Il perdono...

Avatar utente
heyoka
Senatore
Messaggi: 3503
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
1
Has thanked: 1200 times
Ti Piace: 499 times

Re: Il perdono...

Messaggio da leggere da heyoka »

Rosanna ha scritto: 20 nov 2020, 18:49 Ma secondo voi...chi soffre: colui che perdona o colui che che coltiva il rancore e si astiene dal compiere il primo passo?
L'amor proprio è cieco e suicida: preferisce la soddisfazione della vendetta al sollievo del perdono.
Ma è follia non perdonare...è come immagazzinare veleno nelle viscere...
Superquotone.
Nessuno conosce la strada per conciliare comunità e individuo.
( Mugik)
Avatar utente
Ovidio
Deputato
Messaggi: 827
Iscritto il: 25 set 2020, 17:08
Has thanked: 120 times
Ti Piace: 207 times

Re: Il perdono...

Messaggio da leggere da Ovidio »

Rosanna ha scritto: 20 nov 2020, 18:49 Ma secondo voi...chi soffre: colui che perdona o colui che che coltiva il rancore e si astiene dal compiere il primo passo?
L'amor proprio è cieco e suicida: preferisce la soddisfazione della vendetta al sollievo del perdono.
Ma è follia non perdonare...è come immagazzinare veleno nelle viscere...
Hai ragione al 100%. È un passo molto difficile, ma liberatorio. Il fatto è che il passo è molto, molto difficile. Quasi contro natura. Direi contro natura ... umana!
Tenere sempre a mente la „regola d‘oro“
Avatar utente
Crossfire
Aspirante Politico
Messaggi: 49
Iscritto il: 9 nov 2020, 16:45
Has thanked: 13 times
Ti Piace: 10 times

Re: Il perdono...

Messaggio da leggere da Crossfire »

Ovidio ha scritto: 20 nov 2020, 19:00
Rosanna ha scritto: 20 nov 2020, 18:49 Ma secondo voi...chi soffre: colui che perdona o colui che che coltiva il rancore e si astiene dal compiere il primo passo?
L'amor proprio è cieco e suicida: preferisce la soddisfazione della vendetta al sollievo del perdono.
Ma è follia non perdonare...è come immagazzinare veleno nelle viscere...
Hai ragione al 100%. È un passo molto difficile, ma liberatorio. Il fatto è che il passo è molto, molto difficile. Quasi contro natura. Direi contro natura ... umana!
Perdonare é un atto difficile, fortemente difficile per l'essere umano. Noi siamo abituati a reagire ad un azione, a contrastare un torto con la forza. Istintivamente siamo portati a rispondere alle aggressioni, e più forte é l'aggressione più forte é la reazione.
Il perdono invece é un'azione non naturale, non istintiva. Il perdono va risvegliato, rinnovato ogni giorno, se non lo si fa la rabbia che ci portiamo dentro si evolve, da emozione potrebbe diventare un sentimento di odio recondito che logora da dentro. Il perdono serve a noi, al nostro intimo per raggiungere uno stato interiore migliore, a non far crescere la rabbia che porta a distruggere.
Perdonare porta ad avere uno stato intimo migliore, ad andare avanti senza logorii eccessivi.
Avatar utente
heyoka
Senatore
Messaggi: 3503
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
1
Has thanked: 1200 times
Ti Piace: 499 times

Re: Il perdono...

Messaggio da leggere da heyoka »

