Isreale=Hamas,ma non si dira' mai la verita

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Connesso
Avatar utente
Leno Lazzari
Connesso: Sì
Messaggi: 15935
Iscritto il: 10 giu 2019, 21:36
Località: Fiano Romano (RM)
Ha Assegnato: 9980 Mi Piace
Ha Ricevuto: 3962 Mi Piace

Re: Isreale=Hamas,ma non si dira' mai la verita

Messaggio da leggere da Leno Lazzari »

Sayon ha scritto: 1 dic 2023, 21:26
Leno Lazzari ha scritto: 1 dic 2023, 19:32

............ 8-) anche nel Sahara :mrgreen:
E NOI che facciamo? Diciamo qualcosa? Proponiamo qualcosa? Ci opponiamo? Siamo interessati ala giustiza? all' entrata della UN? A fermare Israele? o stiamo aspettando che gli USA ci dicano cosa fare? Anche se non lo sanno neppure loro?
Che GRANDI LEADERS che abbiamo in Italia! L' unica cosa fatta finora e' astenersi nelle votazioni UN, e mandare una nave ospedale che sara' utile ma non contribuisce a risolvere proprio a nulla. Non solo sappiamo solo obbedire agli USA, ma adesso lo facciamo anche con i "protetti" USA. fra poco sara Israele a chiderci soldi, armi e magari truppe.
..."Che GRANDI LEADERS che abbiamo in Italia!"...

Non Italia ma Europa !

Ma stai scherzando Sayon :shock:

Ma sai quanto possa interessare a Netanyahu il parere della sola
Italia, o se é per questo della sola Germania ? ? ? Una ceppa gli
ne fregehrebbe, come fino a un certo punto ascolta gli USA ma
poi va avanti a testa bassa .

Forse, e dico FORSE se Israele dovesse fare i conti con gli USA
e l'Europa in blocco allora, chissà, ma anche in questo caso ho
qualche dubbio .
La politica è l’arte d’impedire agli avversari di fare la loro

.........ma andare oltre no ?
Avatar utente
serge
Connesso: No
Messaggi: 6263
Iscritto il: 9 giu 2019, 8:58
Ha Assegnato: 6353 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2230 Mi Piace

Re: Isreale=Hamas,ma non si dira' mai la verita

Messaggio da leggere da serge »

Come speso accaduto, gli USA si comportano da ipocriti. A nulla servono raccomandazioni, consigli ,viaggi di esponenti del Governo USA in ISRAELE: se VERAMENTE gli USA vogliono porre fine al massacro della popolazione palestinese da parte del criminale ebraico, minaccino di chiudere i rubinetti economici e militari a Israele. IN caso di mancata cessazione del massacro, li CHIUDINO davvero. Sino ad allora, nulla facendo NEI FATTI, gli USA sono complici dei massacratori israeliani e come tali vanno giudicati a livello internazionale. Assieme, cara Giorgia, a chi sostiene la loro politica.
Angry1 Angry1 Angry1
Gli uomini di solito prendono delle cantonate per la loro stolta parzialità, e, perseverando nel loro erroneo giudizio, sono poi costretti a pentirsene dinanzi all'evidenza.(Fedro)
Connesso
Avatar utente
Leno Lazzari
Connesso: Sì
Messaggi: 15935
Iscritto il: 10 giu 2019, 21:36
Località: Fiano Romano (RM)
Ha Assegnato: 9980 Mi Piace
Ha Ricevuto: 3962 Mi Piace

Re: Isreale=Hamas,ma non si dira' mai la verita

Messaggio da leggere da Leno Lazzari »

serge ha scritto: 2 dic 2023, 10:19 Come speso accaduto, gli USA si comportano da ipocriti. A nulla servono raccomandazioni, consigli ,viaggi di esponenti del Governo USA in ISRAELE: se VERAMENTE gli USA vogliono porre fine al massacro della popolazione palestinese da parte del criminale ebraico, minaccino di chiudere i rubinetti economici e militari a Israele. IN caso di mancata cessazione del massacro, li CHIUDINO davvero. Sino ad allora, nulla facendo NEI FATTI, gli USA sono complici dei massacratori israeliani e come tali vanno giudicati a livello internazionale. Assieme, cara Giorgia, a chi sostiene la loro politica.
Angry1 Angry1 Angry1
Immagine

........Ma sto governo e Gnappetta é diventata proprio una fissa WWE.gif WWE.gif WWE.gif
La politica è l’arte d’impedire agli avversari di fare la loro

.........ma andare oltre no ?
Avatar utente
serge
Connesso: No
Messaggi: 6263
Iscritto il: 9 giu 2019, 8:58
Ha Assegnato: 6353 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2230 Mi Piace

Re: Isreale=Hamas,ma non si dira' mai la verita

Messaggio da leggere da serge »

Leno Lazzari ha scritto: 2 dic 2023, 10:26
serge ha scritto: 2 dic 2023, 10:19 Come speso accaduto, gli USA si comportano da ipocriti. A nulla servono raccomandazioni, consigli ,viaggi di esponenti del Governo USA in ISRAELE: se VERAMENTE gli USA vogliono porre fine al massacro della popolazione palestinese da parte del criminale ebraico, minaccino di chiudere i rubinetti economici e militari a Israele. IN caso di mancata cessazione del massacro, li CHIUDINO davvero. Sino ad allora, nulla facendo NEI FATTI, gli USA sono complici dei massacratori israeliani e come tali vanno giudicati a livello internazionale. Assieme, cara Giorgia, a chi sostiene la loro politica.
Angry1 Angry1 Angry1
Immagine

