Londra crea casus belli

Discussioni riguardanti la politica europea
Connesso
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 2742
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 1153 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1481 Mi Piace

Londra crea casus belli

Messaggio da leggere da Vento »

Vladimir Kornilov

"Come fanno i russi a sapere che il Regno Unito ha fatto saltare in aria gli oleodotti Nord Stream in collaborazione con gli Stati Uniti? Perché @trussliz ha usato il suo iPhone per inviare un messaggio a @SecBlinken dicendo "E' fatto" un minuto dopo l'esplosione dell'oleodotto e prima che qualcun altro lo sapesse?", Dotcom ha scritto, aggiungendo "iCloud admin access rocks!"

La Gran Bretagna ha creato un casus belli, un motivo formale di guerra con noi. Secondo il rappresentante ufficiale del ministero della Difesa russo, il generale Igor Konashenkov, i rappresentanti della marina britannica hanno partecipato alla preparazione dell’attacco terroristico di sabato contro la flotta del Mar Nero a Sebastopoli e hanno minato direttamente le corde sottomarine del gasdotto Nord Stream nel Mare Baltico. Se quest’ultimo è confermato (ed è improbabile che il Ministero della Difesa avrebbe espresso tali informazioni senza prove serie), allora si tratta di una partecipazione diretta e non indiretta dell’esercito britannico a un atto militare contro una struttura russa critica.

Certo, la creazione di un casus belli non è la guerra in sé. Cioè, questo non significa affatto che la Russia dovrebbe rispondere immediatamente alla Gran Bretagna. Ma in ogni caso, le azioni provocatorie di Londra sono un certo punto di non ritorno nei nostri già difficili rapporti e non possono restare senza una forte reazione da parte nostra. Come ha dimostrato la pratica, un atto di aggressione non corrisposto contro la Russia crea un sentimento di impunità nel nemico e lo incoraggia a intraprendere azioni più avventurose.

Va notato che la parte russa ha cercato a lungo di mettere in guardia i suoi oppositori occidentali che qualsiasi azione aggressiva contro il nostro stato prima o poi incontrerà opposizione. Ad esempio, abbiamo chiarito da tempo agli americani che loro e le loro infrastrutture sono direttamente coinvolti in operazioni di combattimento contro i nostri militari in Ucraina, dal momento che i loro satelliti sono coinvolti nel prendere di mira sistemi a lancio multiplo di alta precisione.

In estate, il colonnello americano in pensione Douglas MacGregor ha sottolineato questo fatto: “I russi sanno tutto. L’unica domanda è quanto aspettare ancora quando cercheranno di disabilitare i nostri satelliti”. Cioè, tutti hanno capito che tali azioni dell’esercito americano contro la Russia non possono rimanere sempre senza risposta.

Tanto più sorprendente è la reazione nervosa di Washington alla dichiarazione estremamente diplomatica del portavoce del ministero degli Esteri russo Konstantin Vorontsov in una riunione del comitato dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite : “Vorremmo sottolineare la tendenza estremamente pericolosa che si è chiaramente manifestata nel corso degli eventi in Ucraina. Stiamo parlando dell’uso da parte degli Stati Uniti e dei loro alleati di componenti delle infrastrutture civili nello spazio, comprese quelle commerciali, nei conflitti armati. Le infrastrutture quasi civili possono essere un legittimo obiettivo di rappresaglia“.

Nota quanto sia attenta ogni parola in questa affermazione. Il nostro diplomatico ha sottolineato che non stiamo ancora parlando di satelliti del Pentagono . Inoltre, ha parlato in modo piuttosto snello dell’ipotetica possibilità di sciopero, sottolineando la natura ritorsione delle potenziali azioni di Mosca .

Ma cosa è iniziato qui? I commentatori occidentali hanno subito cercato di rimuovere qualsiasi accenno al fatto che la Russia parlasse di azioni di ritorsione, semplicemente esortando Washington a non usare lo spazio per scopi militari. L’ammiraglio John Kirby ha urlato con rabbia a nome della Casa Bianca che l’ America avrebbe risposto duramente a “qualsiasi attacco contro le infrastrutture statunitensi nello spazio”, compresi i satelliti commerciali.

