Guerra fredda? Addio globalismi!

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Connesso
Avatar utente
Valerio
Connesso: Sì
Messaggi: 6141
Iscritto il: 8 giu 2019, 20:31
Località: Messina
Ha Assegnato: 3664 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2825 Mi Piace

Guerra fredda? Addio globalismi!

Messaggio da leggere da Valerio »

No, non ho sbagliato a mettere il 3d in Politica italiana. Il titolo è solo il preambolo.

Il vero argomento è che l'incubo globalità sta per finire. I due colossi economici fanno le prime vittime: chiusura dei mercati internazionali e tramonto dei veri poteri Luciferini, banda Bilderberg e Soros.

Adesso la Borsa internazionale avrà grosse limitazioni per la "Finanza Creativa" e gli allegri spostamenti di capitali destinati a "colpire" gli Stati riottosi.

Stiamo per assistere al trionfo dei nazionalismi, erroneamente definiti Sovranismi.

E la chiave pare che sarà la guerra dei dazi e dei monopoli. Evviva!


Oggi alcuni giornali escono dalla sbornia propagandista, e cominciano a parlare di ripristino delle produzioni interne, soprattutto dei generi alimentari. Ed ha cominciato proprio la Cina.

Naturalmente i governanti coglioni (leggi italiani), saranno gli ultimi a capirlo, ma confido soprattutto su Confagricoltura.
:mrgreen:
Sovranità al Cittadino.
Non abbiamo un pianeta B
In onore dei pennuti heyokani: Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.
Connesso
Avatar utente
RedWine
Connesso: Sì
Messaggi: 5196
Iscritto il: 9 giu 2019, 14:54
Ha Assegnato: 1171 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2836 Mi Piace

Re: Guerra fredda? Addio globalismi!

Messaggio da leggere da RedWine »

Valerio ha scritto: 25 mag 2020, 6:24 Stiamo per assistere al trionfo dei nazionalismi, erroneamente definiti Sovranismi.
tutto giusto e auspicabile, a parte forse la frase sopra.
a mio parere sovranismo vuole essenzialmente, con definizione grezza ma efficace, "comandare a casa propria".
mentre nazionalismo come storicamente abbiamo visto è porre la propria nazione in competizione con le altre per la supremazia.
in molte situazioni i due termini oltre a non essere sinonimi possono essere dei contrari.
"Non avrete nulla e sarete felici". e se non fossi felice? "non ti preoccupare, ti cureremo"
Davos agenda 2030.
Connesso
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 2643
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 1103 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1434 Mi Piace

Re: Guerra fredda? Addio globalismi!

Messaggio da leggere da Vento »

Credo che in fondo si tratti di trovare un equilibrio tra il processo inevitabile di relazioni internazionali sempre più estese e il recupero del controllo dei territori da parte dei legittimi Stati, ridimensionando il ruolo delle organizzazioni internazionali, che si sono montate la testa, per non dire di quelle private ...
Fuck Europe FuckYou by Victoria Nuland
Amen and Awoman :lol: egalité
Connesso
Avatar utente
Valerio
Connesso: Sì
Messaggi: 6141
Iscritto il: 8 giu 2019, 20:31
Località: Messina
Ha Assegnato: 3664 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2825 Mi Piace

Re: Guerra fredda? Addio globalismi!

Messaggio da leggere da Valerio »

RedWine ha scritto: 25 mag 2020, 9:40
Valerio ha scritto: 25 mag 2020, 6:24 Stiamo per assistere al trionfo dei nazionalismi, erroneamente definiti Sovranismi.
tutto giusto e auspicabile, a parte forse la frase sopra.
a mio parere sovranismo vuole essenzialmente, con definizione grezza ma efficace, "comandare a casa propria".
mentre nazionalismo come storicamente abbiamo visto è porre la propria nazione in competizione con le altre per la supremazia.
in molte situazioni i due termini oltre a non essere sinonimi possono essere dei contrari.
Grazie RedWine, è da tanto che peno per fare accettare questa distinzione. E addirittura ho definito il Sovranismo come la piena realizazione della democrazia, così come contenuta nell'art.1 della Costituzione.

