La Lega esce dall'aula del Senato.

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Avatar utente
albatros
Connesso: No
Messaggi: 1369
Iscritto il: 25 ott 2020, 19:37
Località: Roma
Ha Assegnato: 1059 Mi Piace
Ha Ricevuto: 941 Mi Piace

Re: La Lega esce dall'aula del Senato.

Messaggio da leggere da albatros »

E' bene che si facciano sentire in questo modo, dopo che ogni tentativo di proposta è stato ignorato. Che l'ipocrita Giuseppi telefoni a Salvini due minuti prima di ufficializzare le decisioni già adottate è una presa per i fondelli indegna e vile. Ciò al di là di ogni considerazione sullo stesso Salvini, qui non è questione di partito preso ma di semplice logica nei normali rapporti politici.
Ci saranno sempre degli Eschimesi pronti a dettar norme su come devono comportarsi gli abitanti del Congo durante la calura.
Avatar utente
Ovidio
Connesso: No
Messaggi: 3554
Iscritto il: 25 set 2020, 17:08
Ha Assegnato: 352 Mi Piace
Ha Ricevuto: 862 Mi Piace

Re: La Lega esce dall'aula del Senato.

Messaggio da leggere da Ovidio »

Shamash ha scritto: 29 ott 2020, 22:22
Sayon ha scritto: 29 ott 2020, 17:39 Non vedo assolutamente l' utilita' di lasciare l' Aula in un momento come questo. Molto piu' utile proporre emendamenti alle stesse. La politica di Salvini ha consistito in chiamare incapaci le persone del governo e a lanciare accuse a ministri ed istituzioni.
Anzi, gesto giustissimo quando a fronte di proposte si viene costantemente ignorati.
Di fronte alla costante presa in giro da parte del governo, obiettivamente e palesemente incapace, che rifiuta qualsiasi forma di dialogo, l'unico gesto che rimane da fare, con eleganza, è alzarsi e andarsene.
Il giorno che il governo accetterà un confronto con le opposizioni, allora le cose andranno in modo differente. Ma, intanto, mi auguro sia già caduto...
Tutto giusto, ma ... cui prodest? È desolante, forme di protesta verbale, manifestazioni in piazza, interventi in parlamento, abbandono della camera deputati o senato, ...

Tutto lnutile per chi ha la faccla come le sue parti basse e sa che niente e nessuno potrà schilodarlo via dall'amata poltrona.
Tenere sempre a mente la „regola d‘oro“
Avatar utente
Sayon
Connesso: No
Messaggi: 11605
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3675 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4715 Mi Piace

Re: La Lega esce dall'aula del Senato.

Messaggio da leggere da Sayon »

Ovidio ha scritto: 30 ott 2020, 13:33
Shamash ha scritto: 29 ott 2020, 22:22
Anzi, gesto giustissimo quando a fronte di proposte si viene costantemente ignorati.
Di fronte alla costante presa in giro da parte del governo, obiettivamente e palesemente incapace, che rifiuta qualsiasi forma di dialogo, l'unico gesto che rimane da fare, con eleganza, è alzarsi e andarsene.
Il giorno che il governo accetterà un confronto con le opposizioni, allora le cose andranno in modo differente. Ma, intanto, mi auguro sia già caduto...
Tutto giusto, ma ... cui prodest? È desolante, forme di protesta verbale, manifestazioni in piazza, interventi in parlamento, abbandono della camera deputati o senato, ...

Tutto lnutile per chi ha la faccla come le sue parti basse e sa che niente e nessuno potrà schilodarlo via dall'amata poltrona.
Avere un governo sciancato, diviso e con ministri immaturi e' un disastro. Avere come opposizione un distruttore come Salvini e' una Apocalisse. Impossibile parlare di coperazione fra Conte (che sta facendo un lavoro encomiabile mantenendo a galla una barca con i buchi) e un Salvini (che non ha la minima idea di come si lavora per il bene del Paese)Io dico solo questo: in un periodo di crisi si lavora insieme, non i cerca di approfittarne per andare al governo. Non si puo' lavorare con uno che passa il tempo a dire: siete tutti incapaci, via Conte, via questo ministro, via quell' altro quando TUTTI sappiamo che lui e' ancora piu incapace di loro e sarebbe la persona peggiore possibile a controllare il COVID. La stessa Lombardia e veneto sono una pessima dimostrazione di questa mancanza di controllo. O il centro-destra si sveglia e si sceglie un altro leader, o la situazione politica italiana diventera' un inferno. Qui non e' questione di "destra" e "sinistra" a livello d'osteria. Si tratta di lavorare assieme per uscire dalla crisi. Alle elezioni, con leader diversi per favore, ci si pensa dopo. Al momento non c'e' un centro-destra con i giuti requisiti. Siamo appunto a livello osteria.
Avatar utente
giampieros
Connesso: No
Messaggi: 735
Iscritto il: 17 giu 2019, 20:07
Ha Assegnato: 302 Mi Piace
Ha Ricevuto: 386 Mi Piace

Re: La Lega esce dall'aula del Senato.