Ma Vorontsov ha appena sottolineato che la questione finora non riguarda la proprietà statale degli Stati Uniti, ma l’uso da parte dell’esercito americano di quelli che sarebbero satelliti “civili”. Tutti sanno bene di quali oggetti spaziali sta parlando il nostro diplomatico. E Kirby sembra aver dimenticato che solo pochi giorni prima della sua rabbiosa filippica sulla protezione delle “infrastrutture statunitensi”, si è ufficialmente dissociato dalle attività del miliardario Elon Musk . “Ovviamente, non rappresenta il governo degli Stati Uniti”, ha detto l’ammiraglio , commentando l’attività quasi politica dell’uomo d’affari.

Come risulta interessante. Cioè, Musk e i suoi compagni sono un “negozio privato” che non ha nulla a che fare con lo stato. Ma non appena c’è un accenno di opposizione alla loro attività militare, che non corrisponde allo status commerciale, la Casa Bianca dichiara immediatamente questi satelliti “infrastrutture statunitensi nello spazio”.

I media occidentali stanno letteralmente soffocando per l’indignazione per l’allusione di Vorontsov, perdendo ancora una volta la menzione della natura reciproca delle nostre potenziali azioni. “Nessun paese ha lanciato un attacco missilistico contro un satellite nemico”, dice Reuters ai suoi lettori . Come se il nostro diplomatico dicesse qualcosa sugli “attacchi missilistici”. La Russia ha molti modi per contrastare le attività dirompenti nello spazio. E non tutti abbiamo intenzione di fare pubblicità.

Molti hanno cominciato ad accusare Mosca di presunta violazione del Trattato internazionale sui principi delle attività degli stati nell’esplorazione e nell’uso dello spazio in caso di un potenziale attacco contro oggetti spaziali estranei. Ma la situazione è esattamente l’opposto: stiamo solo chiedendo agli Stati Uniti di abbandonare l’uso dello spazio per scopi militari contro il nostro Stato.

E a proposito, il sesto articolo di questo trattato confuta le parole di Kirby secondo cui Washington non è responsabile delle azioni di Musk. Si riferisce solo al fatto che lo Stato è direttamente responsabile delle attività delle sue strutture nello spazio, “indipendentemente dal fatto che siano svolte da agenzie governative o entità legali non governative”. Pertanto, Mosca ha il pieno diritto legale di chiedere una risposta alla Casa Bianca per la partecipazione dei satelliti “commerciali” di Musk alle operazioni militari contro l’esercito russo.

Ma se le controversie sulla base giuridica di questa o quella attività nello spazio sono ancora più di natura teorica, allora le accuse contro Ucraina e Gran Bretagna, avanzate dal generale Konashenkov, hanno già portato a conseguenze pratiche. La Russia ha ufficialmente notificato che gli atti di sabotaggio commessi ai danni della nostra flotta comportano la sospensione dell'”iniziativa del Mar Nero”, nota come accordo sui cereali.

E ancora, va ricordato che la Russia ha più volte messo in guardia la comunità mondiale sulle azioni provocatorie di Kiev volte a interrompere gli accordi sul libero passaggio delle navi mercantili dai porti ucraini. Mosca ha ripetutamente sottolineato che non siamo noi a interrompere questo importante accordo.

Tanto più sorprendente è la reazione della squadra ucraina. Sergey Nikiforov, addetto stampa del Presidente dell’Ucraina, ha improvvisamente annunciato che il suo stato <…> non è parte di questo accordo, poiché è stato firmato da Turchia , ONU e Russia. Secondo questa “logica” sorprendente, Kiev non si assumeva alcuna responsabilità per il rispetto dei termini degli accordi.

