L'auto elettrica è una bufala?

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
luce allievi
Connesso: No

L'auto elettrica è una bufala?

Messaggio da leggere da luce allievi »

L'automobile, così come la conosciamo adesso, è un carrozzone di 10/15 quintali con un serbatoio di 10/15 chili che, riempito in un minuto, ci permette di percorrere 600/800 chilometri.

L'auto elettrica che vogliono convincerci a comprare (per il doppio del prezzo) è un carrozzone di 15/20 quintali con 4/5 quintali di batterie che, caricate in alcune ore, ci permettono di percorrere 200/400 chilometri.

Dove sta la convenienza?
La convenienza (ci dicono) sta nel fatto che l'auto elettrica inquina meno.
Meno quanto?
Non si sa.
Dipende da come produci quella energia elettrica (con una centrale a carbone inquini un casino, con una centrale eolica non inquini niente) e dipende anche da come produci le batterie (con cobalto, litio e altre porcherie che per estrarle avveleni il mondo e devi far lavorare non si sa quanti schiavi negri).

Quindi, alla fine dei conti, tutta questa convenienza a comprare un'auto elettrica non c'è.
E peggio mi sento se penso che il 70% delle batterie ci arriva dalla Cina.


E nel frattempo tutti si sono dimenticati all'improvviso (una mega amnesia generale) che volendo ci sarebbe l'automobile a idrogeno.
L'automobile a idrogeno però ha un gravissimo difetto: per produrla non ha bisogno di niente che arrivi dalla Cina.
Anche perchè in Cina non saprebbero come adattare un motore a benzina per farlo funzionare a idrogeno e non saprebbero come tenere liquido l'idrogeno in un serbatoio che non pesi più delle batterie al litio e non sia più pericoloso di una bomba.
Invece in Europa (e in particolar modo in Italia) queste cose le sappiamo e, con un minimo di buona volontà, con un minimo di elaborazione su un vecchio motore, con un po' di crio-tecnologia, con un po' di fibra di carbonio, abbiamo le capacità tecnologiche per mettere in produzione, a costi accettabili, una automobile più o meno funzionale e performante come le attuali automobili a benzina.

E dove starebbe la convenienza?
Beh, l'idrogeno si produce dall'acqua, con energia elettrica proveniente da pannelli solari e, bruciando in un normale motore a scoppio appena un po' modificato, non produce anidride carbonica ma vapore acqueo.


Avatar utente
Alfa
Connesso: Sì
Messaggi: 5516
Iscritto il: 8 giu 2019, 16:35
Località: Toscana
Ha Assegnato: 780 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2365 Mi Piace
Contatta:

Re: L'auto elettrica è una bufala?

Messaggio da leggere da Alfa »

Più che bufala sembra proprio una presa per il c.
Inquinerà anche meno, ma le batterie dove si buttano in mare?
L'elettricità si compra e se ne approfitteranno sul prezzo più del petrolio. Poi vuoi mettere, mi fermo e devo aspettare la ricarica e nel frattempo mi fumo un pacchetto di sigarette o mi consumo gli occhi al telefonino.
Hanno voglia a fare sconti e promozioni ...


Non potremo dimenticare, MAI!
Avatar utente
RedWine
Connesso: Sì
Messaggi: 2174
Iscritto il: 9 giu 2019, 14:54
Ha Assegnato: 527 Mi Piace
Ha Ricevuto: 895 Mi Piace

Re: L'auto elettrica è una bufala?

Messaggio da leggere da RedWine »

luce allievi ha scritto: ↑22 ott 2021, 11:14 L'automobile, così come la conosciamo adesso, è un carrozzone di 10/15 quintali con un serbatoio di 10/15 chili che, riempito in un minuto, ci permette di percorrere 600/800 chilometri.

L'auto elettrica che vogliono convincerci a comprare (per il doppio del prezzo) è un carrozzone di 15/20 quintali con 4/5 quintali di batterie che, caricate in alcune ore, ci permettono di percorrere 200/400 chilometri.

