Il vostro computer vi sta friggendo le cervella...?

Spazio alla Scienza e alla Tecnologia! Teorie, concetti, analisi, scoperte e tanto altro!
Avatar utente
Holubice
Deputato
Messaggi: 1140
Iscritto il: 9 apr 2020, 14:11
1
Ti Piace: 219 times

Il vostro computer vi sta friggendo le cervella...?

Messaggio da leggere da Holubice »

Non è farina del mio sacco, ma di gente molto 'studiata'...

How digital technology is destroying your mind

Immagine

"... This is your brain on digital technology. A flick of the thumb sparks a pale glow. You wait for the dopamine rush of an incoming message. Like a pathological gambler, you check again. And again. You feed your narcissistic impulses with tweets. Lacking face-to-face cues, you knock a “friend” down a peg on Facebook. Keeping loneliness at bay, you “like” a few others. Hours of catapulted birds later, you finger the off button. Repeat the cycle. You hardly notice as the synapses of your true self fry away.

In “Mind Change,” neuroscientist, entrepreneur and British politician Susan Greenfield argues that our technologies are not only addictive — they are an existential threat. The brain, she writes, has an “evolutionary mandate to adapt to its environment,” and the digital world is changing at too rapid a pace for individuals or government regulations to keep up. Lives are destroyed. The extreme is the Korean couple whose compulsive video gaming led to the starvation of their newborn. But the warnings are no less ominous among billions of moderate users: a dramatic loss of empathy over the past decade and a precipitous decline in outdoor activity among children..." (CONTINUA NEL LINK, LEGGILO TUTTO, E' MOLTO INTERESSANTE)




Per chi, come Toro Seduto, è diversamente studiato, incollo qui sotto la traduzione di tutto l'articolo, fatto con Google Translate:
Spoiler:


Questo è il tuo cervello sulla tecnologia digitale. Un movimento del pollice accende un pallido bagliore. Aspetti la scarica di dopamina di un messaggio in arrivo. Come un giocatore patologico, controlli di nuovo. E di nuovo. Nutri i tuoi impulsi narcisistici con i tweet. In mancanza di segnali faccia a faccia, fai cadere un "amico" su Facebook. Tenendo a bada la solitudine, ti "piacciono" alcuni altri. Ore di uccelli catapultati dopo, premi il pulsante di spegnimento. Ripeti il ​​ciclo. Quasi non te ne accorgi mentre le sinapsi del tuo vero io si dissolvono.

In "Mind Change", la neuroscienziata, imprenditrice e politica britannica Susan Greenfield sostiene che le nostre tecnologie non solo creano dipendenza, ma rappresentano una minaccia esistenziale. Il cervello, scrive, ha un "mandato evolutivo per adattarsi al suo ambiente" e il mondo digitale sta cambiando a un ritmo troppo rapido perché gli individui o le normative governative possano tenere il passo. Le vite sono distrutte. L'estremo è la coppia coreana il cui videogioco compulsivo ha portato alla fame del loro neonato. Ma gli avvertimenti non sono meno inquietanti per miliardi di utenti moderati: una drammatica perdita di empatia negli ultimi dieci anni e un rapido declino delle attività all'aperto tra i bambini.


"Cambiamento mentale: come le tecnologie digitali stanno lasciando il segno nel nostro cervello" di Susan Greenfield (Random House)
Dal lavoro pionieristico del teorico dei media Marshall McLuhan negli anni '60, uno stuolo di esperti ha spiegato cosa ci sta facendo l'era elettronica. Molti, come il visionario del computer Douglas Engelbart, affermano che gli strumenti digitali "aumentano" l'intelletto umano e promuovono la democrazia interconnessa. Altri, come la psicologa Sherry Turkle, il cui capolavoro del 1984, "The Second Self", ha studiato la prima generazione di bambini cresciuti al computer, sono passati da un cauto ottimismo a una critica disincantata. Altri ancora, come lo scrittore di tecnologia Nicholas Carr, sono stati ostili, descrivendo la vita della mente digitale come una "superficie superficiale".


