Una domanda ai sempre più imbarazzanti antifascisti

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Avatar utente
porterrockwell
Connesso: No
Messaggi: 3498
Iscritto il: 9 giu 2019, 11:47
Ha Assegnato: 424 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2240 Mi Piace

Una domanda ai sempre più imbarazzanti antifascisti

Messaggio da leggere da porterrockwell »

Supponiamo che domani le elezioni le stravinca la Meloni ( giusto per fare un nome sicuramente fascista per gli imbarazzanti ). Il seguito elettorale è tale che sorge un governo di vera destra fascista ed ecco la domanda che faccio agli imbarazzanti: " Quale governo a livello mondiale lo appoggerebbe ? Quale stato lo supporterebbe economicamente?" . Sarei veramente curioso di saperlo
Scorra come acqua il diritto e la giustizia come un torrente perenne. Amos 5,24
Avatar utente
Naigop
Connesso: No
Messaggi: 75
Iscritto il: 11 ago 2022, 16:58
Ha Assegnato: 49 Mi Piace
Ha Ricevuto: 32 Mi Piace

Re: Una domanda ai sempre più imbarazzanti antifascisti

Messaggio da leggere da Naigop »

porterrockwell ha scritto: 6 ago 2022, 10:17 Supponiamo che domani le elezioni le stravinca la Meloni ( giusto per fare un nome sicuramente fascista per gli imbarazzanti ). Il seguito elettorale è tale che sorge un governo di vera destra fascista ed ecco la domanda che faccio agli imbarazzanti: " Quale governo a livello mondiale lo appoggerebbe ? Quale stato lo supporterebbe economicamente?" . Sarei veramente curioso di saperlo
Domande molto interessanti.
Connesso
Avatar utente
Sayon
Connesso: Sì
Messaggi: 10402
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3153 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4258 Mi Piace

Re: Una domanda ai sempre più imbarazzanti antifascisti

Messaggio da leggere da Sayon »

Naigop ha scritto: 13 ago 2022, 7:26
porterrockwell ha scritto: 6 ago 2022, 10:17 Supponiamo che domani le elezioni le stravinca la Meloni ( giusto per fare un nome sicuramente fascista per gli imbarazzanti ). Il seguito elettorale è tale che sorge un governo di vera destra fascista ed ecco la domanda che faccio agli imbarazzanti: " Quale governo a livello mondiale lo appoggerebbe ? Quale stato lo supporterebbe economicamente?" . Sarei veramente curioso di saperlo
Domande molto interessanti.
Domanda assurda. FdI non e' il partito fascista e non avrebbe ALCUNA POSSIBILITA di ricreare il fascismo Per farlo l'unico sistema sarebbe quello di usare i generali. IL fascismo esiste solo perche ne parlano i Piddini.
Avatar utente
Naigop
Connesso: No
Messaggi: 75
Iscritto il: 11 ago 2022, 16:58
Ha Assegnato: 49 Mi Piace
Ha Ricevuto: 32 Mi Piace

Re: Una domanda ai sempre più imbarazzanti antifascisti

Messaggio da leggere da Naigop »

Sayon ha scritto: 13 ago 2022, 19:48
Naigop ha scritto: 13 ago 2022, 7:26
Domande molto interessanti.
Domanda assurda. FdI non e' il partito fascista e non avrebbe ALCUNA POSSIBILITA di ricreare il fascismo Per farlo l'unico sistema sarebbe quello di usare i generali. IL fascismo esiste solo perche ne parlano i Piddini.
Voi la fate troppo semplice.....
Io invece ho paura della deriva fassista.
A me la Meloni fa paura e non capisco perché i nostri eroi antifascisti del PD, si siano accorti solo in questi giorni, del grande pericolo per la democrazia che sta correndo l' Italia, nel caso la Meloni vincesse le elezioni.
Connesso
Avatar utente
RedWine
Connesso: Sì
Messaggi: 4270
Iscritto il: 9 giu 2019, 14:54
Ha Assegnato: 1051 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2493 Mi Piace

Re: Una domanda ai sempre più imbarazzanti antifascisti

Messaggio da leggere da RedWine »

Naigop ha scritto: 13 ago 2022, 22:37
Sayon ha scritto: 13 ago 2022, 19:48

Domanda assurda. FdI non e' il partito fascista e non avrebbe ALCUNA POSSIBILITA di ricreare il fascismo Per farlo l'unico sistema sarebbe quello di usare i generali. IL fascismo esiste solo perche ne parlano i Piddini.
Voi la fate troppo semplice.....
Io invece ho paura della deriva fassista.
A me la Meloni fa paura e non capisco perché i nostri eroi antifascisti del PD, si siano accorti solo in questi giorni, del grande pericolo per la democrazia che sta correndo l' Italia, nel caso la Meloni vincesse le elezioni.
cosa CONCRETAMENTE intendi per "deriva fascista"?

copio e incollo un intervento di M. Brandi.

