Chi sarà il prossimo a perdere il lavoro per la troppa Innovazione...?

Forum dedicato all'economia italiana e internazionale
Avatar utente
Holubice
Deputato
Messaggi: 819
Iscritto il: 9 apr 2020, 14:11
Ti Piace: 113 times

Chi sarà il prossimo a perdere il lavoro per la troppa Innovazione...?

Messaggio da leggere da Holubice »

Argomento troppo sottaciuto, anche se sotto gli occhi di tutti...


How Technology Is Destroying Jobs

Immagine

"Automation is reducing the need for people in many jobs. Are we facing a future of stagnant income and worsening inequality?

Given his calm and reasoned academic demeanor, it is easy to miss just how provocative Erik Brynjolfsson’s contention really is. ­Brynjolfsson, a professor at the MIT Sloan School of Management, and his collaborator and coauthor Andrew McAfee have been arguing for the last year and a half that impressive advances in computer technology—from improved industrial robotics to automated translation services—are largely behind the sluggish employment growth of the last 10 to 15 years. Even more ominous for workers, the MIT academics foresee dismal prospects for many types of jobs as these powerful new technologies are increasingly adopted not only in manufacturing, clerical, and retail work but in professions such as law, financial services, education, and medicine.

That robots, automation, and software can replace people might seem obvious to anyone who’s worked in automotive manufacturing or as a travel agent. But Brynjolfsson and McAfee’s claim is more troubling and controversial. They believe that rapid technological change has been destroying jobs faster than it is creating them, contributing to the stagnation of median income and the growth of inequality in the United States. And, they suspect, something similar is happening in other technologically advanced countries.

Perhaps the most damning piece of evidence, according to Brynjolfsson, is a chart that only an economist could love. In economics, productivity—the amount of economic value created for a given unit of input, such as an hour of labor—is a crucial indicator of growth and wealth creation. It is a measure of progress. On the chart Brynjolfsson likes to show, separate lines represent productivity and total employment in the United States. For years after World War II, the two lines closely tracked each other, with increases in jobs corresponding to increases in productivity. The pattern is clear: as businesses generated more value from their workers, the country as a whole became richer, which fueled more economic activity and created even more jobs. Then, beginning in 2000, the lines diverge; productivity continues to rise robustly, but employment suddenly wilts. By 2011, a significant gap appears between the two lines, showing economic growth with no parallel increase in job creation. Brynjolfsson and McAfee call it the “great decoupling.” And Brynjolfsson says he is confident that technology is behind both the healthy growth in productivity and the weak growth in jobs... (CONTINUA NEL LINK)




Anche qui, metto una traduzione automatica, ad uso e consumo dei fumatori in bagno durante le ore di inglese:
Spoiler:

Dato il suo atteggiamento accademico calmo e ragionato, è facile non notare quanto sia provocatoria la tesi di Erik Brynjolfsson. Brynjolfsson, professore presso la MIT Sloan School of Management, e il suo collaboratore e coautore Andrew McAfee hanno sostenuto per l'ultimo anno e mezzo che i progressi impressionanti nella tecnologia informatica, dalla robotica industriale migliorata ai servizi di traduzione automatizzata, sono in gran parte dietro la lentezza crescita dell'occupazione negli ultimi 10-15 anni. Ancora più inquietanti per i lavoratori, gli accademici del MIT prevedono prospettive tristi per molti tipi di lavoro poiché queste nuove potenti tecnologie sono sempre più adottate non solo nel lavoro manifatturiero, d'ufficio e al dettaglio, ma in professioni come legge, servizi finanziari, istruzione e medicina.

Che robot, automazione e software possano sostituire le persone potrebbe sembrare ovvio a chiunque abbia lavorato nella produzione automobilistica o come agente di viaggio. Ma l'affermazione di Brynjolfsson e McAfee è più preoccupante e controversa. Credono che il rapido cambiamento tecnologico abbia distrutto i posti di lavoro più velocemente di quanto non li stia creando, contribuendo alla stagnazione del reddito medio e alla crescita della disuguaglianza negli Stati Uniti. E, sospettano, qualcosa di simile sta accadendo in altri paesi tecnologicamente avanzati.