........Ma sto governo e Gnappetta é diventata proprio una fissa WWE.gif WWE.gif WWE.gif
Non quanto la tua per il PD.
Angry1
Gli uomini di solito prendono delle cantonate per la loro stolta parzialità, e, perseverando nel loro erroneo giudizio, sono poi costretti a pentirsene dinanzi all'evidenza.(Fedro)
Connesso
Avatar utente
Leno Lazzari
Connesso: Sì
Messaggi: 15935
Iscritto il: 10 giu 2019, 21:36
Località: Fiano Romano (RM)
Ha Assegnato: 9980 Mi Piace
Ha Ricevuto: 3962 Mi Piace

Re: Isreale=Hamas,ma non si dira' mai la verita

Messaggio da leggere da Leno Lazzari »

serge ha scritto: 2 dic 2023, 10:36
Leno Lazzari ha scritto: 2 dic 2023, 10:26

Immagine

........Ma sto governo e Gnappetta é diventata proprio una fissa WWE.gif WWE.gif WWE.gif
Non quanto la tua per il PD.
Angry1
Più giustificata ma tu non puoi sapere.........

E io il PD continuo a metterlo in mezzo come e quanto m'aggrada :mrgreen:
La politica è l’arte d’impedire agli avversari di fare la loro

.........ma andare oltre no ?
Avatar utente
serge
Connesso: No
Messaggi: 6263
Iscritto il: 9 giu 2019, 8:58
Ha Assegnato: 6353 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2230 Mi Piace

Re: Isreale=Hamas,ma non si dira' mai la verita

Messaggio da leggere da serge »

Leno Lazzari ha scritto: 2 dic 2023, 10:44
serge ha scritto: 2 dic 2023, 10:36

Non quanto la tua per il PD.
Angry1
Più giustificata ma tu non puoi sapere.........

E io il PD continuo a metterlo in mezzo come e quanto m'aggrada :mrgreen:
Mai messo in discussione il tuo diritto, al pari del mio.
Bye
P.S. Se lo ritieni, caro amico, delucidami su quanto non poso sapere. Te ne sarò infinitamente grato.
Gli uomini di solito prendono delle cantonate per la loro stolta parzialità, e, perseverando nel loro erroneo giudizio, sono poi costretti a pentirsene dinanzi all'evidenza.(Fedro)
Connesso
Avatar utente
Leno Lazzari
Connesso: Sì
Messaggi: 15935
Iscritto il: 10 giu 2019, 21:36
Località: Fiano Romano (RM)
Ha Assegnato: 9980 Mi Piace
Ha Ricevuto: 3962 Mi Piace

Re: Isreale=Hamas,ma non si dira' mai la verita

Messaggio da leggere da Leno Lazzari »

serge ha scritto: 2 dic 2023, 10:48
Leno Lazzari ha scritto: 2 dic 2023, 10:44

Più giustificata ma tu non puoi sapere.........

E io il PD continuo a metterlo in mezzo come e quanto m'aggrada :mrgreen:
Mai messo in discussione il tuo diritto, al pari del mio.
Bye
P.S. Se lo ritieni, caro amico, delucidami su quanto non poso sapere. Te ne sarò infinitamente grato.
Ho vissuto, tra vai e vieni a e tra Monterotondo e Mentana .
E soprattutto Monterotondo é un feudo a oggi inespugnato
del sinistrume PD sin dal dopo guerra e di casi di mala politica,
frutto di una mancanza totale di alternazione al potere, ne ho
visti diversi e vissuti un paio in prima persona .

Uno di questi casi, che ho già avuto modo di raccontare riguarda
un mio vecchio amico (che non c'é più) che voleva costruire una
veranda vetrata attorno a un portico davanti al suo bar tavola
calda gelateria .
Insomma, dal giorno della presentazione del suo progetto nelle
mani degli addetti dell'ufficio tecnico locale e tra riunioni saltate
e richieste di rinnovi di documenti, mancanza di marche da bollo
e rinnovo di documenti passarono la bellezza di undici anni .

Ma volendo, ma non ora, ne conosco altri di casi, e ben peggiori
per le pesanti implicazioni .

In poche parole parlo di vera e propria mafia solo senza la lupara
o le bombe .
La politica è l’arte d’impedire agli avversari di fare la loro

.........ma andare oltre no ?
Avatar utente
Sayon
Connesso: No
Messaggi: 10718
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3264 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4398 Mi Piace