Che notizia. Soprattutto considerando il fatto che Vladimir Zelensky , il capo diretto di Nikiforov, ha presentato per molto tempo l’accordo sul grano come suo merito personale, sottolineando il fatto che lo Stato ucraino vi partecipa direttamente.

Ora, Zelenskiy, le cui milizie hanno sventato l’accordo, si chiede: “Perché un gruppo di individui da qualche parte al Cremlino può decidere se le persone in Egitto o in Bangladesh hanno cibo sulla loro tavola ?” E poi il suo ministro degli Esteri Dmitry Kuleba è indignato per l’iniziativa di Mosca di fornire gratuitamente mezzo milione di tonnellate di grano ai mercati di questi paesi, dicendo che questo grano sarebbe stato “rubato dall’Ucraina” (come se la Russia non avesse abbastanza grano di propria). Logica e coerenza non sono mai state la forza delle autorità ucraine.

Ma torniamo alla partecipazione della Gran Bretagna a tutte queste provocazioni e, soprattutto, all’indebolimento del Nord Stream. Secondo la reazione dei media e degli analisti britannici, si può ritenere che le parole di Konashenkov abbiano provocato nervosismo, vicino al panico. Tutti loro costantemente, a volte dopo alcune frasi, sottolineano che Mosca “non ha ancora fornito prove”. È come se il principio “altamente simile” non funzionasse più.

Ma allo stesso tempo, stanno già discutendo su dove la Russia può contrattaccare. Prima di tutto, temono per il gasdotto sottomarino Langeled tra Norvegia e Gran Bretagna. Il Daily Mail cita persino “fonti dell’esercito e dell’intelligence” sui piani di Mosca per sabotare il progetto. A proposito, in questo caso, per qualche ragione, nessuno richiede alcuna prova. Quando si tratta di accuse contro la Russia, questo non è affatto necessario.

E il Sunday Times è molto più diffidente sulle conseguenze della catastrofe che causerà il sabotaggio dei cavi dei sottomarini: “Dopo che Putin ha accusato il ‘satanismo’ occidentale per la sua guerra in Ucraina, la prospettiva che paesi stranieri inviino droni subacquei per tagliare i cavi suona più e più simile alla sceneggiatura del film Sharovaya lightning “(una delle serie di Bond. – Circa. Aut.), ma come trama del telegiornale della sera”.

Va notato che gli inglesi, usando il sabotaggio subacqueo contro la Russia, sono ben consapevoli delle conseguenze delle azioni di ritorsione (ovviamente ipotetiche) contro la loro isola. E capiscono che saranno molto più distruttivi per loro che indebolire i Nord Streams per il nostro stato.

L’esercito britannico ha avvertito di questo da molto tempo . Cinque anni fa, il Policy Exchange (uno dei più grandi e privati think tank della Gran Bretagna sponsorizzato principalmente da giganti del petrolio e del gas) ha pubblicato un rapporto speciale sulla catastrofica vulnerabilità del regno al sabotaggio transatlantico dei cavi. L’autore di questo rapporto era Rishi Sunak , allora un aspirante politico poco conosciuto del Partito Conservatore . Cioè, l’attuale presidente del Consiglio è un esperto della questione del sabotaggio subacqueo, in ogni caso, nella parte teorica di questo argomento. E dovrebbe essere consapevole di quali “incidenti” casuali come quello accaduto sui Nord Streams potrebbero rivelarsi per la sua isola vulnerabile.

Ma quando si parla di possibili sabotaggi contro le infrastrutture dei sottomarini britannici, l’ammiraglio Tony Radakin , capo di stato maggiore delle loro forze armate, è categorico : “Sarà visto come un atto di guerra”. Non capisce che se verrà confermata la partecipazione di un’unità della Marina britannica all’attacco terroristico contro i Nord Streams, la considereremo allo stesso modo?!