Messaggio da leggere da giampieros »

Sayon ha scritto: 29 ott 2020, 12:08 Avevo scritto una chiara risposta per te Giampieros, poi ho avuto problemi di scrrittura, l' ho salvata in "bozza> ma non so come recuperarla. Torneo' sull' argomento perche mi annoia doverlo riscrivere. Passo invece a Shamash che crtica i due partiti che dovrebbero 'accompagnare" l' azione di Salvini. Bene io la penso esattamente il contrario. Se si vuole creare una VERA opposizione di sostanza, occorre rinforzare e dare credito proprio a FdI (che pero' al momento si limita a rubare voti) e a FI (stupidamente trascurata dagli elettori) , Questo perche' un'opposizione guidata dalla Lega attuale (scredidata, di scarsissima fiducia finanziaria, ultima in Italia nei confronti del Covid in Lombardia e Veneto) e dal casinista Salvini non ha alcuna probabilita' di essere presa sul serio, semplicemente perche' non rappresenta ne un centro-destra -che Salvini ha demolito- ne una destra moderata (come rappresentata da FdI). In pratica, Shamash, l' Opposizione si e' infilata in un vicolo cieco, e facendo c aciara anche in Senato, non risolve ma aggrava la situazione favorendo la nascita di movimenti violenti come quelli visti soprattutto a Torino. Se si fanno delle proposte CONCRETE le si fanno dialogando con il governo, cooperando con lo stesso in situazioni difficili come l' attuali. Giampiero parla di "proposte" : ma quali sono? (G. non le ha dette) ma perche poi Salvini avrebbe la formula magica per risolvere la crisi? Cosa farebbe? aprirebbe tutto, chiuderebbe tutto, agirebbe alla Cinese, alla svedese. No, Salvini non ha proposto un bel nulla: si e' limitato a fare comizi, accuse e critiche. Aspettarsi "soluzioni" da lui che di errori ne ha fatti (e fara') di tutti i colori e' una fantasia. Benvengano gli altri due partiti a presentare un'opposizione piu proattiva e lungimirante. Solo cosi si potra' andare al governo
...occorre rinforzare e dare credito proprio a FdI (che pero' al momento si limita a rubare voti) e a FI (stupidamente trascurata dagli elettori) , Questo perche' un'opposizione guidata dalla Lega attuale...
Onestamente Sayon a volte nel leggerti rimango esterefatto. Io continuo pervicacemente ad essere convinto che tu sia una persona intelligente (altrimenti non ti risponderei), certo però che certe tue affermazioni sono letteralmente disarmanti. Fratelli d'Italia sta rubando i voti? E a chi li starebbe rubando? A Forza Italia? Beh, senza raffinate analisi sui flussi elettorali, sembra evidente che in un primo periodo la Lega abbia "rubato" voti a F.I. e successivamente la Meloni abbia rubato voti alla Lega. Nel frattempo F.I. ha probabilmente perso un po' di voti anche verso Renzi, Calenda e non solo. Tutto questo è però secondario Sayon! Il punto vero è che nessuno ruba voti a nessuno ("rubare" i voti, significa fare brogli elettorali!). Ogni leader cerca di convincere gli elettori a votare per il suo partito: evidentemente chi guadagna voti è stato più convincente di chi i voti li ha perduti. Ma se tu metti in discussione questo principio, mi spieghi di grazia qual è l'idea che tu hai di "democrazia"?
Avatar utente
Ovidio
Connesso: No
Messaggi: 3554
Iscritto il: 25 set 2020, 17:08
Ha Assegnato: 352 Mi Piace
Ha Ricevuto: 862 Mi Piace

Re: La Lega esce dall'aula del Senato.

Messaggio da leggere da Ovidio »

giampieros ha scritto: 30 ott 2020, 18:48 Tutto questo è però secondario Sayon! Il punto vero è che nessuno ruba voti a nessuno ("rubare" i voti, significa fare brogli elettorali!). Ogni leader cerca di convincere gli elettori a votare per il suo partito: evidentemente chi guadagna voti è stato più convincente di chi i voti li ha perduti. Ma se tu metti in discussione questo principio, mi spieghi di grazia qual è l'idea che tu hai di "democrazia"?
Mutare sententiam sapientis est! Come diceva il buon vecchio Cicerone, sinistra ante litteram.
Tenere sempre a mente la „regola d‘oro“
Rispondi