Se un bambino di cinque anni è positivo asintomatico...

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Avatar utente
porterrockwell
Connesso: No
Messaggi: 3775
Iscritto il: 9 giu 2019, 11:47
Ha Assegnato: 465 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2430 Mi Piace

Se un bambino di cinque anni è positivo asintomatico...

Messaggio da leggere da porterrockwell »

....come ormai milioni di persone, allora, secondo il governo di Salò 2, è contagioso ed infetterà tutta la parentela non essendo neppure tenuto a portare la mascherina. Ho visto in autobus più bambini senza la mascherina. Se uno di loro è positivo asintomatico e perciò contagioso (dice sempre Salò 2) potrà facilmente infettare gli altri bambini presenti i quali a loro volta a casa "vampirizzeranno" tutta la famiglia.
Una cazzata dietro l'altra.
Purtroppo siamo diretti da un governo negativo ed altamente sintomatico.
Scorra come acqua il diritto e la giustizia come un torrente perenne. Amos 5,24
Connesso
Avatar utente
serge
Connesso: Sì
Messaggi: 6612
Iscritto il: 9 giu 2019, 8:58
Ha Assegnato: 6615 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2333 Mi Piace

Re: Se un bambino di cinque anni è positivo asintomatico...

Messaggio da leggere da serge »

Premetto che da sempre sono convinto che le leggi,di qualsiasi tenore esse siano vanno osservate,anche se non da noi condivise.
Dopo di che,ricordo che in questo forum ho già espresso il mio dissenso al prolungamento dello stato di emergenza. La situazione odierna non va sottovalutata,ma quanto sta accadendo è di gran lungo diverso da quello che abbiamo subito negli scorsi mesi. Allora i contagi ammontavano a qualche centinaio di migliaia con un numero elevato di positivi,le terapie intensive erano allo stremo,il tasso di mortalità elevato. Oggi,a mio modesto parere, a fronte di una quantità di tamponi di gran lunga superiore,siamo in una situazione non comparabile con la precedente, con casi persone positive , per lo più asintomatici,ricoveri limitati,terapie intensive non più prese d'assalto,tasso di mortalità ridotto a qualche decina al giorno. Tanto che mi viene da pensare che il famoso Covid sia ridotto a una normale malattia.Eppure oggi si parla di ospedali quasi al collasso,di divieti, di chiusure,di una situazione di emergenza che faccio fatica a comprendere, ma che rischia di far rimanere a casa centinaia di migliaia di cittadini che lavorano e,tutto sommato,stanno anche bene. Credo che certe decisioni, più che rassicurare gli italiani, creino un ingiustificato panico nel nostro Paese. A questo punto mi viene il dubbio che forse ai nostri governanti tale stato di cose serva per ottenere i fondi UE, con cui tappare i buchi e magari non migliorare il servizio sanitario nazionale che,secondo costoro,sarebbe in agonia.O sbaglio?
Bye
Quando i ricchi si fanno la guerra tra loro, sono i poveri a morire.(Jean-Paul Sartre)
Avatar utente
Ovidio
Connesso: No
Messaggi: 3554
Iscritto il: 25 set 2020, 17:08
Ha Assegnato: 352 Mi Piace
Ha Ricevuto: 862 Mi Piace

Re: Se un bambino di cinque anni è positivo asintomatico...

Messaggio da leggere da Ovidio »

serge ha scritto: 11 ott 2020, 16:25 Premetto che da sempre sono convinto che le leggi,di qualsiasi tenore esse siano vanno osservate,anche se non da noi condivise.
Dopo di che,ricordo che in questo forum ho già espresso il mio dissenso al prolungamento dello stato di emergenza. La situazione odierna non va sottovalutata,ma quanto sta accadendo è di gran lungo diverso da quello che abbiamo subito negli scorsi mesi. Allora i contagi ammontavano a qualche centinaio di migliaia con un numero elevato di positivi,le terapie intensive erano allo stremo,il tasso di mortalità elevato. Oggi,a mio modesto parere, a fronte di una quantità di tamponi di gran lunga superiore,siamo in una situazione non comparabile con la precedente, con casi persone positive , per lo più asintomatici,ricoveri limitati,terapie intensive non più prese d'assalto,tasso di mortalità ridotto a qualche decina al giorno. Tanto che mi viene da pensare che il famoso Covid sia ridotto a una normale malattia.Eppure oggi si parla di ospedali quasi al collasso,di divieti, di chiusure,di una situazione di emergenza che faccio fatica a comprendere, ma che rischia di far rimanere a casa centinaia di migliaia di cittadini che lavorano e,tutto sommato,stanno anche bene. Credo che certe decisioni, più che rassicurare gli italiani, creino un ingiustificato panico nel nostro Paese. A questo punto mi viene il dubbio che forse ai nostri governanti tale stato di cose serva per ottenere i fondi UE, con cui tappare i buchi e magari non migliorare il servizio sanitario nazionale che,secondo costoro,sarebbe in agonia.O sbaglio?
Bye
Non so, non capisco perché „stato di emergenza“. Qui in Svizzera si parla di di situazione a rischio ma, a parte che non si vedono mascherine in giro (io la porto ma praticamente sono l‘unico), non vi è mai stato stato di emergenza. Non siamo in guerra.

Solo menti malate possono pensare di introdurlo.

O forse sperano che lo stato di emergenza possa inoculare nei loro cervelli balzani illuminanti lampi di genio?
Tenere sempre a mente la „regola d‘oro“
Rispondi