Dove sta la convenienza?
La convenienza (ci dicono) sta nel fatto che l'auto elettrica inquina meno.
Meno quanto?
Non si sa.
Dipende da come produci quella energia elettrica (con una centrale a carbone inquini un casino, con una centrale eolica non inquini niente) e dipende anche da come produci le batterie (con cobalto, litio e altre porcherie che per estrarle avveleni il mondo e devi far lavorare non si sa quanti schiavi negri).

Quindi, alla fine dei conti, tutta questa convenienza a comprare un'auto elettrica non c'è.
E peggio mi sento se penso che il 70% delle batterie ci arriva dalla Cina.


E nel frattempo tutti si sono dimenticati all'improvviso (una mega amnesia generale) che volendo ci sarebbe l'automobile a idrogeno.
L'automobile a idrogeno però ha un gravissimo difetto: per produrla non ha bisogno di niente che arrivi dalla Cina.
Anche perchè in Cina non saprebbero come adattare un motore a benzina per farlo funzionare a idrogeno e non saprebbero come tenere liquido l'idrogeno in un serbatoio che non pesi più delle batterie al litio e non sia più pericoloso di una bomba.
Invece in Europa (e in particolar modo in Italia) queste cose le sappiamo e, con un minimo di buona volontà, con un minimo di elaborazione su un vecchio motore, con un po' di crio-tecnologia, con un po' di fibra di carbonio, abbiamo le capacità tecnologiche per mettere in produzione, a costi accettabili, una automobile più o meno funzionale e performante come le attuali automobili a benzina.

E dove starebbe la convenienza?
Beh, l'idrogeno si produce dall'acqua, con energia elettrica proveniente da pannelli solari e, bruciando in un normale motore a scoppio appena un po' modificato, non produce anidride carbonica ma vapore acqueo.
fondamentalmente d'accordo sull'auto elettrica, è una boiata creata ad arte per costringerci a cambiare il parco auto esistente, l'unico senso di un'auto elettrica è l'uso esclusivo cittadino con chilometraggio e prestazioni limitate di persone che possono ricaricarsela a casa.


Obbedire sperando che finisca presto, è la premessa perchè non finisca MAI
Se non crediamo nella libertà di espressione per le persone che disprezziamo, non ci crediamo affatto N.Chomsky
Avatar utente
Leno Lazzari
Connesso: Sì
Messaggi: 4442
Iscritto il: 10 giu 2019, 21:36
Località: Fiano Romano (RM)
Ha Assegnato: 3226 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1012 Mi Piace

Re: L'auto elettrica è una bufala?

Messaggio da leggere da Leno Lazzari »

luce allievi ha scritto: ↑22 ott 2021, 11:14 L'automobile, così come la conosciamo adesso, è un carrozzone di 10/15 quintali con un serbatoio di 10/15 chili che, riempito in un minuto, ci permette di percorrere 600/800 chilometri.

L'auto elettrica che vogliono convincerci a comprare (per il doppio del prezzo) è un carrozzone di 15/20 quintali con 4/5 quintali di batterie che, caricate in alcune ore, ci permettono di percorrere 200/400 chilometri.

Dove sta la convenienza?
La convenienza (ci dicono) sta nel fatto che l'auto elettrica inquina meno.
Meno quanto?
Non si sa.
Dipende da come produci quella energia elettrica (con una centrale a carbone inquini un casino, con una centrale eolica non inquini niente) e dipende anche da come produci le batterie (con cobalto, litio e altre porcherie che per estrarle avveleni il mondo e devi far lavorare non si sa quanti schiavi negri).

Quindi, alla fine dei conti, tutta questa convenienza a comprare un'auto elettrica non c'è.
E peggio mi sento se penso che il 70% delle batterie ci arriva dalla Cina.


