Cosa fanno i "mediatori culturali" ?

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Connesso
Avatar utente
porterrockwell
Connesso: Sì
Messaggi: 3782
Iscritto il: 9 giu 2019, 11:47
Ha Assegnato: 469 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2440 Mi Piace

Cosa fanno i "mediatori culturali" ?

Messaggio da leggere da porterrockwell »

Giusto per spillare soldi al contribuente nelle coop sociali che vivono ospitando i finti profughi politici troviamo i cosiddetti mediatori culturali.
Se mediatore viene dal latino "medium" , il mediatore culturale dovrebbe essere pagato per fare da tramite nell'inserimento dei futuri cittadini nel tessuto sociale italiano.
Ora vorrei essere una mosca ed assistere a come i mediatori preparano i finti profughi mussulmani alle questioni delle famiglie omosessuali con relativa adozione di bambini. Secondo voi i mediatori illustrano questa conquista sociale delle democrazie parlamentari? E se lo fanno, con quale risultato?
Scorra come acqua il diritto e la giustizia come un torrente perenne. Amos 5,24
Connesso
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 2643
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 1103 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1434 Mi Piace

Re: Cosa fanno i "mediatori culturali" ?

Messaggio da leggere da Vento »

Anni fa lessi, non ricordo più dove, che la regione toscana teneva corsi per immigrati clandestini, essenzialmente su resistenza (italiana) e marxismo. Questi addestrano la futura base, visto che gli italiani non li sosterranno più, a parte i cointeressati al loro sistema di potere parassitario. E l'altro giorno ho sentito dell'intenzione del governo di creare un corpo di vigili ambientali, cioè gente che gironzolerà spiando eventuali comportamenti contro l'ambiente. Reato vaghissimo e fantasioso, naturalmente, che permetterà loro di rompere le scatole a chiunque, creando 'posti di lavoro', come dicono loro, ed una nuova classe di statali parassitari di parte sinistra. Penso sia la loro interpretazione della politica ambientale EU.
Fuck Europe FuckYou by Victoria Nuland
Amen and Awoman :lol: egalité
Avatar utente
Alfa
Connesso: No
Messaggi: 6119
Iscritto il: 8 giu 2019, 16:35
Località: Toscana
Ha Assegnato: 1211 Mi Piace
Ha Ricevuto: 3960 Mi Piace
Contatta:

Re: Cosa fanno i "mediatori culturali" ?

Messaggio da leggere da Alfa »

porterrockwell ha scritto: 19 giu 2020, 14:23 Giusto per spillare soldi al contribuente nelle coop sociali che vivono ospitando i finti profughi politici troviamo i cosiddetti mediatori culturali.
Se mediatore viene dal latino "medium" , il mediatore culturale dovrebbe essere pagato per fare da tramite nell'inserimento dei futuri cittadini nel tessuto sociale italiano.
Ora vorrei essere una mosca ed assistere a come i mediatori preparano i finti profughi mussulmani alle questioni delle famiglie omosessuali con relativa adozione di bambini. Secondo voi i mediatori illustrano questa conquista sociale delle democrazie parlamentari? E se lo fanno, con quale risultato?
Ti rispondo.
Cosa fanno?
Si prendono 60 euro l'ora.
Sommiamoci le spese di soggiorno dei clandestini/e, raddoppiamole x i "presunti" minori, aggiungiamoci le spese sanitarie, occhiali da vIsta che cominciamo a vedere in giro, vestiti, telefonini, spese di avvocati e processuali che ci accolliamo per difenderli e accusarli, bus, treni e metripolitane che non vengono pagate e ...... tanto, tanto altro ..... sommati pure al reddito di cittadinanza, navigator ....... Ma senza di loro avremo bisogno del MES o avremo un bel di soldi in più ?!
Rispondi