Le sigarette sì, la chiesa no...

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Holubice
Connesso: No

Le sigarette sì, la chiesa no...

Messaggio da leggere da Holubice »


A San Marco in Lamis 200 persone sfidano i divieti e vanno alla messa del venerdì santo


Immagine

"... Centinaia di persone assembrate davanti a una chiesa in piena pandemia e in barba ai divieti imposti dal governo. È successo ieri sera, venerdì santo, di fronte alla chiesa dell'Addolorata di San Marco in Lamis, in provincia di Foggia, dove il parroco Don Matteo non ha voluto rinunciare alla funzione religiosa, alla quale hanno partecipato non meno di duecento fedeli, tra i quali il sindaco Michele Merla. Sulla vicenda la Procura di Foggia ha aperto un'inchiesta: "Sono in attesa – ha detto il procuratore capo Ludovico Vaccaro – dell'informativa dei carabinieri. Faremo un'attenta ricostruzione dell'accaduto e l'accertamento delle responsabilità di tutti".
Stando a quanto racconta la Gazzetta del Mezzogiorno quasi tutti i fedeli indossavano la mascherina ed erano stati invitati a rispettare la distanza di sicurezza di almeno un metro, misure che tuttavia non giustificano in alcun modo quello che è successo: il decreto di un mese fa del governo infatti vieta espressamente tutte le cerimonie, sia civili che religiose, permettendo di uscire di casa solo per necessità..." (CONTINUA NEL LINK)


Allora, fatemi capire, uno può andare 30 volte al giorno al supermarket a prendere un fagiolo alla volta, o una penna bic alla volta dal tabaccaio, e non può rispettare un comandamento, preciso, e mortale, quale quello di santificare le feste...?

Faccio presente che, volendo, la funzione può anche eccezionalmente essere ufficiata dalle 4 del mattino, fino alle 4 della notte, oppure può tenersi (come tante volte in passato) in un campo aperto di 100 ettari, con i fedeli che arrivano a piedi, e se ne stanno a 10 metri l'uno dall'altro. La comunione può essere messa, ognuna, in un fazzoletto (anche appoggiata) in terra, in punti diversi.

Insomma, con un po' di inventiva e buona volontà, una messa la possiamo ancora fare, e con 1.000 volte meno probabilità di contagio rispetto all'andare a prendere la lattuga (a volte) tre volte al giorno...



Prego...



:?:
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8178
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4262 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2630 Mi Piace

Re: Le sigarette sì, la chiesa no...

Messaggio da leggere da heyoka »

Non è lo stesso pensiero che ha fatto Salvini???????
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Connesso
Avatar utente
serge
Connesso: Sì
Messaggi: 6594
Iscritto il: 9 giu 2019, 8:58
Ha Assegnato: 6608 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2329 Mi Piace

Re: Le sigarette sì, la chiesa no...

Messaggio da leggere da serge »

Holubice ha scritto: 13 apr 2020, 13:37
A San Marco in Lamis 200 persone sfidano i divieti e vanno alla messa del venerdì santo


Immagine

"... Centinaia di persone assembrate davanti a una chiesa in piena pandemia e in barba ai divieti imposti dal governo. È successo ieri sera, venerdì santo, di fronte alla chiesa dell'Addolorata di San Marco in Lamis, in provincia di Foggia, dove il parroco Don Matteo non ha voluto rinunciare alla funzione religiosa, alla quale hanno partecipato non meno di duecento fedeli, tra i quali il sindaco Michele Merla. Sulla vicenda la Procura di Foggia ha aperto un'inchiesta: "Sono in attesa – ha detto il procuratore capo Ludovico Vaccaro – dell'informativa dei carabinieri. Faremo un'attenta ricostruzione dell'accaduto e l'accertamento delle responsabilità di tutti".
Stando a quanto racconta la Gazzetta del Mezzogiorno quasi tutti i fedeli indossavano la mascherina ed erano stati invitati a rispettare la distanza di sicurezza di almeno un metro, misure che tuttavia non giustificano in alcun modo quello che è successo: il decreto di un mese fa del governo infatti vieta espressamente tutte le cerimonie, sia civili che religiose, permettendo di uscire di casa solo per necessità..." (CONTINUA NEL LINK)


Allora, fatemi capire, uno può andare 30 volte al giorno al supermarket a prendere un fagiolo alla volta, o una penna bic alla volta dal tabaccaio, e non può rispettare un comandamento, preciso, e mortale, quale quello di santificare le feste...?

