Giorgia Meloni, più influencer che premier

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Avatar utente
ereticamente
Connesso: No
Messaggi: 6187
Iscritto il: 20 ott 2021, 18:03
Ha Assegnato: 763 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1625 Mi Piace
Contatta:

Giorgia Meloni, più influencer che premier

Messaggio da leggere da ereticamente »

https://www.ilriformista.it/giorgia-mel ... er-383850/

Mette empatia nei rapporti internazionali e abilità nel discorso pubblico affidandosi ad una comunicazione di chiaro stampo casaleggiano: non risolve un problema ma si fa vedere sempre vicina. Sulla politica estera non tocca palla. I like arrivano, i rimborsi post-alluvione no

Un anno fa Giorgia Meloni vince le elezioni, ottenendo col solo 26% una maggioranza schiacciante. Chi capisce di politica sa che senza Enrico Letta, la destra non avrebbe mai vinto. Mai. Ma l’autogol del PD del 2022 ormai è cronaca: ci faranno un caso di studio in qualche università francese. Nel frattempo Giorgia si presenta come l’underdog, quella fuori dal giro.
Chi la conosce sa che è una bugia ma le bugie simpatiche sono irresistibili. Altro che underdog: Meloni è una parlamentare alla quinta legislatura, è stata la ministra più giovane della storia con Berlusconi; ha già perso al primo turno le comunali di Roma; è già stata Vicepresidente della Camera grazie a Fini più o meno come accadrà a Di Maio con Beppe Grillo. Meloni si racconta come una che lotta a mani nude contro il sistema quando quel sistema l’ha da sempre beneficiata.

Ma si narra come una outsider e tutti le credono. È come se una magia avesse incantato tutti: oh quanto è brava, coerente, nuova. Lei ci mette empatia nei rapporti internazionali e abilità nel discorso pubblico. Si affida a una comunicazione di chiaro stampo casaleggiano: non risolve un problema ma si fa vedere sempre vicina. E quindi viene via dal G7 lasciando l’Italia senza rappresentante politico quando Biden e Macron incontrano Zelensky: meglio stare con gli stivali in mezzo agli alluvionati. Alluvionati che a distanza di quattro mesi non vedono un euro, se non quelli stanziati da Bonaccini. Ma nel magico mondo dei populisti conta l’immagine, non la sostanza. I like arrivano, i rimborsi no. Un anno dopo la vittoria, Giorgia non ha risolto un solo problema.

Ha aumentato le accise rispetto agli anni di Draghi. Ha pagato la cambiale a Lotito dando i soldi alla Serie A ma non ha rinnovato la 18App. Ha raddoppia gli sbarchi altro che blocco navale. A ogni catastrofe climatica lei non sbaglia un tweet ma non ripristina l’Unità di Missione contro il dissesto. Ha nominato Nordio ma non gli consente di mandare avanti la riforma della giustizia. L’inflazione picchia duro e lei è bravissima a trovare i colpevoli: la guerra, la Lagarde, il Superbonus. E il bello è che su alcune cose ha pure ragione. Ma il suo governo non ha una strategia. Lei che ironizzava sugli 80€ oggi pagherebbe di tasca propria per inventarsi qualcosa di simile sulle tasse. Nel frattempo i suoi alleati Tajani e Salvini se le danno di santa ragione mentre per sistemare il partito lei sceglie la sorella come per tenere a bada il Governo ha bisogno del cognato capodelegazione.
Da ragazzo ero anarchico, adesso mi accorgo che si può essere sovversivi soltanto chiedendo che le leggi dello Stato vengano rispettate da chi ci governa. (Ennio Flaiano)
Avatar utente
Rosanna
Connesso: No
Messaggi: 1383
Iscritto il: 23 gen 2023, 14:34
Ha Assegnato: 1079 Mi Piace
Ha Ricevuto: 857 Mi Piace

Re: Giorgia Meloni, più influencer che premier

Messaggio da leggere da Rosanna »

ereticamente ha scritto: 26 set 2023, 9:31 https://www.ilriformista.it/giorgia-mel ... er-383850/

Mette empatia nei rapporti internazionali e abilità nel discorso pubblico affidandosi ad una comunicazione di chiaro stampo casaleggiano: non risolve un problema ma si fa vedere sempre vicina. Sulla politica estera non tocca palla. I like arrivano, i rimborsi post-alluvione no