E nel frattempo tutti si sono dimenticati all'improvviso (una mega amnesia generale) che volendo ci sarebbe l'automobile a idrogeno.
L'automobile a idrogeno però ha un gravissimo difetto: per produrla non ha bisogno di niente che arrivi dalla Cina.
Anche perchè in Cina non saprebbero come adattare un motore a benzina per farlo funzionare a idrogeno e non saprebbero come tenere liquido l'idrogeno in un serbatoio che non pesi più delle batterie al litio e non sia più pericoloso di una bomba.
Invece in Europa (e in particolar modo in Italia) queste cose le sappiamo e, con un minimo di buona volontà, con un minimo di elaborazione su un vecchio motore, con un po' di crio-tecnologia, con un po' di fibra di carbonio, abbiamo le capacità tecnologiche per mettere in produzione, a costi accettabili, una automobile più o meno funzionale e performante come le attuali automobili a benzina.

E dove starebbe la convenienza?
Beh, l'idrogeno si produce dall'acqua, con energia elettrica proveniente da pannelli solari e, bruciando in un normale motore a scoppio appena un po' modificato, non produce anidride carbonica ma vapore acqueo.
Molto istruttivo (prendendo tutto il tuo per buono) e si, pare lo si faccia a posta per incaprettarci alla Cina.........leggi Di Maio et al .

Manca un dettaglio, e cioè, e sempre che le MIE informazioni siano giuste, riguardante i costi enormi per lo smaltimento senza inquinare delle batterie .


La politica è l’arte d’impedire agli avversari di fare la loro

.........ma andare oltre no ?
Avatar utente
porterrockwell
Connesso: No
Messaggi: 2096
Iscritto il: 9 giu 2019, 11:47
Ha Assegnato: 154 Mi Piace
Ha Ricevuto: 813 Mi Piace

Re: L'auto elettrica è una bufala?

Messaggio da leggere da porterrockwell »

Poi c'è una questione fondamentale trascurata dai CO2 Fighters e da tutti quelli che a paperozzo parlano di energia pulita.
L'energia da fotovoltaico ed eolico ha la caratteristica della discontinuità ed aleatorietà della produzione. In sostanza il vento non tira sempre e con la stessa intensità ed il sole di notte non c'è e di giorno a volte si e a volte no. Bene, non c'è bischero che parli di mega accumulatori di energia elettrica che, attenzione, dovrebbero essere installati e collaudati prima di nuovi impianti eolici e fotovoltaici e la dismissione in parallelo di centrali convenzionali !!!
Questi mega accumulatori ora non esistono e non si sa chi li produca. Li sta progettando Elon Musk nella sua Giga Factory. A noi ed all'Europa chi ce li darà ? La UE non è stata buona di farsi un vaccino anti-Covid figuriamoci quelli!!!


luce allievi
Connesso: No

Re: L'auto elettrica è una bufala?

Messaggio da leggere da luce allievi »

porterrockwell ha scritto: ↑22 ott 2021, 12:44 Poi c'è una questione fondamentale trascurata dai CO2 Fighters e da tutti quelli che a paperozzo parlano di energia pulita.
L'energia da fotovoltaico ed eolico ha la caratteristica della discontinuità ed aleatorietà della produzione. In sostanza il vento non tira sempre e con la stessa intensità ed il sole di notte non c'è e di giorno a volte si e a volte no. Bene, non c'è bischero che parli di mega accumulatori di energia elettrica che, attenzione, dovrebbero essere installati e collaudati prima di nuovi impianti eolici e fotovoltaici e la dismissione in parallelo di centrali convenzionali !!!
Questi mega accumulatori ora non esistono e non si sa chi li produca. Li sta progettando Elon Musk nella sua Giga Factory. A noi ed all'Europa chi ce li darà ? La UE non è stata buona di farsi un vaccino anti-Covid figuriamoci quelli!!!
L'idrogeno è un accumulatore di energia.
In un impianto fisso, ai piedi di una centrale eolica o fotovoltaica, può essere installato un reattore elettroforetico (2 poli elettrici immersi in una vasca d'acqua) attraverso il quale può essere dirottata in tempo reale l'energia elettrica non assorbita in quel momento dalla rete di distribuzione.
E l'idrogeno così prodotto può essere stoccato in bombole, disponibile per essere utilizzato nelle automobili o in generatori elettro-termici (quando per esempio non c'è vento o non c'è abbastanza luce).

