Federalismo. E' una soluzione percorribile ?

Argomentazioni sul federalismo in Italia. E' possibile, come e perche?

Re: Federalismo. E' una soluzione percorribile ?

Messaggioda liberi pensieri » 09/04/2016, 12:22

Siamo tutti quanti teste dure ma spero che ci rispettiamo nonostante visoni diverse.
Come non ti interessa del mio patriottismo a me non frega dell'utopia.
Fino a prova contraria esiste uno stato italiano e questo è innegabile che può piacere o no.
Poi ognuno può fare quello che meglio crede.
Sull'est europeo è vero che certe forme di nazionalismo sono per lo più una forma di "protesta" contro l'ex passato comunista, su questo hai ragione.
Comunque è un fenomeno rilevante e in più c'è anche il caso francese.
Su Grillo è il suo movimento credo che sia uno specchio per le allodole per far confluire voti di protesta in un movimento inconcludente.
Mi spiego chi non è daccordo con le parole di Grillo, anzi mi stupisco delle persone che si meravigliano quando dice certi temi .
Non fa tremare nulla perchè anche lui, o meglio Casaleggio, sa benissimo che può fare la voce grossa fino a un certo punto.
Per questo non serve nulla votare perchè si è presi in giro da tutti.
Cosa proponi concretamente nell'attuare il tuo pensiero ?
Punti fondamentali e come attuarli.
Poi cominciamo pure ad analizzarli
“La libertà di pensiero è più forte della tracotanza del potere.”
Avatar utente
liberi pensieri
politico
 
Messaggi: 301
Iscritto il: 15/03/2012, 11:50

Re: Federalismo. E' una soluzione percorribile ?

Messaggioda nerorosso » 09/04/2016, 14:30

Concordo su quanto dici del M5S, basta vedere quanto hanno attenuato negli ulrimi tempi la questione euro/UE...

Non sono loro la soluzione ai problemi italiani.

PATRIA O MUERTE!

Avatar utente
nerorosso
Amministrazione
 
Messaggi: 5121
Iscritto il: 24/03/2012, 0:36

Re: Federalismo. E' una soluzione percorribile ?

Messaggioda heyoka » 09/04/2016, 14:53

@INFURIATO

Non sono loro la soluzione ai problemi italiani.[/quote]

C'è del marcio in Italia!
Se in 155 anni di storia NESSUN PARTITO e NESSUN STATISTA è riuscito a trovare una soluzione ai problemi italiani è giunto il tempo di guarire da certe paranoie patriottiche e ammettere SAGGIAMENTE che Metternich era stato ottimo profeta quando disse:
L' ITALIA E SOLO UNA ESPRESSIONE GEOGRAFICA.
TOSCANA e TRIVENETO LIBERI e SOVRANI!
Avatar utente
heyoka
politico
 
Messaggi: 7005
Iscritto il: 22/11/2011, 15:51

Re: Federalismo. E' una soluzione percorribile ?

Messaggioda liberi pensieri » 10/04/2016, 12:05

heyoka ha scritto:@INFURIATO

Non sono loro la soluzione ai problemi italiani.


C'è del marcio in Italia!
Se in 155 anni di storia NESSUN PARTITO e NESSUN STATISTA è riuscito a trovare una soluzione ai problemi italiani è giunto il tempo di guarire da certe paranoie patriottiche e ammettere SAGGIAMENTE che Metternich era stato ottimo profeta quando disse:
L' ITALIA E SOLO UNA ESPRESSIONE GEOGRAFICA.[/quote]

