Che significato date al Natale?

Spazio dedicato al libero e civile confronto fra i diversi credi religiosi e la loro influenza sulla società.
Avatar utente
Michelangelo
Messaggi: 476
Iscritto il: 23 giu 2019, 15:00

Re: Che significato date al Natale?

Messaggio da leggere da Michelangelo »

nerorosso ha scritto:
3 gen 2020, 0:27
Se vi dico che a mio parere "la religione e' oppio dei popoli" mi credete?
Ci sono volte che penso sia così ( nel caso della religione musulmana ritengo sia un dato di fatto. Vivono solo per la religione), mentre a bocce ferme poi penso che gli ATEI non ci danno dimostrazione che sappiano vivere meglio dei credenti cattolici.
Nel senso che, non mi pare che siano più pacifici o più assennati. Se lo sono, non penso sia causato dalla loro libertà culturale. Credo che l'onestà intellettuale sia un valore innato, che non si acquisisca con la cultura o con l'esperienza di vita ( ma magari mi sbaglio)

A mio modesto parere, una moderata religiosità , penso che non possa nuocere. Ovvero, noi abbiamo assimilato un IMPUT, un imprinting dalla nostra religione cattolica, dal ( ipotetico) messaggio di Gesù: quello di mantenere una condotta pacifica( che non significa farsi mettere i piedi in testa o porgere l'altra guancia) cordiale e rispettosa verso il prossimo. Laddove tale condotta fosse opposta a questo imprinting , ci sarebbe il remoto rischio che potremmo essere puniti da Dio una volta defunti( inferno..? ) Questo credo sia tutto il necessario da assimilare dalla religione ( sana).
E' quello che ho sempre pensato della religione cattolica e continuerò -per ora - su quella linea( che il Suo messaggio fosse quello; nell'immaginario collettivo credo sia così); anche se Heyoka, leggo, smonta questa tesi ... che in realtà Gesù non era così pacifico e buono( che non diffondeva messaggi così pacifici, sostanzialmente).
Tutto il resto, la Chiesa e l'essere praticanti in modo rigoroso, PENSO sia un di più irrilevante agli occhi di chi ci valuta, AL NETTO, lassù ( SE c'è qualcuno )
Oppure, se dovessimo diventare tutti atei, globalmente, vedrei ciò attuabile ( e potremmo forse in quel caso essere davvero migliori dei credenti) SE a partire dalla scuola primaria ci fossero insegnanti dallo spessore culturale-filosofico di Gandhi( come esempio) e crescere a PANE E FILOSOFIA . Facendo assimilare agli infanti tutti i messaggi pacifici, assennati e illuminanti dei filosofi greci antichi.
“Un popolo che dimentica i fasti del patriottismo è un popolo in decadenza. Il passato segna i doveri dell’avvenire.”
Francesco Crispi

Avatar utente
Michelangelo
Messaggi: 476
Iscritto il: 23 giu 2019, 15:00

Re: Che significato date al Natale?

Messaggio da leggere da Michelangelo »

Risposta per Cuneoman e Heyoka: Sono assolutamente d'accordo con la tua analisi Cuneoman, cioè, che l'uomo possa diventare "migliore" da sé, con l'introspezione( se ha una buona "predisposizione" ) e dando concretamente ognuno il buon esempio, senza delegare e aspettare che siano gli altri a migliorare il mondo.
Nel caso della politica però, non mi trovo d'accordo sulla tesi " li abbiamo messi noi al potere e dunque non possiamo lamentarci".
La politica ritengo che sia un perpetuo gioco delle te carte: il popolo vuole una cosa, ma in qualche modo, in Parlamento finisce per governare qualcun altro e ANCHE qualora ci vada una politico NON previsto (dai Potentati), onesto e capace - il che di per sé rasenta la fantascienza - gli taglierebbero comunque le gambe ( opposizione feroce; magistratura; PdR ; Unione Europea... Stati Uniti...)

