AUKUS

Discussioni inerenti la politica internazionale
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 970
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 291 Mi Piace
Ha Ricevuto: 348 Mi Piace

AUKUS

Messaggio da leggere da Vento »

Trump ha voltato pagina e ci ha portati nella realpolitik, abbandonando geopolitiche fondate su idealismi e utopie (come i cd diritti civili), come era inevitabile. Biden nella sua inconsistenza, dopo aver rubato le elezioni, non poteva che rubare anche la politica di Trump. La tribù degli anglosassoni si sta compattando in questa nuova alleanza del sangue.

Ora l’Europa è davvero sola e deve affrontare il problema se tornare ai nazionalismi o tentare integrazioni più spinte, oltre il vuoto minuetto della UE. Ma per creare qualcosa ci vogliono popoli veri, non accozzaglie, ed energie profonde.

Forse potrebbero svegliarsi le identità etnico-linguistiche, finora demonizzate: germani, slavi e latini. La burocratica UE potrebbe trasformarsi in un federazione di tre entità, se si riuscirà a individuare interessi comuni, che ci sono, a cominciare dalla difesa verso vicini invadenti e pericolosi, come l’Islam. Questa secondo me potrebbe essere una via, lunga e difficile, per inserirsi nel nuovo paradigma di realpolitik che sta emergendo.


Amen and Awoman :lol:
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 970
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 291 Mi Piace
Ha Ricevuto: 348 Mi Piace

Re: AUKUS

Messaggio da leggere da Vento »

AUKUS (Australia, UK e USA), aggiungo per chi non segue la politica internazionale, è la nuova alleanza militare tra quei 3 paesi. Salta fuori all’improvviso e soprattutto senza alcun preavviso agli alleati europei. In concreto è una conferma del Five Eyes, che già riuniva i tre paesi detti, oltre a Canada e Nuova Zelanda, e che costituiva una organizzazione sovranazionale di intelligence. Dopo la fuga dall’Afganistan ed il ritorno precipitoso a casa degli americani, mi pare sia un maggiore stringersi in famiglia della tribù anglosassone. Altro che globalizzazione! Siamo tornati alla realpolitik e i vari popoli si radunano e si schierano. Guai in vista per chi popolo non è o non è più.


Amen and Awoman :lol:
Avatar utente
giaguaro
Connesso: Sì
Messaggi: 602
Iscritto il: 9 giu 2019, 10:49
Ha Assegnato: 722 Mi Piace
Ha Ricevuto: 256 Mi Piace

Re: AUKUS

Messaggio da leggere da giaguaro »

Vento ha scritto: ↑19 set 2021, 10:52 Trump ha voltato pagina e ci ha portati nella realpolitik, abbandonando geopolitiche fondate su idealismi e utopie (come i cd diritti civili), come era inevitabile. Biden nella sua inconsistenza, dopo aver rubato le elezioni, non poteva che rubare anche la politica di Trump. La tribù degli anglosassoni si sta compattando in questa nuova alleanza del sangue.

Ora l’Europa è davvero sola e deve affrontare il problema se tornare ai nazionalismi o tentare integrazioni più spinte, oltre il vuoto minuetto della UE. Ma per creare qualcosa ci vogliono popoli veri, non accozzaglie, ed energie profonde.

Forse potrebbero svegliarsi le identità etnico-linguistiche, finora demonizzate: germani, slavi e latini. La burocratica UE potrebbe trasformarsi in un federazione di tre entità, se si riuscirà a individuare interessi comuni, che ci sono, a cominciare dalla difesa verso vicini invadenti e pericolosi, come l’Islam. Questa secondo me potrebbe essere una via, lunga e difficile, per inserirsi nel nuovo paradigma di realpolitik che sta emergendo.
Smiling

Concordo totalmente. Se i Paesi dell'Unione Europea non riusciranno a trovare, entro breve termine, la strada per raggiungere la totale integrazione delle diverse popolazioni e delle relative economie, all'orizzonte non resta che il disfacimento.
Per quanto riguarda le lingue, bisognerebbe accettare la soluzione del problema realizzato dalle comunità svizzere. Magari, nel futuro, si potrebbe trovare anche una lingua da rendere comune, iniziandone l'isegnamento a livello scolastico, fin dalle scuole materne.


