Il pensiero politico di Ginger.

Forum di discussione sulla politica italiana, i partiti e le istituzioni.
Avatar utente
heyoka
Senatore
Messaggi: 5293
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
1
Has thanked: 1705 times
Ti Piace: 879 times

Re: Il pensiero politico di Ginger.

Messaggio da leggere da heyoka »

Mi interessa capire le dinamiche della fede politica in generale.
Dico a Ginger, che anche a me, interessa capire le dinamiche delle fedi politiche.
E anche quella del NON voto è una fede, a mio parere.
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Avatar utente
nerorosso
Senatore
Messaggi: 2715
Iscritto il: 8 giu 2019, 17:34
1
Has thanked: 590 times
Ti Piace: 569 times

Re: Il pensiero politico di Ginger.

Messaggio da leggere da nerorosso »

heyoka ha scritto: 12 mar 2021, 0:44
Mi interessa capire le dinamiche della fede politica in generale.
Dico a Ginger, che anche a me, interessa capire le dinamiche delle fedi politiche.
E anche quella del NON voto è una fede, a mio parere.
Fede… Boh!

Piuttosto direi che è fiducia nelle proprie idee...

Però direi che si, in qualche modo la politica è anche fede

Soprattutto per chi è più ideologizzato.
PATRIA O MUERTE!!!

(Fidel Castro)
leno
Deputato
Messaggi: 1237
Iscritto il: 10 giu 2019, 21:36
1
Località: Fiano Romano (RM)
Has thanked: 771 times
Ti Piace: 249 times

Re: Il pensiero politico di Ginger.

Messaggio da leggere da leno »

nerorosso ha scritto: 12 mar 2021, 0:35
Ginger ha scritto: 12 mar 2021, 0:11 Giusto per chiarire io non riesco a decidermi rispetto alla politica...per cui non sono né sardina né meloniana...sono una curiosa più che altro da un punto di vista sociologico. Mi interessa capire le dinamiche della fede politica in generale. Perciò cerco di parlare con le persone più che altro per capire. Mi dispiace.
Ma per caso bisogna per forza essere di qualche partito per partecipare a questo forum?
Perché purtroppo io di politica ci capisco troppo poco per assumermi la responsabilità di sostenere personaggi che non mi fanno capire nulla e sembra non facciamo altro che fare il contrario di ciò che dicono.
No Ginger, non bisogna per forza parteggiare per qualche partito.
Rispetto all'arco parlamentare io sono un dissenziente assoluto. Per me come dico anche nel tuo topic di presentazione

viewtopic.php?f=27&t=6125&p=54002#p54002

Li ritengo tutti allineati e coperti in difesa dei dogmi liberisti.
Aggiungerei che sono tutti accomunati dalla paura del cambiamento che anche solo sfiori i loro centri di potere e il primo a vedere quello che oggi appesta la politica di oggi fu Enrico Berlinguer nel lontano 1981 .

...."I partiti di oggi sono soprattutto macchine di potere e di clientela"....

https://www.linkiesta.it/2015/06/linter ... ne-morale/

E pronunciata la frase di cui sopra non fece alcuna distinzione tra l'allora PCI e gli
altri partiti .

Quando il grillismo era ancora un fenomeno "parapolitico", prima di entrare a palazzo ,ebbi a dire (non quì) ..."Il paese ha bisogno di un potente scossone, magari entrassero in Parlamento"...

Purtroppo, ingenuamente, non avevo considerato che il "sistema" era pienamente e perversamente capacce di proteggersi e il grillismo troppo esperto dei perversi meccanismi della politica e il risultato é il caos che tutti vediamo .

.......la politica barcolla ma non molla .
La politica è l’arte d’impedire agli avversari di fare la loro

.........ma andare oltre no ?
Avatar utente
RedWine
Deputato
Messaggi: 1488
Iscritto il: 9 giu 2019, 14:54
1
Has thanked: 333 times
Ti Piace: 436 times

Re: Il pensiero politico di Ginger.

Messaggio da leggere da RedWine »