Per ora , sino a che non ci sarà una vera rivoluzione politica - una pulizia a 360° sia a destra che a sinistra- credo ancora molto nel noto aforisma di Marc Twain: "Se votare facesse qualche differenza, non ce lo lascerebbero fare "
E qui mi ricollego alla ipotetica sopracitata capacità di autodeterminazione dell'uomo, che diceva nerorosso:
chi è che convincerà i politici - quelli che contano, gli oligarchi - a diventare seri e onesti? o meglio ancora, chi li convincerà a farsi da parte e lasciare posto agli onesti?

Per far sì che ciò avvenga, significherebbe liberarci da tutti quelli ci tengono sotto scacco e gestiscono le nostre sorti, quali : USA, CIA, NATO, MAFIA, Francia, Germania, Bruxelles..e il PD. Mi auguro che possa succedere e non perdo la speranza, ma non so in che modo possa avvenire , con la sola buona volontà spontanea dell'uomo.
Da qui, avanzo la teoria (pretesa ESOSA.. eufemisticamente ) che ci sarebbe voluto un Maestro dall'alto( se esiste) che si palesasse una volta a secolo, per mettere le cose in chiaro. P.S non attraverso terremoti o calamità naturali, ovviamente. Sia per debellare la delinquenza politica, che quella comune.
L'uomo è in maggioranza troppo cattivo e/o troppo stupido, per riuscire a migliorare, nei decenni- secoli, il proprio animo (bacato), da solo, o con i soli buoni esempi degli altri uomini.( mio modestissimo parere)
“Un popolo che dimentica i fasti del patriottismo è un popolo in decadenza. Il passato segna i doveri dell’avvenire.”
Francesco Crispi

Avatar utente
heyoka
Messaggi: 1656
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41

Re: Che significato date al Natale?

Messaggio da leggere da heyoka »

nerorosso ha scritto:
3 gen 2020, 0:27
Se vi dico che a mio parere "la religione e' oppio dei popoli" mi credete?
Se sostituisci la parola OPPIO con il termine PLACEBO, posso anche essere in parte d' accordo.
Converrai con me che se per "guarire" o quantomeno "assopire" il malessere umano è molto utile il PLACEBO religione, che può dare gli stessi risultati degli OPPIACEI che ti vendono in farmacia ( che possiamo tradurre anche con il termine Veleneria),credo sia preferibile guarire con il placebo religione, che oltretutto viene a GRATIS, rispetto alla finta guarigione degli oppiacei farmaceutici che CI costano l' IRA DI DIO.

Avatar utente
heyoka
Messaggi: 1656
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41

Re: Che significato date al Natale?

Messaggio da leggere da heyoka »

anche se Heyoka, leggo, smonta questa tesi ... che in realtà Gesù non era così pacifico e buono( che non diffondeva messaggi così pacifici, sostanzialmente).
Non è proprio questa la mia tesi su Gesù.
Gesù ha predicato un messaggio profondamente buono e salutare, senza scadere, SAGGIAMENTE, nel buonismo cieco e mieloso, come ad esempio si è fatto portavoce l' attuale parroco di Roma.
Per dirla come la traduceva mia Nonna, Gesù ci dice che
BISOGNA ESSERE BUONI SENZA ESSERE KOLLIONI!

Cito dai Vangeli:
Matteo 10: Ecco: io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe

Sempre Matteo:“Non date le cose sante ai cani e non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con le loro zampe e poi si voltino per sbranarvi”

Avatar utente
Michelangelo
Messaggi: 476
Iscritto il: 23 giu 2019, 15:00

Re: Che significato date al Natale?