L'unico vero problema tecnologico è quello delle bombole.
Per contenere dell'idrogeno allo stato liquido servono bombole 8 volte più robuste di quelle usate per il metano. Simili bombole costruite in acciaio sono pesantissime e anche molto pericolose. Montarle su una automobile (al posto del serbatoio della benzina) è improponibile.

Una soluzione può essere l'utilizzo della fibra di carbonio (estremamente leggera e già usata per costruire i telai delle macchine di Formula 1 o i telai delle bici da corsa).

Altra soluzione può essere l'utilizzo di mini impianti criogenigi (tecnologia utilizzata già da decenni nella costruzione dei missili) che permettono di mantenere l'idrogeno allo stato liquido dentro dei serbatoi normali a pressione atmosferica a una temperatura di 250 gradi sotto zero.
Concettualmente la tecnologia criogenica è molto semplice: si preleva un po' di idrogeno dal serbatoio e lo si fa evaporare sulla parete esterna del serbatoio stesso (l'effetto raffreddante è simile, ma molto più potente, a quello che si nota bagnandosi una mano con dell'alcol o della benzina).
Questo evidentemente comporta uno spreco (il serbatoio così raffreddato si svuoterebbe in 3 giorni) ma bisogna tenere presente che l'idrogeno così sprecato è comunque stato prodotto a costo zero.

Altro fattore molto interessante è il grandissimo potere energetico dell'idrogeno: 3 volte superiore a quello della benzina usata nei motori di Formula 1.
Sfruttando questa caratteristica, si potrebbe prendere una FIAT 500, togliere il motore di serie alimentato a benzina (999 centimetri cubi, 3 cilindri) e sostituirlo con un motore da scooter (400 centimetri cubi, monocilindrico) che, alimentato a idrogeno, erogherebbe la stessa potenza (120 cavalli). Il risparmio di ingombro e di peso così ottenuto compenserebbe largamente il maggiore ingombro e il maggiore peso di un serbatoio raffreddato con impianto criogenico.


Il fatto è che i cinesi queste cose non riescono neanche a pensarle e noi (in Europa e in Italia) non ce ne rendiamo conto.
E' come se ci considerassimo battuti in partenza, vittime di un paralizzante senso di impotenza e inferiorità.


Avatar utente
serge
Connesso: Sì
Messaggi: 3697
Iscritto il: 9 giu 2019, 8:58
Ha Assegnato: 2790 Mi Piace
Ha Ricevuto: 990 Mi Piace

Re: L'auto elettrica è una bufala?

Messaggio da leggere da serge »

luce allievi ha scritto: ↑22 ott 2021, 16:13
porterrockwell ha scritto: ↑22 ott 2021, 12:44 Poi c'è una questione fondamentale trascurata dai CO2 Fighters e da tutti quelli che a paperozzo parlano di energia pulita.
L'energia da fotovoltaico ed eolico ha la caratteristica della discontinuità ed aleatorietà della produzione. In sostanza il vento non tira sempre e con la stessa intensità ed il sole di notte non c'è e di giorno a volte si e a volte no. Bene, non c'è bischero che parli di mega accumulatori di energia elettrica che, attenzione, dovrebbero essere installati e collaudati prima di nuovi impianti eolici e fotovoltaici e la dismissione in parallelo di centrali convenzionali !!!
Questi mega accumulatori ora non esistono e non si sa chi li produca. Li sta progettando Elon Musk nella sua Giga Factory. A noi ed all'Europa chi ce li darà ? La UE non è stata buona di farsi un vaccino anti-Covid figuriamoci quelli!!!
L'idrogeno è un accumulatore di energia.
In un impianto fisso, ai piedi di una centrale eolica o fotovoltaica, può essere installato un reattore elettroforetico (2 poli elettrici immersi in una vasca d'acqua) attraverso il quale può essere dirottata in tempo reale l'energia elettrica non assorbita in quel momento dalla rete di distribuzione.
E l'idrogeno così prodotto può essere stoccato in bombole, disponibile per essere utilizzato nelle automobili o in generatori elettro-termici (quando per esempio non c'è vento o non c'è abbastanza luce).

