Schiavi della Pubblicità?

Forum rivolto alla Società e alle Politiche Sociali
Avatar utente
heyoka
Senatore
Messaggi: 4719
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
1
Has thanked: 1482 times
Ti Piace: 666 times

Re: Schiavi della Pubblicità?

Messaggio da leggere da heyoka »

Come vedi e come in qualunque professione, dipende dalle persone usare le proprie conoscenze in modo utile per gli altri, oppure farlo male.
La prima citazione che trovi nella mia firma, in calce ai messaggi, capeggiava a grandi lettere nell'atrio del collegio dove ho fatto il liceo (che era dedicato a M.L.King). Seppur proveniente da altro contesto (estrapolata da un discorso dello stesso King), credo sia perfetta in una scuola!
Ho cercato di far mia tale massima e di applicarla ogni giorno. Smiling
Sono certo che la tua indubbia intelligenza, ha ben compreso che le mie provocazioni non sono mai moraliste e censorie, verso chicchessia ( anche fosse Stalin o Hitler).
Tu citi M. King mentre io sono innamorato di Qohelet!
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Avatar utente
Shamash
Deputato
Messaggi: 909
Iscritto il: 9 giu 2019, 16:37
1
Has thanked: 134 times
Ti Piace: 383 times

Re: Schiavi della Pubblicità?

Messaggio da leggere da Shamash »

Holubice ha scritto: 7 feb 2021, 12:01 Poi è il professor Monti che è uno $tron$o, al soldo dei poteri forti, con il preciso piano di farci affamare...
[...]
Tutto vero, ma è pacifico che Monti sia stato il peggiore, aumentando il debito pubblico più di ogni altro (e, a mio avviso, in qualità di professore di economia ciò è ancor più grave).
Perché o una persona è incompetente, o è in malafede. Visto che si occupa di economia e mica è uno stupido qualunque, il cerchio si restringe. Chissà. :roll:
Poi, ovviamente, la questione è assai più complessa e affonda le radici in periodi storici ben più lontani ed egli stesso si è trovato a seguito di una situazione decisamente poco sana lasciata dall'ultimo governo Berlusconi.
Fonte: https://www.ilsole24ore.com/art/debito- ... a-AEMRbSRG
«Siate il meglio di qualunque cosa siate» [Martin Luther King]
«Dove regna la saggezza, non vi è alcun conflitto tra pensiero e sentimento» [Carl Gustav Jung]
Avatar utente
Shamash
Deputato
Messaggi: 909
Iscritto il: 9 giu 2019, 16:37
1
Has thanked: 134 times
Ti Piace: 383 times

Re: Schiavi della Pubblicità?

Messaggio da leggere da Shamash »

Holubice ha scritto: 7 feb 2021, 12:03 Ma si parlava di Pubblicità, giusto...?
Shamamash, la sa quella di quel cieco che s'era seduto ad elemosinare il 21 marzo, in una splendita giornata di sole...?
Oh santo cielo... :grin:
«Siate il meglio di qualunque cosa siate» [Martin Luther King]
«Dove regna la saggezza, non vi è alcun conflitto tra pensiero e sentimento» [Carl Gustav Jung]
Avatar utente
Holubice
Deputato
Messaggi: 809
Iscritto il: 9 apr 2020, 14:11
Ti Piace: 109 times

Re: Schiavi della Pubblicità?

Messaggio da leggere da Holubice »

Shamash ha scritto: 7 feb 2021, 12:12
Holubice ha scritto: 7 feb 2021, 12:03 Ma si parlava di Pubblicità, giusto...?
Shamamash, la sa quella di quel cieco che s'era seduto ad elemosinare il 21 marzo, in una splendita giornata di sole...?
Oh santo cielo... :grin:
Il Cielo, oltre che Santo, era sereno... Ok, lo prendo come un 'non la conosco'...


In una bella giornata di sole, il 21 di Marzo, nel centro di New York, un signore tutto incravattato esce da un grattacielo per andare a bere un caffè nel bar all'angolo. E' una persona felice e appagata, ancora di più per l'aria tersa che pervate tutto quanto.

Svoltato l'angolo, si imbatte in un mendicante, con il suo cane, il suo bastone, il suo cartello con su scritto "Sono cieco" e il suo bicchiere per le offerte. Fa per cercare degli spicci poi, all'immprovviso, si ferma a guardare il cartoncino. Si china, prende il cartone, lo gira sul lato di sotto (ovvero quello in bianco) e ci si mette a scrivere con un grosso pennarello. Appena fatto, rideposita il cartello dal nuovo lato, davanti ai piedi del mendicante, senza che questi si sia accorto di nulla. E se ne va.

Dopo qualche minuto il cieco sente qualcuno gettare del denaro nel bicchiere, e dice grazie. Non passa un altro minuto che altri due passanti si fermano, e buttano diverse monete. Un minuto dopo danno l'obolo, insieme, altri tre. E così via, per tutta la mattinata. Che cosa c'era scritto ora sul quel cartello?















.














.














.














.
















.










.









"Oggi è il primo giorno di Primavera di una splendida giornata di Sole. Ma io, tutto questo, non posso sapere che cos'è..."






P.S.
Era un tuo (molto bravo) collega... ;)
"Ricordatevi sempre che nel nostro Parlamento siedono i nostri rappresentanti. E che ci rappresentano benissimo"
(Indro Montanelli)
Avatar utente
Shamash
Deputato
Messaggi: 909
Iscritto il: 9 giu 2019, 16:37
1
Has thanked: 134 times
Ti Piace: 383 times

Re: Schiavi della Pubblicità?

Messaggio da leggere da Shamash »

Holubice ha scritto: 7 feb 2021, 14:06 "Oggi è il primo giorno di Primavera di una splendida giornata di Sole. Ma io, tutto questo, non posso sapere che cos'è..."
Vedi? Dimostra che dire le cose in un modo differente (e corretto) si ottiene lo scopo.
Un esempio sono gli spot che ritraggono i bambini africani che soffrono, muoiono per malattie e denutrizione e si chiede una donazione per cercare di salvarli. Mostrare in continuazione sofferenza e lacrime, non aiuta. Qualche anno fa è uscito uno spot, completamente diverso dal solito. In pratica hanno dato una telecamera ad una ragazzina di 12/13 anni che ha girato il video-spot da sola, in prima persona, dove descriveva con tantissima gioia ed energia come viveva, dove, la sua famiglia, la scuola, gli amici, tutte le sue attività, i desideri e i sogni futuri. Lo spot faceva intuire che grazie alle donazioni che arrivavano periodicamente, poteva avere una nuova scuola e, nonostante vivesse in un contesto assai povero, era il ritratto della felicità.

Non c'è bisogno di dire che tale spot ebbe un successo senza pari rispetto agli altri tutti lacrime e morte. Smiling
«Siate il meglio di qualunque cosa siate» [Martin Luther King]
«Dove regna la saggezza, non vi è alcun conflitto tra pensiero e sentimento» [Carl Gustav Jung]
Rispondi