E se guardi in fondo ai miei commenti ci trovi sempre, in verde, Sovranità al Cittadino.
Sovranità al Cittadino.
Non abbiamo un pianeta B
In onore dei pennuti heyokani: Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.
Avatar utente
carletto3
Connesso: No
Messaggi: 8090
Iscritto il: 25 giu 2019, 2:20
Ha Assegnato: 436 Mi Piace
Ha Ricevuto: 3215 Mi Piace

Re: Guerra fredda? Addio globalismi!

Messaggio da leggere da carletto3 »

Mi spiace ma sono del parere contrario.....quello che sta avvenendo,non mi piace affatto,quello che sta passando è un ritorno ai dazi e alla chiusura dei liberi scambi internazionali delle merci insieme al blocco della liberalizzazione dell'alta finanza speculativa.Ora se la seconda è un bene la prima è una vera disgrazia proprio perche' l'Italia è fondamentalmente una nazione esportatrice di prodotti finiti e non dell'alta finanza.
Quello che potrebbe accadere è che per mantenere i prodotti esportati competitivi ,si potrebbe verificare l'unica cosa che giustificherebbe un ingresso smodato di braccia di importazione,per avere schiavi a basso costo in modo da mantenere i prezzi i piu' bassi possibile. Sweating
La realta' è solo un'allucinazione dovuta a carenza di alcol (...un saggio)
"Gli è tutto sbagliato....gli è tutto da rifa'"
Connesso
Avatar utente
RedWine
Connesso: Sì
Messaggi: 5196
Iscritto il: 9 giu 2019, 14:54
Ha Assegnato: 1171 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2836 Mi Piace

Re: Guerra fredda? Addio globalismi!

Messaggio da leggere da RedWine »

carletto3 ha scritto: 25 mag 2020, 12:11 Mi spiace ma sono del parere contrario.....quello che sta avvenendo,non mi piace affatto,quello che sta passando è un ritorno ai dazi e alla chiusura dei liberi scambi internazionali delle merci insieme al blocco della liberalizzazione dell'alta finanza speculativa.Ora se la seconda è un bene la prima è una vera disgrazia proprio perche' l'Italia è fondamentalmente una nazione esportatrice di prodotti finiti e non dell'alta finanza.
Quello che potrebbe accadere è che per mantenere i prodotti esportati competitivi ,si potrebbe verificare l'unica cosa che giustificherebbe un ingresso smodato di braccia di importazione,per avere schiavi a basso costo in modo da mantenere i prezzi i piu' bassi possibile. Sweating
il male non sta nell'esportazione o nell'importazione, ma nello sbilancio delle due cose. non ci sarebbe nulla di male a esportare macchine agricole e importare uguale valore di cereali, il problema si crea quando si eccede nell'import o nell'export.

“Se le nazioni imparassero a raggiungere la piena occupazione con le loro politiche interne, non ci sarebbero più forze economiche che mettono gli interessi di un paese contro quelli dei vicini (…). Il commercio internazionale cesserebbe di essere quello che è, cioè un espediente disperato per mantenere l’occupazione interna spingendo le vendite all’estero e limitando gli acquisti, che – se funziona – non fa altro che spostare il problema della disoccupazione sul paese vicino che esce in condizioni peggiori dalla lotta” (John Maynard Keynes, Teoria generale dell’occupazione, interesse, moneta, 1936, capitolo 24)

ed è chiaro che la piena occupazione non può essere ottenuta con "un ingresso smodato di braccia di importazione,per avere schiavi a basso costo"
ma questo è quello che si ottiene con il neoliberismo globalizzato dove tutti sono costretti a un'infinita corsa al ribasso.
"Non avrete nulla e sarete felici". e se non fossi felice? "non ti preoccupare, ti cureremo"
Davos agenda 2030.
Connesso
Avatar utente
Valerio
Connesso: Sì
Messaggi: 6141
Iscritto il: 8 giu 2019, 20:31
Località: Messina
Ha Assegnato: 3664 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2825 Mi Piace

Re: Guerra fredda? Addio globalismi!

