Aung San Suu Kyi

Discussioni relative all'immigrazione e varie problematiche a riguardo

Aung San Suu Kyi

Messaggioda vento » 31/08/2018, 10:28

Spero che un giorno non troppo lontano un nuovo nobel le sarà attribuito, per aver compostamente resistito alla cagnara di media e istituzioni internazionali e al conformismo ottuso che vi regna. Voler imporre convivenze inopportune e pericolose, oltre che ingiustificate, è uno stupido crimine, perché prepara drammi futuri, solo per soddisfare un capriccio ideologico.
vento
politico
 
Messaggi: 777
Iscritto il: 01/02/2016, 18:10

Re: Aung San Suu Kyi

Messaggioda vento » 04/09/2018, 9:21

Se tutti gli ebrei fossero riusciti ad andarsene dalla Germania, non ci sarebbe stato l’olocausto. Certo non avevano dove andare, mentre nel caso in questione si tratterebbe in buona parte di un rientro nelle terre di origine, da dove gli inglesi li trasferirono non molto tempo fa per lavorare nelle risaie birmane. Questo almeno si legge. Certo non sono passeggiate, ma a mali estremi, estremi rimedi. Avete una soluzione migliore?
vento
politico
 
Messaggi: 777
Iscritto il: 01/02/2016, 18:10

Re: Aung San Suu Kyi

Messaggioda cuneoman » 04/09/2018, 12:23

La Germania, che non è la Birmania, avrebbe invaso anche gli altri Stati per uccidere i loro ebrei, quindi per loro sarebbe cambiato poco!!

Non possiamo neanche accettare che un governo passeggero decida chi può abitare lì e chi deve essere esiliato, lasciando allo Stato o alla razza "ariana" le loro case, terreni, attività, amicizie, a costo zero. Poi la Birmania non è la Cina o l'India o l'Italia... Ma vi immaginate un Benito di turno che esilia tutti i Testimoni di Geova o quelli biondi o quelli non iscritti al PNF o quelli comunisti (anche se non lo sono)... E se facciamo questo, gli altri Stati sarebbero felici di accettare qualche altro milione di immigrati, magari più quelli di qualche Stato che imita questa idea?

In Paesi come la Libia attuali stanno combattendo proprio perchè più potenziali governi si sentono in diritto di avere la supremazia con gli altri. In pratica queste ideologie creerebbero guerre civili ovunque
cuneoman
politico
 
Messaggi: 772
Iscritto il: 07/03/2018, 19:51

Re: Aung San Suu Kyi

Messaggioda Sayonlytruth » 04/09/2018, 14:02

vento ha scritto:Spero che un giorno non troppo lontano un nuovo nobel le sarà attribuito, per aver compostamente resistito alla cagnara di media e istituzioni internazionali e al conformismo ottuso che vi regna. Voler imporre convivenze inopportune e pericolose, oltre che ingiustificate, è uno stupido crimine, perché prepara drammi futuri, solo per soddisfare un capriccio ideologico.


Io a Aung San Suu Kyi la conosco PERSONALMENTE. Fui l'unico occidentale che riusci ad entrare nella sua villa (sdraiato per terra nella macchina di suo zio) il 29 maggio 1990 pochi giorni dopo che il suo partito aveva vinto le elezioni con piu dell'80% dei voti. Non dovete sorprendervi. La mia vita e' veramente strana. Comunque dopo essere stata osannata per oltre 25 anni, adesso viene accusata per i Rohinga. Perche? Perche l'Occidente ha deciso di prendere le difese di ogni minorita islamica anche a costo di suicidio della propria societa- Guardate come Germania e UN si sono comportati con il Kosovo riconosciuta come nazione sovrana pur essendo stata creata da immigrati albanesi- E lo stesso hanno fatto con altre piccole nazioni nate dalla disintegrazione della Jugoslavia. Mentre con Israele che esiste dal 1948 ed ha vinto due guewrre, si continua a parteggiare per la Palestina. Aung SAn sa quello che tutti in Asia sanno. L'Islam e' una religione di conquista e non di pace. Gli islamici non si convertono MAI e se lasciati fare, conquisteranno l'intero Paese come gia fatto in Indonesia, Malesia, Pakistan, Bangladesh e continuano a provare nelle Filippine. In Europa abbiamo importato islamici, in genere pacifici, ma anche terroristi perche siamo profondamente stupidi. Lo stesso Papa non lo capisce-
Avatar utente
Sayonlytruth
politico
 
Messaggi: 13711
Iscritto il: 27/02/2013, 21:32

Re: Aung San Suu Kyi

Messaggioda vento » 04/09/2018, 18:05

cuneoman ha scritto:La Germania, che non è la Birmania, avrebbe invaso anche gli altri Stati per uccidere i loro ebrei, quindi per loro sarebbe cambiato poco!!