IL PATENTINO MORALE
Ogni volta che si avvicinano le elezioni, il Partito Democratico apre l'ufficio che elargisce il "patentino morale". Si tratta di un foglio di carta invisibile con il bollino del Nazareno in calce. Questo documento funziona come il Green Pass: è un ricatto che ti offre una libertà coatta e temporanea, da rinnovare ogni volta. Nello specifico, la libertà sta nel non essere etichettati come fascisti, razzisti, omofobi, intolleranti, ignoranti o populisti.

Cosa serve per ottenere il patentino morale? Semplice. Bisogna sposare in pieno, completamente, fanaticamente e senza indugi ogni presa di posizione che piace al PD. Dall'europeismo alle isterie politicamente corrette, dall'immigrazione al paradigma economico, fino ai temi ambientali ed etici. La devi pensare come il PD, punto e basta. Contrariamente, verrai assalito da legioni di pennivendoli, opinionisti, influencer e "artisti" che ti ricopriranno di insulti, accusandoti di essere il male incarnato.

Alcuni, spaventati da questa prospettiva, si affannano per aggiudicarsi il patentino. In realtà, esattamente come l'infame certificato verde, si tratta di una fregatura: si viene comunque infangati, ma con l'umiliazione di essere passati sotto le forche caudine dell'egemonia culturale piddina. Avendone quindi riconosciuto l'inesistente superiorità morale.

A destra ci cascano, a sinistra ci campano.

Matteo Brandi
"Non avrete nulla e sarete felici". e se non fossi felice? "non ti preoccupare, ti cureremo"
Davos agenda 2030.
Connesso
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 2309
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 951 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1276 Mi Piace

Re: Una domanda ai sempre più imbarazzanti antifascisti

Messaggio da leggere da Vento »

«I “valori occidentali” … – scrive l’ottimo Francesco Borgonovo su La Verità del 13 agosto – non sono più quelli della tradizione europea, ma quelli che costituiscono la dottrina “liberal”, la quale non conosce né limiti né confini, disdegna le identità forti e punta alla cancellazione totale del dissenso. La sinistra italiana, negli ultimi decenni, ha provveduto autonomamente alla castrazione, e si è perfettamente adeguata ai dogmi emersi dalla “fine della Storia”. Non è stato, in fondo, un percorso troppo difficile, anche perché il pensiero progressista è uno dei principali pilastri dell’edificio liberal. Subito dopo è toccato ai liberali (o sedicenti tali), anch’essi aiutati nel processo di auto-annientamento dalla fede cieca nel mercato. Adesso siamo alla fase conclusiva dell’operazione, ed è venuto il turno dei conservatori, cioè di coloro che finora hanno faticato di più a sottomettersi perché ancora legati a un passato robusto».

La Meloni, invece di rifugiarsi in inutili difese anagrafiche, avrebbe tutta la possibilità, se conoscesse seriamente certi argomenti storici, di replicare, a coloro che chiedono abiure, che esiste una sostanziale continuità tra l’esperienza corporativista degli anni ’30 – apprezzata all’epoca dalla migliore intellighenzia internazionale, in primis da Roosevelt che inviava i suoi tecnici a studiare in Italia – e la vigente Costituzione repubblicana: dall’articolo 1 (il fondamento laburista dello Stato) all’articolo 39 (la rappresentanza unitaria dei sindacati e l’efficacia erga omnes dei contratti collettivi stipulati dalle rappresentanze sindacali unitarie), dall’articolo 2 (il riconoscimento del singolo nelle formazioni sociali) all’articolo 46 (la partecipazione dei lavoratori alla gestione ed agli utili dell’azienda), fino all’articolo 99 (il CNEL che è una democratizzazione della camera dei fasci e delle corporazioni).

https://www.maurizioblondet.it/la-subal ... i-mercati/
Amen and Awoman :lol: egalité

Fuck Europe FuckYou by Victoria Nuland
Avatar utente
porterrockwell
Connesso: No
Messaggi: 3498
Iscritto il: 9 giu 2019, 11:47
Ha Assegnato: 424 Mi Piace
Ha Ricevuto: 2240 Mi Piace

Re: Una domanda ai sempre più imbarazzanti antifascisti

Messaggio da leggere da porterrockwell »

Vento ha scritto: 13 ago 2022, 23:28 «I “valori occidentali” … – scrive l’ottimo Francesco Borgonovo su La Verità del 13 agosto – non sono più quelli della tradizione europea, ma quelli che costituiscono la dottrina “liberal”, la quale non conosce né limiti né confini, disdegna le identità forti e punta alla cancellazione totale del dissenso. La sinistra italiana, negli ultimi decenni, ha provveduto autonomamente alla castrazione, e si è perfettamente adeguata ai dogmi emersi dalla “fine della Storia”. Non è stato, in fondo, un percorso troppo difficile, anche perché il pensiero progressista è uno dei principali pilastri dell’edificio liberal. Subito dopo è toccato ai liberali (o sedicenti tali), anch’essi aiutati nel processo di auto-annientamento dalla fede cieca nel mercato. Adesso siamo alla fase conclusiva dell’operazione, ed è venuto il turno dei conservatori, cioè di coloro che finora hanno faticato di più a sottomettersi perché ancora legati a un passato robusto».