Crossfire ha scritto: 20 nov 2020, 19:28
Ovidio ha scritto: 20 nov 2020, 19:00
Rosanna ha scritto: 20 nov 2020, 18:49 Ma secondo voi...chi soffre: colui che perdona o colui che che coltiva il rancore e si astiene dal compiere il primo passo?
L'amor proprio è cieco e suicida: preferisce la soddisfazione della vendetta al sollievo del perdono.
Ma è follia non perdonare...è come immagazzinare veleno nelle viscere...
Hai ragione al 100%. È un passo molto difficile, ma liberatorio. Il fatto è che il passo è molto, molto difficile. Quasi contro natura. Direi contro natura ... umana!
Perdonare é un atto difficile, fortemente difficile per l'essere umano. Noi siamo abituati a reagire ad un azione, a contrastare un torto con la forza. Istintivamente siamo portati a rispondere alle aggressioni, e più forte é l'aggressione più forte é la reazione.
Il perdono invece é un'azione non naturale, non istintiva. Il perdono va risvegliato, rinnovato ogni giorno, se non lo si fa la rabbia che ci portiamo dentro si evolve, da emozione potrebbe diventare un sentimento di odio recondito che logora da dentro. Il perdono serve a noi, al nostro intimo per raggiungere uno stato interiore migliore, a non far crescere la rabbia che porta a distruggere.
Perdonare porta ad avere uno stato intimo migliore, ad andare avanti senza logorii eccessivi.
Tutto giusto ci mancherebbe, Specie su quel brutto veleno che è la rabbia e peggio ancora il risentimento.
Ma tutto questa attenzione a non farsi sopraffare dal risentimento non deve nemmeno portarci al suo estremo contrario.
Diciamo che nei rapporti e scontri che facciamo nel forum siamo avvantaggiati.
Nessuno conosce la strada per conciliare comunità e individuo.
( Mugik)
Avatar utente
Crossfire
Aspirante Politico
Messaggi: 49
Iscritto il: 9 nov 2020, 16:45
Has thanked: 13 times
Ti Piace: 10 times

Re: Il perdono...

Messaggio da leggere da Crossfire »

heyoka ha scritto: 20 nov 2020, 20:28
Crossfire ha scritto: 20 nov 2020, 19:28
Ovidio ha scritto: 20 nov 2020, 19:00
Hai ragione al 100%. È un passo molto difficile, ma liberatorio. Il fatto è che il passo è molto, molto difficile. Quasi contro natura. Direi contro natura ... umana!
Perdonare é un atto difficile, fortemente difficile per l'essere umano. Noi siamo abituati a reagire ad un azione, a contrastare un torto con la forza. Istintivamente siamo portati a rispondere alle aggressioni, e più forte é l'aggressione più forte é la reazione.
Il perdono invece é un'azione non naturale, non istintiva. Il perdono va risvegliato, rinnovato ogni giorno, se non lo si fa la rabbia che ci portiamo dentro si evolve, da emozione potrebbe diventare un sentimento di odio recondito che logora da dentro. Il perdono serve a noi, al nostro intimo per raggiungere uno stato interiore migliore, a non far crescere la rabbia che porta a distruggere.
Perdonare porta ad avere uno stato intimo migliore, ad andare avanti senza logorii eccessivi.
Tutto giusto ci mancherebbe, Specie su quel brutto veleno che è la rabbia e peggio ancora il risentimento.
Ma tutto questa attenzione a non farsi sopraffare dal risentimento non deve nemmeno portarci al suo estremo contrario.
Diciamo che nei rapporti e scontri che facciamo nel forum siamo avvantaggiati.
Perdonare non é facile, e chiaramente dipende da cosa devi perdonare.
Quello che accade in questo forum in linea teorica non é passabile di perdono, per un motivo molto semplice. In uno scontro di idee, se é di idee, non si dovrebbe mai cadere nel becero attacco personale. Di conseguenza non ci sarebbe offesa, e non ci sarebbe torto da perdonare.
Avatar utente
Rosanna
Deputato
Messaggi: 1483
Iscritto il: 8 giu 2019, 21:03
1
Has thanked: 832 times
Ti Piace: 366 times

Re: Il perdono...

