La democrazia non è per tutti i popoli

Discussioni inerenti la politica internazionale
Avatar utente
Ovidio
Connesso: Sì
Messaggi: 2876
Iscritto il: 25 set 2020, 17:08
Ha Assegnato: 260 Mi Piace
Ha Ricevuto: 671 Mi Piace

La democrazia non è per tutti i popoli

Messaggio da leggere da Ovidio »

Quando alla fine della guerra del golfo gli alleati decisero di lasciare il popolo iracheno decidere sul suo futuro con libere elezioni mi rallegrai.

In seguito, col senno di poi, mi convinsi che la democrazia non è per tutti i popoli.

Forse questo vale anche per la Cina, la Russia, gli Emirati Arabi e via dicendo.


Tenere sempre a mente la „regola d‘oro“
Avatar utente
Gasiot
Connesso: Sì
Messaggi: 532
Iscritto il: 7 feb 2021, 10:36
Ha Assegnato: 324 Mi Piace
Ha Ricevuto: 389 Mi Piace

Re: La democrazia non è per tutti i popoli

Messaggio da leggere da Gasiot »

Soprattutto quando la democrazia finisce nella religione in paesi senza cultura alternativa ad essa


Se un uomo è uno stupido, non lo emancipi dalla sua stupidità col mandarlo all'università. Semplicemente lo trasformi in uno stupido addestrato, dieci volte più pericoloso
Desmond Bagley
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 1120
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 337 Mi Piace
Ha Ricevuto: 446 Mi Piace

Re: La democrazia non è per tutti i popoli

Messaggio da leggere da Vento »

Perché la nostra vi sembra una democrazia? Ne ha la forma, in modo bigotto, proprio per nascondere una realtà diversa, quella di una guerra civile latente. Una parte politica, nata per fare la rivoluzione, considera gli altri un pericolo da eliminare. La Chiesa incombe, dopo aver esercitato il potere dello stato per secoli. Il sud non ha mai accettato lo stato risorgimentale. Come potrebbe funzionare la democrazia in questa situazione?
Da noi non si fanno elezioni se i sondaggi sono sfavorevoli alla forza dominante, ma anche negli altri paesi europei vediamo la difficoltà di alternanza al potere delle parti politiche in competizione. In Svezia governa la sinistra minoritaria, per l'ostracismo verso partiti della destra, considerati indegni: cosa vuol dire in democrazia? Se l'alternanza è bloccata, tecnicamente non è più democrazia.
Solo in GB abbiamo visto una manifestazione di vera democrazia: con la dirompente decisione della brexit il popolo ha scelto il suo destino, cosa da noi inconcepibile. Il che dimostra che per avere una democrazia, bisogna godere di autonomia e libertà geopolitica, cioè essere padroni di sé stessi e non dipendere da nessuna potenza. E non è il nostro caso: siamo ancora occupati militarmente da potenza straniera e non riusciamo neanche a difendere i nostri confini, perché ormai qui hanno più potere le ONG private e che lo Stato.


Amen and Awoman :lol:
Avatar utente
Gasiot
Connesso: Sì
Messaggi: 532
Iscritto il: 7 feb 2021, 10:36
Ha Assegnato: 324 Mi Piace
Ha Ricevuto: 389 Mi Piace

Re: La democrazia non è per tutti i popoli

Messaggio da leggere da Gasiot »