L'unico vero problema tecnologico è quello delle bombole.
Per contenere dell'idrogeno allo stato liquido servono bombole 8 volte più robuste di quelle usate per il metano. Simili bombole costruite in acciaio sono pesantissime e anche molto pericolose. Montarle su una automobile (al posto del serbatoio della benzina) è improponibile.

Una soluzione può essere l'utilizzo della fibra di carbonio (estremamente leggera e già usata per costruire i telai delle macchine di Formula 1 o i telai delle bici da corsa).

Altra soluzione può essere l'utilizzo di mini impianti criogenigi (tecnologia utilizzata già da decenni nella costruzione dei missili) che permettono di mantenere l'idrogeno allo stato liquido dentro dei serbatoi normali a pressione atmosferica a una temperatura di 250 gradi sotto zero.
Concettualmente la tecnologia criogenica è molto semplice: si preleva un po' di idrogeno dal serbatoio e lo si fa evaporare sulla parete esterna del serbatoio stesso (l'effetto raffreddante è simile, ma molto più potente, a quello che si nota bagnandosi una mano con dell'alcol o della benzina).
Questo evidentemente comporta uno spreco (il serbatoio così raffreddato si svuoterebbe in 3 giorni) ma bisogna tenere presente che l'idrogeno così sprecato è comunque stato prodotto a costo zero.

Altro fattore molto interessante è il grandissimo potere energetico dell'idrogeno: 3 volte superiore a quello della benzina usata nei motori di Formula 1.
Sfruttando questa caratteristica, si potrebbe prendere una FIAT 500, togliere il motore di serie alimentato a benzina (999 centimetri cubi, 3 cilindri) e sostituirlo con un motore da scooter (400 centimetri cubi, monocilindrico) che, alimentato a idrogeno, erogherebbe la stessa potenza (120 cavalli). Il risparmio di ingombro e di peso così ottenuto compenserebbe largamente il maggiore ingombro e il maggiore peso di un serbatoio raffreddato con impianto criogenico.


Il fatto è che i cinesi queste cose non riescono neanche a pensarle e noi (in Europa e in Italia) non ce ne rendiamo conto.
E' come se ci considerassimo battuti in partenza, vittime di un paralizzante senso di impotenza e inferiorità.
Complimenti per la preparazione...
Smiling LoveHeart Bye


Dopo il governo Berlusconi anche un governo guidato dal pulcino pio sarebbe in grado di fare meglio (Matteo Renzi)
luce allievi
Connesso: No

Re: L'auto elettrica è una bufala?

Messaggio da leggere da luce allievi »

serge ha scritto: ↑22 ott 2021, 17:20 Complimenti per la preparazione...
Smiling LoveHeart Bye
Tutto lo spiegozzo me l'ha fatto un ragazzo (vabbè ... quasi ... ha più di 50 anni) che da giovane era un po' testone ed è stato bocciato a scuola. E allora è andato a lavorare come meccanico.
E poi s'è messo in proprio.
E adesso è titolare di una azienda con decine di ingegneri, tecnici e operai ultra-specializzati che producono kit per il potenziamento, la conversione e l'adeguamento agli standard ambientali di moto, automobili, camion, autobus, trattori.
Quando anni e anni fa aveva pensato di convertire a metano i motori diesel tutti gli ridevano dietro.
E adesso si vedono girare per le città gli autobus che funzionano a metano grazie al suo kit di conversione.

Il ragazzo (che fondamentalmente è rimasto un testone) crede molto nell'idrogeno e sospetto che stia già girando con dei prototipi di automobili modificate (qualche settimana fa sono stata sorpassata da un bolide che faceva un rumore strano ... cioè, più strano del solito ...).


Avatar utente
RedWine
Connesso: Sì
Messaggi: 2174
Iscritto il: 9 giu 2019, 14:54
Ha Assegnato: 527 Mi Piace
Ha Ricevuto: 895 Mi Piace

Re: L'auto elettrica è una bufala?

