è alcun conflitto tra pensiero e sentimento» [Carl Gustav Jung]
Connesso
Avatar utente
Sayon
Connesso: Sì
Messaggi: 11643
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3687 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4722 Mi Piace

Re: Il caso Gava!

Messaggio da leggere da Sayon »

CaneSciolto ha scritto: 25 nov 2020, 19:59 CASO GAVA: MEDICI DOVE SIETE?
Il dottor Roberto Gava è stato definitivamente radiato dall’ordine dei medici. La radiazione originale, arrivata nell’aprile del 2017, era rimasta sub judice perché nel frattempo il dottor Gava aveva fatto ricorso. Ora il ricorso l’ha perso, e la radiazione è diventata definitiva. Questo articolo non vuole essere una difesa del dottor Gava da parte mia, ma vuole essere un atto di accusa verso tutti quei colleghi che non l’hanno difeso.
La professionalità e la serietà del Dott. Gava infatti non sono in discussione. Laureato in Medicina all’Università di Padova, specializzato in cardiologia, farmacologia clinica e tossicologia medica, con perfezionamento in agopuntura cinese, omeopatia classica e bioetica, il dott. Gava ha anche scritto una ventina di libri sui più diversi aspetti della medicina moderna.
Ma ha anche scritto diversi libri sulle vaccinazioni, di cui il più famoso è “Le vaccinazioni pediatriche”, un tomo di oltre 1000 pagine pieno zeppo di informazioni storiche e scientifiche inoppugnabili. E qui per Gava nascono i problemi. Pur non essendosi mai dichiarato contrario alle vaccinazioni, infatti, il Dott. Gava ne ha messo in luce in maniera metodica e fortemente documentata tutti i limiti e i rischi che queste comportano.
E questo, al giorno d’oggi, non si può fare.
Oggi il potere straripante delle case farmaceutiche impone una fede cieca e incrollabile nelle vaccinazioni a tutti i costi, senza se e senza ma, e chiunque osi anche leggermente dissentire da questa linea viene punito con la radiazione.
Ora la mia domanda è questa: fra tutti i medici che esistono oggi in Italia ce ne saranno certamente molti che concordano in pieno con l’assoluta efficacia e sicurezza delle vaccinazioni. Ma ce ne sono anche molti – decisamente più informati dei primi – che sanno benissimo che le vaccinazioni possono causare dei danni molto gravi ai loro pazienti, e che quindi andrebbero fatte con molta cautela, e non con inoculazioni di massa.
In altre parole, ci sono moltissimi medici in Italia che concordano al 100% con le posizioni del Dott. Gava. Eppure questi medici tacciono, per evitare di incorrere nell’ira dell’ordine dei medici, che agisce chiaramente sotto il controllo delle multinazionali del farmaco.
Tacciono perché vogliono proteggere il loro orticello. Tacciono perché “tengono famiglia”, e non vogliono rinunciare a tutti i privilegi che hanno potuto accumulare dopo una carriera certamente impervia e faticosa.
Eppure basterebbe così poco. Basterebbe che due o trecento di loro scrivessero una lettera all’ordine dei medici, dicendosi sconcertati per una punizione così severa per quello che in realtà è un semplice “reato di opinione”, e le cose cambierebbero immediatamente. Per tutti.
Ma ciascuno di loro ha troppa paura. È così comodo stare seduti dietro la propria scrivania a sfornare ricette con la fotocopiatrice, senza più nemmeno guardare in faccia i propri pazienti, e senza più combattere per la dignità della propria categoria.
Lo dico a tutti coloro che condividono le posizioni del Dott. Gava ma che tacciono per paura, per interesse personale, o per protezione della posizione acquisita: continuerete tranquillamente per tutta la vita a fare i medici, state tranquilli. Ma non per questo avrete diritto di essere chiamati uomini. FuckYou
Massimo Mazzucco
Decisione assurda indubbiamente. Bisognerebbe conoscere chiaramente le motivazioni. Ci sono infatti molti metodi per divulgare informazione scientifica: quella interna (tomi di medicina, congressi, circolazione solo scientifica) e quella esterna (libro pubblicato, interviste a giornalisti etc). Nel primo caso non ci sono mai reazioni, nel secondo si se la pubblicazione del libro puo' provocare (secono l' ordine dei medici) perdite di vita umama.In poche parole, nell scienza TUTTO si discute, ma nel pubblico si deve valutare anche l' impatto che certe affermazioni potrebbero causare. La rdiazione comunque (senza i particolari) sembra assurda.
Rispondi