Siamo frutto di un Pensiero?

Discussioni riguardanti i temi religiosi e non.
Avatar utente
Ovidio
Senatore
Messaggi: 2443
Iscritto il: 25 set 2020, 17:08
Has thanked: 218 times
Ti Piace: 501 times

Re: Siamo frutto di un Pensiero?

Messaggio da leggere da Ovidio »

Sara ha scritto: 15 gen 2021, 18:58
Cara Sara, ti ringrazio per l'indicazione, ma in fatto di teoria dei quanti preferisco parlare con il mondo scientifico, non quello divulgativo, visto che è stato il mio pane quotidiano di lavoro come fisico teorico in istituti di ricerca di particelle elementari per anni.
Caro Ovidio, sapendolo, non mi sarei certo permessa! Peraltro ho scritto "discorso" (e poi "battute a parte"): non mi aspetto che la fisica delle particelle dia risposte sull'anima. Esistono scienziati credenti, ma anche agnostici e atei. Dichiarati, dai tempi e nei luoghi in cui non crea più problemi.
Piuttosto, la tua frase palesa un certo disdegno: per la divulgazione in genere, o per Rovelli in particolare?
Quanto alla prima, posso in parte condividere per le discipline di mia competenza; quanto al secondo
La sua principale attività scientifica è nell'ambito della teoria della gravità quantistica a loop (loop quantum gravity), di cui è uno dei fondatori. Si è occupato anche di storia e filosofia della scienza (...)
recita Wiki.
Non lo ritieni un fisico "degno"?
Ciao Sara, vi sono molti fisici, anche premi nobel, che la pensano come Laplace.

Non ho niente contro i libri divulgativi che cercano di spiegare la scienza, ma vedo rosso con i libri divulgatori che tirano la scienza per le orecchie chiamandola a giustificare l'ateismo.

Ce ne sono molti, anche scienziati che hanno fatto la storia della fisica, ma nel momento che si cimentano sul tema della creazione dall'alto della loro eccellenza in campo scientifico, peccano di saccenza, ed escono dal dibatto scientifico. Specialmente se si discute sul caso.

Poi vi sono i libri divulgativi di fisici che fingono di capire quello che illustrano senza avere basi solide.

Quando facevo ricerca al CERN o al politecnico di Zurigo, ho conosciuto molti premi nobel e molti professori. Tutti i premi nobel mi hanno convinto per la loro competenza. Alcuni professori avevano forti lacune. Erano quest'ultimi a pubblicare libri divulgativi.
Tenere sempre a mente la „regola d‘oro“
Avatar utente
heyoka
Senatore
Messaggi: 5428
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
1
Has thanked: 1753 times
Ti Piace: 937 times

Re: Siamo frutto di un Pensiero?

Messaggio da leggere da heyoka »

heyoka, ripeto quanto già dissi altrove. Noi siamo fatti di corpo, anima e spirito.

