Che quando è troppo, è troppo!

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Avatar utente
sabinosarno1
Connesso: No
Messaggi: 1508
Iscritto il: 10 giu 2019, 21:19
Ha Assegnato: 4 Mi Piace
Ha Ricevuto: 852 Mi Piace

Che quando è troppo, è troppo!

Messaggio da leggere da sabinosarno1 »

Piazza Fontana...ogni giorno ce n' è una! Non perché quel fatto non abbia segnato la nostra storia, non per mancare di rispetto alle vittime, ma l' evento luttuoso è stato già usato, abusato, come riflessione antifascista, che ci devi riflettere ogni anno, adesso anche due tre volte all' anno, secondo la necessità che sopravvenisse...
Ogni simbolo del fascismo è resuscitato, e non da nostalgici del periodo, ma da indefessi antifascisti, che ce lo sbattono sui coglioni, perché noi non si pensi di poter vincere le elezioni, per convincerci che gli unici degni del governo del Paese sono loro, che loro sono i partigiani, che loro cantano Bella Ciao!
Non se ne può più; se non ci si può sfogare gridando W il Fascismo, lasciatemi urlare "maledetto antifascismo!".
Connesso
Avatar utente
serge
Connesso: Sì
Messaggi: 6594
Iscritto il: 9 giu 2019, 8:58
Ha Assegnato: 6608 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2330 Mi Piace

Re: Che quando è troppo, è troppo!

Messaggio da leggere da serge »

sabinosarno1 ha scritto: 14 dic 2019, 14:06 Piazza Fontana...ogni giorno ce n' è una! Non perché quel fatto non abbia segnato la nostra storia, non per mancare di rispetto alle vittime, ma l' evento luttuoso è stato già usato, abusato, come riflessione antifascista, che ci devi riflettere ogni anno, adesso anche due tre volte all' anno, secondo la necessità che sopravvenisse...
Ogni simbolo del fascismo è resuscitato, e non da nostalgici del periodo, ma da indefessi antifascisti, che ce lo sbattono sui coglioni, perché noi non si pensi di poter vincere le elezioni, per convincerci che gli unici degni del governo del Paese sono loro, che loro sono i partigiani, che loro cantano Bella Ciao!
Non se ne può più; se non ci si può sfogare gridando W il Fascismo, lasciatemi urlare "maledetto antifascismo!".
Beer4 Beer4 Beer4 Beer4 Beer4
Quando i ricchi si fanno la guerra tra loro, sono i poveri a morire.(Jean-Paul Sartre)
Avatar utente
cuneoman
Connesso: No
Messaggi: 879
Iscritto il: 16 ago 2019, 23:39

Re: Che quando è troppo, è troppo!

Messaggio da leggere da cuneoman »

sabinosarno1 ha scritto: 14 dic 2019, 14:06 Piazza Fontana...ogni giorno ce n' è una! Non perché quel fatto non abbia segnato la nostra storia, non per mancare di rispetto alle vittime, ma l' evento luttuoso è stato già usato, abusato, come riflessione antifascista, che ci devi riflettere ogni anno, adesso anche due tre volte all' anno, secondo la necessità che sopravvenisse...
Ogni simbolo del fascismo è resuscitato, e non da nostalgici del periodo, ma da indefessi antifascisti, che ce lo sbattono sui coglioni, perché noi non si pensi di poter vincere le elezioni, per convincerci che gli unici degni del governo del Paese sono loro, che loro sono i partigiani, che loro cantano Bella Ciao!
Non se ne può più; se non ci si può sfogare gridando W il Fascismo, lasciatemi urlare "maledetto antifascismo!".
12 dicembre 1969, quest'anno è il 50esimo anniversario, proprio la settimana scorsa, che vuoi che facessero, finta di nulla? Poi sono solo parole, perchè nei fatti hanno fatto di tutto per imboscare, nascondere, impedire alla giustizia storica e giudiziaria di fare il suo corso....

18 morti, 88 feriti, più tutti quelli che vennero dopo questa che fu la prima grande strage italiana del periodo terroristico, qui era tutta gente che era lì per lavorare o per puro caso, penso che ricordare chi e perchè sia il minimo. E qui la colpa non è certo dell'antifascismo, magari lamentiamoci dell'inutile retorica che svia le colpe e i depistaggi, i mandanti e le loro motivazioni
Avatar utente
carletto3
Connesso: No
Messaggi: 8090
Iscritto il: 25 giu 2019, 2:20
Ha Assegnato: 436 Mi Piace
Ha Ricevuto: 3215 Mi Piace

Re: Che quando è troppo, è troppo!

