Il mondo in sintesi. Cinque brevi lezioni di filosofia della simulazione

Spazio alla Scienza e alla Tecnologia! Teorie, concetti, analisi, scoperte e tanto altro!
Avatar utente
ereticamente
Connesso: No
Messaggi: 872
Iscritto il: 20 ott 2021, 18:03
Ha Assegnato: 92 Mi Piace
Ha Ricevuto: 287 Mi Piace

Il mondo in sintesi. Cinque brevi lezioni di filosofia della simulazione

Messaggio da leggere da ereticamente »

Appena acquistato.
Vi dirò come è .


Ecco la presentazione:

https://www.galileonet.it/metaverso-int ... oto-libro/


Carne artificiale, deepfake, avatar, metaverso e multiversi. Nell’era della simulazione, o per dirla con le parole di Cosimo Accoto, filosofo e ricercatore al Mit di Boston, nel “mondo in sintesi”, diventa sempre più difficile discernere quello che è reale da quello che non lo è, così come orientarsi tra lo “spettro di meraviglie” – come lo definiscono alcuni – e la “mostruosità” di una società in cui i confini tra vero, falso e simulato sono diventati ormai sempre più indistinti e liquidi. “Il mondo in sintesi” è proprio il titolo dell’ultimo libro di Accoto (Egea 2022), saggio che conclude la trilogia iniziata con “Il mondo dato” e “Il mondo ex-machina” e che contiene cinque brevi lezioni di filosofia della simulazione, concentrate in particolare sulla simulazione computazionale: dai volti artificiali dei deepfake, per l’appunto, alle carni coltivate, passando per le predizioni della struttura computazionale delle proteine elaborate dall’intelligenza artificiale AlphaFold ai beni crittografici come gli Nft, per finire con il famigerato metaverso presentato da Mark Zuckerberg. La domanda da cui prende le mosse il saggio di Accoto, sostanzialmente, ha a che fare con l’evoluzione del paradigma della simulazione: dove stiamo andando? Qual è l’impatto di tecnologie così pervasive sulla società? Come si deve rinnovare la filosofia e di quali strumenti deve dotarsi per stare al passo con quello che a tutti gli effetti è “un nuovo catalogo del reale”? L’idea è che simulazioni e sintesi non siano semplici illusioni, ma nuove realtà con cui dovremo iniziare a confrontarci seriamente anche da un punto di vista filosofico per capire cosa sia – e cosa sarà – davvero la nostra vita in questi tempi sempre più tecnologici.


Rispondi