Re: Isreale=Hamas,ma non si dira' mai la verita

Messaggio da leggere da Sayon »

serge ha scritto: 2 dic 2023, 10:19 Come speso accaduto, gli USA si comportano da ipocriti. A nulla servono raccomandazioni, consigli ,viaggi di esponenti del Governo USA in ISRAELE: se VERAMENTE gli USA vogliono porre fine al massacro della popolazione palestinese da parte del criminale ebraico, minaccino di chiudere i rubinetti economici e militari a Israele. IN caso di mancata cessazione del massacro, li CHIUDINO davvero. Sino ad allora, nulla facendo NEI FATTI, gli USA sono complici dei massacratori israeliani e come tali vanno giudicati a livello internazionale. Assieme, cara Giorgia, a chi sostiene la loro politica.
Angry1 Angry1 Angry1
E qui che ci riveliamo "piccoli,piccoli". Non e' vero che Israele se ne freghi della nostra opinione. Questo lo pensa solo chi appunto si "sente piccolo, piccolo'" ed incapace. Se l' Italia dicesse" Dispiace, ma questo massacro non e' un metodo accettabile per risolvere i problema del terrorismo. L' Italia e' un Paese civile e rigetta la guerra come soluzione ai problemi. Invitiamo gli UN ad intervenire e riportare una giusta pace. Chiediamo anche agli USA to togliere il veto all' intervento delle UN". L' Italia aprirebbe un vespaio. Altre nazioni si unirebbero al coro. Gli USA stessi e senz'altro la EU dovranno scegliere fra antagonizzare i propri popoli, in maggioranza favorevoli ad una soluzione della crisi, o "escludere" l' Italia che comunque dovrebbe mantenere la sua posizione esemplare. I BRIC ci guarderebbero con ammirazione, gli Arabi approverebbe, Cina e Russia ci vedrebbero come "grandie capaci", i Paesi europei in buona parte ci seguirebbero o protesterebbero contro i loro governi, e gli USA (anch'esso in buona parte contrario al massacro) ci rispetterebbe molto di piu'. Da cagnolino diventeremo almeno un bulldog capace di mordere e no solo di guaire e invocare le carezzine. Quanto a Israele, vista la reazione, manderebbero Netayahu e il suo governo nel cestino, come del resto avevano intenzione di fare prima di questa farsa di "guerra".
Avatar utente
serge
Connesso: No
Messaggi: 6263
Iscritto il: 9 giu 2019, 8:58
Ha Assegnato: 6353 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2230 Mi Piace

Re: Isreale=Hamas,ma non si dira' mai la verita

Messaggio da leggere da serge »

Leno Lazzari ha scritto: 2 dic 2023, 11:03
serge ha scritto: 2 dic 2023, 10:48

Mai messo in discussione il tuo diritto, al pari del mio.
Bye
P.S. Se lo ritieni, caro amico, delucidami su quanto non poso sapere. Te ne sarò infinitamente grato.
Ho vissuto, tra vai e vieni a e tra Monterotondo e Mentana .
E soprattutto Monterotondo é un feudo a oggi inespugnato
del sinistrume PD sin dal dopo guerra e di casi di mala politica,
frutto di una mancanza totale di alternazione al potere, ne ho
visti diversi e vissuti un paio in prima persona .

Uno di questi casi, che ho già avuto modo di raccontare riguarda
un mio vecchio amico (che non c'é più) che voleva costruire una
veranda vetrata attorno a un portico davanti al suo bar tavola
calda gelateria .
Insomma, dal giorno della presentazione del suo progetto nelle
mani degli addetti dell'ufficio tecnico locale e tra riunioni saltate
e richieste di rinnovi di documenti, mancanza di marche da bollo
e rinnovo di documenti passarono la bellezza di undici anni .

Ma volendo, ma non ora, ne conosco altri di casi, e ben peggiori
per le pesanti implicazioni .

In poche parole parlo di vera e propria mafia solo senza la lupara
o le bombe .
Va bene, ma esempi del genere te ne potrei portare a iosa, con comportamenti "mafiosi" (sic)da parte di tutti i partiti della mia regione, nessuno escluso.
Ciao
Bye
ciao
Gli uomini di solito prendono delle cantonate per la loro stolta parzialità, e, perseverando nel loro erroneo giudizio, sono poi costretti a pentirsene dinanzi all'evidenza.(Fedro)
Connesso
Avatar utente
Leno Lazzari
Connesso: Sì
Messaggi: 15935
Iscritto il: 10 giu 2019, 21:36
Località: Fiano Romano (RM)
Ha Assegnato: 9980 Mi Piace
Ha Ricevuto: 3962 Mi Piace

Re: Isreale=Hamas,ma non si dira' mai la verita

Messaggio da leggere da Leno Lazzari »

serge ha scritto: 2 dic 2023, 17:17
Leno Lazzari ha scritto: 2 dic 2023, 11:03

Ho vissuto, tra vai e vieni a e tra Monterotondo e Mentana .
E soprattutto Monterotondo é un feudo a oggi inespugnato
del sinistrume PD sin dal dopo guerra e di casi di mala politica,
frutto di una mancanza totale di alternazione al potere, ne ho
visti diversi e vissuti un paio in prima persona .

Uno di questi casi, che ho già avuto modo di raccontare riguarda
un mio vecchio amico (che non c'é più) che voleva costruire una
veranda vetrata attorno a un portico davanti al suo bar tavola
calda gelateria .
Insomma, dal giorno della presentazione del suo progetto nelle
mani degli addetti dell'ufficio tecnico locale e tra riunioni saltate
e richieste di rinnovi di documenti, mancanza di marche da bollo
e rinnovo di documenti passarono la bellezza di undici anni .

Ma volendo, ma non ora, ne conosco altri di casi, e ben peggiori
per le pesanti implicazioni .

In poche parole parlo di vera e propria mafia solo senza la lupara
o le bombe .
Va bene, ma esempi del genere te ne potrei portare a iosa, con comportamenti "mafiosi" (sic)da parte di tutti i partiti della mia regione, nessuno escluso.
Ciao
Bye
ciao
E' così Serge, e l'ho pure scritto in passato . QUALSIASI sia il colore
della bandiera un partito che si "appropria" tramite elezioni o non
di un dato territorio va sempre incontro a problemi di questo tipo .