Nessun tentativo di boicottaggio o di voler uscire dal seminato del post. Ci s'interrogava di forze "anti-sistema" che potevano dare una proposta a una presunta richiesta di federalismo.
Risultato è che nella politica italiana, ma credo anche in quella mondiale, non ci sarà mai nessuno che farà gli interessi del popolo.
Ognuno ha le sue storie personali e i suoi percorsi culturali e quindi si può criticare come è e come è stata impostata l'Italia dalla sua nascita fino ad adesso.
E' vero esistono pochi statisti di razza e forse l'unico degno in questo nome ha governato il paese nei primi del 900 facendo si che l'Italia sia degna di tale nome.
Unico periodo di gloria cancellato dall'Italia repubblicana che ha svilito tutto quello di meglio che è stato creato.
Di certo la prima repubblica era marci al suo interno ma aveva politici di razza.
Penso alla figura, criticabile o meno, di Craxi che con sigonella e una certa impostazione di sovranità energetica diede lustro a questa martoriata nazione.
“La libertà di pensiero è più forte della tracotanza del potere.”
Avatar utente
liberi pensieri
politico
 
Messaggi: 301
Iscritto il: 15/03/2012, 11:50

Federalismo. E' una soluzione percorribile!

Messaggioda Kostantino » 11/04/2016, 16:10

Notate il titolo della discussione, chiaramente ripreso dalla precedente. Non voglio ripetermi in discorsi già affrontati da altri, più che altro vorrei affermare alcuni concetti che alcuni (me ne avete dato esempio) condividono.

Il Federalismo
Non smetterò mai di dirlo, sono contrario alla propaganda leghista (come alcuni mi hanno fatto notare, potrebbe essere un problema di mia personale costituzione).
Credo però in una forma organizzativa ben precisa, il Federalismo. A beneficio di chi non conosce la materia ne darò una breve descrizione.

Per citare Wikipedia
Il federalismo indica la condizione di un insieme di entità autonome, legate però tra loro dal vincolo di un patto (in latino, appunto, foedus, "patto, alleanza").
L'accezione comune del termine appartiene all'ambito politico: il federalismo è la dottrina che appoggia e favorisce un processo di unione tra diversi Stati (a volte denominati anche soggetti federali, Länder, commonwealth, territori, province, ecc.), che mantengono in diversi settori le proprie leggi particolari, ma hanno una costituzione condivisa e un governo comune.

In Italia il federalismo è già in parte applicato, nel contesto e nel riguardo degli enti locali, però non potremo parlare di Federalismo in quanto tale per alcuni limiti imposti dalla nostra costituzione.

Cercherò di essere quanto più schematico possibile, raccogliendo in punti ciò che è stato detto e possibilmente ciò che c'è da sapere su questa forma di Stato. Mi farebbe anche piacere se voi aggiungeste i vostri pensieri e le vostre considerazioni a questo ipotetico corollario.

PRO
- Secondo il sistema federale, ogni entità locale (che si chiameranno regioni, stati, Länder o quel che sia) hanno pieni poteri in termini di riforme sul lavoro, sulla tassazione e sull'organizzazione interna, varie ed eventuali, che hanno validità piena nel territorio in cui vengono esercitati. Questo garantisce la piena identità degli stati a fronte di una Nazione che di Nazione ha soltanto il nome e che vede se stessa preda di un sentimento tutt'altro che patriottico.
- Secondo il sistema federale, esiste un governo superiore, verticale rispetto a quello degli enti (orizzontale). Questo governo si impegna a sostenere la costituzione, intervenendo su quelle riforme varate nei singoli enti, garantendo quindi la costituzionalità.
- Secondo il sistema federale, ogni ente possiede un governo proprio, garantendo un accesso alla politica più ampio e sistematico. E' democratico ai limiti dello scibile.
- Permette, come già detto, ai singoli enti di provvedere ai propri problemi singolarmente e in maniera mirata. Un governo univoco non fa altro che accomunare tutti i problemi in una lista, risolvendoli superficialmente (E' un limite fisiologico vista la gran quantità di questioni che riguardano una Nazione intera).

CONTRO
- Va costruito in maniera corretta, al fine di creare un patto saldo e condiviso (prerogativa del sistema stesso), potrebbe risultare difficile.
- Rischia di creare dislivelli in campo sopratutto giuridico e finanziario che potrebbe portare a pericolose rivalità (addirittura ad ostilità).
- Deve essere direzionato da un governo forte (quello verticale), capace di regolare in maniera attenta e rigorosa il governo degli enti, anche questo potrebbe risultare difficile.