Forse la prova più schiacciante, secondo Brynjolfsson, è un grafico che solo un economista potrebbe amare. In economia, la produttività - la quantità di valore economico creato per una data unità di input, come un'ora di lavoro - è un indicatore cruciale della crescita e della creazione di ricchezza. È una misura del progresso. Sul grafico che Brynjolfsson ama mostrare, linee separate rappresentano la produttività e l'occupazione totale negli Stati Uniti. Per anni dopo la seconda guerra mondiale, le due linee si sono strettamente seguite, con aumenti di posti di lavoro corrispondenti ad aumenti di produttività. Il modello è chiaro: poiché le imprese hanno generato più valore dai loro lavoratori, il paese nel suo insieme è diventato più ricco, il che ha alimentato una maggiore attività economica e creato ancora più posti di lavoro. Poi, a partire dal 2000, le linee divergono; la produttività continua ad aumentare in modo consistente, ma l'occupazione improvvisamente diminuisce. Entro il 2011, appare un divario significativo tra le due linee, mostrando una crescita economica senza un aumento parallelo della creazione di posti di lavoro. Brynjolfsson e McAfee lo chiamano il "grande disaccoppiamento". E Brynjolfsson afferma di essere fiducioso che la tecnologia sia alla base sia della sana crescita della produttività che della debole crescita dei posti di lavoro.

È un'affermazione sorprendente perché minaccia la fede che molti economisti ripongono nel progresso tecnologico. Brynjolfsson e McAfee credono ancora che la tecnologia aumenti la produttività e renda le società più ricche, ma pensano che possa anche avere un lato oscuro: il progresso tecnologico sta eliminando la necessità di molti tipi di lavoro e lasciando il lavoratore tipico in condizioni peggiori di prima. Brynjolfsson può indicare un secondo grafico che indica che il reddito mediano non riesce ad aumentare anche se il prodotto interno lordo aumenta. "È il grande paradosso della nostra era", dice. “La produttività è a livelli record, l'innovazione non è mai stata così veloce e, allo stesso tempo, abbiamo un reddito medio in calo e abbiamo meno posti di lavoro. Le persone restano indietro perché la tecnologia sta avanzando così velocemente e le nostre capacità e organizzazioni non stanno al passo ".

Brynjolfsson e McAfee non sono luddisti. In effetti, a volte vengono accusati di essere troppo ottimisti sulla portata e sulla velocità dei recenti progressi digitali. Brynjolfsson dice di aver iniziato a scrivere Race Against the Machine, il libro del 2011 in cui hanno esposto gran parte delle loro argomentazioni, perché volevano spiegare i vantaggi economici di queste nuove tecnologie (Brynjolfsson ha trascorso gran parte degli anni '90 a fiutare le prove che la tecnologia dell'informazione stava aumentando tassi di produttività). Ma è diventato chiaro per loro che le stesse tecnologie che rendevano molti lavori più sicuri, più facili e più produttivi stavano anche riducendo la domanda di molti tipi di lavoratori umani.

Ovviamente, prove aneddotiche che le tecnologie digitali minacciano i posti di lavoro sono ovunque. I robot e l'automazione avanzata sono comuni da decenni in molti tipi di produzione. Negli Stati Uniti e in Cina, le potenze manifatturiere mondiali, oggi nel settore della produzione lavorano meno persone rispetto al 1997, grazie almeno in parte all'automazione. I moderni stabilimenti automobilistici, molti dei quali sono stati trasformati dalla robotica industriale negli anni '80, utilizzano abitualmente macchine che saldano e dipingono autonomamente parti del corpo, attività che una volta erano gestite dagli esseri umani. Più recentemente, robot industriali come Baxter di Rethink Robotics (vedi "The Blue-Collar Robot", maggio / giugno 2013), più flessibili e molto più economici dei loro predecessori, sono stati introdotti per eseguire lavori semplici per piccoli produttori in una varietà di settori . Il sito web di una startup della Silicon Valley chiamata Industrial Perception presenta un video del robot che ha progettato per l'uso nei magazzini che raccoglie e lancia scatole come un elefante annoiato. E sensazioni come il drUn'auto immacolata suggerisce ciò che l'automazione potrebbe essere in grado di realizzare presto un giorno.