Faccio presente che, volendo, la funzione può anche eccezionalmente essere ufficiata dalle 4 del mattino, fino alle 4 della notte, oppure può tenersi (come tante volte in passato) in un campo aperto di 100 ettari, con i fedeli che arrivano a piedi, e se ne stanno a 10 metri l'uno dall'altro. La comunione può essere messa, ognuna, in un fazzoletto (anche appoggiata) in terra, in punti diversi.

Insomma, con un po' di inventiva e buona volontà, una messa la possiamo ancora fare, e con 1.000 volte meno probabilità di contagio rispetto all'andare a prendere la lattuga (a volte) tre volte al giorno...



Prego...



:?:
Certo, a questo punto facciamo ognuno le proprie regole,naturalmente quelle che di volta in volta ci favoriscono. Ma per favore...
Beer4 Beer4 Beer4
Quando i ricchi si fanno la guerra tra loro, sono i poveri a morire.(Jean-Paul Sartre)
Avatar utente
nerorosso
Connesso: No
Messaggi: 5848
Iscritto il: 8 giu 2019, 17:34
Ha Assegnato: 3543 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2821 Mi Piace

Re: Le sigarette sì, la chiesa no...

Messaggio da leggere da nerorosso »

Vanno incriminati in primis il parroco e il sindaco.
Di seguito tutti i partecipanti, ma sicuramente il parroco e il sindaco, che ha probabilmente responsabilità addirittura maggiori del parroco stesso.
SLAVA ROSSIJA!!! 🇷🇺
luce allievi
Connesso: No

Re: Le sigarette sì, la chiesa no...

Messaggio da leggere da luce allievi »

Se Papa Francesco celebra la Messa da solo, può farlo anche il parroco di San Marco in Lamis.
Holubice
Connesso: No

Re: Le sigarette sì, la chiesa no...

Messaggio da leggere da Holubice »

heyoka ha scritto: 13 apr 2020, 15:11 Non è lo stesso pensiero che ha fatto Salvini???????
Salvini lo ha affermato per accreditarsi come prosecutore della tradizione bagiamadonne D.C. Fatta di ipocrisia, di chi sventola coroncine a favore di telecamera, e al contempo manda i motosiluranti ai barconi dei profughi. Un soggetto che ha divorziato (almeno una volta) ed ora sta con una donna con la metà dei suoi anni, figlia di uno dei più grossi maneggioni della Prima, Seconda, e Terza Repubblica.

Salvini sta semplicemente una %ar€hetta ad una parte della società (di cui non gliene frega un ca$$o). Io, e tanti altri, sentiamo la necessità di raggiungere un luogo sacro. Specialmente in un periodo come questo, in cui imperversano piaghe bibliche.

Non so se mi hai capito...
Holubice
Connesso: No

Re: Le sigarette sì, la chiesa no...

Messaggio da leggere da Holubice »

luce allievi ha scritto: 13 apr 2020, 18:31 Se Papa Francesco celebra la Messa da solo, può farlo anche il parroco di San Marco in Lamis.
Se il Padre Eterno ci ha ordinato di dedicare il settimo giorno a Lui, quello dobbiamo fare. Anche, anzi, soprattutto, durante una pestilenza (ovviamente prendendo le stesse contromisure che adottiamo per andare al supermercato). Io sono convinto che tutto questo casino ce lo abbia mandato Lui, e l'ultima cosa che dobbiamo fare è far celebrare una messa ad un prete con una cattedrale vuota.