Il corpo dà segnali all'anima. L'anima, che significa "vita", li interpreta e determina il comportamento degli animali (la cui etimologia ti è fin troppo chiara, visto in tuo recente post). Il comportamento degli uomini è guidato dallo spirito, dal quel divino che è in noi, e che ci costringe a porci i perché che tutti noi tu in primis ci poniamo.
Concordo su tutto. Il Bello è che il divino che è in noi, costringe anche coloro che, con la mente si rifiutano di credere nella SUA esistenza, Che a dirla tutta, i nostri amici atei, sono comunque più vicino al divino, rispetto a quei credenti della sottomutua che lo sono per tradizione o ancora peggio per paura.
Noi come uomini possiamo creare corpi, (anzi no, solo fare corpi, perché non riusciamo a creare niente in senso letterale). Possiamo fare corpi animati, dotati anche di intelligenza artificiale.
Concordo ancora. Aggiungo solo una cosa. Mi piacerebbe vedere come si comporterebbe uno Scienziato ATEISTA, che dopo aver creato un corpo animato dotato di intelligenza artificiale, si accorgesse che questa creatura si mette in testa che LUI ( lo scienziato ateista) non esiste e non centra niente con la sua Creazione. Io sono convinto che quello Scienziato si arrabbierebbe come un Giuda oppure farebbe come un' heyoka per divertirsi come un MATTO a prenderLo per il Culo! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
Ma non riusciremo mai a fare corpi animati che, sua sponte, si pongano le domande che tu ti poni. Non riusciremo mai a fare corpi animati dotati di per se di spirito, a meno di non inculcarglielo. artificialmente.
Sul futuro non metto mai la parola mai. Io un CREDENTE più di cervello che di fede, perciò il mio santo dubbio me lo tengo.
La domanda è: chi lo ha inculcato in noi?
Naturalmente la Grande Energia PENSANTE che convenzionalmente chiamiamo Dio.
La mia domanda piuttosto è come abbia fatto Dio, ad inserire nella mente umana, quel chip del DUBBIO sulla sua esistenza, dove i certi TROTONI della Scienza, con un ego sproporzioinato si fanno fregare come polli.
Da dire che senza quel chip ( DIO solo sa come DIO sia riuscito a farlo funzionare) il gioco Divino non potrebbe funzionare, perchè senza quel DUBBIO, il nostro LIBERO arbitrio se ne andrebbe a puttane.
E poi come farebbe Dio, a suddividere i vari giocatori nelle varie categorie di angeli, per il proseguo del gioco degli Spiriti.
Pensa a quanti Scienziati vedremo giocare nella categoria esordienti, che come ben sai si distinguono per essere dotati di ali da polli o da ochi, come diceva mia nonna, che aveva fatto solo la seconda elementare. :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
Ps. Tempo fa avevo postato un video della dott. Erica Poli che parlava di certe scoperte scientifiche STRANE sui quanti.
Se non ho capito male, pare che questi quanti si comportino in modo diverso se sono "OSSERVATI".
Però io non ho approfondito in quanto sono piuttosto allergico a studiare sui Libri.
Preferisco studiare il GRANDE e stupendo libro della Natura.
E siccome lo posso fare pedalando in bici all' aperto, la scienza mi dice che è più salutare che così mi diverto e faccio il pieno di Vitamina D a Gratis, senza andare in farmacia.
Adesso vi saluto che appunto devo andare a farmi la mia pedalata. Oggi un centinaio di Km. e forse mi faccio una salitina di 4 km.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Avatar utente
Shamash
Deputato
Messaggi: 990
Iscritto il: 9 giu 2019, 16:37
1
Has thanked: 146 times
Ti Piace: 423 times

Re: Siamo frutto di un Pensiero?

Messaggio da leggere da Shamash »

heyoka ha scritto: 15 gen 2021, 7:20O del Caso?
Temo la realtà sia un po' meno poetica. Siamo frutto dell'evoluzione o, in altri termini, di un processo evolutivo che da primati ci ha fatto giungere all'Homo Sapiens Sapiens attraverso numerose modificazioni e adattamenti.
Ovidio ha scritto: 15 gen 2021, 17:59 Noi siamo fatti di corpo, anima e spirito.
Affascinante, ma da agnostico direi che sia valido (o quantomeno scientificamente dimostrabile) solo il primo elemento.
Ovidio ha scritto: 15 gen 2021, 17:59 Il corpo dà segnali all'anima. L'anima, che significa "vita", li interpreta e determina il comportamento degli animali (la cui etimologia ti è fin troppo chiara, visto in tuo recente post). Il comportamento degli uomini è guidato dallo spirito, dal quel divino che è in noi, e che ci costringe a porci i perché che tutti noi tu in primis ci poniamo.
Ehm, non proprio. Il corpo riceve gli stimoli dall'esterno, che vengono inviati al talamo, poi passano all'amigdala, al giro del cingolo e ad una variegata sinergia fra strutture corticali e sottocorticali che "traducono" tali stimoli e li arricchiscono di significato (utile per la sopravvivenza), infondendoli anche di valenza emotiva e, infine, cristallizzandoli nella memoria. Il comportamento (inconscio) degli uomini è guidato da questo (che è alla base anche della motivazione) e, solo dopo, molto dopo giunge la parte razionale che, attraverso la coscienza, ci permette di analizzare "i perché che tutti ci poniamo".
Ovidio ha scritto: 15 gen 2021, 17:59 Noi come uomini possiamo creare corpi, (anzi no, solo fare corpi, perché non riusciamo a creare niente in senso letterale). Possiamo fare corpi animati, dotati anche di intelligenza artificiale.
Ma non riusciremo mai a fare corpi animati che, sua sponte, si pongano le domande che tu ti poni. Non riusciremo mai a fare corpi animati dotati di per se di spirito, a meno di non inculcarglielo. artificialmente.
La domana è: chi lo ha inculcato in noi?
Questo è interessante, perché apre spiragli filosofici particolarmente succulenti.
In tal senso andrebbe valutato l'argomento in base ai progressi scientifici in campo di intelligenza artificiale (e soprattutto la sua valenza etica), ma appunto siamo ancora lontani dal "copiare" la coscienza umana, mentre l'auto-percezione dovrebbe già essere realtà.
L'essere umano è estremamente complesso e il suo cervello lo è ancora di più. Non sarà facile raggiungere qualcosa di simile (e forse è meglio così), perché infondere in una macchina attraverso degli algoritmi il senso profondo delle cose (ciò che chiami spirito e io coscienza di sé), così come la sensibilità, una reale empatia e tutti quegli elementi che ci rendono differenti da tutti gli altri animali, non è cosa da poco.
«Siate il meglio di qualunque cosa siate» [Martin Luther King]
«Dove regna la saggezza, non vi è alcun conflitto tra pensiero e sentimento» [Carl Gustav Jung]
Avatar utente
Ovidio
Senatore
Messaggi: 2443
Iscritto il: 25 set 2020, 17:08
Has thanked: 218 times
Ti Piace: 501 times