Un cambiamento meno radicale, ma con un impatto potenzialmente molto maggiore sull'occupazione, si sta verificando nel lavoro d'ufficio e nei servizi professionali. Tecnologie come il Web, l'intelligenza artificiale, i big data e l'analisi migliorata, il tutto reso possibile dalla disponibilità sempre crescente di potenza di elaborazione e capacità di archiviazione a basso costo, stanno automatizzando molte attività di routine. Innumerevoli lavori tradizionali da colletto bianco, come molti negli uffici postali e nel servizio clienti, sono scomparsi. W. Brian Arthur, ricercatore in visita presso il laboratorio di sistemi di intelligenza dello Xerox Palo Alto Research Center ed ex professore di economia alla Stanford University, la chiama "economia autonoma". È molto più sottile dell'idea che robot e automazione facciano lavori umani, dice: coinvolge "processi digitali che dialogano con altri processi digitali e creano nuovi processi", permettendoci di fare molte cose con meno persone e rendendo ancora obsoleti altri lavori umani .

È questo assalto dei processi digitali, afferma Arthur, che spiega principalmente come la produttività sia cresciuta senza un aumento significativo del lavoro umano. E, dice, "le versioni digitali dell'intelligenza umana" stanno sostituendo sempre più anche quei lavori che una volta si pensava richiedessero persone. "Cambierà ogni professione in modi che abbiamo appena visto", avverte.

McAfee, direttore associato del MIT Center for Digital Business presso la Sloan School of Management, parla rapidamente e con un certo timore reverenziale mentre descrive progressi come l'auto senza conducente di Google. Tuttavia, nonostante il suo evidente entusiasmo per le tecnologie, non vede tornare i lavori recentemente scomparsi. La pressione sull'occupazione e la conseguente disuguaglianza non potranno che peggiorare, suggerisce, man mano che le tecnologie digitali, alimentate con "sufficiente potenza di calcolo, dati e smanettoni", continueranno i loro progressi esponenziali nei prossimi decenni. "Vorrei sbagliarmi", dice, "ma quando tutte queste tecnologie di fantascienza saranno utilizzate, per cosa avremo bisogno di tutte le persone?"

New Economy?

Ma queste nuove tecnologie sono davvero responsabili di un decennio di scarsa crescita dell'occupazione? Molti economisti del lavoro affermano che i dati sono, nella migliore delle ipotesi, tutt'altro che conclusivi. Diverse altre spiegazioni plausibili, inclusi eventi relativi al commercio globale e alle crisi finanziarie degli inizi e della fine degli anni 2000, potrebbero spiegare la relativa lentezza della creazione di posti di lavoro dall'inizio del secolo. "Nessuno lo sa veramente", afferma Richard Freeman, economista del lavoro presso l'Università di Harvard. Questo perché è molto difficile "districare" gli effetti della tecnologia da altri effetti macroeconomici, dice. Ma è scettico sul fatto che la tecnologia possa cambiare una vasta gamma di settori aziendali abbastanza velocemente da spiegare i recenti numeri di lavoro.

Le tendenze occupazionali hanno polarizzato la forza lavoro e svuotato la classe media.

David Autor, un economista del MIT che ha studiato a fondo le connessioni tra lavoro e tecnologia, dubita anche che la tecnologia possa spiegare un cambiamento così brusco nell'occupazione totale. "C'è stato un grande calo nell'occupazione a partire dal 2000. Qualcosa è cambiato", dice. "Ma nessuno conosce la causa." Inoltre, dubita che la produttività sia, di fatto, aumentata notevolmente negli Stati Uniti nell'ultimo decennio (gli economisti possono non essere d'accordo su questa statistica perché ci sono modi diversi di misurare e pesare gli input e gli output economici). Se ha ragione, si solleva la possibilità che una scarsa crescita dell'occupazione possa essere semplicemente il risultato di un'economia stagnante. L'improvviso rallentamento nella creazione di posti di lavoro "è un grande puzzle", afferma, "ma non ci sono molte prove che sia collegato ai computer".