La neuroscienza, un campo che cerca di essere un arbitro scientifico delle questioni sociali, sembra fatto su misura per valutare la nostra esistenza cablata. In effetti, secondo Greenfield, una mente sana è come una società sana. Proprio come gli individui cambiano nel tempo, così fanno i neuroni, dalla flessibilità esplorativa della giovinezza alla maturità contenuta dell'età adulta. Un cervello diventa una mente coordinando "assemblee neuronali", che lavorano in armonia, guadagnando efficienza e stabilità quando emergiamo dall'adolescenza. Raggiungiamo l'apice della consapevolezza quando acquisiamo la logica del passato, del presente e del futuro nel nostro processo decisionale. Sperimentiamo l'opposto, la mancanza di mente, quando perseguiamo sensazioni, impulsività e ricompensa rapida - le caratteristiche distintive di bambini, tossicodipendenti, obesi e "sport frenetici, sesso, danza o sogni".

Greenfield afferma che la rivoluzione digitale sfrutta la nostra propensione biologica alla mancanza di mente. Cita studi di laboratorio che hanno scoperto che i social network ei videogiochi attivano la dopamina allo stesso modo del cibo spazzatura e dell'ecstasy. Inoltre, sostiene, poiché il cyberspazio manca di una sequenza causale, è privo di conseguenze immediate e dà accesso immediato alle informazioni senza guida, la nostra attenzione si restringe, il pensiero più profondo diminuisce e i legami interpersonali appassiscono. I più colpiti sono i "nativi digitali", i cui "cervelli di plastica impressionabili" nascono in un ambiente che sconvolge migliaia di anni di evoluzione.

"Mind Change" aggiorna una vecchia conoscenza della tecnologia e del declino della civiltà. All'inizio del XX secolo, l'eminente sociologo William Ogburn ha chiesto come potrebbe evolversi la società quando gli esseri umani non erano cambiati biologicamente in 25.000 anni. La sua risposta fu l'allora nuovo concetto di cambiamento tecnologico. Nel suo controverso pamphlet del governo "You and Machines" (1934), egli contrapponeva gli "indiani dalla pelle color rame" ai nativi dell'era delle macchine atrofizzati, viziati e inclini al divorzio, che in meno di una generazione avevano perso il legame con la natura e la tradizione. I rapidi progressi tecnologici non erano né buoni né cattivi, né potevano essere fermati, richiedendo esperti (come lui) per aiutare il governo, l'industria e gli individui ad adattarsi.


L'applicazione di Greenfield della discrepanza tra uomo e macchina al cervello introduce un'importante variazione in questa visione pervasiva della tecnologia. Inoltre, il campo sta esplorando come utilizzare la tecnologia digitale stessa (come i videogiochi terapeutici) per combattere gli effetti negativi della tecnologia digitale. Offre una strategia su quattro fronti per affrontare il cambiamento mentale: fornire un palcoscenico più ampio per esperti scientifici nei media tradizionali, intraprendere indagini sulle società in tutto il mondo, aumentare i finanziamenti per studi di laboratorio ed epidemiologici e utilizzare software per contrastare "carenze derivanti da esistenza basata sullo schermo. "

Greenfield ha affinato questa neuro-politica sotto i riflettori del pubblico piuttosto che in laboratorio. "Mind Change" è nato da un dibattito del 2009 alla Camera dei Lord britannica, dove è membro a vita. La sua reputazione di scienziato famoso con una tendenza a provocation ha attirato l'ira dei critici. "Mind Change" è uscito in Gran Bretagna la scorsa estate per una reazione accesa, compresa quella del giornalista scientifico del Guardian, Martin Robbins, che ha scritto che è difficile non prendere sul personale il carattere sprezzante del libro della giovane generazione digitale. Dorothy Bishop, una neuropsicologa dello sviluppo a Oxford, ha criticato Greenfield per aver insinuato che la tecnologia digitale causa l'autismo, e ha trovato sorprendente, come me, che "Mind Change" citi prove aneddotiche come articoli del Daily Mail, psicologi televisivi, futuristi ed e-mail dagli amici quasi quanto fa ricerca peer-reviewed.