Messaggio da leggere da Rosanna »

Crossfire ha scritto: 20 nov 2020, 20:58
heyoka ha scritto: 20 nov 2020, 20:28
Crossfire ha scritto: 20 nov 2020, 19:28

Perdonare é un atto difficile, fortemente difficile per l'essere umano. Noi siamo abituati a reagire ad un azione, a contrastare un torto con la forza. Istintivamente siamo portati a rispondere alle aggressioni, e più forte é l'aggressione più forte é la reazione.
Il perdono invece é un'azione non naturale, non istintiva. Il perdono va risvegliato, rinnovato ogni giorno, se non lo si fa la rabbia che ci portiamo dentro si evolve, da emozione potrebbe diventare un sentimento di odio recondito che logora da dentro. Il perdono serve a noi, al nostro intimo per raggiungere uno stato interiore migliore, a non far crescere la rabbia che porta a distruggere.
Perdonare porta ad avere uno stato intimo migliore, ad andare avanti senza logorii eccessivi.
Tutto giusto ci mancherebbe, Specie su quel brutto veleno che è la rabbia e peggio ancora il risentimento.
Ma tutto questa attenzione a non farsi sopraffare dal risentimento non deve nemmeno portarci al suo estremo contrario.
Diciamo che nei rapporti e scontri che facciamo nel forum siamo avvantaggiati.
Perdonare non é facile, e chiaramente dipende da cosa devi perdonare.
Quello che accade in questo forum in linea teorica non é passabile di perdono, per un motivo molto semplice. In uno scontro di idee, se é di idee, non si dovrebbe mai cadere nel becero attacco personale. Di conseguenza non ci sarebbe offesa, e non ci sarebbe torto da perdonare.
Hai detto bene...non è facile perdonare...ma non capisco xché tu...parli del forum in questo contesto.
Io penso che al di fuori di casi eccezionali, nessuno agisce con cattiva intenzione. Ma forse tu...x l'esperienza maturata qui...ti senti di attribuire a qualcuno intenzioni negative che forse non ha mai avuto?
Mi sto chiedendo: Ma in fondo, chi è l'incompreso? Chi ha potuto scatenare in te questo pensiero? Chissà se l'innominato ha detto qualcosa di poco conto con un certo tono o in un certo contesto?
Parliamone...

Con Matteo Salvini.. ❤ Una sarda x Un' Italia che c'è anche se viene zittita o irrisa o insultata. Guai a chi la tocca o la ruba o la invade. Ed io aggiungo: Guai a chi la svende e la rovina in cambio di sporchi interessi personali.
Avatar utente
Crossfire
Aspirante Politico
Messaggi: 49
Iscritto il: 9 nov 2020, 16:45
Has thanked: 13 times
Ti Piace: 10 times

Re: Il perdono...

Messaggio da leggere da Crossfire »

Rosanna ha scritto: 21 nov 2020, 17:35
Crossfire ha scritto: 20 nov 2020, 20:58
heyoka ha scritto: 20 nov 2020, 20:28
Tutto giusto ci mancherebbe, Specie su quel brutto veleno che è la rabbia e peggio ancora il risentimento.
Ma tutto questa attenzione a non farsi sopraffare dal risentimento non deve nemmeno portarci al suo estremo contrario.
Diciamo che nei rapporti e scontri che facciamo nel forum siamo avvantaggiati.
Perdonare non é facile, e chiaramente dipende da cosa devi perdonare.
Quello che accade in questo forum in linea teorica non é passabile di perdono, per un motivo molto semplice. In uno scontro di idee, se é di idee, non si dovrebbe mai cadere nel becero attacco personale. Di conseguenza non ci sarebbe offesa, e non ci sarebbe torto da perdonare.
Hai detto bene...non è facile perdonare...ma non capisco xché tu...parli del forum in questo contesto.
Io penso che al di fuori di casi eccezionali, nessuno agisce con cattiva intenzione. Ma forse tu...x l'esperienza maturata qui...ti senti di attribuire a qualcuno intenzioni negative che forse non ha mai avuto?
Mi sto chiedendo: Ma in fondo, chi è l'incompreso? Chi ha potuto scatenare in te questo pensiero? Chissà se l'innominato ha detto qualcosa di poco conto con un certo tono o in un certo contesto?
Parliamone...
Prego?
heyoka ha scritto:Diciamo che nei rapporti e scontri che facciamo nel forum siamo avvantaggiati.
É solo una risposta a questa frase. Non attribuirmi pensieri che non ho. A meno che tu non sia in grado di leggermi la mente, nel caso mi piacerebbe sapere i miei desideri piú reconditi, dato che a volte non mi sono chiari nemmeno a me.
Rispondi