Messaggio da leggere da Valerio »

RedWine, la Sicilia, da sola, è in grado di produrre cereali per tutta l'Italia. Per il riso basta il Piemonte.
Sovranità al Cittadino.
Non abbiamo un pianeta B
In onore dei pennuti heyokani: Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.
Connesso
Avatar utente
RedWine
Connesso: Sì
Messaggi: 5196
Iscritto il: 9 giu 2019, 14:54
Ha Assegnato: 1171 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2836 Mi Piace

Re: Guerra fredda? Addio globalismi!

Messaggio da leggere da RedWine »

Valerio ha scritto: 25 mag 2020, 14:50 RedWine, la Sicilia, da sola, è in grado di produrre cereali per tutta l'Italia. Per il riso basta il Piemonte.
non credo, ne per la Sicilia ne tantomeno per il Piemonte.
ma anche se fosse, non è quello il punto che volevo sottolineare.
al giorno d'oggi ci sono oggetti che ha senso produrre solo a livello globale, dove o per il costo oppure per una richiesta bassissima possono comunque trovare un mercato sufficiente che ne giustifichi la messa in produzione a prezzo accettabile.
io ho lavorato per tutta la vita in un'azienda che a livello nazionale non avrebbe potuto esistere. https://www.museoagusta.it/
quindi non sono contro il commercio globale, so quanto siamo interconnessi, penso solo che ogni nazione debba comprare quello di cui necessita e vendere quello che ha in eccesso, ci saranno nazioni che hanno in eccesso materie prime, altre bellezze naturali, o capacità tecniche, noi manchiamo delle prime ma abbiamo in abbondanza del resto.
ma nessun popolo/nazione deve poter essere messo sotto ricatto, ne dal punto di vista dei beni essenziali, che quindi devono necessariamente essere di produzione autoctona e sottratti al dominio del mercato, ne dal punto di vista finanziario, il che accade appunto quando di crea uno sbilanciamento macroscopico tra il valore delle importazioni e quello delle esportazioni.
"Non avrete nulla e sarete felici". e se non fossi felice? "non ti preoccupare, ti cureremo"
Davos agenda 2030.
Connesso
Avatar utente
Valerio
Connesso: Sì
Messaggi: 6141
Iscritto il: 8 giu 2019, 20:31
Località: Messina
Ha Assegnato: 3664 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2825 Mi Piace

Re: Guerra fredda? Addio globalismi!

Messaggio da leggere da Valerio »

RedWine ha scritto: 25 mag 2020, 17:20
Valerio ha scritto: 25 mag 2020, 14:50 RedWine, la Sicilia, da sola, è in grado di produrre cereali per tutta l'Italia. Per il riso basta il Piemonte.
non credo, ne per la Sicilia ne tantomeno per il Piemonte.
ma anche se fosse, non è quello il punto che volevo sottolineare.
al giorno d'oggi ci sono oggetti che ha senso produrre solo a livello globale, dove o per il costo oppure per una richiesta bassissima possono comunque trovare un mercato sufficiente che ne giustifichi la messa in produzione a prezzo accettabile.
io ho lavorato per tutta la vita in un'azienda che a livello nazionale non avrebbe potuto esistere. https://www.museoagusta.it/
quindi non sono contro il commercio globale, so quanto siamo interconnessi, penso solo che ogni nazione debba comprare quello di cui necessita e vendere quello che ha in eccesso, ci saranno nazioni che hanno in eccesso materie prime, altre bellezze naturali, o capacità tecniche, noi manchiamo delle prime ma abbiamo in abbondanza del resto.
ma nessun popolo/nazione deve poter essere messo sotto ricatto, ne dal punto di vista dei beni essenziali, che quindi devono necessariamente essere di produzione autoctona e sottratti al dominio del mercato, ne dal punto di vista finanziario, il che accade appunto quando di crea uno sbilanciamento macroscopico tra il valore delle importazioni e quello delle esportazioni.
Giusto. Ma occorre recuperare la Sovranità, per essere attori del Mercato, e non vittime. Io sono contro i dazi, ma la concorrenza deve essere su una base di parità. Non posso competere con i miei prezzi contro un paese schiavista.