Queste sono solo alcune caratteristiche, vogliamo discuterne?
Ultima modifica di Rosanna il 11/04/2016, 17:42, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Unione di 3d contenenti la stessa tematica -
Non è la coscienza degli uomini che determina la loro vita, ma le condizioni della loro vita che ne determinano la coscienza. (Karl Marx)
Avatar utente
Kostantino
politico
 
Messaggi: 1693
Iscritto il: 07/04/2016, 1:08
Località: Napoli

Re: Federalismo. E' una soluzione percorribile!

Messaggioda giampieros » 11/04/2016, 18:32

Kostantino ha scritto:Notate il titolo della discussione, chiaramente ripreso dalla precedente. Non voglio ripetermi in discorsi già affrontati da altri, più che altro vorrei affermare alcuni concetti che alcuni (me ne avete dato esempio) condividono.

Il Federalismo
Non smetterò mai di dirlo, sono contrario alla propaganda leghista (come alcuni mi hanno fatto notare, potrebbe essere un problema di mia personale costituzione).
Credo però in una forma organizzativa ben precisa, il Federalismo. A beneficio di chi non conosce la materia ne darò una breve descrizione.

Per citare Wikipedia
Il federalismo indica la condizione di un insieme di entità autonome, legate però tra loro dal vincolo di un patto (in latino, appunto, foedus, "patto, alleanza").
L'accezione comune del termine appartiene all'ambito politico: il federalismo è la dottrina che appoggia e favorisce un processo di unione tra diversi Stati (a volte denominati anche soggetti federali, Länder, commonwealth, territori, province, ecc.), che mantengono in diversi settori le proprie leggi particolari, ma hanno una costituzione condivisa e un governo comune.

In Italia il federalismo è già in parte applicato, nel contesto e nel riguardo degli enti locali, però non potremo parlare di Federalismo in quanto tale per alcuni limiti imposti dalla nostra costituzione.

Cercherò di essere quanto più schematico possibile, raccogliendo in punti ciò che è stato detto e possibilmente ciò che c'è da sapere su questa forma di Stato. Mi farebbe anche piacere se voi aggiungeste i vostri pensieri e le vostre considerazioni a questo ipotetico corollario.

PRO
- Secondo il sistema federale, ogni entità locale (che si chiameranno regioni, stati, Länder o quel che sia) hanno pieni poteri in termini di riforme sul lavoro, sulla tassazione e sull'organizzazione interna, varie ed eventuali, che hanno validità piena nel territorio in cui vengono esercitati. Questo garantisce la piena identità degli stati a fronte di una Nazione che di Nazione ha soltanto il nome e che vede se stessa preda di un sentimento tutt'altro che patriottico.
- Secondo il sistema federale, esiste un governo superiore, verticale rispetto a quello degli enti (orizzontale). Questo governo si impegna a sostenere la costituzione, intervenendo su quelle riforme varate nei singoli enti, garantendo quindi la costituzionalità.
- Secondo il sistema federale, ogni ente possiede un governo proprio, garantendo un accesso alla politica più ampio e sistematico. E' democratico ai limiti dello scibile.
- Permette, come già detto, ai singoli enti di provvedere ai propri problemi singolarmente e in maniera mirata. Un governo univoco non fa altro che accomunare tutti i problemi in una lista, risolvendoli superficialmente (E' un limite fisiologico vista la gran quantità di questioni che riguardano una Nazione intera).

CONTRO
- Va costruito in maniera corretta, al fine di creare un patto saldo e condiviso (prerogativa del sistema stesso), potrebbe risultare difficile.
- Rischia di creare dislivelli in campo sopratutto giuridico e finanziario che potrebbe portare a pericolose rivalità (addirittura ad ostilità).
- Deve essere direzionato da un governo forte (quello verticale), capace di regolare in maniera attenta e rigorosa il governo degli enti, anche questo potrebbe risultare difficile.