La Meloni, invece di rifugiarsi in inutili difese anagrafiche, avrebbe tutta la possibilità, se conoscesse seriamente certi argomenti storici, di replicare, a coloro che chiedono abiure, che esiste una sostanziale continuità tra l’esperienza corporativista degli anni ’30 – apprezzata all’epoca dalla migliore intellighenzia internazionale, in primis da Roosevelt che inviava i suoi tecnici a studiare in Italia – e la vigente Costituzione repubblicana: dall’articolo 1 (il fondamento laburista dello Stato) all’articolo 39 (la rappresentanza unitaria dei sindacati e l’efficacia erga omnes dei contratti collettivi stipulati dalle rappresentanze sindacali unitarie), dall’articolo 2 (il riconoscimento del singolo nelle formazioni sociali) all’articolo 46 (la partecipazione dei lavoratori alla gestione ed agli utili dell’azienda), fino all’articolo 99 (il CNEL che è una democratizzazione della camera dei fasci e delle corporazioni).

https://www.maurizioblondet.it/la-subal ... i-mercati/
Posso grosso modo condividere, ma la ratio del mio post era di far notare a chi agita lo spauracchio fascista che un regime fascista oggi non potrebbe reggere senza opportuni appoggi internazionali. E questi appoggi potrebbero concretamente provenire solo da UE , USA, Russia e Cina . In sostanza non avrebbe appoggi.
E allora gridare "al lupo al lupo" per linsorgente fascismo è solo unan sporca manovra elitista-globalista.
Scorra come acqua il diritto e la giustizia come un torrente perenne. Amos 5,24
Avatar utente
Gasiot
Connesso: No
Messaggi: 1378
Iscritto il: 7 feb 2021, 10:36
Ha Assegnato: 1052 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1073 Mi Piace

Re: Una domanda ai sempre più imbarazzanti antifascisti

Messaggio da leggere da Gasiot »

Domanda ingenua per gli antifascisti
Ma sono più pericolosi i fascisti o i nazisti?
Chiedo perché mi pare che qui a sinistra si abbia più paura del fascismo che del nazismo
E lo chiedo perché gli antifascisti nostrani appoggiano il nazista ucraino
Se un uomo è uno stupido, non lo emancipi dalla sua stupidità col mandarlo all'università. Semplicemente lo trasformi in uno stupido addestrato, dieci volte più pericoloso
Desmond Bagley
Connesso
Avatar utente
Sayon
Connesso: Sì
Messaggi: 10402
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
Ha Assegnato: 3153 Mi Piace
Ha Ricevuto: 4258 Mi Piace

Re: Una domanda ai sempre più imbarazzanti antifascisti

Messaggio da leggere da Sayon »

Gasiot ha scritto: 14 ago 2022, 12:37 Domanda ingenua per gli antifascisti
Ma sono più pericolosi i fascisti o i nazisti?
Chiedo perché mi pare che qui a sinistra si abbia più paura del fascismo che del nazismo
E lo chiedo perché gli antifascisti nostrani appoggiano il nazista ucraino
Essendo una FINTA paura, occorre ridergli in faccia e dichiarare il "bluff" e forse ripeterr il mio mantra in pubblico, RAI e TV: " Se il PD parla ancora di fascismo, vuol dire che e' arrivato alla frutta e non ha piu nulla da dire" . E soprattutto i politici di FI e Lega dovrebbero prenderla a ridere pubblicamente. Letta ha bisogno di essere messo in un angolo e ridicolizzato proprioperche se lo merita. Parlare di fascismo nel 2022 e' solo un pretesto pe chi non ha programmi e sta perdendo il suo elettorato.
Connesso
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 2309
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 951 Mi Piace
Ha Ricevuto: 1276 Mi Piace

Re: Una domanda ai sempre più imbarazzanti antifascisti

Messaggio da leggere da Vento »

Giusto, è solo un bluff e se rispondiamo vuol dire che ci crediamo. Sono maestri di propaganda e parlano alla loro gente, che non sa neanche cosa sia la storia. Al massimo credono che il comunismo, che fingono di aver dimenticato, sia nato par cacciare il nazionalsocialismo (fascismo e nazismo), mentre è vero esattamente il contrario. Basta vedere che è nato prima. Marx con la sua lotta di classe ha introdotto la violenza nella politica ed iniziato la stagione delle rivoluzioni comuniste, specie in Germania, dove sono arrivati alla costituzione della repubblica comunista di Baviera. Hitler e la risposta nazionalsocialista erano il minimo che poteva arrivare. Poi i farabutti hanno cancellato la storia con la loro propaganda.
Amen and Awoman :lol: egalité

Fuck Europe FuckYou by Victoria Nuland
Rispondi