Re: Siamo frutto di un Pensiero?

Messaggio da leggere da Ovidio »

Shamash ha scritto: 16 gen 2021, 19:06
Ovidio ha scritto: 15 gen 2021, 17:59 Il corpo dà segnali all'anima. L'anima, che significa "vita", li interpreta e determina il comportamento degli animali (la cui etimologia ti è fin troppo chiara, visto in tuo recente post). Il comportamento degli uomini è guidato dallo spirito, dal quel divino che è in noi, e che ci costringe a porci i perché che tutti noi tu in primis ci poniamo.
Ehm, non proprio. Il corpo riceve gli stimoli dall'esterno, che vengono inviati al talamo, poi passano all'amigdala, al giro del cingolo e ad una variegata sinergia fra strutture corticali e sottocorticali che "traducono" tali stimoli e li arricchiscono di significato (utile per la sopravvivenza), infondendoli anche di valenza emotiva e, infine, cristallizzandoli nella memoria. Il comportamento (inconscio) degli uomini è guidato da questo (che è alla base anche della motivazione) e, solo dopo, molto dopo giunge la parte razionale che, attraverso la coscienza, ci permette di analizzare "i perché che tutti ci poniamo".
Per anima (vita contrapposta a materia inerte) intendo le reazioni agli stimoli fisici veicolati dal corpo e che ti portano ad agire in un modo o nell'altro. Per corpo intendo anche ... l'amigdala, il giro del cingolo ed una variegata sinergia fra strutture corticali e sottocorticali che "traducono" tali stimoli e li arricchiscono di significato (utile per la sopravvivenza), infondendoli anche di valenza emotiva e, infine, cristallizzandoli nella memoria.

I perché, come tu dici, vengono dopo.
Tenere sempre a mente la „regola d‘oro“
Avatar utente
Shamash
Deputato
Messaggi: 990
Iscritto il: 9 giu 2019, 16:37
1
Has thanked: 146 times
Ti Piace: 423 times

Re: Siamo frutto di un Pensiero?

Messaggio da leggere da Shamash »

Ovidio ha scritto: 16 gen 2021, 20:10 Per anima (vita contrapposta a materia inerte)
Smiling
«Siate il meglio di qualunque cosa siate» [Martin Luther King]
«Dove regna la saggezza, non vi è alcun conflitto tra pensiero e sentimento» [Carl Gustav Jung]
Avatar utente
heyoka
Senatore
Messaggi: 5428
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
1
Has thanked: 1753 times
Ti Piace: 937 times

Re: Siamo frutto di un Pensiero?

Messaggio da leggere da heyoka »

Shamash ha scritto: 16 gen 2021, 19:06
heyoka ha scritto: 15 gen 2021, 7:20O del Caso?
Temo la realtà sia un po' meno poetica. Siamo frutto dell'evoluzione o, in altri termini, di un processo evolutivo che da primati ci ha fatto giungere all'Homo Sapiens Sapiens attraverso numerose modificazioni e adattamenti.
Ma questa evoluzione è dovuta al CASO o ad un PENSIERO evolutivo che l' ha gestita?
Anni fa sono andato a visitare il Museo della bicicletta. Pensa Shamash che la prima bicicletta era senza pedali ed bisognava spingerla alternativamente con i piedi. Da qui il primo nome dato alla bici cge si chiamava VelociPede.
Un mio amico, fanatico delle teorie di Darwin, disse che anche la bici moderna era il risultato di una Evoluzione.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Avatar utente
Shamash
Deputato
Messaggi: 990
Iscritto il: 9 giu 2019, 16:37
1
Has thanked: 146 times
Ti Piace: 423 times

Re: Siamo frutto di un Pensiero?

