Il buco dell'ozono alla sua massima estensione

Discussioni riguardanti la politica europea
Avatar utente
Shamash
Deputato
Messaggi: 900
Iscritto il: 9 giu 2019, 16:37
1
Has thanked: 134 times
Ti Piace: 382 times

Il buco dell'ozono alla sua massima estensione

Messaggio da leggere da Shamash »

Il Copernicus climate change service (C3s) afferma che nel 2020 il dell'ozono ha raggiunto la sua massima estensione in ampiezza e profondità.

Ora, visto che tale elemento stratosferico funziona come uno "scudo", proteggendoci dalle radiazioni ultraviolette potenzialmente dannose, viene da sé che sia fondamentale tenerlo sotto controllo e, soprattutto, adoperarsi per limitarne l'estensione.
Fra i principali indiziati ci sono i "famigerati" , fra cui vi è la plastica (ossia elementi chimici usati per la sua produzione), nonostante sia dal 1987 che si dovrebbero ridurre.

La domanda, quindi, è una: quando tutti i Paesi si decideranno veramente a salvaguardare il nostro (per ora) unico Pianeta abitabile?
Le alternative ci sono, oltre a convertire la produzione di plastiche con materiali biodegradabili. :roll:
«Siate il meglio di qualunque cosa siate» [Martin Luther King]
«Dove regna la saggezza, non vi è alcun conflitto tra pensiero e sentimento» [Carl Gustav Jung]
Avatar utente
Ovidio
Senatore
Messaggi: 2092
Iscritto il: 25 set 2020, 17:08
Has thanked: 199 times
Ti Piace: 389 times

Re: Il buco dell'ozono alla sua massima estensione

Messaggio da leggere da Ovidio »

Shamash ha scritto: 6 ott 2020, 20:52 Il Copernicus climate change service (C3s) afferma che nel 2020 il dell'ozono ha raggiunto la sua massima estensione in ampiezza e profondità.

Ora, visto che tale elemento stratosferico funziona come uno "scudo", proteggendoci dalle radiazioni ultraviolette potenzialmente dannose, viene da sé che sia fondamentale tenerlo sotto controllo e, soprattutto, adoperarsi per limitarne l'estensione.
Fra i principali indiziati ci sono i "famigerati" , fra cui vi è la plastica (ossia elementi chimici usati per la sua produzione), nonostante sia dal 1987 che si dovrebbero ridurre.

La domanda, quindi, è una: quando tutti i Paesi si decideranno veramente a salvaguardare il nostro (per ora) unico Pianeta abitabile?
Le alternative ci sono, oltre a convertire la produzione di plastiche con materiali biodegradabili. :roll:
Non credo che si decideranno
Tenere sempre a mente la „regola d‘oro“
Avatar utente
Michelangelo
Deputato
Messaggi: 1317
Iscritto il: 23 giu 2019, 15:00
1
Has thanked: 1045 times
Ti Piace: 426 times

Re: Il buco dell'ozono alla sua massima estensione

Messaggio da leggere da Michelangelo »

Ci si era dimenticati di questo grave problema.
Ormai, la salvaguardia per l'umanità( e gli esseri viventi in generale, nonché l'ambiente), è diventata di importanza sempre più secondaria, per chi guida questo Pianeta.
Nel 2019, il fenomeno si era attenuato sensibilmente e ciò sarebbe avvenuto grazie alle temperature particolarmente elevate, rispetto agli altri anni.
In questo articolo, se ne parla: https://industriaeformazione.it/2019/10 ... mperature/

Oltre ai danni provocati dalla plastica, si è sempre parlato dell'eliminazione delle famigerate bombolette spray, i cui gas sarebbero tra i responsabili del fenomeno (inibitori per la rigenerazione dell'ozono), ma pare sia finito in un nulla di fatto! :?:
“Un popolo che dimentica i fasti del patriottismo è un popolo in decadenza. Il passato segna i doveri dell’avvenire.”
Francesco Crispi
Avatar utente
Shamash
Deputato
Messaggi: 900
Iscritto il: 9 giu 2019, 16:37
1
Has thanked: 134 times
Ti Piace: 382 times

Re: Il buco dell'ozono alla sua massima estensione

Messaggio da leggere da Shamash »

Ci sono troppi interessi economici alle spalle di tutto ciò.
Non a caso, proprio per prendere in esame le plastiche, per la loro produzione si fa largo uso di petrolio (greggio, da raffinare), carbone, cellulosa, gas naturale e sale. Finché ci sarà un mercato ancora totalmente dipendente dal petrolio (e derivati), non si andrà da nessuna parte. :roll:
«Siate il meglio di qualunque cosa siate» [Martin Luther King]
«Dove regna la saggezza, non vi è alcun conflitto tra pensiero e sentimento» [Carl Gustav Jung]
Avatar utente
Vento
Consigliere
Messaggi: 625
Iscritto il: 8 giu 2019, 23:48
1
Has thanked: 152 times
Ti Piace: 148 times

Re: Il buco dell'ozono alla sua massima estensione

Messaggio da leggere da Vento »

industrializzazione —> esplosione demografica —> consumo di massa —> turismo di massa —> inquinamento --> epidemie --> instupidimento

Una sequenza nota, una progressione geometrica, eppure a parlare di controllo delle nascite in un forum si viene bannati, perché amici di Bill Gate.
Rispondi