Messaggio da leggere da RedWine »

luce allievi ha scritto: ↑22 ott 2021, 16:13
Sfruttando questa caratteristica, si potrebbe prendere una FIAT 500, togliere il motore di serie alimentato a benzina (999 centimetri cubi, 3 cilindri) e sostituirlo con un motore da scooter (400 centimetri cubi, monocilindrico) che, alimentato a idrogeno, erogherebbe la stessa potenza (120 cavalli). Il risparmio di ingombro e di peso così ottenuto compenserebbe largamente il maggiore ingombro e il maggiore peso di un serbatoio raffreddato con impianto criogenico.
ne abbiamo realmente bisogno?
come ex motociclista so che avere tanta potenza sotto il culo da una bella sensazione, ma da normale utente automobilistico so anche che normalmente ne utilizziamo una frazione, il resto è peso e consumo inutili.
comunque oltre l'idrogeno, tecnologia forse del futuro, c'è anche il biocarburante, gia usato in molti paesi, in particolare in Brasile


Obbedire sperando che finisca presto, è la premessa perchè non finisca MAI
Se non crediamo nella libertà di espressione per le persone che disprezziamo, non ci crediamo affatto N.Chomsky
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 1044
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 310 Mi Piace
Ha Ricevuto: 397 Mi Piace

Re: L'auto elettrica è una bufala?

Messaggio da leggere da Vento »

Quando si fanno scelte ideologiche e ingenue, anziché realistiche e di buon senso, si prendono sempre cantonate. Anche ora, con l'auto elettrica e il clima (fissazione sul CO2), si insiste sulle scelte rivoluzionarie, che eccitano, invece di perfezionare con pazienza l'esistente, riducendo gli inconvenienti.
Così invece si fece per migliorare le condizioni di lavoro nei secoli passati in vari paesi, dove piano piano i lavoratori raggiunsero condizioni civili. Altrove invece prevalse l'impazienza, l'irrazionalità, l'emotività e si fecero le rivoluzioni comuniste, portando a stragi politiche e poi alla guerra.


Amen and Awoman :lol:
luce allievi
Connesso: No

Re: L'auto elettrica è una bufala?

Messaggio da leggere da luce allievi »

RedWine ha scritto: ↑22 ott 2021, 19:05
luce allievi ha scritto: ↑22 ott 2021, 16:13
Sfruttando questa caratteristica, si potrebbe prendere una FIAT 500, togliere il motore di serie alimentato a benzina (999 centimetri cubi, 3 cilindri) e sostituirlo con un motore da scooter (400 centimetri cubi, monocilindrico) che, alimentato a idrogeno, erogherebbe la stessa potenza (120 cavalli). Il risparmio di ingombro e di peso così ottenuto compenserebbe largamente il maggiore ingombro e il maggiore peso di un serbatoio raffreddato con impianto criogenico.
ne abbiamo realmente bisogno?
come ex motociclista so che avere tanta potenza sotto il culo da una bella sensazione, ma da normale utente automobilistico so anche che normalmente ne utilizziamo una frazione, il resto è peso e consumo inutili.
comunque oltre l'idrogeno, tecnologia forse del futuro, c'è anche il biocarburante, gia usato in molti paesi, in particolare in Brasile
Lo scopo dell'auto elettrica e di quella a idrogeno è abbattere o azzerare la produzione di CO2, cioè del gas serra che provoca il mutamento climatico.
La combustione dei biocarburanti produce la stessa CO2 della benzina, del gasolio e degli altri combustibili fossili.

Se si ottimizzano certi parametri (la cosiddetta "mappatura" della centralina elettronica), un motore da 120 cavalli che funziona tranquillo a metà regime consuma e inquina meno di un motore da 60 cavalli che funziona "impiccato" a pieno regime.


Avatar utente
Leno Lazzari
Connesso: Sì
Messaggi: 4442
Iscritto il: 10 giu 2019, 21:36
Località: Fiano Romano (RM)
Ha Assegnato: 3226 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1012 Mi Piace

Re: L'auto elettrica è una bufala?