Quando tali paesi non lo capiscono, arrivano i dazi. Ma noi abbiamo imprese italiane che sfruttano lo schiavismo permesso in altri paesi. Per questo occorre che uno Stato, il nostro in particolare, possa agire verso i propri cittadini anche in extraterritorialità.
Sovranità al Cittadino.
Non abbiamo un pianeta B
In onore dei pennuti heyokani: Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.
Avatar utente
carletto3
Connesso: No
Messaggi: 8090
Iscritto il: 25 giu 2019, 2:20
Ha Assegnato: 436 Mi Piace
Ha Ricevuto: 3215 Mi Piace

Re: Guerra fredda? Addio globalismi!

Messaggio da leggere da carletto3 »

RedWine ha scritto: 25 mag 2020, 13:36
carletto3 ha scritto: 25 mag 2020, 12:11 Mi spiace ma sono del parere contrario.....quello che sta avvenendo,non mi piace affatto,quello che sta passando è un ritorno ai dazi e alla chiusura dei liberi scambi internazionali delle merci insieme al blocco della liberalizzazione dell'alta finanza speculativa.Ora se la seconda è un bene la prima è una vera disgrazia proprio perche' l'Italia è fondamentalmente una nazione esportatrice di prodotti finiti e non dell'alta finanza.
Quello che potrebbe accadere è che per mantenere i prodotti esportati competitivi ,si potrebbe verificare l'unica cosa che giustificherebbe un ingresso smodato di braccia di importazione,per avere schiavi a basso costo in modo da mantenere i prezzi i piu' bassi possibile. Sweating
il male non sta nell'esportazione o nell'importazione, ma nello sbilancio delle due cose. non ci sarebbe nulla di male a esportare macchine agricole e importare uguale valore di cereali, il problema si crea quando si eccede nell'import o nell'export.

“Se le nazioni imparassero a raggiungere la piena occupazione con le loro politiche interne, non ci sarebbero più forze economiche che mettono gli interessi di un paese contro quelli dei vicini (…). Il commercio internazionale cesserebbe di essere quello che è, cioè un espediente disperato per mantenere l’occupazione interna spingendo le vendite all’estero e limitando gli acquisti, che – se funziona – non fa altro che spostare il problema della disoccupazione sul paese vicino che esce in condizioni peggiori dalla lotta” (John Maynard Keynes, Teoria generale dell’occupazione, interesse, moneta, 1936, capitolo 24)

ed è chiaro che la piena occupazione non può essere ottenuta con "un ingresso smodato di braccia di importazione,per avere schiavi a basso costo"
ma questo è quello che si ottiene con il neoliberismo globalizzato dove tutti sono costretti a un'infinita corsa al ribasso.
REd...forse non sono stato chiaro....il "bene" è riferito al blocco delle incursioni finaziarie piratesche non alla economia reale...che potrebbe trarre solo vantaggi dal blocco delle liberalizzazioni dell'importazione di prodotti concorrenziali da tutto il mondo....tipo arance,pomodori,frutta in genere ,tessuti ,prodotti cinesi pericoloissimi ...ecc.....
Bye
La realta' è solo un'allucinazione dovuta a carenza di alcol (...un saggio)
"Gli è tutto sbagliato....gli è tutto da rifa'"
Avatar utente
carletto3
Connesso: No
Messaggi: 8090
Iscritto il: 25 giu 2019, 2:20
Ha Assegnato: 436 Mi Piace
Ha Ricevuto: 3215 Mi Piace

Re: Guerra fredda? Addio globalismi!

Messaggio da leggere da carletto3 »

Valerio ha scritto: 25 mag 2020, 14:50 RedWine, la Sicilia, da sola, è in grado di produrre cereali per tutta l'Italia. Per il riso basta il Piemonte.
Nn esagerare...una volta era il granaio d'Italia ....quando eravamo sì e no 10 milioni.E si importava grano dalla Tunisia...anche allora.(storia romana).Anche per il riso è la stessa storia.Non bastiamo a noi stessi....solo di olio ne produciamo sì e no il 40 % del fabbisogno nazionale. Tra l'altro è quello a costo piu' alto.
La realta' è solo un'allucinazione dovuta a carenza di alcol (...un saggio)
"Gli è tutto sbagliato....gli è tutto da rifa'"
Connesso
Avatar utente
Sayon
Connesso: Sì
Messaggi: 11469
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3595 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4657 Mi Piace

Re: Guerra fredda? Addio globalismi!