Queste sono solo alcune caratteristiche, vogliamo discuterne?


Il principale potere che viene delegato alle Unità Territoriali è quello impositivo. Per fare un esempio, la riforma del Titolo V della Costituzione italiana, delega alle regioni il governo della sanità pubblica, senza dar loro il potere impositivo e quindi la possibilità di tassare i suoi cittadini per mantenere il loro sistema sanitario. Al contrario, dal gettito fiscale generale di tutta Italia, con la Legge di stabilità, lo Stato assegna ad ogni regioni una certa somma con la quale la regione deve mantenere il proprio sistema sanitario. Questo è a mio giudizio, l'esatto contrario del federalismo. Questa, scusate l'espressione, è una cazzata immane oltre ad essere in conflitto insanabile col più elementare buon senso. Bisogne essere scemi ovvero disonesti per far finta di credere che l'Ente Regione non deve chiedere i soldi ai suoi cittadini perchè i soldi li riceve dallo Stato. Sarà quindi sempre portata a chiederne di più e dirà ai suoi cittadini che il sistema sanitario funziona male perchè lo Stato non trasferisce i soldi necessari. Invece è perchè i funzionari ed i politici della regione sono incapaci ad amministrarli ma sono capacissimi a rubarli.
Per essere più chiari lo dirò con l'aforisma di un mio vecchio professore:

FACILE ABBATTERE LE ORTICHE COL CAZZO DEGLI ALTRI.
giampieros
politico
 
Messaggi: 2105
Iscritto il: 08/06/2011, 13:35

Re: Federalismo. E' una soluzione percorribile!

Messaggioda heyoka » 11/04/2016, 19:38

giampieros ha scritto:
Kostantino ha scritto:Notate il titolo della discussione, chiaramente ripreso dalla precedente. Non voglio ripetermi in discorsi già affrontati da altri, più che altro vorrei affermare alcuni concetti che alcuni (me ne avete dato esempio) condividono.

Il Federalismo
Non smetterò mai di dirlo, sono contrario alla propaganda leghista (come alcuni mi hanno fatto notare, potrebbe essere un problema di mia personale costituzione).
Credo però in una forma organizzativa ben precisa, il Federalismo. A beneficio di chi non conosce la materia ne darò una breve descrizione.

Per citare Wikipedia
Il federalismo indica la condizione di un insieme di entità autonome, legate però tra loro dal vincolo di un patto (in latino, appunto, foedus, "patto, alleanza").
L'accezione comune del termine appartiene all'ambito politico: il federalismo è la dottrina che appoggia e favorisce un processo di unione tra diversi Stati (a volte denominati anche soggetti federali, Länder, commonwealth, territori, province, ecc.), che mantengono in diversi settori le proprie leggi particolari, ma hanno una costituzione condivisa e un governo comune.

In Italia il federalismo è già in parte applicato, nel contesto e nel riguardo degli enti locali, però non potremo parlare di Federalismo in quanto tale per alcuni limiti imposti dalla nostra costituzione.

Cercherò di essere quanto più schematico possibile, raccogliendo in punti ciò che è stato detto e possibilmente ciò che c'è da sapere su questa forma di Stato. Mi farebbe anche piacere se voi aggiungeste i vostri pensieri e le vostre considerazioni a questo ipotetico corollario.