Messaggio da leggere da Leno Lazzari »

luce allievi ha scritto: ↑22 ott 2021, 16:13
porterrockwell ha scritto: ↑22 ott 2021, 12:44 Poi c'è una questione fondamentale trascurata dai CO2 Fighters e da tutti quelli che a paperozzo parlano di energia pulita.
L'energia da fotovoltaico ed eolico ha la caratteristica della discontinuità ed aleatorietà della produzione. In sostanza il vento non tira sempre e con la stessa intensità ed il sole di notte non c'è e di giorno a volte si e a volte no. Bene, non c'è bischero che parli di mega accumulatori di energia elettrica che, attenzione, dovrebbero essere installati e collaudati prima di nuovi impianti eolici e fotovoltaici e la dismissione in parallelo di centrali convenzionali !!!
Questi mega accumulatori ora non esistono e non si sa chi li produca. Li sta progettando Elon Musk nella sua Giga Factory. A noi ed all'Europa chi ce li darà ? La UE non è stata buona di farsi un vaccino anti-Covid figuriamoci quelli!!!
L'idrogeno è un accumulatore di energia.
In un impianto fisso, ai piedi di una centrale eolica o fotovoltaica, può essere installato un reattore elettroforetico (2 poli elettrici immersi in una vasca d'acqua) attraverso il quale può essere dirottata in tempo reale l'energia elettrica non assorbita in quel momento dalla rete di distribuzione.
E l'idrogeno così prodotto può essere stoccato in bombole, disponibile per essere utilizzato nelle automobili o in generatori elettro-termici (quando per esempio non c'è vento o non c'è abbastanza luce).

L'unico vero problema tecnologico è quello delle bombole.
Per contenere dell'idrogeno allo stato liquido servono bombole 8 volte più robuste di quelle usate per il metano. Simili bombole costruite in acciaio sono pesantissime e anche molto pericolose. Montarle su una automobile (al posto del serbatoio della benzina) è improponibile.

Una soluzione può essere l'utilizzo della fibra di carbonio (estremamente leggera e già usata per costruire i telai delle macchine di Formula 1 o i telai delle bici da corsa).

Altra soluzione può essere l'utilizzo di mini impianti criogenigi (tecnologia utilizzata già da decenni nella costruzione dei missili) che permettono di mantenere l'idrogeno allo stato liquido dentro dei serbatoi normali a pressione atmosferica a una temperatura di 250 gradi sotto zero.
Concettualmente la tecnologia criogenica è molto semplice: si preleva un po' di idrogeno dal serbatoio e lo si fa evaporare sulla parete esterna del serbatoio stesso (l'effetto raffreddante è simile, ma molto più potente, a quello che si nota bagnandosi una mano con dell'alcol o della benzina).
Questo evidentemente comporta uno spreco (il serbatoio così raffreddato si svuoterebbe in 3 giorni) ma bisogna tenere presente che l'idrogeno così sprecato è comunque stato prodotto a costo zero.

Altro fattore molto interessante è il grandissimo potere energetico dell'idrogeno: 3 volte superiore a quello della benzina usata nei motori di Formula 1.
Sfruttando questa caratteristica, si potrebbe prendere una FIAT 500, togliere il motore di serie alimentato a benzina (999 centimetri cubi, 3 cilindri) e sostituirlo con un motore da scooter (400 centimetri cubi, monocilindrico) che, alimentato a idrogeno, erogherebbe la stessa potenza (120 cavalli). Il risparmio di ingombro e di peso così ottenuto compenserebbe largamente il maggiore ingombro e il maggiore peso di un serbatoio raffreddato con impianto criogenico.