Un anno fa Giorgia Meloni vince le elezioni, ottenendo col solo 26% una maggioranza schiacciante. Chi capisce di politica sa che senza Enrico Letta, la destra non avrebbe mai vinto. Mai. Ma l’autogol del PD del 2022 ormai è cronaca: ci faranno un caso di studio in qualche università francese. Nel frattempo Giorgia si presenta come l’underdog, quella fuori dal giro.
Chi la conosce sa che è una bugia ma le bugie simpatiche sono irresistibili. Altro che underdog: Meloni è una parlamentare alla quinta legislatura, è stata la ministra più giovane della storia con Berlusconi; ha già perso al primo turno le comunali di Roma; è già stata Vicepresidente della Camera grazie a Fini più o meno come accadrà a Di Maio con Beppe Grillo. Meloni si racconta come una che lotta a mani nude contro il sistema quando quel sistema l’ha da sempre beneficiata.

Ma si narra come una outsider e tutti le credono. È come se una magia avesse incantato tutti: oh quanto è brava, coerente, nuova. Lei ci mette empatia nei rapporti internazionali e abilità nel discorso pubblico. Si affida a una comunicazione di chiaro stampo casaleggiano: non risolve un problema ma si fa vedere sempre vicina. E quindi viene via dal G7 lasciando l’Italia senza rappresentante politico quando Biden e Macron incontrano Zelensky: meglio stare con gli stivali in mezzo agli alluvionati. Alluvionati che a distanza di quattro mesi non vedono un euro, se non quelli stanziati da Bonaccini. Ma nel magico mondo dei populisti conta l’immagine, non la sostanza. I like arrivano, i rimborsi no. Un anno dopo la vittoria, Giorgia non ha risolto un solo problema.

Ha aumentato le accise rispetto agli anni di Draghi. Ha pagato la cambiale a Lotito dando i soldi alla Serie A ma non ha rinnovato la 18App. Ha raddoppia gli sbarchi altro che blocco navale. A ogni catastrofe climatica lei non sbaglia un tweet ma non ripristina l’Unità di Missione contro il dissesto. Ha nominato Nordio ma non gli consente di mandare avanti la riforma della giustizia. L’inflazione picchia duro e lei è bravissima a trovare i colpevoli: la guerra, la Lagarde, il Superbonus. E il bello è che su alcune cose ha pure ragione. Ma il suo governo non ha una strategia. Lei che ironizzava sugli 80€ oggi pagherebbe di tasca propria per inventarsi qualcosa di simile sulle tasse. Nel frattempo i suoi alleati Tajani e Salvini se le danno di santa ragione mentre per sistemare il partito lei sceglie la sorella come per tenere a bada il Governo ha bisogno del cognato capodelegazione.
È diventata noiosa ...
Io nelle cose che faccio ci metto il cuore, la lealtà, l'intelligenza, la giustizia e il rispetto. Tutto il resto ... non mi interessa.
Connesso
Avatar utente
Leno Lazzari
Connesso: Sì
Messaggi: 18602
Iscritto il: 10 giu 2019, 21:36
Località: Fiano Romano (RM)
Ha Assegnato: 10674 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4394 Mi Piace

Re: Giorgia Meloni, più influencer che premier

Messaggio da leggere da Leno Lazzari »

Il riformista da che ne é direttore Renzi da giornale (che seguivo parecchio)
é diventato strumento politico di Renzi .

Io mi fido molto di più dei giudizi (favorevoli a Gnappetta) di personaggi
di SX che non possono essere accusati di essere cambia-casacca seriali
come Violante, Pasquino, Mieli etc .

.......e sono tutti di segno OPPOSTO .
La politica è l’arte d’impedire agli avversari di fare la loro

.........ma andare oltre no ?
Connesso
Avatar utente
RedWine
Connesso: Sì
Messaggi: 5373
Iscritto il: 9 giu 2019, 14:54
Ha Assegnato: 1200 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2917 Mi Piace

Re: Giorgia Meloni, più influencer che premier

Messaggio da leggere da RedWine »

Leno Lazzari ha scritto: 27 set 2023, 5:44 Il riformista da che ne é direttore Renzi da giornale (che seguivo parecchio)
é diventato strumento politico di Renzi .

Io mi fido molto di più dei giudizi (favorevoli a Gnappetta) di personaggi
di SX che non possono essere accusati di essere cambia-casacca seriali
come Violante, Pasquino, Mieli
etc .