PRO
- Secondo il sistema federale, ogni entità locale (che si chiameranno regioni, stati, Länder o quel che sia) hanno pieni poteri in termini di riforme sul lavoro, sulla tassazione e sull'organizzazione interna, varie ed eventuali, che hanno validità piena nel territorio in cui vengono esercitati. Questo garantisce la piena identità degli stati a fronte di una Nazione che di Nazione ha soltanto il nome e che vede se stessa preda di un sentimento tutt'altro che patriottico.
- Secondo il sistema federale, esiste un governo superiore, verticale rispetto a quello degli enti (orizzontale). Questo governo si impegna a sostenere la costituzione, intervenendo su quelle riforme varate nei singoli enti, garantendo quindi la costituzionalità.
- Secondo il sistema federale, ogni ente possiede un governo proprio, garantendo un accesso alla politica più ampio e sistematico. E' democratico ai limiti dello scibile.
- Permette, come già detto, ai singoli enti di provvedere ai propri problemi singolarmente e in maniera mirata. Un governo univoco non fa altro che accomunare tutti i problemi in una lista, risolvendoli superficialmente (E' un limite fisiologico vista la gran quantità di questioni che riguardano una Nazione intera).

CONTRO
- Va costruito in maniera corretta, al fine di creare un patto saldo e condiviso (prerogativa del sistema stesso), potrebbe risultare difficile.
- Rischia di creare dislivelli in campo sopratutto giuridico e finanziario che potrebbe portare a pericolose rivalità (addirittura ad ostilità).
- Deve essere direzionato da un governo forte (quello verticale), capace di regolare in maniera attenta e rigorosa il governo degli enti, anche questo potrebbe risultare difficile.


Queste sono solo alcune caratteristiche, vogliamo discuterne?


Il principale potere che viene delegato alle Unità Territoriali è quello impositivo. Per fare un esempio, la riforma del Titolo V della Costituzione italiana, delega alle regioni il governo della sanità pubblica, senza dar loro il potere impositivo e quindi la possibilità di tassare i suoi cittadini per mantenere il loro sistema sanitario. Al contrario, dal gettito fiscale generale di tutta Italia, con la Legge di stabilità, lo Stato assegna ad ogni regioni una certa somma con la quale la regione deve mantenere il proprio sistema sanitario. Questo è a mio giudizio, l'esatto contrario del federalismo. Questa, scusate l'espressione, è una cazzata immane oltre ad essere in conflitto insanabile col più elementare buon senso. Bisogne essere scemi ovvero disonesti per far finta di credere che l'Ente Regione non deve chiedere i soldi ai suoi cittadini perchè i soldi li riceve dallo Stato. Sarà quindi sempre portata a chiederne di più e dirà ai suoi cittadini che il sistema sanitario funziona male perchè lo Stato non trasferisce i soldi necessari. Invece è perchè i funzionari ed i politici della regione sono incapaci ad amministrarli ma sono capacissimi a rubarli.
Per essere più chiari lo dirò con l'aforisma di un mio vecchio professore:

FACILE ABBATTERE LE ORTICHE COL CAZZO DEGLI ALTRI.


COME NON STRAQUOTARE , GIAMPIEROS!!!!!
zz zz
TOSCANA e TRIVENETO LIBERI e SOVRANI!
Avatar utente
heyoka
politico
 
Messaggi: 7005
Iscritto il: 22/11/2011, 15:51

Re: Federalismo. E' una soluzione percorribile ?

Messaggioda Kostantino » 11/04/2016, 21:27

Ho convinto mia madre in poche parole ad adottare l'idea del federalismo. E' partita anche lei (sinistra storica) dicendomi che era un'idea leghista. L'ho convinta a tutti gli effetti. Credo che se qualche buon politico perseguisse una campagna elettorale per trasformare l'Italia in una Repubblica Federale potrebbe riuscirci benissimo.
Non è la coscienza degli uomini che determina la loro vita, ma le condizioni della loro vita che ne determinano la coscienza. (Karl Marx)
Avatar utente
Kostantino
politico
 
Messaggi: 1693
Iscritto il: 07/04/2016, 1:08
Località: Napoli

Re: Federalismo. E' una soluzione percorribile ?

Messaggioda Sayonlytruth » 12/04/2016, 1:01

Kostantino ha scritto:Ho convinto mia madre in poche parole ad adottare l'idea del federalismo. E' partita anche lei (sinistra storica) dicendomi che era un'idea leghista. L'ho convinta a tutti gli effetti. Credo che se qualche buon politico perseguisse una campagna elettorale per trasformare l'Italia in una Repubblica Federale potrebbe riuscirci benissimo.