heyoka ha scritto: 11 mar 2021, 18:25
Quello che pare a me è che mangino tutti dallo stesso piatto. Ma non possono farlo a vedere perché se fossero scoperti perderebbero i loro privilegi.
Nessuno dei tre sa cosa significhi lavorare...né produrre ne prendersi vere responsabilità.
Ti dirò io voto sempre ma annullo la scheda.
Vogliamo discuterne?
Ginger ha fatto i nomi di Salvini, Grillo e Renzi.
Ma non ha citato Zingaretti, Mattarella, Letta, Bersani, Boldrini e Meloni.
con simili affermazioni, non mi pare che il problema sia chi ha citato o meno, ma il deleterio scivolamento verso l'antipolitica.
a parte il fatto che tutti i nomi citati lavorano e hanno lavorato duramente per arrivare dove sono, i partiti sono l'unico mezzo che un cittadino comune ha per promuovere le proprie idee.
i cittadini NON comuni, ne hanno altri, si comprano un giornale una TV o fanno una campagna pubblicitaria e finanziano un po di youtuber giornalisti opinionisti e impongono le proprie idee e i propri interessi senza dover passare per le noiose lungaggini della prassi democratica, anche perchè molte volte con la democrazia, ossia rendendo palesi le loro intenzioni e interessi, otterrebbero l'effetto contrario
e di fatto sono proprio costoro che controllano, finanziano e spingono l'antipolitica, per loro i partiti sono un impiccio e i loro leader un fastidio, su cui gettare discredito.
Se non crediamo nella libertà di espressione per le persone che disprezziamo, non ci crediamo affatto N.Chomsky
Ginger
Candidato Politico
Messaggi: 186
Iscritto il: 10 mar 2021, 9:40
Has thanked: 112 times
Ti Piace: 118 times

Re: Il pensiero politico di Ginger.

Messaggio da leggere da Ginger »

RedWine ha scritto: 12 mar 2021, 9:25
heyoka ha scritto: 11 mar 2021, 18:25
Quello che pare a me è che mangino tutti dallo stesso piatto. Ma non possono farlo a vedere perché se fossero scoperti perderebbero i loro privilegi.
Nessuno dei tre sa cosa significhi lavorare...né produrre ne prendersi vere responsabilità.
Ti dirò io voto sempre ma annullo la scheda.
Vogliamo discuterne?
Ginger ha fatto i nomi di Salvini, Grillo e Renzi.
Ma non ha citato Zingaretti, Mattarella, Letta, Bersani, Boldrini e Meloni.
con simili affermazioni, non mi pare che il problema sia chi ha citato o meno, ma il deleterio scivolamento verso l'antipolitica.
a parte il fatto che tutti i nomi citati lavorano e hanno lavorato duramente per arrivare dove sono, i partiti sono l'unico mezzo che un cittadino comune ha per promuovere le proprie idee.
i cittadini NON comuni, ne hanno altri, si comprano un giornale una TV o fanno una campagna pubblicitaria e finanziano un po di youtuber giornalisti opinionisti e impongono le proprie idee e i propri interessi senza dover passare per le noiose lungaggini della prassi democratica, anche perchè molte volte con la democrazia, ossia rendendo palesi le loro intenzioni e interessi, otterrebbero l'effetto contrario
e di fatto sono proprio costoro che controllano, finanziano e spingono l'antipolitica, per loro i partiti sono un impiccio e i loro leader un fastidio, su cui gettare discredito.
Io non vedo l'ora di trovare una "strada politica", e spero di poter imparare qualcosa qui. Hai ragione anche io penso che a generare questo odioso spaesamento politico vi siano vari interessi. Tu che mi proponi? Come posso difendermi? Come posso supportare qualcuno stando tranquilla? Secondo te di chi dovrei fidarmi e perché?
Sono qui a posta per trovare una via...scusate se sembro un mulo. È che non essendo adeguatamente informata non ho mai ben capito che lavoro facevano coloro che ho citato ne' se hanno fatto cose buone.
Se le hanno fatte mi scuso anticipatamente. Potreste però fare qualche esempio, così mi aiutate.
Avatar utente
Alfa
Senatore
Messaggi: 4066
Iscritto il: 8 giu 2019, 16:35
1
Has thanked: 528 times
Ti Piace: 1540 times

Re: Il pensiero politico di Ginger.

Messaggio da leggere da Alfa »

La Repubblica Italiana è definita e riconosciuta "Democratica".
Posso comunque affermare, che questa Repubblica "Democratica" (preferisco metterla tra virgolette), è ed è stata, la più grande "puppa" per chi si è seduto nei suoi rami parlamentari e non solo. I suoi parlamentari e in molti casi, capi di partito, si sono resi ladri verso il popolo intero e non ho dubbi nell'affermare che questa sia la Repubblica definita Democratica più truffaldina verso il suo popolo del mondo.
Vero è, che il popolo glielo ha permesso, sempre. Questo perché l'italidiota non è un krucco, una persona con le sfere, ma semplicemente un gregge di pecoroni che non si merita di meglio.
Un paese dove perfino le sardine si candidano a mangiarci, nemmeno fossero pescicane, non è un paese, ma un qualcosa facile da conquistare anche dalla Nina, Pinta e Santa Maria che arrivano dall'Africa, ma che dico, perfino da una zattera.
Una merda puzzolente che crede di essere un profumo di Dior.
Ginger
Candidato Politico
Messaggi: 186
Iscritto il: 10 mar 2021, 9:40
Has thanked: 112 times
Ti Piace: 118 times

Re: Il pensiero politico di Ginger.

