Oggi all'ospedale di Pistoia, c'è chi andava massacrato di botte.

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Avatar utente
Alfa
Connesso: No
Messaggi: 6225
Iscritto il: 8 giu 2019, 16:35
Località: Toscana
Ha Assegnato: 1252 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4053 Mi Piace
Contatta:

Oggi all'ospedale di Pistoia, c'è chi andava massacrato di botte.

Messaggio da leggere da Alfa »

Si è presentato al pronto soccorso dell’ospedale di Pistoia, ospedale della MIA città, dove ha iniziato a sfasciare gli arredi e a minacciare e aggredire il personale infermieristico, nonché il personale di vigilanza. Per questo un immigrato di 32 anni, cittadino gambiano e farabutto domiciliato a Pistoia, è stato arrestato dai carabinieri per minacce, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento. All’arrivo dei militari, il gambiano si è scagliato anche contro di loro, cercando di colpirli con calci e pugni, e rivolgendo loro parole minacciose. Una volta immobilizzato il 32enne è stato condotto in caserma e dopo le formalità di rito (forse a ritirare il dovuto premio e le scuse).
Bravi, continuiamo a ospitarli e darli alloggi gratuiti in pieno centro città, invece di tenerli in un tugullio di due metri x due a pane, acqua e salsiccia di maiale, fino a quando non chiedono di tornare da dove son venuti.
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8337
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4377 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2703 Mi Piace

Re: Oggi all'ospedale di Pistoia, c'è chi andava massacrato di botte.

Messaggio da leggere da heyoka »

Alfa ha scritto: 18 nov 2020, 19:40 Si è presentato al pronto soccorso dell’ospedale di Pistoia, ospedale della MIA città, dove ha iniziato a sfasciare gli arredi e a minacciare e aggredire il personale infermieristico, nonché il personale di vigilanza. Per questo un immigrato di 32 anni, cittadino gambiano e farabutto domiciliato a Pistoia, è stato arrestato dai carabinieri per minacce, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento. All’arrivo dei militari, il gambiano si è scagliato anche contro di loro, cercando di colpirli con calci e pugni, e rivolgendo loro parole minacciose. Una volta immobilizzato il 32enne è stato condotto in caserma e dopo le formalità di rito (forse a ritirare il dovuto premio e le scuse).
Bravi, continuiamo a ospitarli e darli alloggi gratuiti in pieno centro città, invece di tenerli in un tugullio di due metri x due a pane, acqua e salsiccia di maiale, fino a quando non chiedono di tornare da dove son venuti.
Perché massacrare fi botte quel povero Cristo?
Io lo darei in affido a qualche nostro deputato di Sinistra.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Connesso
Avatar utente
Sayon
Connesso: Sì
Messaggi: 11668
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3695 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4734 Mi Piace

Re: Oggi all'ospedale di Pistoia, c'è chi andava massacrato di botte.

Messaggio da leggere da Sayon »

Alfa ha scritto: 18 nov 2020, 19:40 Si è presentato al pronto soccorso dell’ospedale di Pistoia, ospedale della MIA città, dove ha iniziato a sfasciare gli arredi e a minacciare e aggredire il personale infermieristico, nonché il personale di vigilanza. Per questo un immigrato di 32 anni, cittadino gambiano e farabutto domiciliato a Pistoia, è stato arrestato dai carabinieri per minacce, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento. All’arrivo dei militari, il gambiano si è scagliato anche contro di loro, cercando di colpirli con calci e pugni, e rivolgendo loro parole minacciose. Una volta immobilizzato il 32enne è stato condotto in caserma e dopo le formalità di rito (forse a ritirare il dovuto premio e le scuse).
Bravi, continuiamo a ospitarli e darli alloggi gratuiti in pieno centro città, invece di tenerli in un tugullio di due metri x due a pane, acqua e salsiccia di maiale, fino a quando non chiedono di tornare da dove son venuti.
Questo sono i casi di spedirlo via, al primo volo. Se si facesse cosi' si ridurrebbero anche gli immigranti. E' un assurdo permettere violenze verso le nostre istituzioni.
Rispondi