Non posso insegnare niente a nessuno, posso solo cercare di farli riflettere - SOCRATE
Avatar utente
Vento
Connesso: Sì
Messaggi: 970
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
Ha Assegnato: 291 Mi Piace
Ha Ricevuto: 348 Mi Piace

Re: AUKUS

Messaggio da leggere da Vento »

giaguaro ha scritto: ↑21 set 2021, 19:47
Vento ha scritto: ↑19 set 2021, 10:52 Trump ha voltato pagina e ci ha portati nella realpolitik, abbandonando geopolitiche fondate su idealismi e utopie (come i cd diritti civili), come era inevitabile. Biden nella sua inconsistenza, dopo aver rubato le elezioni, non poteva che rubare anche la politica di Trump. La tribù degli anglosassoni si sta compattando in questa nuova alleanza del sangue.

Ora l’Europa è davvero sola e deve affrontare il problema se tornare ai nazionalismi o tentare integrazioni più spinte, oltre il vuoto minuetto della UE. Ma per creare qualcosa ci vogliono popoli veri, non accozzaglie, ed energie profonde.

Forse potrebbero svegliarsi le identità etnico-linguistiche, finora demonizzate: germani, slavi e latini. La burocratica UE potrebbe trasformarsi in un federazione di tre entità, se si riuscirà a individuare interessi comuni, che ci sono, a cominciare dalla difesa verso vicini invadenti e pericolosi, come l’Islam. Questa secondo me potrebbe essere una via, lunga e difficile, per inserirsi nel nuovo paradigma di realpolitik che sta emergendo.
Smiling

Concordo totalmente. Se i Paesi dell'Unione Europea non riusciranno a trovare, entro breve termine, la strada per raggiungere la totale integrazione delle diverse popolazioni e delle relative economie, all'orizzonte non resta che il disfacimento.
Per quanto riguarda le lingue, bisognerebbe accettare la soluzione del problema realizzato dalle comunità svizzere. Magari, nel futuro, si potrebbe trovare anche una lingua da rendere comune, iniziandone l'isegnamento a livello scolastico, fin dalle scuole materne.
Anch'io guardo alla Svizzera come al nocciolo dell'Europa. Immagino tre grandi aggregati-cantoni: lo slavo (che già si intravede nel gruppo di Visegrad), il germanico (dalla Scandinavia al Tirolo) ed il latino. Restano fuori paesi come ad es. la Grecia, che linguisticamente e religiosamente è più vicina alla Russia, e questo sarebbe un ponte verso la grande Eurasia, che si potrebbe sognare: da Lisbona a Vladivostok).
L'aggregato germanico avrebbe il peso maggiore, come già vediamo ora dopo la brexit, ma una qualche leadership ci vuole, purché non avvilisca gli altri, che dovrebbero restare padroni in casa. Non come ora che Bruxell pretende di dettare le politiche interne a Polonia e Ungheria.
Nelle scuole si dovrebbero insegnare le principali lingue europee: tedesco, francese/spagnolo, inglese e russo. A Bruxell, ammesso che sopravviva, dovrebbero stare pochi funzionari ed occuparsi dei rapporti con l'esterno, secondo le politiche estere decise dalle intese fra i tre aggregati. Chiusura dei confini, specie a sud, e cauta apertura verso l'est, da intendere come naturale sviluppo dell'unione europea, di cui la Russia ha sempre fatto parte, fino a quando gli anglosassoni lo hanno consentito.


Amen and Awoman :lol:
Rispondi