Quello che non vogliono capire i duri e puri degli zoccoli duri di
TUTTI i colori é che L'alternanza é la nostra unica difesa perché
é il sale della democrazia .

Da noi per larghe fette di elettorato é un concetto astruso ma
negli USA, come anche in Canada e credo in Australia i cittadini,
o meglio, la maggior parte di essi, hanno la tendenza a a votare
l'atro partito se quello votato ha deluso .

Un discorso a parte meriterebbe la confusione in molte persone
generata dal nostro sistema demmerda che costringe alle note
coalizioni .
La politica è l’arte d’impedire agli avversari di fare la loro

.........ma andare oltre no ?
Connesso
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 2463
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 1021 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1347 Mi Piace

Re: Isreale=Hamas,ma non si dira' mai la verita

Messaggio da leggere da Vento »

"hanno la tendenza a a votare l'atro partito se quello votato ha deluso "

E' l'abc, la 'conditio sine qua non' della democrazia. Ma questo non si concilia con l'emotività e faziosità di alcuni popoli, che preferiscono il legame di sudditanza, che li fa sentire protetti, all'atteggiamento indipendente che porta alla scelta diversa. Per questo certi paesi non sono adatti alla democrazia, anche alcuni, che pensano di esserlo, e che invece farebbero meglio a prendere coscienza e governarsi altrimenti.
Amen and Awoman :lol: egalité
Fuck Europe FuckYou by Victoria Nuland
Connesso
Avatar utente
Leno Lazzari
Connesso: Sì
Messaggi: 15935
Iscritto il: 10 giu 2019, 21:36
Località: Fiano Romano (RM)
Ha Assegnato: 9980 Mi Piace
Ha Ricevuto: 3962 Mi Piace

Re: Isreale=Hamas,ma non si dira' mai la verita

Messaggio da leggere da Leno Lazzari »

Vento ha scritto: 2 dic 2023, 18:09 "hanno la tendenza a a votare l'atro partito se quello votato ha deluso "

E' l'abc, la 'conditio sine qua non' della democrazia. Ma questo non si concilia con l'emotività e faziosità di alcuni popoli, che preferiscono il legame di sudditanza, che li fa sentire protetti, all'atteggiamento indipendente che porta alla scelta diversa. Per questo certi paesi non sono adatti alla democrazia, anche alcuni, che pensano di esserlo, e che invece farebbero meglio a prendere coscienza e governarsi altrimenti.
Purtroppo all'italiano con "solida" appartenenza politica
difetta drammaticamente nel campo del pragmatismo .
La politica è l’arte d’impedire agli avversari di fare la loro

.........ma andare oltre no ?
Avatar utente
Sayon
Connesso: No
Messaggi: 10718
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3264 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4398 Mi Piace

Re: Isreale=Hamas,ma non si dira' mai la verita

Messaggio da leggere da Sayon »

HO trovato questo e non so cosa pensare. Alcuni di questi fatti sono accertati e conosciuti, come il fatto che l' esercito israeliano apesse che HAmas aveva intenzione di attaccare quella zona. Ma ci sono altri fatti che fanno rabbrividire e vedere la situazione in altra maniera come il fatto che nessun giornalista ha potuto assistere da vicino a quello che avveniva in Gaza.
Il fatto e' che l' Italia si e' esposta molto in questa faccenda che va smpre piu inoltrandosi in una MACELLERIA di uomini e cose.[/highlight]