Messaggio da leggere da carletto3 »

cuneoman ha scritto: 17 dic 2019, 13:45
sabinosarno1 ha scritto: 14 dic 2019, 14:06 Piazza Fontana...ogni giorno ce n' è una! Non perché quel fatto non abbia segnato la nostra storia, non per mancare di rispetto alle vittime, ma l' evento luttuoso è stato già usato, abusato, come riflessione antifascista, che ci devi riflettere ogni anno, adesso anche due tre volte all' anno, secondo la necessità che sopravvenisse...
Ogni simbolo del fascismo è resuscitato, e non da nostalgici del periodo, ma da indefessi antifascisti, che ce lo sbattono sui coglioni, perché noi non si pensi di poter vincere le elezioni, per convincerci che gli unici degni del governo del Paese sono loro, che loro sono i partigiani, che loro cantano Bella Ciao!
Non se ne può più; se non ci si può sfogare gridando W il Fascismo, lasciatemi urlare "maledetto antifascismo!".
12 dicembre 1969, quest'anno è il 50esimo anniversario, proprio la settimana scorsa, che vuoi che facessero, finta di nulla? Poi sono solo parole, perchè nei fatti hanno fatto di tutto per imboscare, nascondere, impedire alla giustizia storica e giudiziaria di fare il suo corso....

18 morti, 88 feriti, più tutti quelli che vennero dopo questa che fu la prima grande strage italiana del periodo terroristico, qui era tutta gente che era lì per lavorare o per puro caso, penso che ricordare chi e perchè sia il minimo. E qui la colpa non è certo dell'antifascismo, magari lamentiamoci dell'inutile retorica che svia le colpe e i depistaggi, i mandanti e le loro motivazioni
UNo di questi giorni voglio proporre la commemorazione :
"1922 – Strage di Torino: nei pressi della stazione di Torino Porta Susa gli squadristi fascisti aggrediscono le organizzazioni popolari: 11 antifascisti uccisi, decine di feriti gravi. Per tre giorni le autorità non intervengono. A ricordo della strage è intitolata la piazza che fronteggia la stazione di Porta Susa ed una fermata della linea 1 della metropolitana cittadina "

Oddio,volendo di strage in strage e di commemorazione in commemorazione si puo' risalire anche all'incendio di Roma del 64....contro Nerone assassino dei poveri...o all'olocausto scientifico dei Cristiani nei circhi ...
Sabinooooo...stavolta ti quoto.....quelle che ho elencato purtroppo non sono funzionali alla causa .....
La realta' è solo un'allucinazione dovuta a carenza di alcol (...un saggio)
"Gli è tutto sbagliato....gli è tutto da rifa'"
Connesso
Avatar utente
serge
Connesso: Sì
Messaggi: 6594
Iscritto il: 9 giu 2019, 8:58
Ha Assegnato: 6608 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2330 Mi Piace

Re: Che quando è troppo, è troppo!

Messaggio da leggere da serge »

Il vile attentato del 12 dicembre 1969 segna l'inizio della strategia della tensione atta a favorire l'avvento di un governo autoritario nel Paese. Gli atti terroristici che seguirono (Italicus,Brescia,Bologna,ecc.),assieme a documentati depistaggi e tentativi di colpo di stato,nonché l'avvento delle BR introdussero quelli che giustamente sono stati definiti gli anni di piombo. Per tali motivi è importante celebrare l'anniversario dei fatti di Piazza Fontana in Milano.Naturalmente, chi non è vissuto in quegli anni può anche avere una visione contorta dei fatti......
Bye
Quando i ricchi si fanno la guerra tra loro, sono i poveri a morire.(Jean-Paul Sartre)
Avatar utente
cuneoman
Connesso: No
Messaggi: 879
Iscritto il: 16 ago 2019, 23:39

Re: Che quando è troppo, è troppo!

Messaggio da leggere da cuneoman »

La verità forse non la sapremo mai, specie se i protagonisti di quegli anni sono ancora al governo.
Almeno lasciateci quelle poche briciole che ci sono state dette, per non dimenticare, per evitare che ricapiti ancora...
Rispondi