Messaggio da leggere da Shamash »

heyoka ha scritto: 20 gen 2021, 15:28 Ma questa evoluzione è dovuta al CASO o ad un PENSIERO evolutivo che l' ha gestita?
Per quel che si conosce (da Darwin, ma anche alcuni studiosi prima di lui che, in buona misura, hanno influenzato le sue teorie) in poi, l'evoluzione ha spinto tutti gli esseri viventi (piante e animali, noi compresi) nel migliorare e potenziare determinate caratteristiche utili alla sopravvivenza e alla riproduzione e ha "tralasciato" altre, non utili allo scopo.
Per quanto riguarda il pensiero, è un mondo estremamente affascinante di cui, seppur si siano fatti passi da gigante grazie a numerose discipline scientifiche, si conosce ancora poco. Potrebbe quindi essere logico credere che anch'esso si sia evoluto per ragioni intrinseche alla vita, così come ciò che ne ha favorito lo sviluppo umano (interazione sociale, interventi antropici sulla natura, creazione di utensili, strategie di caccia, ecc).
«Siate il meglio di qualunque cosa siate» [Martin Luther King]
«Dove regna la saggezza, non vi è alcun conflitto tra pensiero e sentimento» [Carl Gustav Jung]
Avatar utente
Ovidio
Senatore
Messaggi: 2443
Iscritto il: 25 set 2020, 17:08
Has thanked: 218 times
Ti Piace: 501 times

Re: Siamo frutto di un Pensiero?

Messaggio da leggere da Ovidio »

Shamash ha scritto: 20 gen 2021, 15:51
heyoka ha scritto: 20 gen 2021, 15:28 Ma questa evoluzione è dovuta al CASO o ad un PENSIERO evolutivo che l' ha gestita?
Per quel che si conosce (da Darwin, ma anche alcuni studiosi prima di lui che, in buona misura, hanno influenzato le sue teorie) in poi, l'evoluzione ha spinto tutti gli esseri viventi (piante e animali, noi compresi) nel migliorare e potenziare determinate caratteristiche utili alla sopravvivenza e alla riproduzione e ha "tralasciato" altre, non utili allo scopo.
Per quanto riguarda il pensiero, è un mondo estremamente affascinante di cui, seppur si siano fatti passi da gigante grazie a numerose discipline scientifiche, si conosce ancora poco. Potrebbe quindi essere logico credere che anch'esso si sia evoluto per ragioni intrinseche alla vita, così come ciò che ne ha favorito lo sviluppo umano (interazione sociale, interventi antropici sulla natura, creazione di utensili, strategie di caccia, ecc).
Hei Shamash, il "Pensiero" di Heyka non è inteso come il pensiero degli uomini!
Tenere sempre a mente la „regola d‘oro“
Avatar utente
Shamash
Deputato
Messaggi: 990
Iscritto il: 9 giu 2019, 16:37
1
Has thanked: 146 times
Ti Piace: 423 times

Re: Siamo frutto di un Pensiero?

Messaggio da leggere da Shamash »

Ovidio ha scritto: 20 gen 2021, 16:01 Hei Shamash, il "Pensiero" di Heyka non è inteso come il pensiero degli uomini!
Ho inteso, ma da agnostico escludo a priori tale concezione, concentrandomi solo sulla questione evolutiva (antropologica e psicologica). :)
«Siate il meglio di qualunque cosa siate» [Martin Luther King]
«Dove regna la saggezza, non vi è alcun conflitto tra pensiero e sentimento» [Carl Gustav Jung]
Avatar utente
Ovidio
Senatore
Messaggi: 2443
Iscritto il: 25 set 2020, 17:08
Has thanked: 218 times
Ti Piace: 501 times

Re: Siamo frutto di un Pensiero?

Messaggio da leggere da Ovidio »

Shamash ha scritto: 20 gen 2021, 16:03
Ovidio ha scritto: 20 gen 2021, 16:01 Hei Shamash, il "Pensiero" di Heyka non è inteso come il pensiero degli uomini!
Ho inteso, ma da agnostico escludo a priori tale concezione, concentrandomi solo sulla questione evolutiva (antropologica e psicologica). :)
Da agnostico dovresti semplicemente astenerti da esprimere giudizi sul "Pensiero", non escluderlo.

Per il "pensiero", si, anche per me è una forma evolutiva, presente in vari gradi nel mondo animale. È que? Lo che preferisco chiamare "anima", vita. Il pensiero ci consente di rispondere con azioni ai segnali che il nostro corpo ci trasmette.

Il "Pensiero" invece ci permette, o ci dovrebbe permettere, di guidare in modo etico le nostre azioni.
Tenere sempre a mente la „regola d‘oro“
Rispondi