Netanyahu ha già perso la sua guerra, solo che non lo sa.Se solo queste cose venissero discusse pubblicamente, sulle nostre TV, probabilmente non saremmo mai arrivati a questo punto. Dal cessate il fuoco al bivio: le scelte strategiche di Israele.In questa interessantissima e appassionata intervista (che vi consiglio di vedere tutta fino alla fine) Scott Ritter ha spiegato tutto quello che c'era da spiegare meglio di qualunque politico o ambasciatore.Siccome per seguirla (non ha sottotitoli per ora) bisogna avere una comprensione assoluta della lingua (Scott è un ex-militare e non parla come nei telegiornali) per chi non capisce bene l'inglese vi riporto le sue considerazioni principali, selezionate, riassunte e riordinate da me.Netanyahu aveva detto; mai una tregua, mai uno scambio di ostaggi. Distruggeremo Hamas e non ci fermeremo fino a che non avremo finito.Alla fine, dopo quasi due mesi di bombardamenti a tappeto su Gaza ha accettato una tregua, chiamandola con un altro nome, ma l'ha dovuta accettare.E lo ha fatto per poter effettuare uno scambio di ostaggi, altra cosa che aveva detto che non avrebbe mai fatto.E chiariamo subito che questa è una vittoria di Hamas.E' una vittoria politica - perchè tutti i paesi arabi che osservano attenti hanno preso nota che i proclami di Israele non sono necessariamente irreversibili - ma anche militare, perchè fin dal prinmo giorno IDF ha ritirato tutte le sue forze da Gaza.E non lo ha fatto perchè fosse stato concordato, ma perchè IDF ha avuto perdite pesanti a Gaza Nord. Hamas non è stata danneggiata dai bombardamenti, solo la gente innocente lo è stata.Le truppe IDF sono state battute da Hamas, hanno lasicato perdite pesanti sul campo, decine di corazzati distrutti, tanti morti.Le truppe di terra sono state ritirate perchè i soldati israeliani hanno cominciato a rifiutarsi di eseguire gli ordini, di affrontare i combattenti di Hamas, di cacciarsi negli agguati che gli erano stati preparati, ad ogni incrocio, ad ogni angolo, dietro ogni porta o finestra.La guerra contro Hamas non può essere vinta. Hamas non è solo una delle 11 organizzazioni similari a Gaza, anche se la principale, ma è principalmente un'idea. L'idea di ribellarsi dopo decenni di chiacchiere vuote e di oppressione feroce da parte israeliana. E le idee non si uccidono.E l'idea ora è che è arrivato il momento di ribellarsi contro Israele. L'idea che IDF non è invincibile. L'idea che il Mossad o lo Shin Bet non sono onniscienti.Israele ora è veramente nei guai. I militari lo sanno e lo hanno detto al governo, ma nessuno li ascolta. Se Netanyahu si ferma ora, se accetta una pausa, lui e tutto il suo governo verranno sfiduciati, e finiranno davanti ad un tribunale per quello che hanno combinato.Perchè l'intelligence israeliana sapeva da tempo che Hamas preparava questa cosa. L'unità speciale Hi-tech che sorvegliava Gaza, composta da donne specializzate nel controllo a distanza, nella sorveglianza coi droni, avevano riferito i loro sospetti. Il loro comando lo aveva riferito ai vertici militari.Il 6 ottobre il governo e i vertici militari e dell'intelligence sapevano.Erano stati avvisati dei movimenti di Hamas, con informazioni inequivocabili, al punto che avevano convocato una riunione speciale ma rimandata poi alla mattina successiva.Tutti sono andati a godersi il giorno di festa e rimandatoogni decisione al domani dicendo "Hamas non farà mai niente di così grosso" e "sono solo esagerazioni femminili".E nel frattempo non un singolo avviso, una telefonata, un singolo allarme, nemmeno una licenza era stata sospesa alle truppe di frontiera a Gaza.La tracotanza militare israeliana è stata tale che si sono fatti battere duramente da Hamas.I combattenti palestinesi hanno assaltato i posti di frontiera, vincendo ogni resistenza delle truppe di frontiera sguarnite dalle licenze.La "Golani Brigade" - la forza di elite israeliana - è stata schiacciata, ha dovuto ritirarsi, ha avuto il 40% delle perdite degli effettivi in servizio nella prima mezz'ora. Le ragazze dell'intelligence militatr Hi-Tech- quelle che avevano per prime segnalato il rischio - sono state sorprese dietro i loro monitor e uccise nelconflitto a fuoco. 20 di loro sono morte perchè anche se chiedevano aiuto per radio dall'altra parte non sono state credute dai comandi, convinti che esagerassero.I superstiti si sono chiusi nel bunker, chiedendo il supporto aereo, e quando è arrivato ha bombardato la caserma con loro dentro, mentre Hamas se ne era già andata dopo aver distrutto tre Merkava e tutti i veicoli all'esterno.E quando finalmente sono arrivati gli elicotteri hanno massacrato i ragazzi che assistevano al Nature Festival nel deserto, di cui Hamas ignorava persino l'esistenza, mitragliando tutto quello che si muoveva e facendo oltre 250 morti.Ma non basta. Il comando IDF è caduto completamente nel panico, e i testimoni hanno riferito che gli ostaggi di Hamas erano al telefono dicendo che i