A dire il vero, afferma Autor, le tecnologie informatiche stanno cambiando i tipi di lavoro disponibili e questi cambiamenti "non sono sempre positivi". Almeno dagli anni '80, dice, i computer hanno assunto sempre più compiti come la contabilità, il lavoro d'ufficio e lavori di produzione ripetitivi nel settore manifatturiero, che in genere fornivano la paga della classe media. Allo stesso tempo, sono proliferati lavori più remunerativi che richiedono creatività e capacità di risoluzione dei problemi, spesso aiutati dai computer. Quindi fai lavori con poche qualifiche: è aumentata la domanda di lavoratori di ristoranti, custodi, assistenti sanitari domestici e altri che svolgono lavori di servizio che è quasi impossibile automatizzare. Il risultato, dice Autor, è stato una "polarizzazione" della forza lavoro e uno "svuotamento" della classe media, cosa che sta accadendo in numerosi paesi industrializzati negli ultimi decenni. Ma "questo è molto diverso dal dire che la tecnologia sta influenzando il numero totale di posti di lavoro", aggiunge. "Il lavoro può cambiare molto senza che si verifichino enormi cambiamenti nei tassi di occupazione".

Inoltre, anche se le odierne tecnologie digitali stanno frenando la creazione di posti di lavoro, la storia suggerisce che si tratta molto probabilmente di uno shock temporaneo, anche se doloroso; poiché i lavoratori adattano le loro capacità e gli imprenditori creano opportunità basate sulle nuove tecnologie, il numero di posti di lavoro lo farà
____________________________________________________________

Boh,
stiamo un po' a vedere. Alla più puttana, ricorreremo a un po' di sano e consapevole Luddismo...

Immagine


Immagine
"Ricordatevi sempre che nel nostro Parlamento siedono i nostri rappresentanti. E che ci rappresentano benissimo"
(Indro Montanelli)
Avatar utente
Ovidio
Senatore
Messaggi: 2197
Iscritto il: 25 set 2020, 17:08
Has thanked: 205 times
Ti Piace: 414 times

Re: Chi sarà il prossimo a perdere il lavoro per la troppa Innovazione...?

Messaggio da leggere da Ovidio »

Che la digitalizzazione faccia perdere posti di lavoro mi è da sempre sembrato ovvio.

Solo mentecatti mentali come i 5 stelle e i pdioti possono pensare che con il digitale aumenti l'occupazione.

Il fatto è un altro. Il digitale dovrebbe dare la posibilità all'uomo di alvorare di meno mantenendo lo stesso tasso di produttività se non addirittura aumentanolo, come dimostra il grafico.

Ma per far beneficiare tutti di questa nuova ricchezza bisogna riconcepire alla radice l'economia, che come ora è, è completamente errata!

Non una rivolta sociale, ma una rivolta economica!

P. S.: chiedo allo staff di spostare questo tema sotto economia!
Tenere sempre a mente la „regola d‘oro“
Avatar utente
Holubice
Deputato
Messaggi: 819
Iscritto il: 9 apr 2020, 14:11
Ti Piace: 113 times

Re: Chi sarà il prossimo a perdere il lavoro per la troppa Innovazione...?

Messaggio da leggere da Holubice »

Ovidio ha scritto: 6 feb 2021, 10:09 Che la digitalizzazione faccia perdere posti di lavoro mi è da sempre sembrato ovvio.
Solo mentecatti mentali come i 5 stelle e i pdioti possono pensare che con il digitale aumenti l'occupazione.
Il fatto è un altro. Il digitale dovrebbe dare la posibilità all'uomo di alvorare di meno mantenendo lo stesso tasso di produttività se non addirittura aumentanolo, come dimostra il grafico.
Ma per far beneficiare tutti di questa nuova ricchezza bisogna riconcepire alla radice l'economia, che come ora è, è completamente errata!
Non una rivolta sociale, ma una rivolta economica!
P. S.: chiedo allo staff di spostare questo tema sotto economia!