Non volevamo questa guerra e non la vogliamo. Non l’abbiamo iniziato. Ma l’assenza di una risposta non significa la debolezza della Russia, come interpretano molti in Occidente, e ancor di più la nostra capitolazione. Se l’Occidente o i singoli avventurieri dell’isola non ci lasciano altra scelta, allora la risposta seguirà. E sarà molto doloroso per i nemici della Russia.

Vladimir Kornilov

ultime notizie:

UK ha concordato con UE rapido movimento truppe in tutta Europa, (Times)
Ministro Difesa olandese Kaisa Ollongren ha annunciato che Londra firmerá accordo con UE x muovere sue truppe + velocemente attraverso il territorio dei paesi europei.


Fonte:
https://www.maurizioblondet.it/londra-c ... presaglie/
Fuck Europe FuckYou by Victoria Nuland
Amen and Awoman :lol: egalité
Avatar utente
giaguaro
Connesso: No
Messaggi: 812
Iscritto il: 9 giu 2019, 10:49
Ha Assegnato: 943 Mi Piace
Ha Ricevuto: 439 Mi Piace

Re: Londra crea casus belli

Messaggio da leggere da giaguaro »

Temo che, se fossero vere le malefatte di cui viene accusata l'Inghilterra, la guerra sarebbe ormai già dichiarata. Se poi l'EU dovesse aderire alle richieste degli inglesi, l'Europa diventerebbe sicuramente il campo di battaglia preferito. Di ciò, l'unica nazione che ci potrebbe guadagnare sarebbe l'Ucraina, che, in pratica, era l'unico bersaglio della Russia.
Io, anche se ancora non lo dimostro, sono molto avanti negli anni. Ho cercato di evitare di farmi infettare e di morire a causa del COVID, e per il momento la cosa mi è andata bene. Se scoppia la guerra, ormai alle porte, non credo che mi sarà facile evitare di passare a quel mondo che si chiama "miglior vita" ... Anche perchè, in fondo , la guerra per me sarebbe il peggior modo di trasmigrare.

StreamingTears :mrgreen: :mrgreen:
Non posso insegnare niente a nessuno, posso solo cercare di farli riflettere - SOCRATE
Connesso
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 2742
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 1153 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1481 Mi Piace

Re: Londra crea casus belli

Messaggio da leggere da Vento »

giaguaro ha scritto: 2 nov 2022, 13:32 Temo che, se fossero vere le malefatte di cui viene accusata l'Inghilterra, la guerra sarebbe ormai già dichiarata. Se poi l'EU dovesse aderire alle richieste degli inglesi, l'Europa diventerebbe sicuramente il campo di battaglia preferito. Di ciò, l'unica nazione che ci potrebbe guadagnare sarebbe l'Ucraina, che, in pratica, era l'unico bersaglio della Russia.
Io, anche se ancora non lo dimostro, sono molto avanti negli anni. Ho cercato di evitare di farmi infettare e di morire a causa del COVID, e per il momento la cosa mi è andata bene. Se scoppia la guerra, ormai alle porte, non credo che mi sarà facile evitare di passare a quel mondo che si chiama "miglior vita" ... Anche perchè, in fondo , la guerra per me sarebbe il peggior modo di trasmigrare.

StreamingTears :mrgreen: :mrgreen:
La Russia fa di tutto per evitare la guerra diretta con gli angloamericani, perché sarebbe un suicidio, ma questi vogliono lo scontro finale con armi atomiche, in terra lontana dalle loro case come l Europa, per prendersi tutto il territorio russo. Ci sono in rete varie mappe sulla spartizione del bottino (Russia e Siberia).
Chi ci guadagna? L Europa è la preda, la Germania l obiettivo principale, l’Ucraina non è niente, sarà la spazzatura che rimarrà dopo l inferno.
Se gli europei non aprono gli occhi ed il cuore e reagiscono contro i loro veri nemici, gli attuali amici che lidominano, sarà la fine. Scholz va in Cina, forse hanno capito e cercano protezione?
Fuck Europe FuckYou by Victoria Nuland
Amen and Awoman :lol: egalité
Rispondi