terroristi si volevano arrendere quando sono stati presi a cannonate.Tanti sono morti così, addirittura - ha fatto scandalo - la giovanissima con la madre, sepolta dalla casa colpita intenzionalmente da un carrarmato, anche se erano sole e non c'era nessun terrorista con loro e neppure dai vicini!E' una sfilza di comportamenti da corte marziale, ma che dovrà aspettare la fine delle ostilità per una commissione di inchiesta.Netanyahu è un uomo morto, politicamente: la sua popolarità è scesa al 4%. Gli israeliani gli addossano tutte le responsabilità di questo autentico disatro.Perchè la intelligence - che ora viene ascoltata - ha chiarito a tutti che se Ezbollah decide di intervenire si prenderà tutta la Galilea (il Nord di Israele) e nessuno potrà fermarli. Non i rais aerei sul Libano e certamente non le truppe di terra.Già ora sono stati sfollati 70.000 coloni del nord, e mandati negli alberghi di Haifa e su tutta la costa, con un costo per il governo di miliardi di dollari.Miliardi che Israele, già afflitto da una pesante crisi econmica, non ha e che dovrà chiedere agli Stati Uniti.Stati Uniti che hanno scoperto di essere ostaggio di un congresso in cui Israele si è comprato - letteralmente e alla luce del sole - la maggioranza degli eletti. Pagando loro la campagna elettorale e garantendo i voti delle comunità ebraiche e della rete di interessi che gestiscono, banche e fondi di investimento.Una situazione politica insostenibile, perchè questa gente è stata eletta per curare gli interessi degli Stati Uniti e non quelli di Israele, nota da anni, denunciata da sempre, ma ora arrivata alla resa dei conti.Immaginatevi se ci fossero deputati e senatori che ricevono milioni di dollari dal governo russo o da organizzazioni che a quello si rifanno. Credete che verrebbero lasciati fare? O se li ricevessero dalla Cina?Bisognerebbe prendere questa gente, che letteralmente è qui per fare gli interessi di una potenza straniera, e buttarla fuori dal congresso. E invece se ne stanno lì a fare quello che dice Netanyahu, con la scusa che gli interessi americani coincidono con quelli di Israele. Invece non è così.La diplomazia americana è uscita distrutta da questa storia. Nessuno ci crede più, nessuno ci ascolta più. Anthony Blinken ha ricevuto solo porte in faccia nel suo ultimo viaggio fra Giordania, Egitto, Arabia Saudita e Turchia.Il fatto è che Netanyahu non ha nessuna strategia, nessun progetto per Gaza.Domani finisce la tregua e l'unica opzione è quella di ricominciare a bombardare, a fare vittime civili, rafforzando sempre più Hamas, dove confluiranno tutti quelli in cerca di qualcuno che li aiuti, li difenda o nel caso li vendichi.I metodi nazisti di Israele sono sempre i soliti, prendono ostaggi e li chiamano "prigionieri", torturano, uccidono, rapiscono bambini, hanno perfinio distrutto le case dei prigionieri palestinesi appena liberati, ma ora è davanti agli occhi del mondo.L'ostilità sta crescendo a livelli mai visti e trascina nel vortice anche gli Stati Uniti e Biden (e i democratici) che hanno ormai perso il voto arabo proprio negli stati in bilico, quelli che fanno al differenza per essere eletti o meno, e che vantano corpose comunità di origine araba.Tornare con le truppe dentro Gaza per affrontare corpo a corpo, casa per casa, i combattenti di Hamas, usando soldati non professionisti (come tutti quelli di IDF ad esclusione dei vertici) che nella vita normale fanno i contabili, i programmatori o i commessi, è pura follia.Gli israeliani da sempre sono molto sensibili alle perdite in battaglia, e non sono abituati a sostenerne con questi numeri. Già il primo bilancio di 200 morti a Gaza dall'inizio dell'operazione di terra sembra troppo ottimistico per essere vero, semplicemente contando i veicoli distrutti e disseminati ovunque.D'atronde ora che tutta la popolazione risulta stipata a Gaza Sud, letteralmente uno sopra l'altro, qualunque bombardamento causerà una strage, spingendo ad una escalation, probabilmente proprio a quell'intervento di Ezbollah che l'esercito teme più di ogni altra cosa.Ma per Netanyahu è l'unica strada percorribile per salvarsi.Spingere Ezbollaha ad attaccarlo per poi fare la vittima e chiedere l'intervento americano, contando sulle sue lobby al congresso e sul fatto che alla Casa Bianca chi governa, al momento - visto il degrado mentale di Biden - sono Jacob Sullivan e Antony Blinken.Entrambi ebrei.Comunque vada, lo strapotere straniero nel congresso americano deve finire. E' ora che la politica se ne occupi prima che siano i fatti a farlo per lei.Scott Ritter: From Ceasefire to Crossroads: Decoding Israel's Strategic ChoicesScott Ritter: From Ceasefire to Crossroads: Decoding Israel's Strategic Choiceshttps://www.youtube.com/live/u3ZXzhGO1eo?si=yvlupq_w1ta1ZBJb
Avatar utente
Sayon
Connesso: No
Messaggi: 10718
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3264 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4398 Mi Piace