.......e sono tutti di segno OPPOSTO .
ma se personaggi come Violante, Pasquino, Mieli, apprezzano Meloni, non ti viene qualche dubbio che non stia facendo proprio la politica che gli elettori di destra gli chiedevano?
"Non avrete nulla e sarete felici". e se non fossi felice? "non ti preoccupare, ti cureremo"
Davos agenda 2030.
Avatar utente
Gasiot
Connesso: No
Messaggi: 1737
Iscritto il: 7 feb 2021, 10:36
Ha Assegnato: 1341 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1267 Mi Piace

Re: Giorgia Meloni, più influencer che premier

Messaggio da leggere da Gasiot »

.un colpo al cerchio ed uno alla botte si dice dalle mie parti
Se batti solo da una parte come ci si aspetta va finire che te la mettono subito sotto inchiesta giudiziaria
Non importa come e perché... però il passato insegna
Se un uomo è uno stupido, non lo emancipi dalla sua stupidità col mandarlo all'università. Semplicemente lo trasformi in uno stupido addestrato, dieci volte più pericoloso
Desmond Bagley
Connesso
Avatar utente
Leno Lazzari
Connesso: Sì
Messaggi: 18602
Iscritto il: 10 giu 2019, 21:36
Località: Fiano Romano (RM)
Ha Assegnato: 10674 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4394 Mi Piace

Re: Giorgia Meloni, più influencer che premier

Messaggio da leggere da Leno Lazzari »

RedWine ha scritto: 27 set 2023, 7:49
Leno Lazzari ha scritto: 27 set 2023, 5:44 Il riformista da che ne é direttore Renzi da giornale (che seguivo parecchio)
é diventato strumento politico di Renzi .

Io mi fido molto di più dei giudizi (favorevoli a Gnappetta) di personaggi
di SX che non possono essere accusati di essere cambia-casacca seriali
come Violante, Pasquino, Mieli
etc .

.......e sono tutti di segno OPPOSTO .
ma se personaggi come Violante, Pasquino, Mieli, apprezzano Meloni, non ti viene qualche dubbio che non stia facendo proprio la politica che gli elettori di destra gli chiedevano?
Leggili quelli che ho postato, fanno tutti (ma ce n'é anche altri che ora non mi sovvengono)
l'elogio di Gnappetta ma ne criticano anche alcuni aspetti del suo governaree .

Per me una politica che concili aspettative del paese destricolo con le parti sinistrate non
mi dispiace .
La politica è l’arte d’impedire agli avversari di fare la loro

.........ma andare oltre no ?
Avatar utente
ereticamente
Connesso: No
Messaggi: 6187
Iscritto il: 20 ott 2021, 18:03
Ha Assegnato: 763 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1625 Mi Piace
Contatta:

Re: Giorgia Meloni, più influencer che premier

Messaggio da leggere da ereticamente »

la Meloni è la figlia di Draghi, con il vestitino retrò che piace tanto ai conservatori (TROKATI, AFRIKANI KATTIVI, OMINI SESSUALI NON AVRANNO FIGLI)
Ma la genetica è draghiana.
Da ragazzo ero anarchico, adesso mi accorgo che si può essere sovversivi soltanto chiedendo che le leggi dello Stato vengano rispettate da chi ci governa. (Ennio Flaiano)
Avatar utente
ereticamente
Connesso: No
Messaggi: 6187
Iscritto il: 20 ott 2021, 18:03
Ha Assegnato: 763 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1625 Mi Piace
Contatta:

Re: Giorgia Meloni, più influencer che premier

Messaggio da leggere da ereticamente »

https://www.byoblu.com/2023/09/28/un-an ... l-governo/

UN ANNO DI MELONI. COSA HA FATTO (E COSA NO) IL GOVERNO


È trascorso un anno dalle elezioni che hanno premiato la maggioranza di centrodestra. Il governo formato da Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia si è poi insediato un mese dopo, vedendo per la prima volta una donna, Giorgia Meloni, nel ruolo di presidente del Consiglio.

Un anno è soltanto una minima parte di tempo per potere realizzare gli obiettivi prefissati in 5 anni ma è comunque possibile fare un primo bilancio. In appena 12 mesi l’esecutivo ha anche subito un evento rilevante, ovvero la morte del presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi.

L’immigrazione
Sul fronte interno, la questione che tiene maggiormente banco è l’immigrazione. L’obiettivo del programma di governo è quello di contrastare l’immigrazione irregolare favorendo al contempo l’inclusione degli immigrati regolari.