Non possiamo neanche accettare che un governo passeggero decida chi può abitare lì e chi deve essere esiliato, lasciando allo Stato o alla razza "ariana" le loro case, terreni, attività, amicizie, a costo zero. Poi la Birmania non è la Cina o l'India o l'Italia... Ma vi immaginate un Benito di turno che esilia tutti i Testimoni di Geova o quelli biondi o quelli non iscritti al PNF o quelli comunisti (anche se non lo sono)... E se facciamo questo, gli altri Stati sarebbero felici di accettare qualche altro milione di immigrati, magari più quelli di qualche Stato che imita questa idea?

In Paesi come la Libia attuali stanno combattendo proprio perchè più potenziali governi si sentono in diritto di avere la supremazia con gli altri. In pratica queste ideologie creerebbero guerre civili ovunque


La Germania ha cercato di allontanare gli ebrei in tutti i modi, perfino in Madagascar. Purtroppo nessuno voleva intrusi in casa propria, oltre un certo numero, naturalmente. Il guaio è che si trattava di un popolo allora senza casa, perché gliela avevano invasa gli arabi da tempo. Per questo, nonostante molti di loro fossero perfettamente integrati nella società tedesca, altri, pur abbienti come Marx, si sono adoperati, fondando il partito comunista, per la distruzione della nazione tedesca, che ha ovviamente reagito con pari violenza. La distruzione globale che ne è derivata viene attribuita ai tedeschi, dimenticando chi li ha provocati, la cui responsabilità non è minore, ma semmai maggiore. Quando si decideranno gli ebrei a chiedere scusa ai tedeschi per il male che gli hanno fatto, sarà sempre tardi. Queste mie parole risulteranno stravaganti, ma le ho sentite per la prima volte pronunciare proprio da alcuni intellettuali ebrei, che, con molta riservatezza, si interrogavano sulle loro passate responsabilità nei confronti dei tedeschi: “dove abbiamo sbagliato, perché gli abbiamo fatto perdere la ragione?”

Anche lo stolto Lofven, che ha preso il potere in Svezia da parecchi anni, diceva in una intervista che la Svezia non è degli svedesi, ma di chi ci abita (naturalmente li sceglie lui), come se si trattasse di un pollaio o al massimo di un campeggio estivo. E’ vero che il soggetto è particolarmente ignorante, ma insomma ignorare tutta la storia e la cultura della nazione svedese è criminale, visto oltretutto il suo ruolo. Tra pollai si possono spostare galline senza problemi ( per noi, non per le povere galline il cui destino d’altronde è quello che è), ma le società umane sono un pò più complesse. Stabiliscono legami profondi, simbolici con i loro territori ed eterni o quasi. Ogni popolo deve avere la sua casa, se si vuole la pace nel mondo. Vedi gli ebrei, che dopo aver lottato contro le nazioni altrui, ora che l’hanno recuperata la difendono coi denti, giustamente.
vento
politico
 
Messaggi: 777
Iscritto il: 01/02/2016, 18:10

Re: Aung San Suu Kyi

Messaggioda cuneoman » 04/09/2018, 19:16

Allora visto che qui in Italia va di moda il federalismo e secondo questo ragionamento, potremmo dire a tutti gli oriundi siciliani, campani e calabresi di tornarsene al paese di origine, lasciando tutti i loro averi qui. E viste le loro colpe, se non acconsentono possiamo mandarli nelle camere a gas, vendere i loro abiti e denti d'oro. Poi con i loro conti in banca e averi saremmo la regione o area geografica più ricca d'Europa.

Questo oggi. Domani toccherà a quelli con i capelli biondi, poi i mancini e poi...potrebbe toccare a noi, per una qualcosa che non abbiamo mai fatto
cuneoman
politico
 
Messaggi: 772
Iscritto il: 07/03/2018, 19:51

Re: Aung San Suu Kyi

Messaggioda vento » 04/09/2018, 22:10

cuneoman ha scritto:Allora visto che qui in Italia va di moda il federalismo e secondo questo ragionamento, potremmo dire a tutti gli oriundi siciliani, campani e calabresi di tornarsene al paese di origine, lasciando tutti i loro averi qui. E viste le loro colpe, se non acconsentono possiamo mandarli nelle camere a gas, vendere i loro abiti e denti d'oro. Poi con i loro conti in banca e averi saremmo la regione o area geografica più ricca d'Europa.