Messaggio da leggere da Michelangelo »

heyoka ha scritto:
3 gen 2020, 17:19
anche se Heyoka, leggo, smonta questa tesi ... che in realtà Gesù non era così pacifico e buono( che non diffondeva messaggi così pacifici, sostanzialmente).
Non è proprio questa la mia tesi su Gesù.
Gesù ha predicato un messaggio profondamente buono e salutare, senza scadere, SAGGIAMENTE, nel buonismo cieco e mieloso, come ad esempio si è fatto portavoce l' attuale parroco di Roma.
Per dirla come la traduceva mia Nonna, Gesù ci dice che
BISOGNA ESSERE BUONI SENZA ESSERE KOLLIONI!

Cito dai Vangeli:
Matteo 10: Ecco: io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe

Sempre Matteo:“Non date le cose sante ai cani e non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con le loro zampe e poi si voltino per sbranarvi”
Smiling Smiling Condivido perfettamente tale filosofia di vita sopracitata in quei versetti ( e in quelli di tua nonna) : buoni ma non buonisti- ciechi e nè kollioni :mrgreen: Smiling , come ci vorrebbe Bergoglio . Sottoscrivo.
“Un popolo che dimentica i fasti del patriottismo è un popolo in decadenza. Il passato segna i doveri dell’avvenire.”
Francesco Crispi

cuneoman
Messaggi: 1190
Iscritto il: 16 ago 2019, 23:39

Re: Che significato date al Natale?

Messaggio da leggere da cuneoman »

Michelangelo ha scritto:
3 gen 2020, 14:45
Risposta per Cuneoman e Heyoka: Sono assolutamente d'accordo con la tua analisi Cuneoman, cioè, che l'uomo possa diventare "migliore" da sé, con l'introspezione( se ha una buona "predisposizione" ) e dando concretamente ognuno il buon esempio, senza delegare e aspettare che siano gli altri a migliorare il mondo.
Nel caso della politica però, non mi trovo d'accordo sulla tesi " li abbiamo messi noi al potere e dunque non possiamo lamentarci".
La politica ritengo che sia un perpetuo gioco delle te carte: il popolo vuole una cosa, ma in qualche modo, in Parlamento finisce per governare qualcun altro e ANCHE qualora ci vada una politico NON previsto (dai Potentati), onesto e capace - il che di per sé rasenta la fantascienza - gli taglierebbero comunque le gambe ( opposizione feroce; magistratura; PdR ; Unione Europea... Stati Uniti...)

Per ora , sino a che non ci sarà una vera rivoluzione politica - una pulizia a 360° sia a destra che a sinistra- credo ancora molto nel noto aforisma di Marc Twain: "Se votare facesse qualche differenza, non ce lo lascerebbero fare "
E qui mi ricollego alla ipotetica sopracitata capacità di autodeterminazione dell'uomo, che diceva nerorosso:
chi è che convincerà i politici - quelli che contano, gli oligarchi - a diventare seri e onesti? o meglio ancora, chi li convincerà a farsi da parte e lasciare posto agli onesti?

Per far sì che ciò avvenga, significherebbe liberarci da tutti quelli ci tengono sotto scacco e gestiscono le nostre sorti, quali : USA, CIA, NATO, MAFIA, Francia, Germania, Bruxelles..e il PD. Mi auguro che possa succedere e non perdo la speranza, ma non so in che modo possa avvenire , con la sola buona volontà spontanea dell'uomo.
Da qui, avanzo la teoria (pretesa ESOSA.. eufemisticamente ) che ci sarebbe voluto un Maestro dall'alto( se esiste) che si palesasse una volta a secolo, per mettere le cose in chiaro. P.S non attraverso terremoti o calamità naturali, ovviamente. Sia per debellare la delinquenza politica, che quella comune.
L'uomo è in maggioranza troppo cattivo e/o troppo stupido, per riuscire a migliorare, nei decenni- secoli, il proprio animo (bacato), da solo, o con i soli buoni esempi degli altri uomini.( mio modestissimo parere)
Il PD resta il secondo partito votato dal popolo italiano, lo era nel 2018 e lo è probabilmente oggi.
Renzi e Berlusconi hanno alcuni milioni di voti.

Ecco, questo dimostra quello che ho detto. :roll:

Rispondi