Messaggio da leggere da Ginger »

heyoka ha scritto: 12 mar 2021, 0:44
Mi interessa capire le dinamiche della fede politica in generale.
Dico a Ginger, che anche a me, interessa capire le dinamiche delle fedi politiche.
E anche quella del NON voto è una fede, a mio parere.
Ma io voglio votare. Non sono fedele al non voto, anzi mi vergogno del fatto di essere in grado di prendere decisioni in tante cose e non a fare scelte politiche.
Vado a votare da 22 anni, ci sono sempre andata se è per questo...io vorrei solo che qualcuno con calma mi facesse capire tutto per bene .
Spero di riuscire qui a trovare una strada.
Avatar utente
Ovidio
Senatore
Messaggi: 2442
Iscritto il: 25 set 2020, 17:08
Has thanked: 218 times
Ti Piace: 501 times

Re: Il pensiero politico di Ginger.

Messaggio da leggere da Ovidio »

Ginger ha scritto: 12 mar 2021, 0:11 Giusto per chiarire io non riesco a decidermi rispetto alla politica...per cui non sono né sardina né meloniana...sono una curiosa più che altro da un punto di vista sociologico. Mi interessa capire le dinamiche della fede politica in generale. Perciò cerco di parlare con le persone più che altro per capire. Mi dispiace.
Ma per caso bisogna per forza essere di qualche partito per partecipare a questo forum?
...
Assolutamente no. Personalmente preferisco discutere su proposte, affermazioni, prese di posizione a favore o contra.

Questa è politica.

Nessuno di noi dice ... sono leghista o sono comunista ... per partito preso. Molti leghisti hanno criticato Salvini, e molti FI hanno criticato Berlusca ... (ops, ho omesso qualcosa o qualcuno ... Adesso arparte Carletto!).

No, poni giuste argomentazioni e tutti ti seguiranno!
Tenere sempre a mente la „regola d‘oro“
Avatar utente
heyoka
Senatore
Messaggi: 5293
Iscritto il: 10 giu 2019, 11:41
1
Has thanked: 1705 times
Ti Piace: 879 times

Re: Il pensiero politico di Ginger.

Messaggio da leggere da heyoka »

Come posso difendermi? Come posso supportare qualcuno stando tranquilla? Secondo te di chi dovrei fidarmi e perché?
Ottime domande,Ginger.
Bisogna sempre partire da ottime domande, se vogliamo cercare buone risposte.
Se vuoi posdo suggerirti una buona domanda, che potrebbe aiutarti a rispondere alla tua ultima domanda.
DOMANDA: Perché il potere politico è sempre molto attento ad avere il potere sui media?
Ti ricordo la massima di Goebbels.
Una bugia ripetuta 10/100/1000 volte diventa verità.
Credo che la Sinistra sia diventata impareggiabile nell' applicare questa massima di Goebbels.
Il caso Palamara, in qualsiasi paese libero di questo mondo, avrebbe scatenato un putiferio mediatico.
In italia?
La vita è come un ponte, puoi attraversarla ma non costruirci una casa sopra.
(Proverbio dei Sioux)
Ginger
Candidato Politico
Messaggi: 186
Iscritto il: 10 mar 2021, 9:40
Has thanked: 112 times
Ti Piace: 118 times

Re: Il pensiero politico di Ginger.

Messaggio da leggere da Ginger »

Infatti concordo...è allucinante...questo aspetto mi fa molta paura. Solo informazioni contrastanti...ma esistecun modo per attingere ai conti pubblici? Cioè per verificare delle fonti oggettive sui dati?
Io purtroppo uso il web, ma non sono un gran che nelle ricerche e non riesco a trovare i dati.
Spesso bazzico fra i siti istituzionali dei vari ministeri, dei vari partiti, Ue ecc, ma la ricerca è un casino.
Con le leggi sulla trasparenza buona parte dei dati di bilancio e spesa sono in parte consultabili...o sbaglio? Esistono luoghi in cui valutare i singoli programmi in relazione ai dati condivisi dalla comunità?
Sarebbe davvero bello poter sviluppare un gruppo gi analisi condivisa in cui ciascuno fornisca un apporto in base alle proprie competenze e metta in comune i propri risultati e le proprie idee poter commentare idee e programmi in relazione ai dati e farsi un'idea di quale sia effettivamente la situazione. Poi ovvio che ciascuno avrà idee diverse e sceglierà per la sua via. Ma almeno in questo modo è più facile che indecisi come me si decidano e rischino di esprimersi a favore di qualcuno.
Rispondi