Un cristiano che ha paura di morire è la prova provata che non crede un bel niente.

E poi la legge del Signore è superiore a tutte le altre. Questo episodio che lo spiega benissimo
In quel tempo Gesù passò tra le messi in giorno di sabato, e i suoi discepoli ebbero fame e cominciarono a cogliere spighe e le mangiavano. [2]Ciò vedendo, i farisei gli dissero: «Ecco, i tuoi discepoli stanno facendo quello che non è lecito fare in giorno di sabato». [3]Ed egli rispose: «Non avete letto quello che fece Davide quando ebbe fame insieme ai suoi compagni? [4]Come entrò nella casa di Dio e mangiarono i pani dell'offerta, che non era lecito mangiare né a lui né ai suoi compagni, ma solo ai sacerdoti? [5]O non avete letto nella Legge che nei giorni di sabato i sacerdoti nel tempio infrangono il sabato e tuttavia sono senza colpa? [6]Ora io vi dico che qui c'è qualcosa più grande del tempio. [7]Se aveste compreso che cosa significa: Misericordia io voglio e non sacrificio, non avreste condannato individui senza colpa. [8]Perché il Figlio dell'uomo è signore del sabato»
Non rispettare il sabato, allora, comportava la lapidazione. Oggi, raggiungere una chiesa di domenica (che è aperta) si rischia 3.000 euro di multa, e una denuncia penale. Ma è la medesima cosa .

E, siamo chiamati allo stesso atto di insubordinazione. Per raggiungere lui, che è nel tabernacolo. Siamo chiamati alla stessa prova. Su queste cose, non dobbiamo transigere.


:!: :!: :!:
Holubice
Connesso: No

Re: Le sigarette sì, la chiesa no...

Messaggio da leggere da Holubice »

serge ha scritto: 13 apr 2020, 16:25 Certo, a questo punto facciamo ognuno le proprie regole,naturalmente quelle che di volta in volta ci favoriscono. Ma per favore...
Beer4 Beer4 Beer4
Io non ti sto dicendo che la domenica voglio andare a fare una scampagnata, o un tuffo in spiaggia. Io voglio celebrale nel mio tempio, per placare chi, in questo Universo, decide, dispone e determina anche il più piccolo degli eventi. Compresa questa immane Piaga.

A me non mi basta poter andare a comperare il pane del supermercato...
Allora Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto per esser tentato dal diavolo. [2]E dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, ebbe fame. [3]Il tentatore allora gli si accostò e gli disse: «Se sei Figlio di Dio, dì che questi sassi diventino pane». [4]Ma egli rispose: «Sta scritto:

Non di solo pane vivrà l'uomo,
ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio
».

:!: :!: :!:
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8178
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4262 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2630 Mi Piace

Re: Le sigarette sì, la chiesa no...

Messaggio da leggere da heyoka »

Holubice ha scritto: 13 apr 2020, 18:34
heyoka ha scritto: 13 apr 2020, 15:11 Non è lo stesso pensiero che ha fatto Salvini???????
Salvini lo ha affermato per accreditarsi come prosecutore della tradizione bagiamadonne D.C. Fatta di ipocrisia, di chi sventola coroncine a favore di telecamera, e al contempo manda i motosiluranti ai barconi dei profughi. Un soggetto che ha divorziato (almeno una volta) ed ora sta con una donna con la metà dei suoi anni, figlia di uno dei più grossi maneggioni della Prima, Seconda, e Terza Repubblica.

Salvini sta semplicemente una %ar€hetta ad una parte della società (di cui non gliene frega un ca$$o). Io, e tanti altri, sentiamo la necessità di raggiungere un luogo sacro. Specialmente in un periodo come questo, in cui imperversano piaghe bibliche.

Non so se mi hai capito...
Beh, dopo queste filippiche contro il pubblicano e peccatore Salvini se mi dici che tu paghi regolarmente la decima non posso che confermare che ti manca poco prr essere un buon fariseo.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Rosanna
Connesso: No

Re: Le sigarette sì, la chiesa no...