Vento ha scritto: ↑12 gen 2022, 18:56 Perché la nostra vi sembra una democrazia? Ne ha la forma, in modo bigotto, proprio per nascondere una realtà diversa, quella di una guerra civile latente. Una parte politica, nata per fare la rivoluzione, considera gli altri un pericolo da eliminare. La Chiesa incombe, dopo aver esercitato il potere dello stato per secoli. Il sud non ha mai accettato lo stato risorgimentale. Come potrebbe funzionare la democrazia in questa situazione?
Da noi non si fanno elezioni se i sondaggi sono sfavorevoli alla forza dominante, ma anche negli altri paesi europei vediamo la difficoltà di alternanza al potere delle parti politiche in competizione. In Svezia governa la sinistra minoritaria, per l'ostracismo verso partiti della destra, considerati indegni: cosa vuol dire in democrazia? Se l'alternanza è bloccata, tecnicamente non è più democrazia.
Solo in GB abbiamo visto una manifestazione di vera democrazia: con la dirompente decisione della brexit il popolo ha scelto il suo destino, cosa da noi inconcepibile. Il che dimostra che per avere una democrazia, bisogna godere di autonomia e libertà geopolitica, cioè essere padroni di sé stessi e non dipendere da nessuna potenza. E non è il nostro caso: siamo ancora occupati militarmente da potenza straniera e non riusciamo neanche a difendere i nostri confini, perché ormai qui hanno più potere le ONG private e che lo Stato.
Non siamo messi bene ma purtroppo non vedo alternative a questa italia oggi soprattutto per quella mentalità perversa che condanna tutti coloro che vogliono fare effettivamente qualcosa per il proprio paese ...vedi Orban ad esempio


Se un uomo è uno stupido, non lo emancipi dalla sua stupidità col mandarlo all'università. Semplicemente lo trasformi in uno stupido addestrato, dieci volte più pericoloso
Desmond Bagley
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 1120
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 337 Mi Piace
Ha Ricevuto: 446 Mi Piace

Re: La democrazia non è per tutti i popoli

Messaggio da leggere da Vento »

Gasiot ha scritto: ↑13 gen 2022, 9:24
Vento ha scritto: ↑12 gen 2022, 18:56 Perché la nostra vi sembra una democrazia? Ne ha la forma, in modo bigotto, proprio per nascondere una realtà diversa, quella di una guerra civile latente. Una parte politica, nata per fare la rivoluzione, considera gli altri un pericolo da eliminare. La Chiesa incombe, dopo aver esercitato il potere dello stato per secoli. Il sud non ha mai accettato lo stato risorgimentale. Come potrebbe funzionare la democrazia in questa situazione?
Da noi non si fanno elezioni se i sondaggi sono sfavorevoli alla forza dominante, ma anche negli altri paesi europei vediamo la difficoltà di alternanza al potere delle parti politiche in competizione. In Svezia governa la sinistra minoritaria, per l'ostracismo verso partiti della destra, considerati indegni: cosa vuol dire in democrazia? Se l'alternanza è bloccata, tecnicamente non è più democrazia.
Solo in GB abbiamo visto una manifestazione di vera democrazia: con la dirompente decisione della brexit il popolo ha scelto il suo destino, cosa da noi inconcepibile. Il che dimostra che per avere una democrazia, bisogna godere di autonomia e libertà geopolitica, cioè essere padroni di sé stessi e non dipendere da nessuna potenza. E non è il nostro caso: siamo ancora occupati militarmente da potenza straniera e non riusciamo neanche a difendere i nostri confini, perché ormai qui hanno più potere le ONG private e che lo Stato.
Non siamo messi bene ma purtroppo non vedo alternative a questa italia oggi soprattutto per quella mentalità perversa che condanna tutti coloro che vogliono fare effettivamente qualcosa per il proprio paese ...vedi Orban ad esempio
Hai ragione, gli utopisti odiano e disprezzano la realtà perché non assomiglia alle loro fantasie. Nei paesi europei dalla rivoluzione francese in poi predominano loro e immaginano una società unica mondiale bella e buona, come gli stolti svedesi che si autodefiniscono superpotenza etica o qualcosa del genere e stanno diventando il paese più criminale con tutti gli afroislamici importati.
Di fatto siamo nelle mani dell’impero americano, che dopo un secolo dalla fine della guerra sta ancora qui ed impedisce scelte libere nei paesi che contano, quindi Germania, dove il partito di opposizione di destra AfD è spiato dalla polizia ed impedito nella sua azione democratica. Ora poi con la tipetta verde agli esteri ne vedremo delle belle. L’Europa è res nullius, preda contesa da AUKUS all’Asia, con cui sarebbe naturale integrarsi, ma che sempre sarà impedito dalle potenze del mare.


Amen and Awoman :lol:
Rispondi