Ma certo che si puo'! L' Italia con le sue forti differenze regionali (pensate a un friulano e un siciliano) e tradizioni storiche (di granducati e repubbliche) e' il Paese europeo dove il federalismo DOVREBBE essere impiantato. Siamo tutti diversi, ma tutti "italiani' come mentalita', ingegnosita' ed intelligenza. Il federalismo potrebbe essere un successo. L' ostacolo e' l' insistere con Roma capitale (io sono romano, e conosco ogni suo difetto). Il primo passo e' di spostare tutto il baraccone dei ministeri fuori da Roma, a Latina o Frosinone, riducendo i costi, il traffico e il 'glamour". A Roma resterebbe solo il PdR per incontri he richiedono cerimoniali, affiancato da chi lui richiedera' per l' occasione. Guardate che Canada, Australia, USA hanno rispettivamente Ottawa, Canberra e Washington (e non Montreal, Sydney o New York). Fatto questo si puo' ricorrere a vari schemi cercando di ricalcare la STORIA dell' Italia con solo qualche modifica, dando autorita' e responsabilta' alle singole Confederazioni. Lo stato interverebbe solo per grandi lavori d' interesse nazionale, mentre le Confederazioni possono fare la loro politica economica. Il modello americano mi sembra il piu' adatto e forse gli italiani si sentiranno piu' "italiani" avendo ritrovato le loro radici.
Avatar utente
Sayonlytruth
politico
 
Messaggi: 14039
Iscritto il: 27/02/2013, 22:32

Re: Federalismo. E' una soluzione percorribile!

Messaggioda Valerio » 12/04/2016, 12:50

giampieros ha scritto:Il principale potere che viene delegato alle Unità Territoriali è quello impositivo. Per fare un esempio, la riforma del Titolo V della Costituzione italiana, delega alle regioni il governo della sanità pubblica, senza dar loro il potere impositivo e quindi la possibilità di tassare i suoi cittadini per mantenere il loro sistema sanitario. Al contrario, dal gettito fiscale generale di tutta Italia, con la Legge di stabilità, lo Stato assegna ad ogni regioni una certa somma con la quale la regione deve mantenere il proprio sistema sanitario. Questo è a mio giudizio, l'esatto contrario del federalismo. Questa, scusate l'espressione, è una cazzata immane oltre ad essere in conflitto insanabile col più elementare buon senso. Bisogne essere scemi ovvero disonesti per far finta di credere che l'Ente Regione non deve chiedere i soldi ai suoi cittadini perchè i soldi li riceve dallo Stato. Sarà quindi sempre portata a chiederne di più e dirà ai suoi cittadini che il sistema sanitario funziona male perchè lo Stato non trasferisce i soldi necessari. Invece è perchè i funzionari ed i politici della regione sono incapaci ad amministrarli ma sono capacissimi a rubarli.
Per essere più chiari lo dirò con l'aforisma di un mio vecchio professore:

FACILE ABBATTERE LE ORTICHE COL CAZZO DEGLI ALTRI.

Sono d'accordo con te, ma questo è quello che accade con quella cazzata BossiBerlusconiana del Federalismo Fiscale. Già da questa, e da tante altre, si desume che entrambi gli statisti del piffero non capiscono una beata fava (o mazza) di Federalismo.

In realtà, caro giampieros, il principale potere che le Unità Territoriali hanno, per diritto e non per delega, è il Potere Legislativo. Da questo discende ogni altra cosa: è questa la Rivoluzione fondamentale portata dal Federalismo.
Masaniello vive - Sovranità al Cittadino
Avatar utente
Valerio
Moderatore globale
 
Messaggi: 4281
Iscritto il: 03/02/2009, 22:53

PrecedenteProssimo

Torna a Federalismo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 94 ospiti