Messaggio da leggere da Rosanna »

Ma il concetto di libera chiesa è sempre in vigore? E se si... non dovrebbe essere la chiesa a decidere se vietare o meno le celebrazioni?
luce allievi
Connesso: No

Re: Le sigarette sì, la chiesa no...

Messaggio da leggere da luce allievi »

Holubice ha scritto: 13 apr 2020, 18:50
luce allievi ha scritto: 13 apr 2020, 18:31 Se Papa Francesco celebra la Messa da solo, può farlo anche il parroco di San Marco in Lamis.
Se il Padre Eterno ci ha ordinato di dedicare il settimo giorno a Lui, quello dobbiamo fare. Anche, anzi, soprattutto, durante una pestilenza (ovviamente prendendo le stesse contromisure che adottiamo per andare al supermercato). Io sono convinto che tutto questo casino ce lo abbia mandato Lui, e l'ultima cosa che dobbiamo fare è far celebrare una messa ad un prete con una cattedrale vuota.

Un cristiano che ha paura di morire è la prova provata che non crede un bel niente.

E poi la legge del Signore è superiore a tutte le altre. Questo episodio che lo spiega benissimo
In quel tempo Gesù passò tra le messi in giorno di sabato, e i suoi discepoli ebbero fame e cominciarono a cogliere spighe e le mangiavano. [2]Ciò vedendo, i farisei gli dissero: «Ecco, i tuoi discepoli stanno facendo quello che non è lecito fare in giorno di sabato». [3]Ed egli rispose: «Non avete letto quello che fece Davide quando ebbe fame insieme ai suoi compagni? [4]Come entrò nella casa di Dio e mangiarono i pani dell'offerta, che non era lecito mangiare né a lui né ai suoi compagni, ma solo ai sacerdoti? [5]O non avete letto nella Legge che nei giorni di sabato i sacerdoti nel tempio infrangono il sabato e tuttavia sono senza colpa? [6]Ora io vi dico che qui c'è qualcosa più grande del tempio. [7]Se aveste compreso che cosa significa: Misericordia io voglio e non sacrificio, non avreste condannato individui senza colpa. [8]Perché il Figlio dell'uomo è signore del sabato»
Non rispettare il sabato, allora, comportava la lapidazione. Oggi, raggiungere una chiesa di domenica (che è aperta) si rischia 3.000 euro di multa, e una denuncia penale. Ma è la medesima cosa .

E, siamo chiamati allo stesso atto di insubordinazione. Per raggiungere lui, che è nel tabernacolo. Siamo chiamati alla stessa prova. Su queste cose, non dobbiamo transigere.


:!: :!: :!:
Bene.
Scomunica Papa Francesco.
Connesso
Avatar utente
heyoka
Connesso: Sì
Messaggi: 8178
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 4262 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2630 Mi Piace

Re: Le sigarette sì, la chiesa no...

Messaggio da leggere da heyoka »

luce allievi ha scritto: 13 apr 2020, 19:28
Holubice ha scritto: 13 apr 2020, 18:50
luce allievi ha scritto: 13 apr 2020, 18:31 Se Papa Francesco celebra la Messa da solo, può farlo anche il parroco di San Marco in Lamis.
Se il Padre Eterno ci ha ordinato di dedicare il settimo giorno a Lui, quello dobbiamo fare. Anche, anzi, soprattutto, durante una pestilenza (ovviamente prendendo le stesse contromisure che adottiamo per andare al supermercato). Io sono convinto che tutto questo casino ce lo abbia mandato Lui, e l'ultima cosa che dobbiamo fare è far celebrare una messa ad un prete con una cattedrale vuota.

Un cristiano che ha paura di morire è la prova provata che non crede un bel niente.