Messaggio da leggere da Sayon »

carletto3 ha scritto: 25 mag 2020, 19:45
Valerio ha scritto: 25 mag 2020, 14:50 RedWine, la Sicilia, da sola, è in grado di produrre cereali per tutta l'Italia. Per il riso basta il Piemonte.
Nn esagerare...una volta era il granaio d'Italia ....quando eravamo sì e no 10 milioni.E si importava grano dalla Tunisia...anche allora.(storia romana).Anche per il riso è la stessa storia.Non bastiamo a noi stessi....solo di olio ne produciamo sì e no il 40 % del fabbisogno nazionale. Tra l'altro è quello a costo piu' alto.
Non posso che essere d'accordo con Carletto. Il globalismo cari miei c'e' e restera'. E con tutti i guai che combina e' sempre meglio che un ritorno a dazi, frontiere, passaporti distinti, boicotti e cosi via. E il sovranismo non e' altro che un'altra forma di nazionalismo. E il nazionalismo purtroppo va sempre a finire male. E rompe molto le scatole quando a praticarlo sono i nostri vicini. A voi PIACE la politica del giovinotto austriaco che ci blocca i camion e boicotta i beni italiani? Bene lui e' l' equivalente dei sovranisti italiani, solo che sta dalla parte opposta.
Connesso
Avatar utente
Valerio
Connesso: Sì
Messaggi: 6141
Iscritto il: 8 giu 2019, 20:31
Località: Messina
Ha Assegnato: 3664 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2825 Mi Piace

Re: Guerra fredda? Addio globalismi!

Messaggio da leggere da Valerio »

Chissà, forse prima o poi si parlerà di Sovranismo sapendo cos'è! :(
Sovranità al Cittadino.
Non abbiamo un pianeta B
In onore dei pennuti heyokani: Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.
Connesso
Avatar utente
Sayon
Connesso: Sì
Messaggi: 11469
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3595 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4657 Mi Piace

Re: Guerra fredda? Addio globalismi!

Messaggio da leggere da Sayon »

Valerio ha scritto: 26 mag 2020, 10:04 Chissà, forse prima o poi si parlerà di Sovranismo sapendo cos'è! :(
Beh, visto che tu sai cos'e' Valerio, facci sapere.
Connesso
Avatar utente
Valerio
Connesso: Sì
Messaggi: 6141
Iscritto il: 8 giu 2019, 20:31
Località: Messina
Ha Assegnato: 3664 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2825 Mi Piace

Re: Guerra fredda? Addio globalismi!

Messaggio da leggere da Valerio »

Sayon ha scritto: 27 mag 2020, 19:30
Valerio ha scritto: 26 mag 2020, 10:04 Chissà, forse prima o poi si parlerà di Sovranismo sapendo cos'è! :(
Beh, visto che tu sai cos'e' Valerio, facci sapere.
Hai mai letto l'art. 1 della Costituzione?

Il Sovranismo non è altro che ripristinare la catena delle responsabilità in capo ai politici. Nel momento in cui si accetta che il Popolo è Sovrano, ogni disegno della struttura politica ed amministrativa dello Stato deve essere pensata e realizzata al fine di renderla conseguente.

A cominciare dalla delega dei poteri, ovviamente, abolendo ogni legge o "consuetudine" che si trovi in conflitto. Tanto per fare un esempio: chi riceve la delega popolare a svolgere una qualunque funzione pubblica, non deve potere a sua volta delegare tale facoltà come se ne fosse proprietario. O svolge la sua funzione o restituisce il mandato nelle mani dell'unico effettivo titolare della Sovranità, il Cittadino.

Non confondiamo tale base con concetti con altri tipi di Sovranità, che da questa discendono, come la Sovranità legislativa, la Sovranità Monetaria, la Sovranità territoriale, la Sovranità della difesa, la Sovranità della gestione dello Stato in genere.

Per esempio noi siamo entrati nell'EU per scelta autonoma ed indipendente di un Governo che aveva ricevuto solo la delega per gli affari gestionali correnti. E non certo per una serie di cessioni di Sovranità nazionale.
Sovranità al Cittadino.
Non abbiamo un pianeta B
In onore dei pennuti heyokani: Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.
Rispondi