Re: Isreale=Hamas,ma non si dira' mai la verita

Messaggio da leggere da Sayon »

Sayon ha scritto: 4 dic 2023, 0:36 HO trovato questo e non so cosa pensare. Alcuni di questi fatti sono accertati e conosciuti, come il fatto che l' esercito israeliano apesse che HAmas aveva intenzione di attaccare quella zona. Ma ci sono altri fatti che fanno rabbrividire e vedere la situazione in altra maniera come il fatto che nessun giornalista ha potuto assistere da vicino a quello che avveniva in Gaza.
Il fatto e' che l' Italia si e' esposta molto in questa faccenda che va smpre piu inoltrandosi in una MACELLERIA di uomini e cose.[/highlight]

Netanyahu ha già perso la sua guerra, solo che non lo sa.Se solo queste cose venissero discusse pubblicamente, sulle nostre TV, probabilmente non saremmo mai arrivati a questo punto. Dal cessate il fuoco al bivio: le scelte strategiche di Israele.In questa interessantissima e appassionata intervista (che vi consiglio di vedere tutta fino alla fine) Scott Ritter ha spiegato tutto quello che c'era da spiegare meglio di qualunque politico o ambasciatore.Siccome per seguirla (non ha sottotitoli per ora) bisogna avere una comprensione assoluta della lingua (Scott è un ex-militare e non parla come nei telegiornali) per chi non capisce bene l'inglese vi riporto le sue considerazioni principali, selezionate, riassunte e riordinate da me.Netanyahu aveva detto; mai una tregua, mai uno scambio di ostaggi. Distruggeremo Hamas e non ci fermeremo fino a che non avremo finito.Alla fine, dopo quasi due mesi di bombardamenti a tappeto su Gaza ha accettato una tregua, chiamandola con un altro nome, ma l'ha dovuta accettare.E lo ha fatto per poter effettuare uno scambio di ostaggi, altra cosa che aveva detto che non avrebbe mai fatto.E chiariamo subito che questa è una vittoria di Hamas.E' una vittoria politica - perchè tutti i paesi arabi che osservano attenti hanno preso nota che i proclami di Israele non sono necessariamente irreversibili - ma anche militare, perchè fin dal prinmo giorno IDF ha ritirato tutte le sue forze da Gaza.E non lo ha fatto perchè fosse stato concordato, ma perchè IDF ha avuto perdite pesanti a Gaza Nord. Hamas non è stata danneggiata dai bombardamenti, solo la gente innocente lo è stata.Le truppe IDF sono state battute da Hamas, hanno lasicato perdite pesanti sul campo, decine di corazzati distrutti, tanti morti.Le truppe di terra sono state ritirate perchè i soldati israeliani hanno cominciato a rifiutarsi di eseguire gli ordini, di affrontare i combattenti di Hamas, di cacciarsi negli agguati che gli erano stati preparati, ad ogni incrocio, ad ogni angolo, dietro ogni porta o finestra.La guerra contro Hamas non può essere vinta. Hamas non è solo una delle 11 organizzazioni similari a Gaza, anche se la principale, ma è principalmente un'idea. L'idea di ribellarsi dopo decenni di chiacchiere vuote e di oppressione feroce da parte israeliana. E le idee non si uccidono.E l'idea ora è che è arrivato il momento di ribellarsi contro Israele. L'idea che IDF non è invincibile. L'idea che il Mossad o lo Shin Bet non sono onniscienti.Israele ora è veramente nei guai. I militari lo sanno e lo hanno detto al governo, ma nessuno li ascolta. Se Netanyahu si ferma ora, se accetta una pausa, lui e tutto il suo governo verranno sfiduciati, e finiranno davanti ad un tribunale per quello che hanno combinato.Perchè l'intelligence israeliana sapeva da tempo che Hamas preparava questa cosa. L'unità speciale Hi-tech che sorvegliava Gaza, composta da donne specializzate nel controllo a distanza, nella sorveglianza coi droni, avevano riferito i loro sospetti. Il loro comando lo aveva riferito ai vertici militari.Il 6 ottobre il governo e i vertici militari e dell'intelligence sapevano.Erano stati avvisati dei movimenti di Hamas, con informazioni inequivocabili, al punto che avevano convocato una riunione speciale ma rimandata poi alla mattina successiva.Tutti sono andati a godersi il giorno di festa e rimandatoogni decisione al domani dicendo "Hamas non farà mai niente di così grosso" e "sono solo esagerazioni femminili".E nel frattempo non un singolo avviso, una telefonata, un singolo allarme, nemmeno una licenza era stata sospesa alle truppe di frontiera a Gaza.La tracotanza militare israeliana è stata tale che si sono fatti battere duramente da Hamas.I combattenti palestinesi hanno assaltato i posti di frontiera, vincendo ogni resistenza delle truppe di frontiera sguarnite dalle licenze.La "Golani Brigade" - la forza di elite israeliana - è stata schiacciata, ha dovuto ritirarsi, ha avuto il 40% delle perdite degli effettivi in servizio nella prima mezz'ora. Le ragazze dell'intelligence militatr Hi-Tech- quelle che avevano per prime segnalato il rischio - sono state sorprese dietro i loro monitor e uccise nelconflitto a fuoco. 20 di loro sono morte perchè anche se chiedevano aiuto per radio dall'altra parte non sono state credute dai comandi, convinti che esagerassero.I superstiti si sono chiusi nel bunker, chiedendo il supporto aereo, e quando è arrivato ha bombardato la caserma con loro dentro, mentre Hamas se ne era già andata dopo aver distrutto tre Merkava e tutti i veicoli all'esterno.E quando finalmente sono arrivati gli elicotteri hanno massacrato i ragazzi che assistevano al Nature Festival nel deserto, di cui Hamas ignorava persino l'esistenza, mitragliando tutto quello che si muoveva e facendo oltre 250 morti.Ma non basta. Il comando IDF è caduto completamente nel panico, e i testimoni hanno riferito che gli ostaggi di Hamas erano al telefono dicendo che i terroristi si volevano arrendere quando sono stati presi a cannonate.Tanti sono morti così, addirittura - ha fatto scandalo - la giovanissima con la madre, sepolta dalla casa colpita intenzionalmente da un carrarmato, anche se erano sole e non c'era nessun terrorista con loro e neppure dai vicini!E' una sfilza di comportamenti da corte marziale, ma che dovrà aspettare la fine