Il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi ha stilato un decreto che vieta alle ONG di effettuare salvataggi multipli e che inasprisce le pene per gli scafisti.

L’esecutivo ha scritto un decreto Flussi che prevede 452.000 ingressi in un triennio per inserire determinate figure lavorative provenienti dall’estero.

Per impedire le partenze, Giorgia Meloni è andata più volte in Africa per stringere degli accordi che coinvolgano anche l’Unione Europea.

Gli arrivi proseguono tuttavia spediti. Al 27 settembre del 2023 gli sbarchi sono 133.131. Quasi il doppio rispetto allo stesso periodo del 2022 e il triplo rispetto al 2021.

Misure sociali
Per quanto riguarda gli aspetti economici e sociali, il ministro del Lavoro Marina Elvira Calderone ha varato un decreto che riduce la platea dei beneficiari del Reddito di cittadinanza.

Non vi è traccia del taglio delle accise sulla benzina più volte promesso, con il caro carburante che non è mai terminato.

Il sostegno alle famiglie e alla natalità è invece in fase di scrittura nella prossima legge di bilancio.

Economia e sanità
Sempre nella manovra dovrebbe trovare posto il taglio del cuneo fiscale, oltre a esserci l’addio al superbonus.

In merito agli extraprofitti delle banche e all’ostruzionismo alle compagnie aeree come Ryanair, il governo ha effettuato una inversione a U dopo i primi richiami di Francoforte e Bruxelles.

Per quanto riguarda la tutela delle aziende, il capitolo viene continuamente rinviato ma, da TIM fino all’ex Ilva, la tutela nazionale annunciata sembra destinata a svanire.

In ambito sanitario, il ministro della Salute Orazio Schillaci si è reso protagonista di ordinanze che imponevano nuovamente le mascherine in ospedale, oltre ad adeguarsi al piano di vaccinale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Politica estera
Per quanto riguarda la politica estera, a dispetto di certe dichiarazioni del passato il governo Meloni sta rispettando quanto annunciato, ovvero “un’Italia parte dell’Europa, dell’Alleanza Atlantica e dell’Occidente”.

Questa posizione ha determinato l’allontanamento dalla Via della Seta senza però andare allo scontro con la Cina, oltre al sostegno senza se e senza ma all’Ucraina.

Per Giorgia Meloni la relazione con gli Stati Uniti è fuori discussione a prescindere da Joe Biden o magari un domani Donald Trump, adeguandosi alle future scelte di Washington e della NATO in merito al conflitto.

Lo stesso si può dire per quanto riguarda l’Unione Europea. È in questo ambito che si pone una questione assai rilevante nel prossimo futuro. Il governo ha rinviato la discussione sul Meccanismo Europeo di Stabilità che tornerà però a emergere prossimamente. Si vedrà dunque se anche in questo caso l’esecutivo seguirà i consigli che arrivano da Bruxelles.
Da ragazzo ero anarchico, adesso mi accorgo che si può essere sovversivi soltanto chiedendo che le leggi dello Stato vengano rispettate da chi ci governa. (Ennio Flaiano)
Avatar utente
serge
Connesso: No
Messaggi: 7032
Iscritto il: 9 giu 2019, 8:58
Ha Assegnato: 6962 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2425 Mi Piace

Re: Giorgia Meloni, più influencer che premier

Messaggio da leggere da serge »

[Leno Lazzari]
Il riformista da che ne é direttore Renzi da giornale (che seguivo parecchio)
é diventato strumento politico di Renzi
.

Bravo,hai scoperto l'acqua calda !
Beer
Il mondo è un posto pericoloso, non a causa di quelli che compiono azioni malvagie ma per quelli che osservano senza fare nulla.(Albert Einstein)
Connesso
Avatar utente
Leno Lazzari
Connesso: Sì
Messaggi: 18602
Iscritto il: 10 giu 2019, 21:36
Località: Fiano Romano (RM)
Ha Assegnato: 10674 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4394 Mi Piace

Re: Giorgia Meloni, più influencer che premier

Messaggio da leggere da Leno Lazzari »

serge ha scritto: 28 set 2023, 16:25 [Leno Lazzari]
Il riformista da che ne é direttore Renzi da giornale (che seguivo parecchio)
é diventato strumento politico di Renzi
.

Bravo,hai scoperto l'acqua calda !
Beer
Ebbene si, e me ne vanto !

Immagine
La politica è l’arte d’impedire agli avversari di fare la loro

.........ma andare oltre no ?
Rispondi