"Mind Change" è un'opportunità persa. Una "panoramica equilibrata e completa" che mette le neuroscienze in conversazione con la psicologia, gli studi sui media (come "It's Complicated", lo sguardo imperdibile di Danah Boyd sulla vita digitale degli adolescenti) e la politica tecnologica potrebbero offrire una visione reale della tecnologia e della condizione umana . Ci sono momenti in cui Greenfield si avvicina a una tale sintesi e ha un talento raro nello spiegare la scienza in prosa accessibile. Ma "Mind Change" è una polemica piuttosto che un primer. Utilizza la scienza come strumento retorico per stimolare i sostenitori e irritare coloro che la accuserebbero di ciò che lei chiama "allarmismo".

Greenfield inizia "Mind Change" paragonandosi a una delle prime scienziate del clima che si confronta con un'establishment sprezzante. Se aspira a un simile cambiamento di paradigma, lei e gli esperti concorrenti avranno bisogno di prove più solide e di argomenti attenti. Altrimenti, cambieranno poche menti.




"Ricordatevi sempre che nel nostro Parlamento siedono i nostri rappresentanti. E che ci rappresentano benissimo"
(Indro Montanelli)
Avatar utente
Holubice
Deputato
Messaggi: 1140
Iscritto il: 9 apr 2020, 14:11
1
Ti Piace: 219 times

Re: Il vostro computer vi sta friggendo le cervella...?

Messaggio da leggere da Holubice »

Opss... Ho fatto un doppione...
"Ricordatevi sempre che nel nostro Parlamento siedono i nostri rappresentanti. E che ci rappresentano benissimo"
(Indro Montanelli)
Avatar utente
Ovidio
Senatore
Messaggi: 2443
Iscritto il: 25 set 2020, 17:08
Has thanked: 218 times
Ti Piace: 501 times

Re: Il vostro computer vi sta friggendo le cervella...?

Messaggio da leggere da Ovidio »

Mettilo sotto scienza!
Tenere sempre a mente la „regola d‘oro“
Avatar utente
Ovidio
Senatore
Messaggi: 2443
Iscritto il: 25 set 2020, 17:08
Has thanked: 218 times
Ti Piace: 501 times

Re: Il vostro computer vi sta friggendo le cervella...?

Messaggio da leggere da Ovidio »

Le discussioni con forum, fatte con il computer, mi stimolano il cervello ma, non andando in bicicletta come hayoke, mi costringono in poltrona e mi friggono i muscoli.

Quindi il computer ad alcuni frigge il cervello, ad altri i muscoli!

Che si fa? Lasciamo fare all'evoluzione darwiniana?
Tenere sempre a mente la „regola d‘oro“
Avatar utente
Shamash
Deputato
Messaggi: 991
Iscritto il: 9 giu 2019, 16:37
1
Has thanked: 146 times
Ti Piace: 423 times

Re: Il vostro computer vi sta friggendo le cervella...?

Messaggio da leggere da Shamash »

Capita proprio a puntino il volume a cui mi sto dedicando proprio ora, di recentissima pubblicazione (novembre 2020) e che vi suggerisco caldamente per approfondire questo argomento in modo serio e completo. Pur essendo corposo (750 pagine), in inglese e per "addetti ai lavori", è molto fruibile e ben organizzato. 🤓
Fornisce una trattazione esaustiva di tutto ciò che implica la pervasività delle tecnologie (con internet al vertice) nella vita di tutti i giorni, analizzando anche le varie fasce d'età e i contesti.

Immagine
«Siate il meglio di qualunque cosa siate» [Martin Luther King]
«Dove regna la saggezza, non vi è alcun conflitto tra pensiero e sentimento» [Carl Gustav Jung]
Avatar utente
Holubice
Deputato
Messaggi: 1140
Iscritto il: 9 apr 2020, 14:11
1
Ti Piace: 219 times

Re: Il vostro computer vi sta friggendo le cervella...?

Messaggio da leggere da Holubice »

Ovidio ha scritto: 6 feb 2021, 10:22 Le discussioni con forum, fatte con il computer, mi stimolano il cervello ma, non andando in bicicletta come hayoke, mi costringono in poltrona e mi friggono i muscoli.
Quindi il computer ad alcuni frigge il cervello, ad altri i muscoli!
Che si fa? Lasciamo fare all'evoluzione darwiniana?
A me piace leggere i giornali, lo trovo un'attività molto rilassante, in special modo se seduto ad un bar, con un buon bicchiere di vino. O, quanto meno, rilassa me.

