Istat, calano vendite ma cresce e-commerce (+50,2%)

Forum dedicato all'economia italiana e internazionale
Avatar utente
Shamash
Deputato
Messaggi: 996
Iscritto il: 9 giu 2019, 16:37
1
Has thanked: 148 times
Ti Piace: 424 times

Istat, calano vendite ma cresce e-commerce (+50,2%)

Messaggio da leggere da Shamash »

Con tutto il rispetto per l'ISTAT, non c'era bisogno di tale Istituto per prevedere tale dato.
Con la gente costretta a stare a casa, gli acquisti avvengono in modi differenti rispetto al passato.
Si segnala dunque il calo delle vendite nei negozi "fisici" a fronte di un poderoso aumento della fruizione del commercio elettronico.

Premessa:
Quest'ultimo anno, a causa del Covid-19, è stato funesto per tantissime imprese.
Esse, tutte, godono di tutta la mia solidarietà, anche perché anch'io in qualità di consulente che opera esclusivamente nel B2B, sono stato colpito.
Oltre alla pandemia, si è aggiunta l'incapacità, inadeguatezza e gli imperdonabili ritardi di un Governo inadatto.

Considerazioni personali/professionali:
Sono anni che suggerisco ad artigiani e commercianti di sfruttare le grandi potenzialità della rete, a vario titolo (e-commerce, sito-vetrina / landing page, presenza sulle pagine social, chatbot e interazione con i clienti, esperienze virtuali immersive e tanto altro). Spesso, mi hanno guardato in modo scettico, come se provenissi dal futuro e proponessi delle assurdità. Oltre quindi ai problemi esogeni citati nella premessa, appare evidente anche l'insieme di problemi endogeni tipici di una mentalità del lavoro ancora arroccata su vecchi modelli, ormai vetusti e inadeguati, incapace di competere in un mercato globale, interconnesso e dinamico.

In altre parole, non ci sei (o ci sei nel modo sbagliato) in rete? Non esisti! E quindi, inevitabilmente, sei destinato a chiudere...

Fonte: https://www.ansa.it/sito/notizie/econom ... fac4f.html
«Siate il meglio di qualunque cosa siate» [Martin Luther King]
«Dove regna la saggezza, non vi è alcun conflitto tra pensiero e sentimento» [Carl Gustav Jung]
Avatar utente
Sayon
Senatore
Messaggi: 4726
Iscritto il: 9 giu 2019, 7:58
1
Has thanked: 64 times
Ti Piace: 427 times

Re: Istat, calano vendite ma cresce e-commerce (+50,2%)

Messaggio da leggere da Sayon »

Io dissi lo stesso al marito (purtroppo) di mia figlia almeno 20 anni fa . Non mi ascolto' . Preferiva lamentarsi. Adesso ha chiuso l' azienda da anni e vive alla spalle di mia figlia che lavora dalla mattina alla sera. Lo avesse fatto, sarebbe stato fra i primi sul mercato.
Lo stesso accade inquesti giorni. C'e chi si lamenta ed aspetta l' aiuto di Stato (che non arrivera') e chi si da da fare sfruttando le tante occasioni che il COVID sta fornendo in alternativa. La pizzeria che ho davanti negli USA ha almeno quadruplicato le sue vendite. Da posto poco frequentato da clienti e' diventato un leader della distribuzione di pizze a domicilio. I suoi furgoncini vanno e vengono in continuazione.
Avatar utente
Ovidio
Senatore
Messaggi: 2443
Iscritto il: 25 set 2020, 17:08
Has thanked: 218 times
Ti Piace: 501 times

Re: Istat, calano vendite ma cresce e-commerce (+50,2%)

Messaggio da leggere da Ovidio »

Adattarsi al passo dei tempi è la chiave del successo!
Tenere sempre a mente la „regola d‘oro“
Avatar utente
Valerio
Senatore
Messaggi: 3604
Iscritto il: 8 giu 2019, 20:31
1
Località: Messina
Has thanked: 1230 times
Ti Piace: 708 times

Re: Istat, calano vendite ma cresce e-commerce (+50,2%)

Messaggio da leggere da Valerio »

Shamash ha scritto: 12 gen 2021, 21:53 Con tutto il rispetto per l'ISTAT, non c'era bisogno di tale Istituto per prevedere tale dato.
Con la gente costretta a stare a casa, gli acquisti avvengono in modi differenti rispetto al passato.
Si segnala dunque il calo delle vendite nei negozi "fisici" a fronte di un poderoso aumento della fruizione del commercio elettronico.

Premessa:
Quest'ultimo anno, a causa del Covid-19, è stato funesto per tantissime imprese.
Esse, tutte, godono di tutta la mia solidarietà, anche perché anch'io in qualità di consulente che opera esclusivamente nel B2B, sono stato colpito.
Oltre alla pandemia, si è aggiunta l'incapacità, inadeguatezza e gli imperdonabili ritardi di un Governo inadatto.

Considerazioni personali/professionali:
Sono anni che suggerisco ad artigiani e commercianti di sfruttare le grandi potenzialità della rete, a vario titolo (e-commerce, sito-vetrina / landing page, presenza sulle pagine social, chatbot e interazione con i clienti, esperienze virtuali immersive e tanto altro). Spesso, mi hanno guardato in modo scettico, come se provenissi dal futuro e proponessi delle assurdità. Oltre quindi ai problemi esogeni citati nella premessa, appare evidente anche l'insieme di problemi endogeni tipici di una mentalità del lavoro ancora arroccata su vecchi modelli, ormai vetusti e inadeguati, incapace di competere in un mercato globale, interconnesso e dinamico.

In altre parole, non ci sei (o ci sei nel modo sbagliato) in rete? Non esisti! E quindi, inevitabilmente, sei destinato a chiudere...

Fonte: https://www.ansa.it/sito/notizie/econom ... fac4f.html
Non potrei essere più d'accordo. Anche io ho consigliato ad alcune aziende commerciali, alle quali curavo l'informatizzazione della gestione di magazzino e vendite, di iniziare la migrazione verso l'E-commerce.

Oltre tutto non si ha riduzione di personale e si tagliano alcuni costi. A tutto vantaggio della qualità.
Sovranità al Cittadino.
Non abbiamo un pianeta B
In onore dei pennuti heyokani: Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli.
Rispondi