Giacomo Ponti, ad dell’azienda di Ghemme interviene nella guerra dell’aceto: “L’Europa fermi il balsamico sloveno”

Discussioni riguardanti la politica europea
Avatar utente
Crossfire
Consigliere
Messaggi: 295
Iscritto il: 9 nov 2020, 16:45
Has thanked: 100 times
Ti Piace: 91 times

Giacomo Ponti, ad dell’azienda di Ghemme interviene nella guerra dell’aceto: “L’Europa fermi il balsamico sloveno”

Messaggio da leggere da Crossfire »

Giacomo Ponti, ad dell’azienda di Ghemme interviene nella guerra dell’aceto: “L’Europa fermi il balsamico sloveno”
Tra una Rolls autentica e una tarocca l’acquirente è in grado di distinguere: perché non funziona con l’aceto balsamico?
«Nei prodotti alimentari il discorso è più complesso. Stiamo per affrontare lo stesso problema di concorrenza sleale che ha avuto il Parmigiano con i Parmesan. L’aceto sloveno verrebbe venduto nello stesso scaffale del supermercato degli Stati Uniti o della Germania accanto al nostro, strizzando l’occhio al consumatore con la denominazione italianeggiante, anche se di italiano non ha nulla. All’estero però l’italian sound, in campo alimentare, attira e ha già fatto molti danni, spacciando per italiani prodotti fatti chissà dove e chissà come, ma venduti a prezzi sicuramente inferiori e quindi facilmente concorrenziali».
Poshibel 'na cavra de het quintai.
giaguaro
Consigliere
Messaggi: 514
Iscritto il: 9 giu 2019, 10:49
1
Has thanked: 616 times
Ti Piace: 220 times

Re: Giacomo Ponti, ad dell’azienda di Ghemme interviene nella guerra dell’aceto: “L’Europa fermi il balsamico sloveno”

Messaggio da leggere da giaguaro »

Crossfire ha scritto: 5 mar 2021, 10:33 Giacomo Ponti, ad dell’azienda di Ghemme interviene nella guerra dell’aceto: “L’Europa fermi il balsamico sloveno”
Tra una Rolls autentica e una tarocca l’acquirente è in grado di distinguere: perché non funziona con l’aceto balsamico?
«Nei prodotti alimentari il discorso è più complesso. Stiamo per affrontare lo stesso problema di concorrenza sleale che ha avuto il Parmigiano con i Parmesan. L’aceto sloveno verrebbe venduto nello stesso scaffale del supermercato degli Stati Uniti o della Germania accanto al nostro, strizzando l’occhio al consumatore con la denominazione italianeggiante, anche se di italiano non ha nulla. All’estero però l’italian sound, in campo alimentare, attira e ha già fatto molti danni, spacciando per italiani prodotti fatti chissà dove e chissà come, ma venduti a prezzi sicuramente inferiori e quindi facilmente concorrenziali».
Smiling

Sarebbe giusto e logico che l'Europa intervenisse per reprimere con decisione tutte le falsificazioni alimentari e non solo.
Ma ho paura che i suoi interventi si limiteranno a confermare quanto si sta profilando già da tempo. E cioè che tanti prodotti italiani, in genere i migliori e più accrediati nel mondo, possona arrecar danno alla salute.
E' un modo, insomma ,per sminuire l'immagine dei prodotti italiani a vantaggio dei furbetti sparsi per il mondo.
Non posso insegnare niente a nessuno, posso solo cercare di farli riflettere - SOCRATE
Avatar utente
Ovidio
Senatore
Messaggi: 2442
Iscritto il: 25 set 2020, 17:08
Has thanked: 218 times
Ti Piace: 501 times

Re: Giacomo Ponti, ad dell’azienda di Ghemme interviene nella guerra dell’aceto: “L’Europa fermi il balsamico sloveno”

Messaggio da leggere da Ovidio »

giaguaro ha scritto: 7 mar 2021, 13:22
Crossfire ha scritto: 5 mar 2021, 10:33 Giacomo Ponti, ad dell’azienda di Ghemme interviene nella guerra dell’aceto: “L’Europa fermi il balsamico sloveno”
Tra una Rolls autentica e una tarocca l’acquirente è in grado di distinguere: perché non funziona con l’aceto balsamico?
«Nei prodotti alimentari il discorso è più complesso. Stiamo per affrontare lo stesso problema di concorrenza sleale che ha avuto il Parmigiano con i Parmesan. L’aceto sloveno verrebbe venduto nello stesso scaffale del supermercato degli Stati Uniti o della Germania accanto al nostro, strizzando l’occhio al consumatore con la denominazione italianeggiante, anche se di italiano non ha nulla. All’estero però l’italian sound, in campo alimentare, attira e ha già fatto molti danni, spacciando per italiani prodotti fatti chissà dove e chissà come, ma venduti a prezzi sicuramente inferiori e quindi facilmente concorrenziali».
Smiling

Sarebbe giusto e logico che l'Europa intervenisse per reprimere con decisione tutte le falsificazioni alimentari e non solo.
Ma ho paura che i suoi interventi si limiteranno a confermare quanto si sta profilando già da tempo. E cioè che tanti prodotti italiani, in genere i migliori e più accrediati nel mondo, possona arrecar danno alla salute.
E' un modo, insomma ,per sminuire l'immagine dei prodotti italiani a vantaggio dei furbetti sparsi per il mondo.
Aspettiamo la votazione! Poi giudichiamo.
Tenere sempre a mente la „regola d‘oro“
Rispondi