Adesso come adesso, mi si rivolta solo lo stomaco...



Prendi le Banche:

Immagine

La mia banca era, fino a ieri, la somma di 18 banche regionali, che si sono fuse assieme, ed hanno dato vita al quarto o quinto gruppo nazionale. In questi giorni si sta fondendo con il secondo gruppo bancario nazionale, il quale, a sua volta, era la somma (vado a memoria) dei Banco di Roma, di Banca Nazionale dell'Agricoltura, della Banca Nazionale del Commercio, e tante altre. Questo per dire che erano già, di loro, molto ben piazzate. Le 18 banche di partenza, già nel primo passaggio hanno concentrato tutto in un unico centro direzionale e in un unico centro di calcolo, facendo sparire gli altri 17 sparsi su tutto il territorio nazionale. Quando va bene, questo blocca l'assunzione di nuovi impiegati e tecnici per i prossimi 25 anni (ci sono da Smaltire quelli diventati in esubero), quando va male li si manda via direttamente con una pedata nel sedere.

Prendi il gruppo Stellantis:

Immagine

Stando a quanto impresso nella foto qui sopra, sarà l'unione di ben 21 marchi. Chi di voi è un signore di mezza età come me, ricorderà bene che, se uno si comprava una Alfa Romeo 33, sotto il cofano trovava il famoso motore boxer, ideato dagli ingegneri Alfa, e montato esclusivamente sulle Alfa. Stessa cosa faceva la Lancia, la Maserati, etc. Ogni casa aveva i suoi ingegneri che progettavano il loro prodotto, ognuno con le sue peculiarità, ognuno con i suoi pregi e i suoi difetti. Ora, invece, se salte su di una Volskwagen Golf, su di una Seat Leon, su di una Skoda Octavia, su di una Audi A3, e rovistate nel cofano, troverete lo stesso indentico motore. Si ottengono delle enormi economie di scala, ma sulle 7 case automobilistiche del gruppo gli ingegneri di sei di esse sono diventati inutili. Stiamo parlando degli ingegneri, ovvero dei laureati che, da sempre, hanno avuto più opportunità di lavoro sul mercato. Figuriamoci gli altri.

____________________________________________________________________________________

Ad ogni modo per la Fiat, limitatamente alla Fiat, forse la fusione potrebbe essere il male minore...

Lapo fa lo sbruffonesul Ferrari maculatoe finisce senza benzina

Immagine

"... Genova - «Normale» come può es­sere normale uno che gira con una Ferrari travestita da mezzo an­fibio da sbarco.
Eppure «norma­le » al punto da restare in autostra­da senza benzina, come chi fa die­ci euro d­i diesel sperando di arriva­re al casello e a fine mese. «Norma­le », perché Lapo Elkann mica si è scomposto. Ha posteggiato nella corsia di emergenza e ha fatto au­tostop. Al casello ci è arrivato co­munque, a bordo di una pattuglia della polizia stradale, che per il «normale»soccorso ha chiesto ov­viamente rinforzi. Il nipote dell’Avvocato, di do­menica mattina, sulla Milano-Ge­nova aveva diversi motivi per es­serci. Facile pensare che alle 15 in punto avesse una poltroncina ri­servata in tribuna Vip per assiste­re a Genova- Juventus. Ma al Ferra­ris, per colpa della Ferrari, non ci è arrivato. Come hanno rischiato di non arrivare sani e salvi a casa an­che tanti altri automobilisti che si sono trovati a passare sulla carreg­giata scambiata per posteggio dal­la «458 Italia» del rampollo di casa Fiat..." (CONTINUA NEL LINK)






Immagine
"Ricordatevi sempre che nel nostro Parlamento siedono i nostri rappresentanti. E che ci rappresentano benissimo"
(Indro Montanelli)
Rispondi