delle ostilità per una commissione di inchiesta.Netanyahu è un uomo morto, politicamente: la sua popolarità è scesa al 4%. Gli israeliani gli addossano tutte le responsabilità di questo autentico disatro.Perchè la intelligence - che ora viene ascoltata - ha chiarito a tutti che se Ezbollah decide di intervenire si prenderà tutta la Galilea (il Nord di Israele) e nessuno potrà fermarli. Non i rais aerei sul Libano e certamente non le truppe di terra.Già ora sono stati sfollati 70.000 coloni del nord, e mandati negli alberghi di Haifa e su tutta la costa, con un costo per il governo di miliardi di dollari.Miliardi che Israele, già afflitto da una pesante crisi econmica, non ha e che dovrà chiedere agli Stati Uniti.Stati Uniti che hanno scoperto di essere ostaggio di un congresso in cui Israele si è comprato - letteralmente e alla luce del sole - la maggioranza degli eletti. Pagando loro la campagna elettorale e garantendo i voti delle comunità ebraiche e della rete di interessi che gestiscono, banche e fondi di investimento.Una situazione politica insostenibile, perchè questa gente è stata eletta per curare gli interessi degli Stati Uniti e non quelli di Israele, nota da anni, denunciata da sempre, ma ora arrivata alla resa dei conti.Immaginatevi se ci fossero deputati e senatori che ricevono milioni di dollari dal governo russo o da organizzazioni che a quello si rifanno. Credete che verrebbero lasciati fare? O se li ricevessero dalla Cina?Bisognerebbe prendere questa gente, che letteralmente è qui per fare gli interessi di una potenza straniera, e buttarla fuori dal congresso. E invece se ne stanno lì a fare quello che dice Netanyahu, con la scusa che gli interessi americani coincidono con quelli di Israele. Invece non è così.La diplomazia americana è uscita distrutta da questa storia. Nessuno ci crede più, nessuno ci ascolta più. Anthony Blinken ha ricevuto solo porte in faccia nel suo ultimo viaggio fra Giordania, Egitto, Arabia Saudita e Turchia.Il fatto è che Netanyahu non ha nessuna strategia, nessun progetto per Gaza.Domani finisce la tregua e l'unica opzione è quella di ricominciare a bombardare, a fare vittime civili, rafforzando sempre più Hamas, dove confluiranno tutti quelli in cerca di qualcuno che li aiuti, li difenda o nel caso li vendichi.I metodi nazisti di Israele sono sempre i soliti, prendono ostaggi e li chiamano "prigionieri", torturano, uccidono, rapiscono bambini, hanno perfinio distrutto le case dei prigionieri palestinesi appena liberati, ma ora è davanti agli occhi del mondo.L'ostilità sta crescendo a livelli mai visti e trascina nel vortice anche gli Stati Uniti e Biden (e i democratici) che hanno ormai perso il voto arabo proprio negli stati in bilico, quelli che fanno al differenza per essere eletti o meno, e che vantano corpose comunità di origine araba.Tornare con le truppe dentro Gaza per affrontare corpo a corpo, casa per casa, i combattenti di Hamas, usando soldati non professionisti (come tutti quelli di IDF ad esclusione dei vertici) che nella vita normale fanno i contabili, i programmatori o i commessi, è pura follia.Gli israeliani da sempre sono molto sensibili alle perdite in battaglia, e non sono abituati a sostenerne con questi numeri. Già il primo bilancio di 200 morti a Gaza dall'inizio dell'operazione di terra sembra troppo ottimistico per essere vero, semplicemente contando i veicoli distrutti e disseminati ovunque.D'atronde ora che tutta la popolazione risulta stipata a Gaza Sud, letteralmente uno sopra l'altro, qualunque bombardamento causerà una strage, spingendo ad una escalation, probabilmente proprio a quell'intervento di Ezbollah che l'esercito teme più di ogni altra cosa.Ma per Netanyahu è l'unica strada percorribile per salvarsi.Spingere Ezbollaha ad attaccarlo per poi fare la vittima e chiedere l'intervento americano, contando sulle sue lobby al congresso e sul fatto che alla Casa Bianca chi governa, al momento - visto il degrado mentale di Biden - sono Jacob Sullivan e Antony Blinken.Entrambi ebrei.Comunque vada, lo strapotere straniero nel congresso americano deve finire. E' ora che la politica se ne occupi prima che siano i fatti a farlo per lei.Scott Ritter: From Ceasefire to Crossroads: Decoding Israel's Strategic ChoicesScott Ritter: From Ceasefire to Crossroads: Decoding Israel's Strategic Choiceshttps://www.youtube.com/live/u3ZXzhGO1eo?si=yvlupq_w1ta1ZBJb
A proposito: Scott Ritter is a former United Nations Weapons Inspector and US Marine Corps Intelligence Officer with extensive knowledge of Israel War. Scott Rider e' un ex-UN Ispettore di armi e ex- Funzionario della Marina USA con estesa conoscenza sulla guerra in Israele
Avatar utente
Sayon
Connesso: No
Messaggi: 10718
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3264 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4398 Mi Piace

Re: Isreale=Hamas,ma non si dira' mai la verita

Messaggio da leggere da Sayon »

Cercate di NON fregarvene.
Perche' avete un'anima anche voi, e se Israele continua cosi', con l' invasione e la strage di altre decine di migliaia della popolazione di Gaza, vi ASSICURO che questo Paese Canaglia stupidamente aiutato dall' Occidente, ci portera' tutti a una guerra nucleare. La Meloni deve muovere il cu.. e finirla con le frasette tipo "noi siamo con Israele". PERCHE" stiamo con Israele? Cosa sta facendo di tanto onorabile? Fare una strage biblica degna di un popolo di 3000 anni fa?
Le cose sono cambiate, e parlare come la Meloni e' lo stesso che proclamare "noi stiamo con la Germania nazista" prima della seconda guerra mondiale.
Non e' quidi una questione di "real politick" (ragionamento che comunque che fa schifo) ma una questione di umanita'. Ci sono cose che non si possono fare, e che vanno denunciate. L' Italia si sta dimostrando peggiore della stessa Israele dove moltissimi ebrei hanno capito, meglio della Meloni, che Netayahu e' un pericolo per loro e per il mondo, e che fa fermato adesso.
Rispondi