Se leggo il medesimo giornale il giorno successivo sul web, non appena ho cominciato, subito qualcosa mi distoglie l'attenzione da dove ho principiato, e mi comincia a far saltare di palo in frasca: se dovevo leggere il Corriere, finisce che una ora dopo sto leggendo di ricette, oppure di come funziona una stufa a pellet idro. Non c'è mai una volta che inizio col Corriere, e finisco col Corriere, c'è sempre qualcosa che mi distoglie e non mi fa combinare quello che era nei miei progetti iniziali. In generale, non ci si riesce a concentrare, è il sistema stesso che è concepito per attirare la tua attenzione, cercando di farti spendere più tempo possibile sulla piattaforma 'sirena' del momento.

Gli esperti dicono che questo, alla lunga, fa grossi danni...


Immagine
"Ricordatevi sempre che nel nostro Parlamento siedono i nostri rappresentanti. E che ci rappresentano benissimo"
(Indro Montanelli)
ciarli
Aspirante Politico
Messaggi: 21
Iscritto il: 26 feb 2021, 16:13
Has thanked: 2 times
Ti Piace: 1 time

Re: Il vostro computer vi sta friggendo le cervella...?

Messaggio da leggere da ciarli »

il PC, le TV etc stanno faccendo debole il biceps del cervello o il musculo principale del concentrazione. le figure, i colori e i suoni vengono troppo faccilmente nel cervello senza essere bisogno di usare questo muscolo. e in oltre l'insulina del cervello o la dopamina e troppo agittata e con li anni avremmo diabete del cervello.
Sara
Candidato Politico
Messaggi: 143
Iscritto il: 27 dic 2020, 18:14
Has thanked: 11 times
Ti Piace: 35 times

Re: Il vostro computer vi sta friggendo le cervella...?

Messaggio da leggere da Sara »

Non credo di poter leggere agevolmente quel bel tomo in inglese...
Comunque le neuroscienze si occupano dall'argomento un po' ovunque e già da diversi anni. A livello divulgativo, si riesce a darsi un'infarinata anche in rete. Questo articolo, per es. risale al '15
https://www.wired.it/scienza/biotech/20 ... llo-umano/
In questo recente, corredato da una bibliografia (https://www.sipsiol.it/articoli/digital ... l-cervello) si fa un po' il punto della situazione. Interessante -cercherò di approfondire- il rapporto tra la mano e le strutture mentali. Tuttavia la conclusione ("il cervello non è una macchina di Turing") mi sembra confortante.
Nella storia non sono comunque mancati gli allarmi per i danni che le novità avrebbero potuto apportare al funzionamento della nostra mente, dalla diffusione della scrittura (perderemo la memoria!) in avanti.
Avatar utente
Shamash
Deputato
Messaggi: 991
Iscritto il: 9 giu 2019, 16:37
1
Has thanked: 146 times
Ti Piace: 423 times

Re: Il vostro computer vi sta friggendo le cervella...?

Messaggio da leggere da Shamash »