Il fatto è che i cinesi queste cose non riescono neanche a pensarle e noi (in Europa e in Italia) non ce ne rendiamo conto.
E' come se ci considerassimo battuti in partenza, vittime di un paralizzante senso di impotenza e inferiorità.
Ho l'impressione che tanta competenza non sia affatto frutto di una ricerchina sul web Bye


La politica è l’arte d’impedire agli avversari di fare la loro

.........ma andare oltre no ?
Avatar utente
RedWine
Connesso: Sì
Messaggi: 2174
Iscritto il: 9 giu 2019, 14:54
Ha Assegnato: 527 Mi Piace
Ha Ricevuto: 895 Mi Piace

Re: L'auto elettrica è una bufala?

Messaggio da leggere da RedWine »

luce allievi ha scritto: ↑22 ott 2021, 19:50
Lo scopo dell'auto elettrica e di quella a idrogeno è abbattere o azzerare la produzione di CO2, cioè del gas serra che provoca il mutamento climatico.
La combustione dei biocarburanti produce la stessa CO2 della benzina, del gasolio e degli altri combustibili fossili.
si, bruciando produce CO2
no, non è lo stesso dei carburanti fossili. in quanto per produrre biocarburanti si sottrae al sistema CO2, nella stessa quantità che bruciandolo lo si restituisce.
la maggiore controindicazione dei biocarburanti, è che per produrli a parità di consumo ambientale odierno, (non vogliamo spianare la foresta amazzonica vero? :grin: ) occorrerebbe convertire buona parte della superfice agricola destinata pascolo a coltivazioni adatte alla produzione di biocarburante

ps. mi è venuto in mente che anche i bovini producono un sacco di biocarburante sotto forma di gas che emettono dal posteriore il problema è che... Beer4


Obbedire sperando che finisca presto, è la premessa perchè non finisca MAI
Se non crediamo nella libertà di espressione per le persone che disprezziamo, non ci crediamo affatto N.Chomsky
Avatar utente
heyoka
Connesso: No
Messaggi: 6340
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
Ha Assegnato: 2263 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1219 Mi Piace

Re: L'auto elettrica è una bufala?

Messaggio da leggere da heyoka »

un motore da 120 cavalli che funziona tranquillo a metà regime consuma e inquina meno di un motore da 60 cavalli
Io rimango sempre della opinione che 500 milioni di uomini, in questo pianeta, inquinano molto meno di 10 miliardi.
E un buon cavallo, può dare molta più emozione di una auto da 60 cavalli.
Detto questo io rimango sempre affezionato alle mie bici.
Non inquinano e sono ottime per la salute fisica, mentale e spirituale.
Il Covid-19 e altre malattie potevano dare una mano a risolvere il problema dell' inquinamento demografico e geriatrico umano, ma la KOLLIONA si crede buona ed umanitaria. 😭😭😭


La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Avatar utente
carletto3
Connesso: No
Messaggi: 6725
Iscritto il: 25 giu 2019, 2:20
Ha Assegnato: 261 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2089 Mi Piace

Re: L'auto elettrica è una bufala?

Messaggio da leggere da carletto3 »

heyoka ha scritto: ↑22 ott 2021, 23:13
un motore da 120 cavalli che funziona tranquillo a metà regime consuma e inquina meno di un motore da 60 cavalli
Io rimango sempre della opinione che 500 milioni di uomini, in questo pianeta, inquinano molto meno di 10 miliardi.
E un buon cavallo, può dare molta più emozione di una auto da 60 cavalli.
Detto questo io rimango sempre affezionato alle mie bici.
Non inquinano e sono ottime per la salute fisica, mentale e spirituale.
Il Covid-19 e altre malattie potevano dare una mano a risolvere il problema dell' inquinamento demografico e geriatrico umano, ma la KOLLIONA si crede buona ed umanitaria. 😭😭😭
Ma pensate....io qua leggo di metano, Hidrogeno ,carbonella ecc... tutto per cosa? Per diminuire la co2 nell'aria.... A me sorge spintanea una domanda:perche' per ogni auto prodotta nel mondo non si piantano un bel paio di alberi?Nulla di meglio per produrre O2 e far diminuire la Co2.....troppo semplice?
Mah....


La realta' è solo un'allucinazione dovuta a carenza di alcol (...un saggio)
Rispondi