E poi la legge del Signore è superiore a tutte le altre. Questo episodio che lo spiega benissimo
In quel tempo Gesù passò tra le messi in giorno di sabato, e i suoi discepoli ebbero fame e cominciarono a cogliere spighe e le mangiavano. [2]Ciò vedendo, i farisei gli dissero: «Ecco, i tuoi discepoli stanno facendo quello che non è lecito fare in giorno di sabato». [3]Ed egli rispose: «Non avete letto quello che fece Davide quando ebbe fame insieme ai suoi compagni? [4]Come entrò nella casa di Dio e mangiarono i pani dell'offerta, che non era lecito mangiare né a lui né ai suoi compagni, ma solo ai sacerdoti? [5]O non avete letto nella Legge che nei giorni di sabato i sacerdoti nel tempio infrangono il sabato e tuttavia sono senza colpa? [6]Ora io vi dico che qui c'è qualcosa più grande del tempio. [7]Se aveste compreso che cosa significa: Misericordia io voglio e non sacrificio, non avreste condannato individui senza colpa. [8]Perché il Figlio dell'uomo è signore del sabato»
Non rispettare il sabato, allora, comportava la lapidazione. Oggi, raggiungere una chiesa di domenica (che è aperta) si rischia 3.000 euro di multa, e una denuncia penale. Ma è la medesima cosa .

E, siamo chiamati allo stesso atto di insubordinazione. Per raggiungere lui, che è nel tabernacolo. Siamo chiamati alla stessa prova. Su queste cose, non dobbiamo transigere.


:!: :!: :!:
Bene.
Scomunica Papa Francesco.
Perché scomunicarlo?
Basta sapere che Gesù non ha mai voluto a che fare von i preti e con i Papi.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Holubice
Connesso: No

Re: Le sigarette sì, la chiesa no...

Messaggio da leggere da Holubice »

heyoka ha scritto: 13 apr 2020, 19:02 Beh, dopo queste filippiche contro il pubblicano e peccatore Salvini se mi dici che tu paghi regolarmente la decima non posso che confermare che ti manca poco prr essere un buon fariseo.
Non ho capito il senso delle tue parole...
Holubice
Connesso: No

Re: Le sigarette sì, la chiesa no...

Messaggio da leggere da Holubice »

Rosanna ha scritto: 13 apr 2020, 19:26 Ma il concetto di libera chiesa è sempre in vigore? E se si... non dovrebbe essere la chiesa a decidere se vietare o meno le celebrazioni?
Le chiese, la domenica, sono tutte aperte.

Ma se provi ad andarci, e ti beccano per strada, ti becchi una multa (mi pare) di 3.000 euro, e una condanna penale. Quindi, nel nostro piccolo, siamo ripiombati ai tempi di Nerone, e delle funzioni officiate ...

Immagine

... dentro le Catacombe ...




La situazione può sembrare paradossale ma, nei fatti, è così. Per una persona che davvero crede in quello che ascolta la domenica alla messa, la situazione è grave e irricevibile.




"Se le persone credessero in quello che ascoltano a domenica, uscirebbero dalla chiesa saltando di gioia"
(Friedrich Wilhelm Nietzsche)
luce allievi
Connesso: No

Re: Le sigarette sì, la chiesa no...

Messaggio da leggere da luce allievi »

Holubice ha scritto: 14 apr 2020, 0:02 Le chiese, la domenica, sono tutte aperte.

Ma se provi ad andarci, e ti beccano per strada, ti becchi una multa (mi pare) di 3.000 euro, e una condanna penale. Quindi, nel nostro piccolo, siamo ripiombati ai tempi di Nerone, e delle funzioni officiate ...

Immagine

... dentro le Catacombe ...




La situazione può sembrare paradossale ma, nei fatti, è così. Per una persona che davvero crede in quello che ascolta la domenica alla messa, la situazione è grave e irricevibile.




"Se le persone credessero in quello che ascoltano a domenica, uscirebbero dalla chiesa saltando di gioia"
(Friedrich Wilhelm Nietzsche)
Compiango il tuo Parroco.
Rispondi