Sara ha scritto: 27 feb 2021, 18:08 Tuttavia la conclusione ("il cervello non è una macchina di Turing") mi sembra confortante.
Infatti, seppur le capacità di una macchina possano essere [sotto certi aspetti] superiori a quelle umane (in termini di operazioni "meccaniche", mnemoniche e meramente logico-spaziali), il cervello resta ineguagliabile sotto una luce squisitamente "umana": emozioni, empatia, sensibilità,... Tutti elementi che seppur si cerchi di imitare (ormai piuttosto bene) con l'intelligenza artificiale, restano nostro unico appannaggio e credo sia ancora lontano il giorno in cui si possa veramente ricreare tutto ciò.
Sara ha scritto: 27 feb 2021, 18:08Nella storia non sono comunque mancati gli allarmi per i danni che le novità avrebbero potuto apportare al funzionamento della nostra mente, dalla diffusione della scrittura (perderemo la memoria!) in avanti.
Esatto. Spesso si grida allo scandalo quando non si conosce appieno qualcosa o il suo potenziale. Come la scrittura, appunto.
Certo, queste nuove tecnologie tendono a modificare il nostro comportamento (e, più "a monte" a livello cerebrale il funzionamento dei processi neurobiologici), oltretutto in tempi evoluzionistici molto brevi, in relazione all'evoluzione stessa dell'essere umano, tuttavia credo che l'istupidimento che si osserva nelle persone negli ultimi anni, sia dovuto anche ad un depauperamento di altri fattori, quali la motivazione, lo spirito di sacrificio, la creatività e tanto altro. Insomma, al di là dei processi neurologici, questi strumenti tendono inevitabilmente a fornire "la pappa pronta" alle persone che non sono più spinte a rimboccarsi le maniche nel creare qualcosa e tirar fuori le proprie abilità.
Viene da sé, quindi, che non è colpa del mezzo in sé, bensì dell'uso che ne facciamo. Possiamo trarne enorme vantaggio (nello studio, nel lavoro e tanto altro), ma se ci facessimo sostituire nelle nostre capacità, avremmo un potenziale inespresso, una stupidità autoindotta...
«Siate il meglio di qualunque cosa siate» [Martin Luther King]
«Dove regna la saggezza, non vi è alcun conflitto tra pensiero e sentimento» [Carl Gustav Jung]
Avatar utente
Holubice
Deputato
Messaggi: 1140
Iscritto il: 9 apr 2020, 14:11
1
Ti Piace: 219 times

Re: Il vostro computer vi sta friggendo le cervella...?

Messaggio da leggere da Holubice »

Shamash ha scritto: 27 feb 2021, 19:21
Esatto. Spesso si grida allo scandalo quando non si conosce appieno qualcosa o il suo potenziale. Come la scrittura, appunto.
Certo, queste nuove tecnologie tendono a modificare il nostro comportamento (e, più "a monte" a livello cerebrale il funzionamento dei processi neurobiologici), oltretutto in tempi evoluzionistici molto brevi, in relazione all'evoluzione stessa dell'essere umano, tuttavia credo che l'istupidimento che si osserva nelle persone negli ultimi anni, sia dovuto anche ad un depauperamento di altri fattori, quali la motivazione, lo spirito di sacrificio, la creatività e tanto altro. Insomma, al di là dei processi neurologici, questi strumenti tendono inevitabilmente a fornire "la pappa pronta" alle persone che non sono più spinte a rimboccarsi le maniche nel creare qualcosa e tirar fuori le proprie abilità.
Viene da sé, quindi, che non è colpa del mezzo in sé, bensì dell'uso che ne facciamo. Possiamo trarne enorme vantaggio (nello studio, nel lavoro e tanto altro), ma se ci facessimo sostituire nelle nostre capacità, avremmo un potenziale inespresso, una stupidità autoindotta...
Con la scrittura abbiamo da tempo una certa dimestichezza. Più o meno da quando facevamo delle pitture rupestri. I giornali e i libri (con le loro miniature) ne sono la loro logica evoluzione.

E' con la Televisione che abbiamo fatto un salto. Secondo me, verso il vuoto. Nel libro "Fahrenheit 451"...



... il protagonista, che era un pompiere al contrario con lo specifico compito di bruciare tutti i libri in circolazione, questo pompiere aveva una moglie che, nella sua casa, aveva tutte le pareti completamente ricoperte da enormi televisori che trasmettevano 24 ore su 24 propaganda di regime. Mi chiedo, vi chiedo ...



... quanto è grande il vostro televisore? Ne avete uno solo, relegato nel tinello, oppure ne avete pure uno in cucina, un altro nel vostro talamo, ed altri due nelle camerette dei ragazzi?

Insomma, se guardiamo la situazione intorno a noi con un occhio smaliziato e onesto, lo scenario distopico di quel libro fantascientifico alla nostra realtà di tutti i giorni gli fa un gran bel |i||o//o...


Immagine
"Ricordatevi sempre che nel nostro Parlamento siedono i nostri rappresentanti. E che ci rappresentano benissimo"
(Indro Montanelli)
Rispondi