Questo oggi. Domani toccherà a quelli con i capelli biondi, poi i mancini e poi...potrebbe toccare a noi, per una qualcosa che non abbiamo mai fatto

La terribile storia del novecento non l’ho inventata io, è lì e mi sono limitato a ricordarla. Non conviene dimenticarla o evitare di capirla, perché così ci ritroveremo sempre nei soliti problemi. Il mondo moderno comporta il rimescolamento dei popoli, ma la storia di questi è complessa e va rispettata, se si vogliono evitare le tragedie del secolo di sangue. Non si fabbricano i popoli artificiali, come immagina la sinistra, ma si rispettano le comunità, le loro tradizioni e culture e si vigila affinché gli inserimenti di persone in altre società avvengano nel rispetto di queste e con la massima gradualità. Bisogna accettare gli esseri umani per come sono, non pretendere che siano come certe ideologie immaginano e vorrebbero. L’uomo artificiale esiste solo nei deliri delle ideologie comuniste.
vento
politico
 
Messaggi: 777
Iscritto il: 01/02/2016, 18:10

Re: Aung San Suu Kyi

Messaggioda cuneoman » 04/09/2018, 22:30

Tu però hai comparato i comunisti di Marx con le violenze dei nazisti sugli ebrei. Non mi sembra che ebrei e marxisti tedeschi fossero violenti.
PS Anche Berlusconi ha favorito l'immigrazione, non mi sembra che sia di sinistra
cuneoman
politico
 
Messaggi: 772
Iscritto il: 07/03/2018, 19:51

Re: Aung San Suu Kyi

Messaggioda vento » 04/09/2018, 22:41

cuneoman ha scritto:Tu però hai comparato i comunisti di Marx con le violenze dei nazisti sugli ebrei. Non mi sembra che ebrei e marxisti tedeschi fossero violenti.
PS Anche Berlusconi ha favorito l'immigrazione, non mi sembra che sia di sinistra

Leggiti un pò di storia del novecento e vedrai quanto sangue, da tutte le parti. La violenza quando inizia non si ferma più. Ad ogni azione segue reazione uguale e contraria. La violenza comunista e soprattutto l’intenzione di distruggere la nazione tedesca, l’anima dei tedeschi, ha scatenato la furia nazista. A poco serve il conteggio dei cadaveri. Comunque se il nazismo ha 10/14 milioni di anime sulla coscienza, il comunismo russo ne avrebbe 20/25, mentre il comunismo cinse 60/70.
vento
politico
 
Messaggi: 777
Iscritto il: 01/02/2016, 18:10

Re: Aung San Suu Kyi

Messaggioda cuneoman » 04/09/2018, 23:51

Stiamo parlando dei comunisti tedeschi, quelli di Marx che voleva sterminare Hitler.
Ma gli ebrei erano comunisti? Non mi sembra, al max capitalisti visto che si dice siano nel mercato bancario ecc. E la Germania Nazista voleva conquistare il mondo, la Russia era solo uno dei tanti nemici come Francia e Gran Bretagna.... Non stiamo mischiando un po carne e pesce?
Se metti un link sull'attacco dei comunisti tedeschi che ha subito la Germania sarei lieto di leggerlo.

A quel punto il fascismo è nato anche per contrastare il Partito Comunista Italiano e sopprimere i moti rivoluzionari.
cuneoman
politico
 
Messaggi: 772
Iscritto il: 07/03/2018, 19:51

Re: Aung San Suu Kyi

Messaggioda vento » 05/09/2018, 9:00

cuneoman ha scritto:Stiamo parlando dei comunisti tedeschi, quelli di Marx che voleva sterminare Hitler.
Ma gli ebrei erano comunisti? Non mi sembra, al max capitalisti visto che si dice siano nel mercato bancario ecc. E la Germania Nazista voleva conquistare il mondo, la Russia era solo uno dei tanti nemici come Francia e Gran Bretagna.... Non stiamo mischiando un po carne e pesce?
Se metti un link sull'attacco dei comunisti tedeschi che ha subito la Germania sarei lieto di leggerlo.

A quel punto il fascismo è nato anche per contrastare il Partito Comunista Italiano e sopprimere i moti rivoluzionari.

Marx era ebreo, come Karl Liebknecht e Rosa Luxemburg, come Kurt Eisner in Baviera, Bela Kun in Ungheria e Leon Trotsky ed altri in Russia. Per contrastare questo movimento (forse anche finanziato da capitalisti ebrei americani, come Jacob Schiff, il Soros del tempo) sono nati nazismo e fascismo, che hanno poi dato la stura ad impulsi egemonici, come sempre avviene quando l'aggressività è attivata. Sono meccanismi che una volta messi in moto non si fermano più, fino alla fine delle energie, come avveniva anche in passato, ai tempi dei turco-mongoli Gengis Khan e Tamerlano, che si fermavano quando non c'era più nessuno da sterminare. Così sono congegnati gli umani e i primati in genere.
vento
politico
 
Messaggi: 777
Iscritto il: 01/02/2016, 18:10


Torna a Immigrazione e relative problematiche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 15 ospiti